Ad ogni “Era” il suo calendario. Cenni di storia

Da quando si è iniziato a calcolare il tempo, le datazioni , in Italia e nel mondo, hanno seguito calendari diversi. A lungo sotto la repubblica e poi l’Impero Romano gli anni furono contati “ab Urbe condita”, cioè a partire dalla fondazione della città, nel 753 a.C. Dal 46 a.C., poi, l’anno in cui Giulio Cesare fu pontefice massimo, la scansione dei mesi iniziò a seguire il calendario “giuliano”, basato sul ciclo delle stagioni.
Il conto degli anni che usiamo adesso, quello a partire dalla nascita di Cristo fu il monaco Dionigi il Piccolo, vissuto nel VI secolo, a inventare questo sistema per il mondo cristiano. Calcolò l’anno di nascita di Gesù in base alla morte di re Erode, da lui situata appunto 753 anni dopo la fondazione di Roma, e fece partire l’Era cristiana, divisa in  2 parti, indicate nelle date come d. C. cioè dopo Cristo, mentre gli anni precedenti, contati all’indietro, erano  indicati come a. C.  cioè avanti Cristo. Il calendario prese piede in tutta Europa, soprattutto grazie all’imperatore Carlo Magno, che lo diffuse nell’Impero Carolingio, ed Leggi Tutto

Giovanni Boldini, lo sguardo nell’anima della donna, in mostra a Bologna

A Palazzo Albergati (via Saragozza 28) di Bologna, dal 29 ottobre 2021 al 13 marzo 2022, una straordinaria mostra dedicata a Giovanni Boldini, con oltre 90 opere, in occasione del novantesimo anniversario della sua morte avvenuta a Parigi nel 1931.
Il fascino femminile, gli abiti sontuosi e fruscianti, la Belle Époque, i salotti: questo è il travolgente mondo di Giovanni Boldini, genio della pittura che più di ogni altro ha saputo restituire le atmosfere rarefatte di un’epoca straordinaria. La mostra antologica Giovanni Boldini. Lo sguardo nell’anima, sviluppata su un registro narrativo cronologico e tematico al tempo stesso, presenta una ricca selezione di opere che esprime al meglio la maniera di Boldini, il suo saper esaltare con unicità la bellezza femminile e svelare l’anima più intima e misteriosa dei nobili protagonisti dell’epoca. Ecco quindi celebri opere come Mademoiselle De Nemidoff (1908), Ritratto dell’attrice Alice Regnault (1884), La contessa Beatrice Susanna Henriette van Van Bylandt (1903), La contessa De Rasty coricata (1880 ca.), La camicetta di voile (1906 ca.).
Una rassegna che però non si ferma all’esperienza internazionale e creativa di Boldini ma che, attraverso alcune importanti opere di Leggi Tutto

Bologna fotografata, in 20.000 immagini

È online il portale Bologna Fotografata, un archivio d’immagini della città, catalogate e digitalizzate, costruito a partire dalle collezioni fotografiche della Cineteca di Bologna (che oggi conta 2 milioni di immagini). Un portale facilmente accessibile attraverso un database aperto, che darà la possibilità di ricercare fotografie istituzionali e fotografie amatoriali, scatti professionistici e scatti realizzati da dilettanti, momenti rilevanti della vita della città e momenti quotidiani,che darà anche la possibilità di ricercare immagini per luoghi (geolocalizzazione) o nel tempo (cronologia). Un modello semplice e innovativo di fruizione che comprenderà anche un Alfabeto fotografico con temi iconografici differenti (Animali, Arte, Attualità, Bambini…) e un Alfabeto sentimentale che, pur rimanendo legato alla città e ai suoi abitanti, ci condurrà attraverso letture trasversali delle immagini. Un vero e proprio tuffo in un’identità cittadina in continuo mutamento in cui le foto storiche saranno in dialogo con quelle contemporanee, immaginando un quotidiano afflusso di fotografie digitali realizzate oggi.
In occasione del lancio del portale, in Biblioteca Salaborsa è stata allestita mostra con una selezione di fotografie dedicata ai portici Patrimonio Leggi Tutto

La misurazione del tempo, tra ora legale e ora solare. Cenni di storia

E anche quest’anno , all’ultima domenica di ottobre, abbiamo dovuto adeguarci al passaggio dall’”ora legale” (o sommariamente primaverile/estiva) all’”ora solare”( approssimativamente autunno/invernale) spostando all’indietro le lancette dei nostri orologi, a correzione del percorso inverso messo in atto il 28 marzo scorso. E’dal 1996 che tutti i paesi dell’Unione europea, più la Svizzera e i paesi dell’est Europa, adottano lo stesso calendario per l’ora legale, nonostante le polemiche di alcuni Stati membri. E non tutti sono d’accordo per mantenere questo sistema (adottato per motivi economici – si è detto – per sfruttare meglio le ore di luce solare), anzi si prevede che dall’anno prossimo molti Stati vorranno abolirlo. L’idea in realtà è antica e già applicata in passato in modi, tempi e luoghi diversi (1).
Ma ci pare opportuno per l’occasione rinfrescare la memoria su una storia molto interessante e forse poco conosciuta.
Storia della misurazione del tempo (Da Wikipedia, l’enciclopedia libera) (2)
Per migliaia di anni l’uomo ha utilizzato diversi strumenti per tenere traccia dello scorrere del tempo. L’attuale sistema sessagesimale per la misurazione del tempo viene datato fino al XXI secolo a.C., ad opera dei Sumeri.
Gli egizi dividevano il Leggi Tutto

Per conoscere Respighi alla Certosa

Sabato 30 ottobre 2021- h 10.30 Bologna 1979-1936 | Vita artistica e società negli anni di Ottorino Respighi
CINQUANTA INCREDIBILI ANNI MUSICALI visita guidata alla Certosa di Bologna
Un percorso di scoperta insieme alla musicologa Maria Chiara Mazzi ed allo storico dell’arte Roberto Martorelli. Una camminata tra chiostri e gallerie, per raccontare – attraverso sculture e monumenti – luoghi, eventi e persone del mondo musicale bolognese negli anni di vita del celebre compositore Ottorino Respighi, che riposa in Certosa al fianco di Giosué Carducci.
– Appuntamento della rassegna Certosa di Bologna | Calendario estivo 2021, nell’ambito del progetto Respighi Project del Teatro del Baraccano.
* Ritrovo all’ingresso principale (cortile chiesa), via della Certosa 18. Per accedere agli spettacoli, anche all’aperto, occorre avere il Green Pass. Ingresso 4€, ridotto 3€. Prenotazione obbligatoria scrivendo a museorisorgimento@comune.bologna.it
** RESPIGHI
Leggi Tutto

Un autunno tra poesia e musica al MAF

Domenica 31 Ottobre, ore 15.00 al MAF – Mondo Agricolo Ferrarese- di S. Bartolomeo in bosco (FE), Via Imperiale 265
Poesie e antiche narrazioni in musica si incontrano
Un autunno all’insegna dell’arte
– Presentazione della raccolta di poesie
Tra i rovi fioriti (Albatros, Roma, 2021) di Rita Marconi
accompagnata da un video di Alfredo De Filippis Ne parla con l’autrice Gian Paolo Borghi
– A seguire: Antiche narrazioni popolari in musica
a cura di Maurizio Gioco (Teatro Giochetto, Verona)
con Francesco Pagani (organetto diatonico) e Daniele Pasquali (sax)
È OBBLIGATORIO ESIBIRE IL GREEN PASS
Col patrocinio di : Comune di Ferrara, MAF- Centro di Documentazione del Mondo Agricolo Ferrarese,Associazione “MAF”

 

