21-27 aprile 1945. Bologna e tutto il Nord Italia finalmente liberati

Il 25 aprile è la data ufficiale in cui si celebra la festa nazionale per tutta l’Italia della Liberazione dagli occupanti tedeschi nazisti e dai loro alleati fascisti della Repubblica di Salò. Ma Bologna festeggia la “sua” Liberazione il 21 aprile, perché in quel giorno vide entrare le prime truppe degli eserciti Alleati liberatori insieme alle formazioni di partigiani. Seguì poi nei giorni successivi, fino al 27, la liberazione di tutto il Nord Italia, culminata con la cattura di Mussolini in fuga, presso Como, e la sua fucilazione, il 28 aprile.
La liberazione dell’Italia, ovviamente, non avvenne in un giorno, ma fu il punto di arrivo di lotte lunghe e dolorose che iniziarono con lo sbarco delle prime truppe angloamericane in Sicilia il 10 luglio 1943, il crollo del regime fascista il 25 luglio, l’arresto del Duce Benito Mussolini (poi “liberato” dai tedeschi e portato a Berlino), l’armistizio dell’8 settembre che mise l’Italia in balia dell’occupazione tedesca, mentre le truppe angloamericane avanzavano faticosamente dal Sud. Gli ultimi mesi di quell’anno videro l’Italia divisa in due, con l’istituzione a Salò della Repubblica Sociale Italiana e un governo-fantoccio presieduto da un Mussolini subordinato a Hitler, tra il novembre 1943 e l’aprile 1945, mentre si attivavano le prime Brigate di Resistenza partigiane nel Centro e Nord Italia.

Il 1944 fu un anno di guerra durissima, che mieté tante vittime tra i combattenti partigiani Leggi Tutto

Sagre e feste di aprile e maggio nella Città metropolitana

Sagre e feste nella Città metropolitana di Bologna. Calendario aprile e maggio 2019
E’ uscito il nuovo calendario di primavera con tutte le occasioni di svago e interesse turistico, enogastronomico, di tradizione locale e di folklore. E’ il trionfo delle feste di primavera e della  natura , tra fiori, piante, asparagi, vino, aquiloni  e rievocazioni storiche. Non mancheranno anche le  celebrazioni di eventi storici come il 25 Aprile e il 1° Maggio. Il programma completo e dettagliato con date e luoghi è leggibile sul sito:
https://www.cittametropolitana.bo.it/sagrefeste/Engine/RAServeFile.php/f/pubblicazioni/SagreeFeste_AprMag19_web.pdf

https://www.cittametropolitana.bo.it/portale/Home/Tutti_gli_appuntamenti_in_agenda

Storia del “bolognino”

Nel sito Storia e Memoria di Bologna è ora presente un approfondimento dedicato ad un conio e un punzone della Zecca felsinea.
Quando nel 1861 venne sospesa l’attività di coniazione della zecca di Bologna i conii e i punzoni per la fabbricazione delle monete e delle medaglie furono consegnati al Museo Civico Archeologico di Bologna, dove sono tuttora conservati. Il conio serviva per realizzare il rovescio del mezzo scudo da 50 bolognini, emesso dalla zecca di Bologna per il papa Pio VI (1775-1799). La figura di San Petronio, con mitra e pastorale, seduto a destra sulle nubi, nell’atto di benedire la città di Bologna, simboleggiata dalle due torri, è accompagnata dalla legenda S. PETRONIVS BONONIAE PROT (San Petronio protettore di Bologna). Sotto le nubi sono visibili gli stemmi di Bologna sormontato dalla testa leonina e del cardinale Legato Ignazio Boncompagni sormontato dal cappello cardinalizio.
**
Cogliamo l’occasione per un breve riassunto della storia della coniazione di monete alla Zecca di Bologna, a cominciare dal famoso bolognino”.
Bologna ottenne dall’imperatore Enrico VI la concessione di battere moneta nel 1191. Prima di quella data vi circolavano denari milanesi e pavesi sostituiti poi da quelli di Verona e di Venezia ed infine dai denari di Lucca e da quelli imperiali di Milano.

Dopo essersi organizzata in forma comunale, aver assunto e coltivato il suo spirito civico e di appartenenza, aver sostenuto il duro Leggi Tutto

Sulle orme di Guglielmo Marconi in USA. Note di viaggio

In occasione  delle celebrazioni dei Marconi Days, riproponiamo un  articolo scritto nel 2009 e a suo tempo pubblicato nel nostro vecchio sito.
“Quest’anno, 2009, ricorre il centenario dell’assegnazione del Premio Nobel per la Fisica al bolognese Guglielmo Marconi (Bologna 1874- Roma 1937) e lo ricordiamo qui con un articolo del nostro socio Franco Ardizzoni che vi ha dedicato un viaggio speciale, con note su particolari poco conosciuti –
Avevo manifestato ad una amica, Marilena Longo, residente a Warwick in USA, nello Stato di Rhode Island, il desiderio di fare ricerche sull’attività di Guglielmo Marconi in quella zona degli Stati Uniti, e lei mi aveva procurato un appuntamento per visitare il Museo della “Comunicazione senza fili e del Vapore della Nuova Inghilterra” (The New England Wireless and Steam Museum), con sede a East Greenvich (mezz’ora di strada da Warwick).
Esaurita questa breve introduzione, necessaria per far capire a chi legge in quale parte degli Stati Uniti ci troviamo, andiamo ora ad inoltraci nell’argomento che vorremmo affrontare, cioè la presenza in questa parte d’America di Guglielmo Marconi e le operazioni da lui svolte per diffondere e perfezionare la sua grande invenzione, cioè la comunicazione Leggi Tutto

Nilla Pizzi, un’artista delle nostre terre.

Nilla Pizzi, nata a S. Agata bolognese (16 aprile 1919 – 12 marzo 2011)
Una bella storia, di una donna di umili origini delle nostre terre, che ha saputo raggiungere alti traguardi di successo e popolarità nel mondo della musica, grazie alle sue doti naturali di bella voce, professionalità e simpatia umana.
“Figlia di Angelo, agricoltore che curava anche la manutenzione stradale per conto del comune, e di Maria, sarta a domicilio, Nilla Pizzi aveva due sorelle minori, Liliana e Denisa, le quali in seguito daranno vita ad un laboratorio di maglieria molto rinomato in paese. Le tocca in sorte un nome di battesimo sbagliato, per un errore anagrafico, dato che avrebbe dovuto chiamarsi Dionilla, per accontentare la nonna[1]. Il cognome Negrini, da più parti attribuito alla sua effettiva anagrafe, è stato da lei stessa giudicato un’inspiegabile leggenda metropolitana.
Dopo aver frequentato l’avviamento professionale, si impiega dapprima come piccinina di sartoria, poi al panificio militare di Casaralta e infine come collaudatrice di apparecchi radio alla Ducati di Bologna. Prima ancora che nel mondo della canzone, la Pizzi si mise in evidenza nel campo delle rassegne di bellezza che, alla fine degli anni trenta, cominciavano a fare la loro apparizione. Partecipò al concorso Cinquemila lire per un sorriso, ideato nel 1939[2] dal pittore Leggi Tutto

Festival dell’ocarina a Budrio

Da giovedì 25 a domenica 28 aprile 2019 Budrio ospita il X Festival Internazionale dell’Ocarina, una kermesse dedicata ai suoni e ai colori dell’ocarina con tanti ospiti, musicisti e costruttori da tutto il mondo.
Il Festival, organizzato dal Comune di Budrio, prevede concerti, animazioni musicali nelle strade, mostre e tanto altro. Budrio diventa capitale di un piccolo popolo di artisti e appassionati che ogni due anni compiono una sorta di pellegrinaggio per vedere il luogo d’origine dell’ocarina, per conoscere suonatori e costruttori che provengono da altre parti del mondo, ma soprattutto per suonare tutti insieme. Per la X edizione sono previsti concerti anche a Bologna, Bentivoglio, Castenaso e Granarolo dell’Emilia. Tutti gli eventi sono gratuiti.
*Programma Concerti 2019 e altri eventi collegati, mostre, visite guidate, è leggibile su:
http://www.comune.budrio.bo.it/servizi/notizie/notizie_fase02.aspx?ID=12442
** In attesa del Festival è stato organizzata anche l’esibizione di
OCARINANDO 2019, alle Torri dell’Acqua, giovedì 18 Leggi Tutto

