Prossima eclissi di Luna e altri eventi astrali, dall’Osservatorio di Cento

LAssociazioneAstrofili Centesi
darà l’opportunità al pubblico di osservare al telescopio i pianeti Saturno e Giove, la Luna e le stelle in varie serate di luglio e agosto, dall‘Osservatorio Astronomico comunale ‘P. Burgatti’ di Cento (ingresso in via Cola). L’ingresso è gratuito, con il patrocinio del Comune di Cento. La prossima osservazione: Martedì 16 luglio 2019 –  Eclissi parziale di luna, dalle ore 22 del 16 alle ore 1 del 17 luglio. Al telescopio: i pianeti Giove e Saturno. La parte oscurata dal cono d’ombra della Terra oscillerà tra il 55 e il 70%, vale a dire che il “nostro satellite” sarà coperto per circa due terzi. Diversamente da quella solare, che richiede diapositive oscurate e filtri per essere osservata senza subire danni alla vista, l’eclissi di Luna si può tranquillamente ammirare a occhio nudo.

La Luna non sarà la sola protagonista della nottata. Ci sarà, infatti, anche una congiunzione tra il satellite naturale e Saturno, ovvero una stretta vicinanza tra i due corpi celesti. Ciò renderà ovviamente lo spettacolo migliore e la ciliegina sulla torta sarà messa da un visibile Giove, più splendente
Leggi Tutto

3 Ricette col “pesce gatto” (tra storia e leggenda)

3 RICETTE COL PESCE GATTO. Testo e ricerca di Dino Chiarini
Come di consueto, prima di presentarvi le tre ricette, vi parlerò dell’ingrediente principale: il Pesce Gatto(Denominazione scientifica: Ameiurus melas; Ordine: Siluriformes; Famiglia: Ictaluridae) un pesce d’acqua dolce appartenente alla famiglia Ictaluridae. Molti pensano ad una specie autoctona, in realtà è arrivato da noi poco più di un secolo fa. Però si è adattato molto bene alle nostre acque, soprattutto ai canali di pianura (e ai maceri ).
Struttura e caratteristiche biologiche
Possiede un corpo robusto, con una testa piuttosto larga; è dotato di una bocca molto ampia ed è caratterizzato dalla presenza di quattro paia di barbigli. La pinna caudale evidenzia un margine rettilineo appena convesso, mentre le pinne pettorali sono ampie; pinna dorsale è corta. La colorazione è bruno-nerastra sul dorso,invece il ventre presenta un colore bianco-giallastro. Predilige le acque calde o temperate e tende ad occupare il basso fondale melmoso; nella fase adulta la dieta è molto varia e comprende vegetali, detriti organici, uova di pesce (soprattutto di altre specie), crostacei, avannotti, molluschi e anellidi. Può raggiungere i 40 cm. di lunghezza e i 4 kg. di peso, ma normalmente non supera il chilo e mezzo.

L’arrivo in Italia

Questo tipo di pesce, originario dell’America settentrionale, fu descritto dal biologo statunitense Costantine Samuel Rafinesque Schmaltz Leggi Tutto

Appennino da conoscere, in gita organizzata

Escursioni guidate in Appennino nell’ambito di L’Appennino Ritrovato
Un calendario ricchissimo tra luglio e agosto e una Guida Ambientale Escursionistica a disposizione dei turisti di Alto Reno Terme per scoprire la bellezza dellAppennino Tosco – Emiliano: la natura, la flora, la fauna, ma anche la storia, le tradizioni e la cultura dei luoghi.
ESCURSIONI GRATUITE ADATTE A TUTTI
Ogni martedì di luglio e agosto, sono in programma escursioni a piedi di volta in volta con un focus diverso: la storia, le Terme, il centro storico, il fiume Reno, il Monte della Croce, il Percorso Marconiano, le chiese e santuari.
Le visite guidate del sabato invece prevedono anche l’utilizzo del pulmino. Diversi i luoghi visitati così come le tematiche sviluppate: l’ambiente e la natura, con la visita ai Parchi del Corno alle Scale e dei Laghi Suviana e Brasimone, i centri visita e un focus specifico per flora, fauna e geologia; La storia, l’arte e la religiosità popolare, con la visita di paesini, antichi borghi, musei, chiese, castelli e santuari, il Parco Storico Leggi Tutto

