Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Nuove mostre e iniziative al Museo del Patrimonio industriale


Per il periodo invernale il Museo del Patrimonio Industriale di via della Beverara 123 (ex Fornace Gallotti), presenta nuove iniziative  e mostre. In particolare, si segnala la mostra sulle moto bolognesi, lezioni e visite guidate per ragazzi e adulti.
Aperta dall'11 novembre 2006 al 9 aprile 2007 è la
"Mostra di Moto bolognesi degli anni 1930-'45. Produzione motociclistica tra evoluzione e autarchia".
Allestita in occasione dell'apertura della nuova area esposizioni temporanee del Museo, la Mostra rappresenta il secondo capitolo di approfondimento sull’industria motociclistica bolognese, dedicato agli anni a ridosso del secondo conflitto mondiale.In quel periodo, le aziende e i piccoli costruttori locali affrontano le ristrettezze del mercato e i vincoli imposti dall’Autarchia con caparbia vitalità, sorprendente inventiva e rinnovate soluzioni tecniche. Sono ricostruite le vicende produttive dei 16 marchi operanti a Bologna in quegli anni ed esposti esempi significativi della loro produzione: moto Bondi, C.M, G.D e M.M, motocarri M.M., motori F.B e Moto Morini, provenienti da collezioni private. Completa l’allestimento un ampio apparato iconografico, in gran parte inedito, integrato da filmati provenienti dall’Istituto Luce.

* "Sai perché"   23 Dicembre 06   ore 15.30 (consigliata per ragazzi da 6 a 14 anni) 
Nella nostra vita quotidiana siamo circondati da fenomeni chimici e fisici di cui spesso non sappiamo il perché. Questo laboratorio ci fornisce alcune spiegazioni attraverso esperimenti divertenti dai nomi suggestivi quali “la pila coi limoni”, “l’uovo che non brucia”, “la colla magica”, “le sfere sospese”che ci permettono di approfondire temi quali l’illuminazione, la pressione e il vuoto.

** Visite guidate: "L'arte della seta nell'antica Bologna" 26 Dicembre 06  ore 16
L’industria della seta a Bologna tra i secoli XV-XVIII, quando la città esportava filati e veli in tutta Europa. La città raggiunse una supremazia nella lavorazione di questo filato, basata su un accorto utilizzo della risorsa acqua, sull’alta tecnologia dei mulini da seta e su una organizzazione produttiva che vedeva la coesistenza di diverse forme di organizzazione del lavoro: dalla bottega artigiana alla manifattura, dal sistema di fabbrica al lavoro a domicilio. Motore di questa organizzazione erano mercanti-imprenditori che coordinavano e controllavano l’intero ciclo del lavoro.

Altre iniziative:  "Conoscere l'aria"
30 Dicembre 06
ore 15.30

Altre iniziative: "Esplorando il sistema solare"

6 Gennaio 07
ore 15.30


Altre iniziative: "Dal bozzolo al tessuto"

7 Gennaio 07
ore 16

Altre iniziative : "Magia dell'acqua"
13 Gennaio 07
ore 15.30

Visite Guidate: "Prodotto a Bologna: l’industria bolognese nel mondo"
14 Gennaio 07
ore 16

Scritto in Bolognainvia ad un amico | letto 1171 volte

Inserito da redazione il Dom, 2006-12-10 05:30