Assemblea del 18/03/06

ASSEMBLEA DEL GRUPPO DI
STUDI PIANURA DEL RENO. 18/03//2006 VERBALE
Ore 10 – Museo della
Civiltà  Contadina di S. Marino di Bentivoglio

Presenti: Magda
Barbieri (presidente), Mauro Fizzoni (vicepresidente), i consiglieri
Angela Abbati, Franco Ardizzoni, Vincenzo Tugnoli e i soci Antonio
Bonomi, Enrico Fiorentini, Katia Arbizzani, Tullio Calori, Luciano
Manini, Beatrice Celli, Mauro Risi, Massimo Pancaldi e gli amici e
collaboratori Paolo Antolini e Rino Battistini.

Assenti giustificati:
Anna Fini, Filitea Ippoliti, Elisabetta Zambelli, Fabio Govoni.

Trattandosi di seduta in
seconda convocazione, l’assemblea dei soci raggiunge il numero
legale
.

Viene nominata segretaria
per verbalizzre la seduta la signora Katia Arbizzani.

All’odg. i seguenti
argomenti.

  1. Approvazione del
    Bilancio Consuntivo 2005

  2. Approvazione del
    Bilancio Preventivo 2006

  3. Valutazione delle
    proposte di attività  per il 2006.

  4. Informazioni sulle
    iniziative fatte o in corso

  5. Varie ed eventuali

1) BILANCIO CONSUNTIVO
2005

La presidente illustra
brevemente i punti salienti del bilancio, di cui i soci sono stati
comunque preventivamente informati tramite copia dei prospetti e del
verbale del Consiglio relativo allo stesso punto, inviati ai soci
insieme alla convocazione. In particolare, oltre alle spese
effettuate e documentate per la realizzazione del convegno su
"L’acqua un bene da salvare", che ha assorbito le maggiori
uscite, peraltro coperte dagli sponsor e dai contributi di alcuni
Comuni, la presidente ha sottolineato come la cura della
corrispondenza e soprattutto il mantenimento di un sito aggiornato
quasi quotidianamente con nuovi articoli e informazioni sul
territorio, comporti l’esigenza di un quotidiano collegamento in
internet, anche per diverse ore. Ragion per cui è necessario
che l’Associazione si faccia carico della spesa per l’abbonamento
alla linea ADSL (Wind) che la presidente ha dovuto attivare sulla
propria utenza. Spesa che per il 2005 ammontava a euro 32 mensili.

Considerato che comunque
questa linea viene utilizzata in parte anche per uso familiare, e che
però il presidente ha avuto a suo carico anche molte altre
spese per viaggi e telefonate varie per tenere contatti e curare
l’organizzazione delle iniziative, si è considerato equo
definire un rimborso spese forfettario mensile di 30 euro,
comprensivo di spese telefoniche e chilometraggi. Si sottolinea anche
che la realizzazione del nuovo sito, la consulenza tecnica necessaria
per la gestione ordinaria e straordinaria del sito, l’acquisto di un
nuovo computer e di una nuova stampante, l’assistenza e la
manutenzione, sono stati del tutto a carico del presidente (e della
figlia esperta in informatica).

Dopo l’esame delle voci
in uscita (totale euro 2.739,19) e di quelle in entrata
(euro 4.116,09), con avanzo di euro 1.376,60, il
bilancio consuntivo 2005 è stato approvato all’unanimità .
Si è precisato anche che parte dell’avanzo è già
stato destinato a coprire le spese per il Convegno sulle bioenergie
realizzato il 27 gennaio di quest’anno in corso.

2) BILANCIO PREVENTIVO
2006

La presidente fa rilevare
che l’incertezza che grava sulle possibilità  di entrata non
consente di fare programmi precisi e rigidi, pertanto il preventivo
non potrà  che essere generico. Si valuta quindi ragionevole e
opportuno attenersi a cifre vicine a quelle del bilancio 2005,
sperando che Comuni ed enti privati confermino la loro disponibilità
ad erogare gli stessi contributi dello scorso anno, o, eventualmente,
ne subentrino altri, contando sul buon successo delle iniziative
fatte finora e sulla efficacia di quelle che sapremo proporre. In
ogni caso, si realizzeranno solo le iniziative delle quali risulti
assicurata la copertura di spesa, indipendentemente dal preventivo.

Quanto premesso, il
Bilancio Preventivo è stato approvato all’unanimità ,
con una previsione di entrata-uscita di totali euro 4.096,90.

