Dio “persona”, una e trina, o forza cosmica? Cosa ne pensano cristiani e seguaci del New Age.

LA CONCEZIONE DI DIO NEL MOVIMENTO NEW AGE
Confronti e rilievi di Giovanni Pellegrino e Ermelinda Calabria
“In questo articolo esporremo la concezione di Dio riscontrabile nel movimento New Age concezione che è molto diversa da quella esistente nella religione cattolica. Gli Acquariani sostengono che Dio non è una Persona ma energia che anima l’Universo, forza cosmica, coscienza universale ed anima dell’ Universo. Come è facile capire da tali definizioni di Dio si tratta dunque di un Dio assolutamente impersonale costituito da pura energia divina. La teologia del New Age è dunque una teologia immanentista, panteista ed emanatista.
Gli Acquariani affermano che Dio non è un qualcosa di “ altro” rispetto all’ Universo non lo trascende ma si trova nell’ universo anzi è l’ anima dell’universo cosicchè è presente in tutto il cosmo. Di conseguenza il New Age professa un indiscutibile panteismo che abbatte ogni barriera tra uomo e natura, tra dimensione umana e divina. Gli Acquariani sostengono che quando saremo trasformati dall’ esperienza di allargamento della coscienza che ci propongono numerose tecniche potremmo accedere all’illuminazione divina scoprendo che nascondiamo in noi stessi una scintilla nel divino cosmico.

Il New Age è panteista in quanto ritiene che esiste una sola realtà quella del divino cosmico cosicchè tutto il resto non è altro che illusione. In sintesi gli Acquariani affermano che tutta la realtà è costituita dalla stessa energia divina dal momento che gli adepti del New Age rifiutano fermamente il concetto di creazione e ritengono che l’ universo altro non sia che emanazione di Dio inteso come energia che pervade l’intero cosmo. Di conseguenza anche la natura e la Terra vengono considerate di natura divina e fatte oggetto di un vero e proprio culto, ed inoltre i New Agers sono convinti che nella natura sono presenti esseri dotati di poteri magici quali gnomi, elfi e fate con i quali gli Acquariani cercano di entrare in comunicazione. In sintesi l’ universo è per gli Acquariani un universo magico e sacralizzato ragion per cui essi attuano un vero e proprio “reincanto del mondo“. Ma in che modo gli Acquariani definiscono Dio ?

La Ferguson afferma che Dio è un flusso una totalità, la causa ultima ovvero la realtà profonda degli esseri. Per dirla in altro modo la Ferguson afferma che Dio è la coscienza che si manifesta sotto forma di “Lila“, il gioco dell’ universo. Tale definizione di Dio può essere considerata anche un modo occidentale di parlare del Brahaman della religione induista (il New Age è molto influenzato dalle religioni orientali). Il fondamento del messaggio spirituale di tutto l’ Induismo è l’ idea che la moltitudine di cose ed eventi che ci circondano non siano altro che differenti manifestazioni della stessa realtà ultima.

Tale realtà ultima viene chiamata Brahaman concetto unificante di questa religione orientale. Ebbene il Dio del New Age somiglia moltissimo al Brahaman induista in quanto viene considerato la realtà ultima di tutte le cose, la causa ultima di tutto lo universo. Inoltre sia il New Age sia l’ induismo ammettono l’esistenza di diverse divinità che sono manifestazioni della realtà ultima di tutte le cose.

Nella definizione di Dio della Ferguson si fa riferimento al concetto di “Lila” ossia il Gioco di Dio concetto che il New Age riprende “sic et simpliciter“ dalla religione induista. Il concetto di ”Lila” vuole esprimere la credenza nell’ esistenza di un ”gioco divino“ per mezzo del quale Dio diviene il mondo che alla fine ridiventa Dio.

In sintesi l’Universo è considerato lo scenario nel quale avviene il ”gioco divino”. Sia il New Age che l’ Induismo ammettono il carattere dinamico dell’ Universo in quanto la “Lila” è un gioco ritmico dinamico. In sintesi come l’Induismo afferma che tutto, compreso il nostro Io, è parte della realtà ultima divina, il New Age afferma che tutto l’ Universo compreso l’ uomo è di natura divina. Tutta la realtà è costituita dalla stessa forza divina tutto il resto è illusione (Maya). Anche il concetto di Maya utilizzato spesso tra gli Acquariani deriva dalla religione induista secondo la quale liberarsi dalla “Maya” significa comprendere che tutte le cose sono parte della stessa realtà profonda divina. Dopo aver descritto l’immagine di Dio proposta dagli Acquariani riteniamo opportuno descrivere in breve l’immagine di Dio proposta dal Cristianesimo evidenziando le differenze tra le due concezioni di Dio.

In primo luogo dobbiamo mettere in evidenza che il Dio Persona del Cristianesimo si contrappone decisamente al Dio Impersonale del New Age. Il Cristianesimo ammette l’esistenza di certe energie sottili nel cosmo specialmente quelle che la scienza ha già identificato ma esclude nella maniera più assoluta che esse si possano identificare con Dio. Per il cristianesimo Dio è Persona cioè Essere in relazione in grado di intervenire e rivelarsi nella storia dell’uomo e del mondo.

Il concetto di Rivelazione è assolutamente fondamentale nella religione cattolica. Esistono due tipi di Rivelazione: la Rivelazione naturale e la Rivelazione soprannaturale. Inoltre dobbiamo mettere in evidenza che la sacralizzazione dello Universo presente nel New Age (reincanto nel mondo) è assente totalmente nella Rivelazione biblica che insiste sulla totale alterità esistente tra Dio e l’ Universo.
Per dirla in altro modo nulla è divino eccetto Dio Padre, Gesù Cristo e lo Spirito Santo ossia le tre Persone della Trinità. Inoltre per il Cristianesimo l’Universo non è stato creato per emanazione come sostiene il New Age ma è nato sotto l’azione creatrice di Dio.

Chiudiamo il discorso sulla concezione Cristiana di Dio mettendo in evidenza le tre principali caratteristiche del Dio Biblico (creatore, santificatore e provvidente).

Per quanto riguarda l’attributo di creatore abbiamo già detto che Dio ha creato l’Universo dal nulla.
Dio è considerato santificatore in quanto la presenza delle tre persone divine produce la Grazia santificante che trasforma l’individuo da peccatore a uomo giusto. Infine il concetto di Provvidenza Divina è molto importante nella Bibbia dal momento che Dio ha predisposto un piano di salvezza per tutti gli uomini per mezzo di Gesù e in funzione di questa salvezza dirige tutti gli eventi della storia.
La predisposizione eterna di questo piano di salvezza da parte di Dio è ciò che viene definita Provvidenza.

Prof. Giovanni Pellegrino Prof. Ermelinda Calabria

Foto

1- Un’immagine di natura  come presenza di energia divina

2 – Masaccio – Rappresentazione della Trinità- da The Yorck Project (2002) 10.000 Meisterwerke der Malerei (DVD-ROM), distributed by DIRECTMEDIA Publishing GmbH. ISBN: 3936122202., Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=155004

3- Schema della relazione trinitaria fra Padre, Figlio e Spirito Santo secondo le chiese cristiane di origine latina come la Chiesa cattolica.

P.S. Altre fonti per approfondimenti:

  • Per il confronto cristianesimo e New Age

http://www.benmelech.org/altre-religioni/newage/newage-bibbia.htm

– Per il cristianesimo

http://www.treccani.it/enciclopedia/trinita/

https://it.cathopedia.org/wiki/Trinit%C3%A0

http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p1s2c1p2_it.htm

Data Pubblicazione: