Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Risparmio energetico, ultime informazioni


 La detrazione fiscale ripristinata
Gli emendamenti approvati all’articolo 29 del decreto 185 riportano il 55% alla sua originale efficacia. La detrazione spalmata su 5 anni. Un respiro di sollievo per operatori e cittadini e un risultato ottenuto a furor di popolo (dal sito www.qualenergia.it ).
Dietrofront del governo sulla detrazione fiscale. Tutto torna come prima o quasi. Se non ci saranno modifiche dell’ultima ora, almeno per i prossimi due anni verrà mantenuto il 55% e soprattutto il suo impatto visto che non ci saranno più limiti di spesa annuali, come quelli indicati nel decreto 185/08.
Alleghiamo il testo degli emendamenti apportati all’articolo 29 del decreto 185 (con la versione originale), il cosiddetto decreto “anti-crisi”, che tratta appunto della detrazione fiscale del 55% per interventi di riqualificazione energetica dell’edificio. Il testo è quello approvato dalle Commissioni riunite di Bilancio e Finanza della Camera. L’esame in aula è iniziato lunedì e dovrà poi passare al Senato. Il Governo ha richiesto la fiducia sul provvedimento che resterà quindi pressoché immutato, scatenando le critiche delle opposizione e dello stesso Presidente della Camera dei Deputati.
Tuttavia per quanto riguarda la detrazione fiscale del 55% per interventi di efficienza energetica e di utilizzo delle rinnovabili in edilizia, come detto, tutto o quasi viene riportato alle precedenti disposizioni, per capirsi quelle in vigore nel 2007-2008. Con alcune eccezioni.
La detrazione dell’imposta lorda resta del 55% ma dovrà essere ripartita in 5 rate annuali di pari importo (quindi non più tra 3 o 10 anni). Non ci sono limiti annuali per la detrazione, che avrebbero inficiato il provvedimento e costretto ad una doppia presentazione cautelativa della richiesta di detrazione, una per il 55% e un’altra per il 36%. Ma molto più probabilmente avrebbero scoraggiato questi interventi e favorito i lavori in nero. E’ inoltre eliminata la procedura del “silenzio-dissenso” da parte dell’Agenzia delle Entrate.


Il testo emendato rispetto al decreto sopprime nell’art 29, comma 1 la frase “alle detrazioni per interventi di riqualificazione energetica degli edifici, di cui all’articolo 1, commi da 344 a 347, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.”
Quindi i limiti di risorse finanziarie annuali, che si leggono nel comma 7 modificato, sono relativi solo a crediti di imposta per le spese per attività di ricerca.
Altra novità riguarda una comunicazione preventiva all’Agenzia delle entrate che dovranno fare i contribuenti interessati alle detrazioni. La comunicazione, che ha l’obiettivo di monitorare l’andamento delle richieste, dovrà essere definita nei termini e secondo le modalità previsti con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate (sarà emanata entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto).   LB      14 gennaio 2009


** Altre informazioni dal sito www.qualenergia.it
Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo di rinnovabili, risparmio energetico e mobilità sostenibile:
Roma  
Seminario gratuito per tecnici comunali, organizzato in collaborazione con l'ANCI, nell'ambito del progetto di sensibilizzazione avviato dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Kyoto Club. A Roma, presso la Sala Conferenze dell'ANCI, in Via dei Prefetti 46, si svolgerà dalle 9,30 alle 16,30 il seminario "Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo delle energie rinnovabili, del risparmio energetico e della mobilità sostenibile".
Lo scopo del seminario è di condividere esperienze concrete in campo energetico-ambientale, realizzate dagli Enti locali, e di diffondere le buone pratiche sul territorio italiano.

 

Sono previsti interventi tecnici sul risparmio energetico, sul solare termico e solare fotovoltaico, sulla mobilità sostenibile. Sarà presentato un quadro delle problematiche relative al regime autorizzativo per le fonti rinnovabili e delle possibili soluzioni finanziarie.

 

 

Il seminario è rivolto principalmente ai tecnici comunali e delle amministrazioni locali. È organizzato in collaborazione con l'ANCI, nell'ambito del progetto di sensibilizzazione avviato dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Kyoto Club e indirizzato agli Enti Locali.

 

 

Altri argomenti :

 

 

Obama e le auto, chi ben comincia ...

 

 

Le decisioni di ieri sui limiti delle emissioni auto sono un buon inizio per il mandato di Obama sui temi ambientali. E lasciano sperare che il neopresidente continui con la stessa decisione con gli altri temi della sua agenda verde.

 

 

Se le utility iniziano a vendere efficienza

 

 

Nel "pacchetto stimolo" americano è prevista la possibilità del decoupling per chi vende elettricità: le utility potrebbero guadagnare sull'energia che fanno risparmiare ai propri utenti. Un sistema che ha già dato grandi risultati in California.

 

 

Quattro anni targati Obama. Più verdi?

 

 

E' il giorno del giuramento di Barack Obama dal quale si attendono anni di grandi cambiamenti in campo energetico e ambientale. Un'analisi di Silvia Zamboni dell'attività della nuova amministrazione sarà pubblicata nel prossimo numero di QualEnergia. Ne riprendiamo alcuni stralci.

 

 

EFFICIENZA E RINNOVABILI NELLO STIVALE

 

 

solare termico - wagnerRinnovabili e lavoro nell'Italia del 2020

 

 

Entro il 2020 le fonti rinnovabili elettriche e termiche potrebbero creare in Italia più di 200mila posti di lavoro. A partire dagli obiettivi del position paper governativo del 2007 si iniziano a stimare investimenti e ricadute occupazionali.

 

 

Trattamento fiscale per lo scambio sul posto

 

 

Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate sulla rilevanza per l'Iva e per le imposte dirette del contributo in conto scambio corrisposto dal GSE agli utenti che autoproducono elettricità da fotovoltaico.

 

 

Efficienza e rinnovabili, al via trenta progetti innovativi

 

 

Industria 2015 ha scelto 30 progetti innovativi per le aree tecnologiche efficienza energetica e fonti rinnovabili. Coinvolte 234 imprese e 160 enti di ricerca. Investimenti per oltre 500 milioni di euro.


 


Scritto in Ambiente, ecologia, naturainvia ad un amico | letto 2087 volte

Inserito da redazione il Ven, 2009-01-30 07:59