Turismo di pianura: informazioni da 25 comuni

Il sito ufficiale di informazione turistica della Pianura Bolognese sostituisce e allarga l’attenzione del precedente organismo denominato “Orizzonti di pianura”, che comprendeva 13 comuni. La Redazione Locale Pianura Bolognese copre il territorio di 25 Comuni: Anzola dell’Emilia, Argelato, Baricella, Bentivoglio, Budrio, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castello d’Argile, Castenaso, Crevalcore, Galliera, Granarolo dell’Emilia, Malalbergo, Minerbio, Molinella, Ozzano dell’ Emilia, Pieve di Cento, Sala Bolognese, San Giorgio di Piano, San Giovanni in Persiceto, San Lazzaro di Savena, San Pietro in Casale, Sant’Agata Bolognese, Zola Predosa.
Inserisce direttamente i dati di tali Comuni, organizzando le informazioni su indicazione dei fornitori locali.
L’Ente capofila della redazione è la Città Metropolitana di Bologna (ex Provincia di Bologna). 
Ora il link di indirizzo è: https://turismoinpianura.cittametropolitana.bo.it/ 
*** Altri siti utili del territorio
Leggi Tutto

Passeggiate tra i canali nascosti

IL CANALE NASCOSTO” Nuovo tour
Dalla Montagnola a Via Capo di Lucca alla scoperta del Canale Moline
prima data 14 luglio ore 19

L’intervento di manutenzione, ancora in corso, nel tratto di canale Moline sottostante via Irnerio ci ha ispirato questa passeggiata di superficie che ci farà scoprire quanto è cambiata nel corso dei secoli questa parte della città così caratterizzata dalle acque.
Per questo nuovo tour partiremo insieme dalla Fontana della Ninfa e dopo aver osservato i ruderi del Castello di Galliera e le asole scoperte del condotto Aposa-Moline saliremo insieme la scalinata della Montagnola e attraverseremo il parco fino a raggiungere via Irnerio. L’apertura di questo nuovo rettilineo, completato nel 1912, ha determinato la scomparsa di una serie di vie precedenti, tra le quali via San Marino e vicolo della Conca, portando ad una radicale trasformazione urbanistica che continuerà nei decenni successivi. Giunti in via Capo di Lucca parleremo infatti del Ponte del Gatto ancora esistente, ma visibile solo a livello sotterraneo, e dell’ex mulino Cavallo Aposa il cui stabile invece è andato irrimediabilmente perduto. Dopo aver osservato il gruppo di case costruite nel 1516 dall’Università delle Moline e delle Moliture, per alloggiarvi i mugnai, ci faremo Leggi Tutto

Estate a Cento. Prossime iniziative

Estate a Cento 2022– Prossime iniziative
Programma musicale di “Estate a Cento”
sabato 2 luglio – ore 21.30 CARMINA BURANA di Carl Orff Orchestra Classica FFM- Cori: CasaleCoro, Coro Haendel, Coro da camera Euphonè, L’Opera dei Ragazzi – Direttore M° Julius Kalmar.
ingresso libero – prenotazione poltrona € 15/10 –- martedì 12 luglio – ore 21.30 CABRUJA
voce Eduardo Cabruja, pianoforte Denis Biancucci, chitarre Lorenzo Mantovani, basso Simone Di Benedetto, batteria e percussioni Stefano Bussoli. ingresso libero
– venerdì 15 luglio – ore 21.30 BOHEMIAN RHAPSODY Il musical sulla storia dei Queen- La Compagnia del Villaggio ingresso libero – prenotazione poltrona € 15/10
martedì 19 luglio – ore 21.30 IL CLASSICO MORGAN Morgan voce e pianoforte -Valentino Corvino violino, arrangiamento e direzione. Filarmonica dell’Opera italiana “Bruno Bartoletti” ingresso libero – prenotazione poltrona € 15/10 –
domenica 24 luglio – ore 21.30 JAMES MADDOCK, BRIAN MITCHELL & STEVE WICKHAM (WATERBOYS) ingresso libero
martedì 26 Leggi Tutto

Emilia, metamorfosi di un territorio. Rassegna di documentari

EMILIA, METAMORFOSI DI UN TERRITORIO
Cortile di Palazzo Zani, Via S. Stefano 56, Bologna
8, 9 e 10 luglio 2022, ore 21.00,
rassegna documentaristica sulla trasformazione dei paesaggi regionali, dal dopoguerra all’attualità
EMILIA- EstateDOC che il Consorzio della Bonifica Renana organizza in collaborazione con l’Associazione dei Documentaristi dell’Emilia-Romagna, nell’ambito della programmazione culturale comunale di Bologna Estate.
La rassegna si compone di tre serate documentaristiche dedicate alla metamorfosi del territorio regionale dal Dopoguerra all’attualità e consente l’assegnazione di 2 CFP (per ciascuna serata) agli iscritti all’ordine degli Architetti; l’ingresso è libero.
Dalla disponibilità di una pellicola d’epoca inedita, realizzata nella nostra Regione tra il 1948 e il 1950, nasce l’idea di questo breve ciclo di documentari che si terrà
PROGRAMMA IN DETTAGLIO
– venerdì 8 luglio 2022, ore 21.00
Saluti di Valentina Borghi, presidente della Bonifica Renana

EMILIA (1951) documentario inedito di Vittorio Gallo, durata 21 minuti
APPENNINO, UN LABORATORIO A CIELO APERTO (2020), documentario di Davide Maffei, durata 24 minuti. Alla visione segue commento con Franco Farinelli, geografo, professore emerito dell’Università di Bologna, Mauro Maggiorani, storico e Davide Maffei, regista
Leggi Tutto

Festa del gusto e della trebbiatura a Villa Smeraldi

Museo della Civiltà Contadina – Villa Smeraldi
Via San Marina 35 -San Marino – Bentivoglio (BO)
Festa della trebbiatura, Open Day del Gusto
Domenica 26 giugno 2022
Nel suggestivo parco all’inglese di Villa Smeraldi, dalle ore 10:00 alle 19:00 di domenica 26 giugno verrà organizzata una grande festa dedicata al grano, simbolo di fertilità della terra e pilastro dell’alimentazione nostrana, parte inscindibile della storia della pianura bolognese.
Per l’intera giornata il Museo e il parco di Villa Smeraldi ospiteranno il tradizionale mercato contadino dei produttori locali con vendita e degustazione di prodotti enogastronomici del territorio: frutta e derivati della lavorazione della frutta (succhi, concentrati, marmellate, gelatine, ecc), ortaggi, latticini, farine e prodotti da forno, miele, erbe officinali e altri prodotti km zero ancora in fase di definizione. Sarà inoltre allestito uno stand gastronomico con piatti della tradizione, a cura del ristorante Locanda Smeraldi gestito dalla Cooperativa Sociale Anima.
Il ricco programma di visite guidate, conferenze, laboratori, rievocazioni storiche e degustazioni, previsto nel corso della giornata, sarà un’occasione di incontro tra la cultura, le tradizioni contadine, Leggi Tutto

Allarme per siccità. Po in secca

Ferrara, il Po diventa un’enorme distesa di sabbia. L’appello del consorzio e degli agricoltori: «Intervenite» Acqua in ritirata, cuneo salino in aumento, campi di mais devastati: « Servono interventi strutturali» di Federica Nannetti *
Isole e ampi spazi sabbiosi. Talvolta si vede sbucare l’erba. Eppure, una volta, in quei punti scorrevano le acque del Po. La desertificazione sta mangiando tratti via via sempre più lunghi e profondi di fiume, lasciando alle sue spalle uno stato di siccità ormai perenne: vi sono zone non più bagnate da tempi immemori e corsi d’acqua sempre più esili. Alcune immagini relative a Pontelagoscuro e a Francolino, nel ferrarese, sono state divulgate nei giorni scorsi dal Consorzio di bonifica pianura di Ferrara, scatti aerei che testimoniano ancor meglio delle parole una situazione sempre più strutturale, lì come in tutto il bacino del fiume; e non solo.
Coltivazioni sempre più a rischio
I rischi per le coltivazioni, per la biodiversità e per il settore idroelettrico potrebbero rivelarsi gravi anche nel breve periodo, tenendo conto di una situazione sempre meno straordinaria e sempre più evidente, esattamente come testimoniato dai numerosi e periodici report diffusi dall’Autorità distrettuale del fiume Po (Adbpo) in seno al ministero della Transizione ecologica degli ultimi mesi. Bollettini che si stanno ripetendo, con dati sempre più preoccupanti tra la severa Leggi Tutto

Mondo rurale e tradizioni musicali

Al MAF- Centro di Documentazione del Mondo Agricolo Ferrarese di S. Bartolomeo in bosco
Domenica 19 giugno 2022, ore 16.00
MONDO RURALE E TRADIZIONI IN MUSICA
L’antica cultura contadina e il fascino secolare delle Bande musicali
Presentazione del libro
“Di questa nostra terra Ficarolo: la campagna, i ricordi”
di Dino e Stefano Chieregati con la collaborazione di Valerio Monesi
(Editoriale Sometti, Mantova, 2022) Emiliano Rinaldi ne parla con gli Autori (*)
– A seguire
CONCERTO DELLA FILARMONICA“GIUSEPPE VERDI” DI CONA (FERRARA)
diretta dal Maestro Roberto Manuzzi (**)
Musiche tradizionali e moderne di una formazione Musicale che tenne il suo primo concerto nel 1863!
(*) Gli autori proseguono le loro interessanti ricerche indirizzate alla raccolta e conservazione della memoria e delle tradizioni del territorio transpolesano focalizzando un mondo scomparso, quello della metà del secolo scorso, profondamente trasformato, a partire dal secondo dopoguerra, a causa dei mutamenti sociali e dei continui progressi tecnologici, che hanno radicalmente innovato i cicli produttivi.
Il lavoro è arricchito da una ricca documentazione fotografica proveniente da archivi privati e dai fondi fotografici e archivistici del Centro Etnografico Ferrarese e di Casa Vidoni di Cento.


Leggi Tutto

Flora storica della provincia di Bologna. Una guida per studiarla

Della flora storica della provincia di Bologna credo si sappia molto poco, almeno sul piano della conoscenza delle specie vegetali, delle loro caratteristiche e della loro classificazione e catalogazione. Il primo importante studio sistematico risale al 1883 e fu opera di Girolamo Cocconi, che descrisse “La flora della Provincia di Bologna “ in un libro pensato per gli studenti e per quanti gradissero accrescere le proprie cognizioni di botanica. In realtà altri studiosi di botanica bolognesi avevano svolto ricerche e realizzato erbari, compilazioni storiche e cataloghi parziali su parti del territorio bolognese. Si ricordano i nomi di Ulisse Aldrovandi (1522-1602), Giacomo Zanoni (1615-1682), Giuseppe Monti (1682-1760), e poi i Bertoloni da Sarzana, Antonio (1775 – 1869) e il figlio Giuseppe (1804-1878) che si occupò in particolare delle piante spontanee di Porretta e dintorni e delle piante infestanti delle risaie nella pianura bolognese.
Ora da poco è uscita una pubblicazione “Dal libro alla mappa. La flora storica della Provincia di Bologna”, curato da Giovanna Pezzi, Fabrizio Buldrini e Alessandro Alessandrini, che offre tutta una serie di informazioni in materia, per indirizzare lo studio, partendo proprio dall’esame del libro del Cocconi, per abbozzare un confronto parziale della Leggi Tutto

Certosa di Bologna. Calendario estivo 2022

Il Cimitero Monumentale della Certosa di Bologna -ora Patrimonio dell’Umanità Unesco nell’ambito del Progetto portici del Comune di Bologna- presenta il Calendario estivo di appuntamenti culturali che accompagneranno la stagione estiva come una delle rassegne più suggestive e originali in città. Grazie alla spettacolarità del contesto monumentale e l’unicità scenografica delle sue sale, gallerie, loggiati e chiostri. La manifestazione prende avvio il 26 maggio in occasione dell’annuale Settimana alla scoperta dei cimiteri europei organizzata da ASCE – Association of Significant Cemeteries in Europe – per concludersi il 2 novembre con la celebrazione della Festività dei Defunti.
Sono oltre sessanta gli appuntamenti proposti in questa quattordicesima edizione della rassegna, leggibili nelle date e particolari sul sito
http://museibologna.it/risorgimento/rassegne/52219/id/107040
Come ogni anno il nucleo principale è costituito da appuntamenti serali – spettacoli itineranti, passeggiate tematiche, rappresentazioni teatrali – che hanno come magnifico palcoscenico naturale le architetture della Certosa, ma non mancano attività in altri orari della giornata Leggi Tutto

Carlo Alberto Pizzardi, imprenditore e filantropo, tra Bentivoglio e Bologna

Carlo Alberto Pizzardi. Biografia di Elena Musiani
Nato il 4 dicembre 1850 dall’unione di Luigi Pizzardi – primo sindaco di Bologna dopo l’unificazione al Regno d’Italia – con la marchesa Maria Antonietta Mariscotti Berselli, rappresenta l’apice e al tempo stesso la decadenza di una delle famiglie protagoniste della storia di Bologna nel XIX secolo. Di nobiltà recente (ottennero il titolo di marchesi solo nel 1833), quella dei Pizzardi fu una parabola economica tipica della stagione ottocentesca la cui ricchezza si fondava principalmente sulla gestione di terre distribuite in massima parte nei territori di Castel Maggiore, San Marino di Bentivoglio e Santa Maria in Duno.
Alla morte di Luigi (1871) il patrimonio famigliare venne inizialmente diviso tra i tre figli maschi Francesco, Camillo e Carlo Alberto, ma quest’ultimo fu l’unico a mostrare capacità imprenditoriali. Il fondamentale disinteresse di Francesco e l’incapacità gestionaria di Camillo determinarono, tra gli anni 1882-1885 un momento di seria difficoltà per la famiglia che si vide costretta a vendere la residenza cittadina di Palazzo Legnani-Pizzardi in via Farini.
Venne quindi deciso di affidare al solo Carlo Alberto la gestione delle terre della pianura e questi ruscì a risanare il patrimonio famigliare, Leggi Tutto

Un anno dedicato a Carlo Alberto Pizzardi

Centenario della morte di Carlo Alberto Pizzardi
Bentivoglio (BO), maggio-dicembre 2022
Nel 2022 ricorre il centenario della morte di Carlo Alberto Pizzardi, un uomo che fu imprenditore, filantropo e promotore dell’Aemilia Ars, la cui storia si intreccia a quella economica, politica, sociale, sanitaria e artistica di Bologna e dei suoi territori del XX secolo.
Ma chi era questo personaggio a cui è dedicato uno dei più importanti ospedali bolognesi, una via di Bologna e una piazza a Bentivoglio? Da leggere quindi una sua biografia sul sito di Storia e memoria di Bologna, ripresa anche sul nostro sito.
Quanto alle celebrazioni, un ricco cartellone di appuntamenti in sua memoria ci accompagnerà da maggio a dicembre 2022 (in foto il Palazzo rosso sul Navile che fu dimora del Pizzardi e ora  sede di Biblioteca e tante iniziative).
Il progetto nasce dalla volontà del Comune di Bentivoglio con il coordinamento del Servizio Cultura dell’Unione Reno Galliera, di valorizzare attraverso eventi, conferenze, pubblicazioni, itinerari guidati, laboratori, biciclettate, workshop e tre mostre, la figura di un protagonista dell’ottocento bolognese.
*** il calendario delle iniziative:
https://www.renogalliera.it/lunione/uffici-e-servizi/uffici/area-servizi-alla-persona-1/cultura-giovani-turismo/rassegne-manifestazioni-culturali-e-rapporti-con-le-associazioni/carlo-alberto-pizzardi-1922-2022/programma-1