Musei di Bologna, mostre in corso

Tra aperture straordinarie, mostre temporanee, visite a tema e laboratori educativi, anche quest’anno le sedi dell’Istituzione Bologna Musei  di Bologna offriranno numerose opportunità per trascorrere le festività natalizie tra arte, storia e cultura. Sul sito gli orari di apertura delle singole sedi e un’agenda giornaliera con tutte le attività:
http://www.museibologna.it/eventi/49900
MOSTRE IN CORSO in sintesi
– Dal 3 dicembre il Museo della Musica ospita la personale di Tommi Parrish, nell’ambito di BilBOlBul – Festival internazionale di fumetto. I fumetti di Tommi Parrish parlano di sentimenti e relazioni. Il corpo è quindi un elemento fondante nelle sue storie: con una formazione nel campo della scultura, Parrish traccia sulla pagina corpi che raccontano l’eros e l’intimità più e meglio delle parole.
Artisti bolognesi del Presepe contemporaneo. Un omaggio a Francamaria Fiorini
Apre l’11 dicembre al Museo Davia Bargellini l’esposizione dedicata al presepio tradizionale, in collaborazione con il Centro Studi per la Cultura Popolare. Le piccole statue in mostra, realizzate da artisti contemporanei, sono versioni attualizzate delle figure del presepio, calate nella realtà bolognese.
Fuori dai cori. Tre ‘quadri di tarsia’ di fra Damiano Zambelli da Bergamo (1480 circa – 1549)
Si è conclusoil 5 dicembre al Museo Davia Bargellini la mostra dedicata al “principe degli intarsiatori” fra Damiano Zambelli e realizzata nell’ambito delle celebrazioni internazionali per l’ottavo centenario della morte di San Domenico
Jan Groover. Laboratory of Forms
Nell’ambito della quinta edizione di Foto/Industria, promossa da Fondazione MAST, fino al 2 gennaio il MAMbo ospita la prima retrospettiva in Italia di Jan Groover. Proveniente dal Musée de l’Elysée di Losanna, dove è conservato l’intero archivio dell’artista, la mostra è l’occasione per avvicinare il suo lavoro a quello del maestro Giorgio Morandi.
“BUONGIORNO SIGNOR MORANDI”. Disegni di Giorgio Lodi
Fino al 9 gennaio è visitabile a Casa Morandi la mostra di disegni di Giorgio Lodi e documenti provenienti dagli archivi del museo e di Carlo Zucchini. Il titolo prescelto è evocativo del dipinto di Gustave Courbet “Bonjour monsieur Courbet” e racchiude l’essenza del progetto: ricostruire, attraverso una selezione di ritratti, lettere, fotografie ed altri materiali, la costellazione di persone illustri che hanno frequentato Casa Morandi e incontrato l’artista.
– Hidden Displays 1975-2020. Progetti non realizzati a Bologna
Fino al 9 gennaio la Project Room del MAMbo ospita il progetto espositivo ideato da MoRE. La mostra scaturisce da una ricerca sviluppata sul territorio con l’obiettivo di rintracciare e studiare le mostre e le opere d’arte immaginate o progettate, ma non realizzate in ambito bolognese dal 1975, anno della nascita della Galleria d’Arte Moderna di Bologna, a oggi.
Dante e la miniatura a Bologna al tempo di Oderisi da Gubbio e Franco Bolognese
Il Museo Medievale aderisce alle celebrazioni per il Settimo Centenario della morte del Sommo Poeta. È visitabile fino al 9 gennaio la mostra che presenta 14 codici miniati riconducibili alla produzione miniatoria bolognese tra seconda metà del XIII e inizi del XIV secolo.
Risonanze
Il Museo Medievale ospita fino al 9 gennaio uno dei momenti espositivi di “Patrimonio, risorse per lo spazio pubblico, strumenti per la progettazione artistica contemporanea“, un ciclo di interventi che vede coinvolti studenti ed ex studenti del Biennio di Decorazione per l’architettura dell’Accademia di Belle Arti di Bologna. Arianna Bassetto, Martina Beghelli, Nikola Filipović e Suqin Xiong sono gli artisti selezionati per questa occasione.
Elisa Caldana e Aki Nagasaka. Times of Crisis
Prosegue fino al 23 gennaio a Villa delle Rose la mostra realizzata nell’ambito del Programma di Residenze ROSE. “Times of Crisis” costituisce la restituzione pubblica di un processo artistico che le artiste hanno sviluppato durante un soggiorno a Bologna. Attraverso stampe, documenti, oggetti di recupero le due artiste permettono al visitatore di avvicinarsi ai racconti, immedesimarsi nei loro protagonisti e vivere con loro gli accadimenti che ne cambiano per sempre le vite.

Bologna. Dicono di lei
Fino al 30 gennaio il Museo Archeologico ospita, nella Sala Mostre, l’esposizione letteraria che prende il titolo dall’omonima guida pubblicata da Elleboro Editore. L’esposizione da voce ai tanti poeti, scrittori e artisti che hanno vissuto a Bologna, o che l’hanno visitata, sostandovi per diverso tempo, o più semplicemente assaporandola en passant.

Faïence – Faenza. Dall’antico Egitto al contemporaneo
Fino al 30 gennaio il Museo Archeologico dedica un focus tematico all’ambivalenza semantica della parola “faenza” attraverso un percorso esemplificativo che, partendo dalle faenze silicee dell’antico Egitto, percorre gli sviluppi che di questo materiale ne fece il mondo islamico fino agli esiti rinascimentali in maiolica e all’arte contemporanea di ambito faentino.

– Vetri dal Rinascimento all’Ottocento. La donazione Cappagli Serretti per i Musei Civici d’Arte Antica di Bologna
Fino al 18 aprile al Museo Medievale è possibile ammirare l’intera raccolta Cappagli Serretti, da poco acquisita, che va ad incrementare il già cospicuo patrimonio museale di vetri del Museo Medievale e del Museo Davia Bargellini.

Moto bolognesi degli anni 1950-1960. La motocicletta incontra l’automobile
Prosegue fino al 15 maggio al Museo del Patrimonio Industriale la mostra dedicata al decennio 1950-1960 nell’ambito del progetto “Moto bolognesi”. In esposizione 32 motociclette dei più importanti marchi del decennio; filmati provenienti dall’Istituto Luce e immagini d’epoca completano il percorso espositivo tra produzione e agonismo.

RE-COLLECTING. Morandi racconta. Il segno inciso, tratteggi e chiaroscuri
È prorogata al 22 maggio al Museo Morandi l‘esposizione incentrata sulla tecnica dell’acquaforte, di cui Giorgio Morandi fu maestro eccelso. In mostra quattordici acqueforti – accanto agli strumenti necessari per la loro realizzazione -, alcuni fogli appartenenti a collezioni private e la stampa della sola lastra, ad oggi nota, che Morandi incise con la tecnica della cera molle.

– A.M.A.R.E.
Fino al 9 gennaio il Dipartimento educativo MAMbo ospita “A.M.A.R.E.”, la mostra di tavole originali di Eliana Albertini, Martina Sarritzu, Roberta Scomparsa, Alice Socal e Amanda Vähämäki per la realizzazione dell’antologia a fumetti omonima edita da Canicola.

L’Istituzione Bologna Musei è: archeologia | arte antica | arte moderna e contemporanea | musica | patrimonio industriale | storia e memoria . Info: via Don Minzoni 14 | 40121 Bologna | tel. +39 051 6496611

istituzionebolognamusei@comune.bologna.it |www.museibologna.it

Ultimo aggiornamento il 9 Dicembre 2021 da redazione