Tornano i Romani a Claterna-Ozzano. Rievocazione storica

Ozzano entra di diritto nel programma della Festa della Storia perché è un territorio che ha radici storiche importanti, dell’epoca romana, e l’area archeologica di Claterna alle porte del paese , lungo la via Emilia, tra  un cardine e un decumano, ne è una testimonianza concreta e visibile. Nell’area degli scavi di Claterna, sabato prossimo, 23 ottobre, dalle 10 alle 16. Ozzano rivivrà un’intera giornata dell’epoca romana dove sono in programma rievocazioni e ricostruzioni storiche con visite guidate e laboratori aperti al pubblico. L’evento di maggior rilievo sarà la ricostruzione di un accampamento romano nel quale, oltre alle scene di vita militare, sarà possibile rivivere la quotidianità di una legione romana del I secolo d.C., la Legio XIII Gemina. Tutte le attività di rievocazione, realizzate attraverso tecniche di archeologia sperimentale e living history, saranno accompagnate da presentazioni sulla storia e sulle scoperte archeologiche nella città a cura della Soprintendenza ABAP e dell’Associazione Centro Studi Claterna. Per i bambini dai 7 agli 11 anni sarà possibile partecipare al laboratorio di manipolazione “Cerca, Trova e Costruisci”.
** L’evento di sabato prossimo si terrà Leggi Tutto

Tante storie per la Festa della Storia 2021

E’ in corso di attuazione il vasto programma della Festa della Storia 2021 (XVIII edizione), promossa da UniBo-Dipartimento di Scienze dell’Educazione con la collaborazione di vari Enti e Associazioni, partita il 16 ottobre e che si protrarrà fino al 14 novembre prossimo, all’insegna del motto “Una storia da salvare”.
Per tutti gli eventi consultare il programma in via di aggiornamento sul sito:
https://site.unibo.it/festadellastoria/it e i vari video su: https://youtu.be/3bR7dD1ToDY
Tra le tante iniziative prossime in Bologna e provincia:
Saluti da Castel San Pietro Terme
Mostra dedicata alle cartoline storiche della città. Dal 20 fino al 31 ottobre A cura di Pro Loco Castel San Pietro Terme. Inizio ore 16.30, nella Saletta di arte contemporanea, via Matteotti 79
Tutte le mamme del mondo: l’ostetricia nella storia di Bologna
Visite guidate (dalle 11.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.00) 21 ottobre, con laboratorio (rivolte a un pubblico di adulti). Evento in presenza. Prenotazione Leggi Tutto

Festa della semina, del miele e tanto altro a Villa Smeraldi

Domenica 24 ottobre, a Villa Smeraldi – Museo della Civiltà Contadina, di S. Marino di Bentivoglio torna la Festa della Semina, Open Day del Gusto di Autunno, un’occasione per riscoprire il cibo, la cultura e la tradizione della pianura bolognese nei mesi autunnali. Dalle ore 10 fino al tramonto, la Villa e il Museo ospiteranno mostre, rievocazioni, laboratori, degustazioni, corsi e il tradizionale mercato dei produttori locali. E con contorno di camminate per il cuore e tour in bicicletta per gli appassionati. Nel corso della festa avrà luogo l’inaugurazione della nuova sezione del Museo “Il miele e lo zucchero: per far la vita meno amara”, con presentazione e interventi a cura di Associazioni ed esperti del settore. Il ricco programma prevede:
Al mattino:
Ore 10.30 VISITA GUIDATA AL POMARIO e ALLA “MOSTRA POMOLOGICA DI MELE E PERE: LA RISCOPERTA DI ANTICHI SAPORI”, a cura del Prof. Stefano Tartarini, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari – Alma Mater Studiorum, Università di Bologna. Prenotazione obbligatoria a segreteria.museo@cittametropolitana.bo.it
Ore 11.00 Leggi Tutto

Carducci e Dante, in mostra

Casa Carducci – Museo civico del Risorgimento, Piazza Carducci 5 – 16 ottobre – 30 dicembre
“Giosue Carducci e Dante – da lui cominciai, con lui finisco
La mostra illustra la lunga consuetudine di Giosue Carducci con la figura e l’opera del “sommo poeta”. Il dantismo carducciano, nei suoi diversi momenti ed atteggiamenti, dal 1850 al 1904 è saldamente connesso con le vicende e le esperienze politiche dello scrittore, negli anni della formazione dello Stato unitario italiano. I materiali esposti sono tratti dalla biblioteca-archivio di Casa Carducci. A cura di Casa Museo Carducci, in collaborazione con il Museo civico del Risorgimento e l’Università degli Studi di Bologna.
Orari: venerdì: 15 – 19; sabato, domenica e festivi: 10 – 14.
**Inoltre, sempre a Bologna
La battaglia della Montagnola | Rievocazione
Leggi Tutto