Biblioteche e musei di Bologna, si riapre…adagio

A Bologna la cultura riparte da musei e biblioteche che da lunedì 18 maggio inizieranno gradualmente a riaprire con orari e servizi rimodulati nel rispetto delle norme sulla sicurezza del pubblico e dei lavoratori. Le modalità organizzative sono in aggiornamento per adeguarsi alle prescrizioni del Governo e ai protocolli sulla sicurezza dettati dalla Regione Emilia-Romagna e dal Tavolo metropolitano, anche in accordo con i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza e le rappresentanze sindacali…..
* Gli orari di apertura dei musei sono in corso di definizione in queste ore e verranno al più presto comunicati su www.museibologna.it
** Biblioteche
Da lunedì 18 maggio riaprono per prenotazioni telefoniche e restituzioni le biblioteche dell’Archiginnasio, Salaborsa, Spina, Scandellara “Mirella Bartolotti”, Tassinari Clò, Ginzburg, Corticella “Luigi Fabbri”. Tutte le altre biblioteche risponderanno telefonicamente alle domande dei lettori e inizieranno la prenotazione dei libri.

Le modalità della riapertura – Per garantire la massima sicurezza è necessario fare in modo che gli spazi delle biblioteche siano il meno affollati possibile. Per questo, in questa fase, le biblioteche osserveranno orari ridotti e i servizi subiranno alcune modifiche. Ecco quali:

Prestito su prenotazione – È la nuova modalità che le biblioteche mettono in campo per evitare troppi spostamenti sul territorio, affollamento degli spazi e code per prelevare e restituire i libri. Per migliorare il più possibile il servizio, è stato programmato un servizio di prenotazione telefonica in tutte le biblioteche: chi vuole accedere al prestito, può prenotarsi e, dopo la conferma, può andare a ritirare il libro già pronto e preparato dai bibliotecari. Inoltre, per facilitare ulteriormente le cose, sarà da subito possibile restituire i prestiti in qualunque biblioteca dell’Istituzione, mentre è allo studio la possibilità non solo di restituire, ma anche di ricevere le risorse prenotate nella propria biblioteca preferita o in quella più vicina a casa. In tutte le biblioteche aperte sarà possibile prenotare già da lunedì 18, mentre le consegne avverranno a partire da mercoledì 20 maggio.

Nessuna fretta, proroghe fino al 30 giugno senza sanzioni- Chi ha ottenuto un prestito prima della chiusura delle biblioteche per l’emergenza coronavirus, non deve preoccuparsi, non ci saranno sanzioni e potrà restituirlo con calma, fino al 30 giugno. Per garantire la massima sicurezza inoltre tutte le restituzioni avverranno riponendo i volumi direttamente nei box o sui carrelli predisposti in ciascuna sede.

Bibliotecari a portata di voce e di clic- Anche se non sarà possibile restare a lungo negli spazi della biblioteca ed effettuare ricerche di persona, i bibliotecari saranno sempre disponibili per dare consigli di lettura, orientare le ricerche e prenotare i libri. È possibile raggiungerli via mail al servizio “Chiedilo al bibliotecario” disponibile sul sito o al telefono negli orari di apertura delle biblioteche. È inoltre allo studio un nuovo servizio di informazione telefonica per orientare e accompagnare il pubblico delle biblioteche in questo momento di transizione in cui orari e servizi hanno subito delle modifiche, così da facilitare a tutti l’accesso, risparmiando tempo e rimanendo al sicuro.

– Gli orari di apertura- Biblioteca dell’Archiginnasio dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18 e il sabato dalle 10 alle 14; Biblioteca Salaborsa dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 19. Gli orari delle biblioteche Spina, Scandellara – Mirella Bartolotti, Tassinari Clò, Ginzburg, Corticella – Luigi Fabbri saranno organizzati in turni alternati tra la mattina e il pomeriggio e vengono comunicati sul sito www.bibliotechebologna.it , dove pure si trovano gli aggiornamenti riguardanti aperture e orari delle restanti biblioteche dell’Istituzione che riapriranno nei giorni successivi.

