Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Nuova sede per la Fondazione Gramsci


Venerdì 13 gennaio 2012 alle ore 16.30 a Bologna verrà inaugurata la nuova sede della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna in via Mentana 2, con un incontro pubblico sul tema:
Quale ruolo per gli intellettuali?
Dialogo tra Carlo Galli e Gustavo Zagrebelsky
Alle ore 18.30:
Brindisi inaugurale nella nuova sede della Fondazione- primo piano.
La Fondazione Gramsci è dotata di un ricco archivio costituito da numerosi fondi inventariati e da altri in corso di inventariazione ( tra cui quello di Luigi Arbizzani). Possiede una biblioteca di storia contemporanea, specializzata in: storia dell’Italia e dell’Europa , storia del pensiero e dei movimenti sociali della sinistra italiana ed europea, pensiero filosofico e politico dell’Ottocento e Novecento, storia di Bologna e dell’Emilia-Romagna in età contemporanea.
Anche nella sua attuale configurazione istituzionale – scrive Carlo Galli nella presentazione sul sito web  http://www.iger.org/biblioteca/ , passata da Istituto a Fondazione, si propone di realizzare, in forma rinnovata, i propri obiettivi tradizionali. In primo luogo, il compito statutario di conservare, valorizzare e potenziare il proprio patrimonio bibliografico e archivistico, fonte preziosa di memoria e di conoscenza per gli studiosi, che sempre più dovrà essere reso fruibile alla città e al territorio.


È altresì all’ordine del giorno l’impresa, che non potrà essere che collettiva, di rafforzamento di un’area di pensiero che sarà critico e indipendente ma riconoscibilmente orientato a sviluppare e aggiornare, per portarle all’altezza delle sfide del presente, alcune delle tradizioni intellettuali della sinistra (democratica, laica, socialista, riformista). La finalità sarà di dialogare in modo fecondo e privo di pregiudizi con le elaborazioni culturali di forze politiche, associazioni, movimenti, e con personalità del mondo intellettuale: mentre il riferimento alle appartenenze partitiche non dovrà essere primario, né dirimente, lo saranno la serietà delle proposte e l’impegno ad argomentarle e a confrontarle liberamente.

La Fondazione Gramsci Emilia-Romagna intende quindi continuare a costituire un importante punto d’incontro e di dibattito per gli intellettuali bolognesi, e a fornire loro occasioni e strumenti perché siano i protagonisti di un’elaborazione scientifica vivace e plurale ….

La comunicazione e la divulgazione saranno sempre più curate; il mondo della scuola sarà fra gli interlocutori privilegiati della Fondazione e delle sue iniziative ...


Scritto in Bolognainvia ad un amico | letto 762 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-01-11 20:00