2) VALUTAZIONE DELLE
PROPOSTE DI ATTIVITà€ PER IL 2006

3) INFORMAZIONI SULLE
ATTIVITà€ IN CORSO

Un cenno per ricordare il
convegno sulle Bioenergie da noi organizzato con la
collaborazione dell’Istituzione Villa Smeraldi e tenuto il 27 gennaio
scorso al Museo della civiltà  contadina di S. Marino di
Bentivoglio; convegno che è stato apprezzato da un pubblico
numeroso e partecipe e da rappresentanti delle istituzioni e delle
categorie professionali interessate all’agricoltura e al nostro
ambiente. Speriamo quindi di riuscire anche quest’anno- ha affermato
la presidente- a organizzare almeno un altro incontro pubblico che
abbia lo stesso richiamo e successo di quelli attuati finora.

Si propone pertanto di
tenere presente per la programmazione 2006 quanto era già
stato proposto e approvato per il 2005 e che non si è potuto
realizzare finora.

Per quanto riguarda la
ricerca storica sul tema "Mulini, canali e comunità
della pianura bolognese tra Medioevo e Ottocento"
,
la
presidente informa che si è già  costituito un gruppo di
lavoro e di coordinamento, guidato dal direttore del Museo dott.
Silvio Fronzoni e da lei stessa, con la collaborazione di altri Enti
e gruppi di studio delle aree persicetana e budriese, e con la
consulenza e supervisione scientifica di docenti dell’Università
di Bologna, in particolare della prof. Paola Galetti del Dipartimento
di Medievistica e Paleografia. Diversi nostri soci hanno dato la loro
disponibilità  a collaborare alla ricerca, e con essi ci sarà
un breve incontro di aggiornamento alla fine dell’Assemblea.

  • Poiché il
    progetto suddetto prevede tempi abbastanza lunghi, e non potrà
    che concretizzarsi con convegni di presentazione e pubblicazioni tra
    la fine del 2007 e l’inizio del 2008, previo l’indispensabile
    ottenimento dei finanziamenti necessari per la copertura delle
    spese, la presidente ripropone la realizzazione, per l’autunno
    2006, del convegno sulla Toponomastica,
    ipotizzato fin dalla
    nascita dell’associazione e finora sempre rinviato. Tale convegno,
    da svolgere presso questo Museo, vorrebbe costituire strumento di
    sensibilizzazione e stimolo per Comuni e istituzioni del territorio
    perché favoriscano lo studio e la ricerca su questo aspetto
    della storia locale, che, attraverso la spiegazione del significato
    di ogni nome di luogo e strada, può offrire molti spunti di
    conoscenza dell’ambiente naturale e sociale del passato di ogni
    comunità .

Franco
Ardizzoni informa che il Comune di Galliera e la Pro loco hanno già
affrontato l’argomento e attivato una ricerca alla quale lui stesso
ha collaborato e che dovrebbe presto venire pubblicata. La presidente
precisa che il convegno potrebbe servire anche a presentare le
ricerche già  fatte per fare da stimolo ad altri a cominciare a
fare.

  • Uno strumento molto
    utile e importante per dare visibilità  al nostro Gruppo e
    diffondere informazioni e conoscenze è il sito web,
    che – ha riferito la presidente- continua a richiamare
    quotidianamente un buon numero di "visitatori". Per mantenerlo
    interessante e appetibile bisogna però tenerlo sempre
    aggiornato con informazioni di iniziative di attualità  nel
    territorio e con nuovi articoli per la Rivista "Reno, campi e
    uomini" di contenuto accessibile ad un pubblico il più
    possibile vasto. Il sito è di tutta l’Associazione e non solo
    del presidente e principale redattore attuale e deve vivere del
    contributo di informazioni, segnalazioni e articoli che vengano
    soprattutto dai soci ed anche da amici esterni che si rendano
    disponibili spontaneamente, o che siano espressamente invitati dalla
    redazione. La presidente rinnova quindi l’invito a collaborare per
    fare del sito una buona vetrina per le attività  culturali
    della pianura e per l’Associazione.

  • Tra le iniziative
    proposte da soci c’è un incontro pubblico sul tema sempre
    attuale dell‘acqua, già  realizzato recentemente a
    Casalecchio di Reno col titolo "Rifare il Reno",
    organizzato dal Comitato acqua del Bacino del Reno con altre
    associazioni, e di cui è tra i promotori il nostro socio
    Massimo Pancaldi. Tratta di aspetti sulla situazione idrogeologica
    del nostro fiume che possono interessare tutti i comuni che si
    trovano intorno ad esso. Si propone pertanto di contattare alcuni
    Comuni per saggiare la disponibilità  a collaborare per la
    realizzazione dell’incontro, considerando che le spese e l’impegno
    per l’organizzazione dovrebbero essere minimi, poiché si
    conta sulla disponibilità  degli stessi relatori che sono
    intervenuti a Casalecchio. Si propone pertanto di iniziare i
    contatti con il Comune di Galliera, che per la sua posizione
    potrebbe avere maggior interesse a questo argomento. Se questa
    collocazione non fosse praticabile, si pensa ad Argelato. Alcuni
    soci si impegnano ad informarsi in proposito. Poi si deciderà
    se, dove e quando farlo.