La sicurezza – Per ragioni di sicurezza non sarà possibile in questa fase accedere agli spazi e agli scaffali delle biblioteche – compresi quelli dedicati a bambini e ragazzi – consultare giornali e riviste, sostare nelle sale di lettura e utilizzare i computer in dotazione delle biblioteche.

Infine, da mercoledì 20 maggio riaprirà, anche il Teatro anatomico della Biblioteca dell’Archiginnasio, con orario dalle 10 alle 18 dal lunedì al sabato e domenica dalle 10 alle 14. Il museo di Casa Carducci riaprirà per le visite turistiche contestualmente al Museo del Risorgimento, mentre gli scavi archeologici di Salaborsa saranno visitabili solo in una fase successiva.

***Musei, aperture

Martedì 19 maggio riaprono il Museo della Musica e MAMbo con il Museo Morandi.

Mercoledì 20 è prevista l’apertura del Museo Civico Archeologico e del Museo del Patrimonio Industriale.

Giovedì 21 maggio riaprono il Museo Civico Medievale e poi sarà la volta di Museo civico del Risorgimento, Museo Davia Bargellini, Museo per la Memoria di Ustica e Casa Morandi.

A breve, dopo le verifiche organizzative che attengono alla gestione di Palazzo d’Accursio nel suo insieme, anche le Collezioni Comunali d’Arte verranno riaperte. Oltre alle collezioni permanenti riapriranno anche alcune delle mostre temporanee in corso, come ad esempio Imago splendida. Capolavori di scultura lignea a Bologna dal Romanico al Duecento al Museo Medievale e Il Camino dei Fenicotteri. I disegni dei Casanova dall’Æmilia Ars alla Rocchetta Mattei al Museo Davia Bargellini, per le quali è prevista la proroga fino al 6 settembre, mentre è in corso di valutazione la riapertura con proroga della Mostra “Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna” al Museo archeologico.

Proseguiranno anche le mostre La Galleria de’ Foscherari 1962 – 2018 nella Project Room del MAMbo, Noi siamo la Minganti. Bologna e il lavoro industriale tra fotografia e memoria (1919-2019) al Museo del Patrimonio Industriale ed Ebrei in camicia rossa. Mondo ebraico e tradizione garibaldina fra Risorgimento e Resistenza al Museo civico del Risorgimento.

Il piano tiene conto della complessità derivante dall’alto numero di sedi coinvolte: l’Istituzione infatti gestisce 13 musei allestiti in edifici con caratteristiche architettoniche e logistiche estremamente variegate, dislocati in diverse zone della città, per i quali sono in corso anche verifiche con i settori tecnici del Comune di Bologna. Queste caratteristiche verranno incrociate con le disposizioni atte a garantire la visita in sicurezza da parte del pubblico con l’obiettivo di arrivare a garantire un orario di visita settimanale di circa 200 ore in totale per i musei civici con un’articolazione oraria distribuita su tutti i giorni della settimana e un’offerta più strutturata nei weekend.

****Le modalità della riapertura – Per garantire la sicurezza del pubblico e dei lavoratori l’Istituzione ha previsto nuove modalità organizzative e di gestione dei flussi di visitatori:

– previsione del pre-acquisto on-line del biglietto di ingresso, per minimizzare le operazioni di passaggio in cassa;

– previsione di slot per l’ingresso frazionato dei visitatori, calcolati in base alle differenti capienze delle sedi e sale espositive;

– adozione di accorgimenti logistici e istruzioni per il personale per garantire il rispetto del principio cardine del distanziamento interpersonale di almeno 1 metro;

– esposizione di cartelli informativi e segnaletica per il rispetto delle norme di sicurezza;

– previsione di percorsi distinti in entrata e in uscita e di percorsi di visita a senso unico;

– formazione del personale;

– adozione dei dispositivi di protezione individuale previsti dalle disposizioni normative.

**** Info da http://www.comune.bologna.it/news/riapertura-biblioteche-musei-18-maggio

 

Data Pubblicazione: