Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Dichiarazione congiunta dei Movimenti a difesa dell'acqua. Da Città del Messico


DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MOVIMENTI IN DIFESA DELL'ACQUA.

DOCUMENTO (*)

"Dal 14 al 19 marzo 2006, noi, esseri umani con una visione integrale della vita, attivisti di movimenti sociali, ONG e reti che lottano in tutto il mondo per la difesa dell’acqua, del territorio e dei beni comuni, abbiamo condiviso idee, preoccupazioni, lotte e proposte.
Allo stesso tempo ci siamo resi conto di come le esperienze di lotta hanno cambiato la realtà frenando il processo di privatizzazione dell’acqua. Non siamo piu’ in fase defensiva, ora siamo capaci di promuovere proposte concrete che sono già in cammino in ogni parte del mondo. A partire dallo spirito di Caracas, che ha riunito moltissime organizzazioni del mondo intorno alla difesa dell’acqua, ora nella nostra storia e nei nostri cuori portiamo le lotte de La Parota, La Laguna, Xoxocotla, Acuitlapilco e di molti altri territori del Messico e del pianeta. L’impegno e l’umanità di tutti coloro che hanno organizzato questo Forum sono gia’ un successo per la costruzione del nostro movimento.  Per tutto questo ed in continuita’ con i precedenti incontri tenutisi durante i Forum Sociali Mondiali, noi movimenti che lottiamo per il diritto all’acqua all’interno di una visione ecosistemica ed integrale e contro la sua mercificazione in tutti i settori (domestico, agricolo ed industriale) confluiamo in una piattaforma di azione comune, a partire dai problemi di ogni singolo territorio ed in funzione di una strategia globale.


                                 CONSIDERANDO CHE
L’acqua, in tutte le sue forme, e’ un bene comune e l’accesso ad essa é un diritto
fondamentale ed inalienabile; L’acqua e’ patrimonio delle comunita’, dei popoli e
dell’umanitá, elemento costitutivo della vita del nostro pianeta. L’acqua non é merce,
per questo ci opponiamo a tutte le forme di privatizzazione, compresa le partnerships
pubblico-privato, che hanno dimostrato il loro totale fallimento in tutto il pianeta.
La gestione ed il controllo devono rimanere nell’ambito pubblico, sociale, comunitario,
partecipativo, con equitá e senza fine di lucro. É obbligo di tutte le istuzioni pubbliche
locali, nazionali ed internazionali garantire queste condizioni, dalla pianificazione del
processo al controllo finale.
Bisogna garantire la solidarietà tra le generazioni presenti e future, per questo
respingiamo questo modello di sviluppista, neoliberista e consumista che promuove lo
sfruttamento intensivo della Madre Natura.
Sono necessarie una gestione sostenibile degli ecosistemi e la preservazione del ciclo
dell’acqua mediante la pianificazione territoriale e la conservazione degli ambienti
naturali. I bacini idrici sono unità di base integrali per la gestione pubblica, fattore di
identita’ ed unione comunitaria, luogo dove si realizza la partecipazione cittadina e dei
popoli. La difesa dell’acqua implica il recupero degli ecosistemi, dalle fonti di
captazione alla depurazione delle acque reflue.
Per tutte queste ragioni ribadiamo la nostra ferma opposizione a tutti i “Global Water
Forum” in quanto ambiti escludenti ed antidemocratici dove agiscono le grandi imprese
multinazionli, le istituzioni finanziarie internazionali (Banca Mondiale, BID, BEI, etc.) e
le grandi potenze mondiali. Per questo non legittimiamo tali organismi che ignorarano
le richieste e le esigenze reali dei popoli e che continuano a cercare nuove forme di                                                                                            
mercificazione dell’acqua, ignorando gli altissimi costi umani, sociali ed ambientali di
questo modello neoliberista.

                                        CI APPELLIAMO
A tutte le organizzazioni, movimenti sociali, governi e parlamenti affinchè includano
questi principi all' terno dei contesti giuridici locali, nazionali ed internazionali;
                 
A tutte le cittadine e ai cittadini del pianeta affinchè si promuovano azioni congiunte per
unirci, organizzarci e concretizzare le nostre proposte di cambiamento per un
Movimento Mondiale dell’Acqua.
                                           ESIGIAMO
L’espulsione dell’OMC (Organizzazione Mondiale del Commercio), e di ogni accordo
internazionale di libero commercio e investimento, sia bilaterali che multilaterali,
dall’acqua;
L'abolizione del CIADI (Corte Internazionale per la risoluzione delle controversie
  relative agli investimenti), alla luce dell'esperienza di Cochabamba e di altri popoli che
                                           
vogliono recuperare la sovranità sui loro Beni Comuni e la loro gestione pubblica;
Recuperare e promuovere la gestione pubblica, sociale, comunitaria, partecipativa e
integrale dell'acqua;
               
