Dalla Grada alla Chiusa di Casalecchio, canali e opifici da conoscere, tra passato e presente

-VISITA ALL’OPIFICIO DELLA GRADA
Sabato 26 gennaio alle ore 10:00 sarete accompagnati da Fabio Marchi – Segretario dei Consorzi dei Canali di Reno e Savena – alla scoperta dell’Opificio della Grada.
* Nota storica. Il 29 marzo 1681 venne concessa ad un privato, Giovan Battista Mengarelli, la possibilità di costruire sul canale di Reno un edificio da destinare ad uso di pellacaneria (conceria). Dal 1899 al 1926 fu attiva una centrale idroelettrica capace di alimentare le prime sale a raggi X dell’Istituto Rizzoli. Nel 1995 il Consorzio ha intrapreso un importante intervento volto al recupero del fabbricato, ora sede dei Consorzi. La prima fase del recupero conservativo ha interessato il I piano, destinato agli uffici, all’Archivio storico e alla casa di guardia del Regolatore del Canale. Il piano terra, dove si trova la grande ruota idraulica, l’anno scorso è stato oggetto di ristrutturazione e verrà trasformato a breve in un centro didattico documentale.
**Ritrovo: via della Grada – 14, Bologna ore 10:00, sabato 26 gennaio.
Quota di partecipazione: 6,00 € adulti, ridotto 3,00 € dai 6 ai 18 anni.
Modalità di prenotazione: scrivere a prenotazioni@consorzireno-savena.it  (indicando nome, cognome, n° di persone, recapito telefonico) o telefonare al numero 389 5950213
VISITA CHIUSA DI CASALECCHIO, sabato 26 gennaio ore 14,30
Il Consorzio della Chiusa di Casalecchio e del Canale di Reno promuove un calendario di visite guidate alla monumentale Chiusa di Casalecchio e alle opere idrauliche ad essa collegate, siti di cui il Consorzio è proprietario e gestore.
Tale sistema è espressione di una tecnologia paleoindustriale di grande impatto monumentale e paesaggistico e va considerato come uno dei siti di “archeologia delle acque” più interessanti e significativi d’Europa. Nel 2010 la Chiusa di Casalecchio ha ottenuto il riconoscimento UNESCO di “Patrimonio messaggero di una cultura di pace a favore dei giovani”. La visita alla Chiusa darà la possibilità ai partecipanti di esplorare un sito storico-tecnico normalmente non accessibile al pubblico, la cui storia attraversa i secoli dal Duecento fino ad oggi. Sospesi tra il fiume e il canale e circondati dal paesaggio del Parco della Chiusa, si percorrerà il camminamento costruito nel XVI secolo, il cui progetto è stato attribuito al genio di Jacopo Barozzi, detto il Vignola, forse l’architetto più noto e più rappresentativo del tardo Rinascimento. Si ammirerà da vicino la monumentale Chiusa, il cui scivolo è lungo m 160 e largo m 35, con un dislivello di m 8, e sarà possibile scoprire il funzionamento ancora attuale dei Paraporti. La conservazione e manutenzione di questi manufatti idraulici sono tuttora curate dall’antico Consorzio della Chiusa di Casalecchio e del Canale di Reno.

Il tour sarà condotto da personale del Consorzio. Posti limitati, prenotazione obbligatoria. Abbigliamento richiesto: scarpe basse, no tacchi – no infradito. I minori devono essere accompagnati. Ccontributo di € 8,00 a persona, € 5,00 per bambini dai 6 aI 18 anni, gratuito per minori di 6 anni);

Punto di ritrovo: presso il cancello della Chiusa di Casalecchio, via Porrettana 187, Casalecchio di Reno. P Durata: 1h,30 min ca.

** Modalità di prenotazione: scrivere a prenotazioni@consorzireno-savena.it (indicando nome, cognome, n° di persone, recapito telefonico) o telefonare al numero 389 5950213

LAVORI CHIESA NUOVA

Sono in corso i lavori di ricostruzione dei corpi murari di protezione spondale del tratto di Canale Savena all’interno del Parco Oliviero Mario Olivo. I lavori iniziati il 22 ottobre, da Gacres srl e promossi dal Consorzio della Chiusa di San Ruffillo e del Canale di Savena, hanno l’obiettivo di riqualificare il parco sito in via Murri, presso Chiesa Nuova. L’area è caratterizzata da grandi filari di gelsi presenti nella parte alta e dalla canaletta del Savena, che lo attraversa nella parte bassa. La grande foglia di gelso e i fili che si torcono su una ruota infissa nella parete, su cui è descritta la rete di canali che attraversano il centro storico di Bologna, alludono alla grande tradizione della produzione di seta in epoca moderna.

A maggio il Consorzio della Chiusa di San Ruffillo e del Canale di Savena organizzerà l’inaugurazione di fine lavori.