L’8 agosto a Bologna, una data storica da rievocare

GLI EVENTI DI “BOLOGNA DA QUEL MOMENTO FU LIBERA. BOLOGNA 1848-1859”
da sabato 18 maggio a domenica 14 luglio Museo civico del Risorgimento – Mostra
Bologna da quel momento fu libera. Episodi, aspetti e memoria del 12 giugno 1859
sabato 29 giugno luoghi vari, Bologna Battaglia dell’8 agosto 1848 (prima giornata) rievocazione storica
domenica 30 giugno luoghi vari Battaglia dell’8 agosto 1848 (seconda giornata) rievocazione storica
L’associazione Culturale 8cento, in stretta collaborazione con il Museo civico del Risorgimento | Istituzione Bologna Musei, promuove la rievocazione storica delle vicende che, a partire dal 1848, portarono al 12 giugno 1859, data che vide la definitiva partenza delle truppe imperiali austriache e del Cardinale Legato dalla città. Dopo un decennio di tensioni e di sommersa preparazione al nuovo ordine di cose “Bologna da quel momento fu libera”, come scrisse Enrico Bottrigari nelle sue cronache.


La manifestazione, la cui direzione artistica è affidata ad Alessia Branchi dell’associazione 8cento, è articolata in diversi appuntamenti tra il 18 maggio e il 30 giugno e prevede numerose azioni di ricostruzione storica e riproposizioni spettacolari di episodi avvenuti tra
Leggi Tutto

Un anno dedicato a Lucrezia Borgia D’Este

Lucrezia Borgia d’Este. Un anno di celebrazioni a 500 anni dalla morte (24 giugno 2019-24 giugno 2020)
Modena, lunedì 24 giugno 2019 Archivio di Stato, nuova Sala conferenze – ore 16 – Presentazione della mostra virtuale
Lucrezia Borgia una vita lettera per lettera 1494-1519 a cura di Bruno Capaci, Loredana Chines, Elena Grazioli in collaborazione con Patrizia Cremonini e Maria Veronica Palma
– Monastero di San Pietro, chiostro – ore 21 a cura dell’Associazione culturale Terra e Identità Presentazione del volume miscellaneo
I tesori di Lucrezia Borgia. Gli inventari della guardaroba e dei gioielli nel fondo Archivio Segreto Estense” dell’Archivio di Stato di Modena
Incontrando Lucrezia. Luoghi, persone e vicende della Signora del Rinascimento nell’ambito de Le Serate del Chiostro
Interverranno: Antonio Araldi Lucrezia Borgia, la Chiesa e la fede
Roberta Iotti Lucrezia Borgia, una “dark lady” attraverso i secoli.

Il volume verrà poi presentato nelle “terre estensi” con un ricco calendario fino alla fine del 2019: 30 giugno alle ore 15 al Castello Montecuccolo, Pavullo (MO), l’11 luglio alle ore 21 alla Rocca di Scandiano, (RE), il 23 agosto alle ore 21 al Castello di Rossena, al castello di Ferrara, in data ancora da definire, il 19 ottobre a Reggio Emilia Leggi Tutto

Grotte di Labante, da vedere e da leggere

PIETRE PARLANTI: STORIA DELLE GROTTE DI LABANTE
Presentazione 3° edizione del volume
mercoledì 26 giugno 2019 ore 18.00, Palazzo Zani, via S. Stefano 56, Bologna
PROGRAMMA
Introduce e conduce Renzo Zagnoni, storico del territorio
Interventi di : Salvatore Argentieri, già sindaco Castel D’Aiano, Fabrizio Finotelli, geo-archeologo, Danilo Demaria, Unione Speleologica Bolognese, Alberto Nasci, sindaco Castel D’Aiano
conclude Giovanni Tamburini, presidente della Bonifica Renana
Ingresso libero. Segue aperitivo
Le Grotte di Labante – nell’Appennino di Castel D’Aiano – rappresentano un fenomeno naturale unico ed eccezionale, che in un paesaggio suggestivo e dinamico, racconta una storia lunga e in continua evoluzione. Infatti esse sono uno scrigno di elementi di grandissimo pregio, sia ambientali che storici e archeologici.
Lo straordinario assetto geologico delle Grotte associa due aspetti che sono stati fin dalla preistoria elemento di richiamo per l’uomo, ossia la formazione continua di travertino e la presenza Leggi Tutto