Che ogni essere umano abbia accesso e diritto all’acqua, di buona qualitá ed in
quantitá sufficiente per l’igiene e l’alimentazione, e che nei luoghi dove esiste il servizio
idrico di acqua potabile si fornisca gratuitamente una quantità minima,
indipendentemente dalla condizione culturale, religiosa, sociale, geografica, economica
e di genere. Per questo respingiamo qualsiasi tipo di doppio standard. Nessuna
impresa, governo o istituzione internazionale può interrompere per morosità il servzio
idrico per consumo domestico;
Le aziende e le industrie responsabili dell’inquinamento devono riparare ai danni
ambientali, economici ed umani che hanno causato.
                                          RIFIUTIAMO
In quanto illeggittime tutte le denunce per i mancati guadagni e le richieste
d'indennizzazione da parte di multinazionali e corporations; 
Qualsiasi finanziamento delle Istituzioni Finanziarie Internazionali (IFIS) subordinato alla
liberalizzazione e alla privatizzazione dei servizi idrici;
Tutte quelle legislazioni nazionali e regionali che aprono la porta al processo di
privatizzazione e mercificazione dell’acqua;
Il modello insostenibile e predatorio dell’acqua come il suo imbottigliamento, la
realizzazione di megaprogetti, dighe, costruzione di porti o lo sfruttamento minerario
                                         PROPONIAMO
Di promuovere l’organizzazione di reti tra enti di gestione pubblica e di qualità
dell’acqua, che funzionino su basi democratiche, attraverso lo scambio di esperienze e
                                                                                             
condividendo conoscenze tecniche, formazione e schemi e proposte di finanziamento,
per il consolidamento di un modello pubblico, sociale, comunitario e partecipativo.
Di promuove l’educazione e l’organizzazione comunitaria su uso e consumo
responsabile e sostenibile dell’acqua;
Diffondere le esperienze di costituzione di fondi di solidarietà per finanziare modelli di
gestione pubblica, partecipativa, comunitaria e sociale dell'acqua;
                                                                
La creazione di osservatori sia internazionali che regionali che siano punto di incontro
di organizzazioni sociali, movimenti e reti di cooperazione internazionale per
monitorare ed esercitare il controllo sociale dell’attivita’ delle multinazionali e delle IFIs
che coinvolga anche i parlamenti, i governi locali e le istituzioni democratiche;
Di rafforzare i tribunali internazionali esistenti e promuovere la loro formazione nelle
diverse regioni del mondo.
                                        CI IMPEGNAMO
A sviluppare un piano di azione mondiale che continui questo processo di costruzione
di reti e di mobilitazioni intorno all’acqua;
A sostenere a partire dalle lotte locali una piattaforma a livello mondiale che sulla base
della solidarietà ci unisca e ci rafforzi;
A valorizzare i contributi che vengono dalle donne, dai giovani, dai popoli originari,
dagli indigeni e tutte le persone, inserendo la difesa dei loro diritti nella costruzione di
modelli che dimostrino che un’altra gestione dell’acqua è possibile;
A continuare questo processo arricchendolo con tutti i contributi possibili nei prossimi
incontri che i nostri movimenti sosterranno nel mondo, dall’incontro “
Encuentro
enlazando alternativas Uniòn Europea - America Latina” in maggio a Viennna, la
riunione della Comunità Sudamericana delle Nazioni in Bolivia a settembre e la
Assemblea dei Cittadini per l’Acqua a dicembre.
In questo contesto il Movimento Mondiale dell’Acqua si impegna a realizzare tre azioni
congiunte:
         Un’attività globale, comune e simultanea tra settembre ed ottobre 2006
         Assumere come slogan comune in tutte le attività “il diritto all’acqua è possibile:
         gestione pubblica e partecipativa
         Diffondere al ritorno nei nostri territori questa dichiarazione attraverso
         conferenze stampa, come consegna del Movimento Mondiale dell’Acqua   "                                         
                                                 
(*) Ci scusiamo per la non buona "giustificazione" grafica del testo , dovuta a difficoltà di "trasferimento" del file pervenuto  (n. d. r.)

Scritto in Acqua, un bene da salvareinvia ad un amico | letto 1528 volte

Inserito da redazione il Dom, 2006-03-26 05:54