Canali in secca… da visitare

AL VIA L’OPERAZIONE SECCA
Come ogni anno, per circa due settimane, a partire da metà ottobre viene eseguita la secca del reticolo del Canale Reno, ovvero l’interruzione dell’alimentazione di una parte delle antiche vie d’acqua della città di Bologna per poter realizzare: i lavori di manutenzione utili per far fronte alle necessità determinate dalle piogge/nevicate del periodo invernale e i lavori di manutenzione che non siamo riusciti a svolgere durante l’anno a causa della presenza dell’acqua. Per questa ragione dal 17 ottobre al 04 novembre i canali/canalette a cielo aperto li vedrete privi d’acqua, questo fenomeno sarà particolarmente visibile: nel tratto della ciclabile che costeggia il Canale di Reno (Da Casalecchio, passando per il Parco Zanardi, Giardino del Ghisello, Certosa fino ad arrivare all’ingresso in città del Reno dal Torresotto della Grada); dagli affacci di via Malcontenti, Piella e Oberdan; nella Canaletta Ghisiliera e di conseguenza nel Canale Navile fino al Depuratore di Corticella.
* Bologna sopra di portici, sotto d’acqua. Da vedere il 30 ottobre
Difficile immaginare che sotto le strade di Bologna scorrano dei canali. Poco sotto i nostri piedi c’è un’altra città nascosta. La cosiddetta secca, fondamentale per la sicurezza idraulica della città, ci consentirà di organizzare delle visite guidate esclusive: vi accompagneremo eccezionalmente dentro il Canale di Reno. Entrando dall’antico Guazzatoio di Via Righi raggiungeremo poi il Canale Moline sottopassando il Torresotto di Via Piella e la famosa finestrella. Giunti nell’alveo del Canale, passando dalla misteriosa curva degli annegati, osserveremo le tracce dei mulini da grano, un tempo concentrati proprio nel tratto compreso tra Via Capo di Lucca e Via Alessandrini, disposti su nove salti d’acqua. Qui terminerà la nostra visita, all’ interno di questa parte scoperta, ma di solito non visibile, del Canale Moline, circondati dagli edifici colorati di una Bologna insolita e pittoresca, in cui per secoli, grazie all’acqua, si lavoravano le materie prime fondamentali al fabbisogno della città e al suo sviluppo.
** Per maggiori informazioni, orari, costi e modalità leggi e PRENOTA QUI: https://docs.google.com/forms/d/1dm41DgVkdPfSahWnKAJzjpHSZYQK6woooJmKcJEXr_M/viewform?edit_requested=true
– INCONTRI ALL’OPIFICIO DELLE ACQUE
L‘Opificio delle Acque – Centro didattico documentale si apre alla città con la mostra fotografica CANALI NASCOSTI a Bologna nel Novecento e con un ciclo d’incontri (2021 – 2022) dedicato a temi inerenti la storia idraulica di Bologna, il patrimonio archivistico e cartografico dei Consorzi di Reno e di Savena, la conservazione delle strutture tuttora esistenti, testimonianze del Sistema idraulico artificiale costituito dalle antiche chiuse e dai canali urbani ed extra urbani.
Appuntamenti:
Mercoledì 27/10 ORE 17:30
Le Chiuse di San Ruffillo e di Casalecchio di Reno.
Caratteristiche idrauliche e interventi recenti di consolidamento e restauro.
Interventi: Andrea Bolognesi (Direttore Canali di Bologna) e Andrea Benassi (Responsabile Ufficio Tecnico Canali di Bologna)
Introduce: Maria Cecilia Ugolini (Comitato Opificio delle Acque)
– Mercoledì 24/11 ORE 17:30
L’Archivio Storico dei Consorzi di Reno e di Savena.
Catalogazione dei documenti e restauro della cartografia per la conservazione del patrimonio consorziale
Intervengono: Enrico Angiolini (archivista) e Pietro Livi (restauratore)
Introduce: Diana Tura – Già Funzionario Archivio Stato di Bologna
* Per partecipare in diretta streaming collegati alla pagina FB di CANALI DI BOLOGNA.
** Per maggiori info e prenotazioni scrivete a: prenotazioni@canalidibologna.it www.canalidibologna.it Canali di Bologna Via della Grada n. 12, 40122 – Bologna tel. 051.6493527 – fax: 051.5280238

www.canalidibologna.it www.canalidibologna.it

Ultimo aggiornamento il 13 Ottobre 2021 da redazione