Trebbiatura e Open Day del Gusto a Villa Smeraldi

Domenica 23 giugno da ore 10 Villa Sameraldi- Museo della civiltà contadina- S. Marino di Bentivoglio
Festa della trebbiatura, Open Day del Gusto
Per tutta la giornata visite guidate, rievocazioni storiche e laboratori per grandi e bambini (* v. programma sotto)
Nel suggestivo parco all’inglese di Villa Smeraldi, sede del Museo della Civiltà Contadina di Bentivoglio, viene organizzata una grande Leggi Tutto

Claterna, antica citta romana riemersa dagli scavi

Martedì 18 Giugno 2019 ore 15.30 Museo Civico Archeologico di Bologna (con ingresso da Via de’ Musei 8)
Incontro di presentazione delle scoperte archeologiche e del nuovo Museo della città romana di Claterna
In un pomeriggio di studi aperto alla città, saranno presentati al pubblico bolognese gli esiti di quasi due secoli di ricerche archeologiche e il nuovo museo della città romana di Claterna, di recente inaugurato ad Ozzano dell’Emilia.
Il foro, il teatro, le domus private e le officine artigianali, e forse anche l’anfiteatro e l’impianto termale: l’antica città romana di Claterna definisce ogni anno di più la sua forma urbis, svelando i propri segreti e confermando le ipotesi ricostruttive proposte nel corso dei vari scavi.
Le ricerche e i sondaggi sistematici effettuati nel corso degli anni hanno permesso di disegnare un quadro pressoché completo della città romana che giace ‘sepolta’ a pochi centimetri di profondità lungo la Via Emilia, nel territorio di Ozzano dell’Emilia, tra Bologna e Imola.
Ogni campagna di scavo porta con sé nuove sfide e nuove prove. L’integrazione tra ricerche archeologiche tradizionali eseguite in sinergia con l’Università di Venezia, prospezioni Leggi Tutto

Una notte ai Musei, tra feste di strada a Budrio

UNA NOTTE AI MUSEI – FESTA DI STRADA
Venerdì 21 giugno a Budrio, dal pomeriggio fino a sera inoltrata, musica, cultura, intrattenimento.
Tre grandi eventi in un’ unica giornata.
PROGRAMMA
Parole e Musica

Ore 21 | Biblioteca Comunale Via Garibaldi 39
Presentazione del libro “Estati in Villa” di Vittoria Calabri
Il racconto di un’estate del primo ‘900 nella villa più famosa della Riccardina. Conversa con l’Autrice Angela Amato, bibliotecaria della Biblioteca Comunale di Budrio. Vittoria Calabri, bolognese, giornalista professionista, ha lavorato per quasi 40 anni a Il Resto del Carlino occupandosi dei più svariati argomenti. In Estati in Villa ha raccolto i ricordi della mamma, Luigia di Giamberardino Calabri detta Gina, che trascorse nella famosa villa di Riccardina (poi appartenuta ad Alida Valli) le sue estati di inizio Novecento. Immagini inedite e descrizioni di luoghi che non esistono più, come i vecchi mulini, il recinto dei cervi ed il laghetto dei cigni, ci faranno rivivere come era allora uno dei luoghi più ameni di villeggiatura della borghesia bolognese di inizio secolo.
Leggi Tutto

Il “mostro” nello stagno. Una Lochness in salsa padana

Una storia curiosa, anni ’50, accaduta dalle parti di Molinella, finita in un libro appena uscito:
Il mostro al Saraceno. Romanzo umoristico di una storia vera”. Festina Lente Edizioni pp. 176
di Bruno Sgarzi, Andrea Poli, Luca Ghetti
“Che anno quel lontano 1957! La Spal a Ferrara batteva la Juve per 3 a 1. In televisione iniziava l’era di Carosello e dal cosmodromo di Baikonur, nell’odierno Kazakistan, l’allora Unione Sovietica lanciava nello spazio lo Sputnik 1, il primo satellite della storia, e la Fiat presentava, come diretta discendente della mitica Topolino degli anni Trenta, la Fiat 500.
Elvis Presley cantava Jailhouse Rock ma in Italia, con Carla Boni, la gente sognava una casetta piccolina in Canadà con vasche, pesciolini e tanti fiori di lillà.
E proprio in quell’anno, in un piccolo paese della bassa appoggiato sulle rive del fiume Reno, Santa Maria Codifiume, accadde un fatto alquanto singolare che non mancò di suscitare l’attenzione dei giornali e di quella che allora, con ancora un solo canale, si chiamava televisione di Stato. Proprio così.
Lungo l’argine sinistro di Reno, andando da Santa Maria Codifiume verso Traghetto, c’erano alcune cave o maceri, specchi d’acqua Leggi Tutto