  • Accantonato per il
    momento il progetto di tenere a S. Giorgio di Piano un incontro
    informativo sulle acque sotterranee di Bologna, collegabile con
    visita guidata al percorso reso accessibile al pubblico, proposto
    dai soci di S. Giorgio. Per alcuni problemi locali e di
    disponibilità  personale, si rinvia a data da destinarsi.

  • Antonio Bonomi
    propone un sopralluogo al "mulino Bacilieri", o più
    precisamente a quanto resta e alla antica presa d’acqua del mulino
    a Lavino di Sotto, l’ultima domenica di maggio nel contesto della
    "Settimana calderarese"

  • La presidente
    accenna alla relazione del socio Walter Vignoli che sta lavorando su
    un progetto per valorizzare l’area intorno al Navile, in particolare
    relativamente a Castel Maggiore e al progetto di Ciclovia che
    sembra abbia buone probabilità  di concretizzarsi. Anche per
    questo si vedrà  quale collaborazione il Gruppo potrà
    eventualmente dare.

  • Mauro Fizzoni espone
    la sua idea di pensare ad iniziative rivolte ai giovani, con
    letture storiche o di altro argomento culturale da farsi presso
    "baracchine" o locali pubblici (all’aperto se d’estate), o
    presso una libreria. In questo caso, ci sarebbe la disponibilità
    della libreria di Granarolo. Bonomi cita un’esperienza simile già
    attuata presso l’Enoteca di Padulle. La presidente afferma che
    l’idea è senz’altro buona e vale la pena di cercare di
    attuarla. Ma perché abbia successo occorre che ci sia qualche
    socio o amico residente nel luogo dove si vuol attuare l’iniziativa
    che possa individuare e saggiare la disponibilità  del gestore
    del locale e attivare un primo contatto.

  • Fizzoni ripropone
    anche l’idea della "Panalonga", già
    suggerita dal fornaio Pezzoli di Minerbio che ha individuato due
    forni in territorio di Minerbio e uno a Baricella che potrebbero
    essere visitati nel corso di una biciclettata, con l’intento di
    favorire il loro recupero, come testimonianza storica della antica
    pratica del pane fatto in casa, in atto per secoli dalla famiglia
    contadina. Una iniziativa in proposito potrebbe essere fatta in
    ottobre, come esperimento, da ripetere poi in altri comuni se va
    bene.

  • Sempre sul tema
    degli antichi forni dismessi, Franco Ardizzoni informa di
    averne individuati e fotografati circa 25 esemplari, di
    diverse tipologie, in diversi comuni della nostra zona. Continuerà
    la ricerca e, una volta terminata, si potrebbe ricavarne materiale
    per una mostra fotografica, associata alla "Panalonga" o
    autonoma, in uno o più comuni interessati.

  • Quanto alle
    possibilità  di effettuare una visita guidata di Gruppo,
    Fizzoni comunica di avere avviato un contatto per organizzare una
    visita a Budrio, che è una delle mete (con S. Giovanni e
    Pieve, tra l’altro) che erano da tempo in programma. Si spera di
    riuscire ad attuarla nel mese di maggio, compatibilmente col solito
    problema di trovare una data in cui siano disponibili e liberi da
    altri impegni un buon numero di soci.

  • La presidente dà
    anche notizia di alcune proposte per visite guidate proposte da
    altre Associazioni alle quali i soci potranno partecipare se sono
    interessati: la visita alla mostra a Rovigo sulla pittura tra
    Ferrara e Venezia organizzata dalla Libera Università  di
    Pieve di Cento e Castello d’Argile, in programma per il 4 aprile, e
    una visita a Redipuglia e ai luoghi della prima guerra mondiale,
    proposta da Paolo Antolini, che è in collegamento con le
    Associazioni che promuovono rievocazioni storiche per il 20 e 21
    maggio.

  • Infine, si dà
    lettura e informazione di una proposta di una organizzazione
    commerciale che darebbe un contributo economico alla nostra
    Associazione se organizzassimo un incontro con 50 coppie di
    partecipanti ai quali verrebbero date informazioni di prevenzione
    ecologico- ambientale e domestica, e, presumibilmente, di prodotti e
    attrezzature della loro linea. Viene deciso concordemente di non
    prendere in considerazione la proposta, che esula dagli scopi e dai
    metodi previsti dal nostro Statuto, e sarebbe, oltretutto, di non
    facile attuazione.

L’Assemblea termina alle
12,30, ma restano per un breve incontro i soci interessati alla
ricerca sui mulini.

la Segretaria Katia
Arbizzani             La presidente Magda Barbieri

S. Marino di Bentivoglio