Marconi Radio Days per la comunicazione moderna e sostenibile

E’ in corso dall’11 al 14 Aprile 2019 il “Marconi Radio Days”, la rassegna dedicata a tecnologie e linguaggi per la comunicazione, che la città di Sasso Marconi organizza dal 2004 per celebrare la figura di Guglielmo Marconi, che oltre un secolo fa, sulle colline di Pontecchio, diede avvio con le sue intuizioni all’era delle moderne telecomunicazioni.
Filo conduttore di questa edizione è la ricerca di una dimensione “sostenibile” per il futuro della comunicazione: la visione marconiana di una tecnologia al servizio dell’uomo e della natura, incontra oggi quella di un grande artista contemporaneo come Michelangelo Pistoletto, impegnato a promuovere la ricerca di un “Terzo Paradiso” come sintesi sostenibile dei due paradisi di cui già abbiamo esperienza, quello naturale e quello tecnologico in cui viviamo oggi.
E Michelangelo Pistoletto, che sarà a Bologna e nei luoghi marconiani dall’11 al 14 aprile per questa XIII edizione dei “Marconi Radio Days”, offrendo il suo personale punto di vista di artista e di grande comunicatore del nostro tempo, e rinforzando così il messaggio marconiano di ricerca di una dimensione “sostenibile” anche per quanto riguarda il futuro della comunicazione.

Il programma comprende incontri, convegni, spettacoli, workshop a Sasso Marconi, Bologna e in altri Comuni dell’area metropolitana. Momento culminante di questa edizione sarà la tavola rotonda Leggi Tutto

S. Agata in festa per Nilla Pizzi

Martedì 16 aprile ricorrono i cento anni della nascita di Nilla Pizzi (1919-2011), la regina della canzone italiana, cittadina illustre di Sant’Agata Bolognese, che di questo paese e di questo territorio è sempre stata orgogliosa portabandiera nel mondo.
Il programma di eventi organizzato per ricordare Nilla Pizzi ha il patrocinio di Regione Emilia-Romagna e Città metropolitana di Bologna.
sabato 13 aprile Sala Nilla Pizzi via 2 Agosto 1980, 41 ore 18.00
CentoNilla
Inaugurazione mostra, con ensemble del corpo bandistico A. Malaguti.
La mostra raccoglie fotografie, locandine e video che ripercorrono le tappe fondamentali della carriera e della vita dell’artista attraverso le immagini del quotidiano e degli appuntamenti mondani, le apparizioni cinematografiche e televisive, le sue canzoni.
– martedì 16 aprile Teatro Comunale Ferdinando Bibiena via 2 Agosto 1980, 118 ore 18.00
Consiglio comunale Leggi Tutto

Bologna com’era nel 1845

Una “chicca” preziosa per chi ama la storia di Bologna “la dotta” e “la grassa”, e il suo immenso patrimonio artistico e architettonico, viene offerta dalla digitalizzazione di unaGuida per la città di Bologna e i suoi sobborghi”, compilata e edita a Bologna nel 1845 a cura di Girolamo Bianconi, che descrive minuziosamente tutte le Chiese, i Palazzi signorili, e gli edifici di valenza storica, con relative opere d’arte contenute e loro autori, presenti in quell’anno, via per via, quartiere per quartiere (che non erano gli stessi di oggi). Vedi: https://www.storiaememoriadibologna.it/files/vecchio_archivio/certosa/g/guida_bianconi_1.pdf e
https://www.storiaememoriadibologna.it/files/vecchio_archivio/certosa/g/guida_bianconi_2.pdf

E un altro piccolo scorcio di vita della Bologna dell’Ottocento e inizio Novecento viene dalla storia del Grand Hotel Brun e dai suoi illustri ospiti:
https://www.storiaememoriadibologna.it/hotel-brun-2784-luogo

Mostre in corso nei Musei a Bologna

L’Istituzione Bologna Musei è: archeologia, arte antica, arte moderna e contemporanea, musica, patrimonio industriale, storia e memoria
MOSTRE IN CORSO
– Catherine Biocca. YOU’RE HIRED
Dal 20 aprile Villa delle Rose ospita la personale di Catherine Biocca, artista selezionata nell’ambito dell’edizione 2018/2019 del Programma di Residenze ROSE. Inaugurazione venerdì 19 aprile, ore 18
– EX AFRICA. Storie e identità di un’arte universale
Leggi Tutto