La crisi della religione cattolica in Occidente. Motivazioni e contaminazioni

LA CRISI DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL MONDO OCCIDENTALE – Valutazioni di Giovanni Pellegrino e Ermelinda Calabria-
In questo articolo prenderemo in considerazione una questione di fondamentale importanza ossia la crisi della religione cattolica nel mondo occidentale. Nostro compito sarà dimostrare tale affermazione certamente molto grave e con molte conseguenze in campo etico, religioso, sociale e psicologico.
La crisi della religione cattolica del mondo occidentale dipende proprio dalla presenza di elementi eretici tra i cattolici indipendentemente dal loro livello sociale e culturale. Enunceremo per prima cosa i segnali di tale crisi della religione cattolica: sincretismo religioso, credenza nell’astrologia, utilizzazione della magia, visione fatalistica del mondo, credenza nella reincarnazione, relativismo etico, utilizzazione a livello di massa del divorzio, pratica dello spiritismo e la diminuzione del numero dei sacerdoti.

Uno dei segni più evidenti di questa crisi è la presenza nelle credenze religiose dei cattolici occidentali di un sincretismo religioso.
Infatti, accade di frequente che credenze tipicamente cattoliche si accompagnino nella visione religiosa di moltissimi individui a elementi totalmente incompatibili con il cristianesimo. Per fare un esempio concreto accade di frequente che elementi religiosi provenienti dalle religioni orientali si affianchino a credenze tipicamente cattoliche. Soprattutto il buddismo della SoKa Gakkai influenza le credenze religiose di molti individui che pensano sia possibile conciliare l’appartenenza al cattolicesimo con l’adozione di credenze proprie del buddismo. Accade pure frequentemente che molti cattolici siano affascinati dalle idee religiose del New Age, ragion per cui cadono nel sincretismo religioso quelle persone che pensano di poter conciliare New Age, Buddismo e Religione Cattolica. Tale sincretismo religioso è favorito anche da fenomeni di contagio psichico ed imitazione sociale poiché le credenze religiose del buddismo e del New Age sono appoggiate e fanno presa su molti personaggi famosi e trovano molto spazio sui mass media e su internet .
Un’altra convinzione molto frequente tra i cattolici occidentali contemporanei è la credenza che il futuro degli individui dipenda dal potere degli astri .
Per quanto riguarda il sempre maggiore successo dell’astrologia tra i cristiani riteniamo che sia possibile individuare più di una causa psicosociale in grado di spiegare i fenomeni di contagio psichico determinanti nell’affermazione della visione del mondo astrologica. In questa sede non possiamo approfondire tale discorso ma ci limiteremo a dire che il determinismo astrologico trova vari consensi a causa dell’ incertezza e dell’ansia esistenziale nell’ uomo contemporaneo dell’atteggiamento favorevole nei confronti dell’ astrologia assunto da moltissimi cantanti attori uomini politici nonché al fatto che il credere nell’astrologia è anche un modo per non assumersi le proprie responsabilità in quanto credere che tutto è scritto negli astri significa affermare di non essere la causa delle proprie sconfitte e vittorie. Concludiamo il discorso sull’astrologia mettendo in evidenza che molti individui che credono in essa cadono nell’astrolatria dal momento che attribuiscono alle stelle poteri che appartengono solamente a Dio .

Uno dei fenomeni più clamorosi dei nostri tempi è sempre il maggiore successo della magia cosicchè il numero dei clienti abituali dei maghi raggiunge secondo alcune inchieste quasi dieci milioni di persone in Italia. La Chiesa Cattolica si dimostra assolutamente incapace di arginare questo ritorno in grande stile della magia , incapace di rispondere alla sfida lanciata da maghi, indovine e fattucchiere . Ma quali sono le ragioni del successo della magia anche negli ambienti urbani ? In primo luogo il desiderio di prevalere nei vari conflitti interpersonali: il bisogno di punti di riferimento sicuri in una società dove mancano le certezze e gli ideali; l’ affermazione della visione del mondo neopagana . Concludiamo il discorso sulla magia mettendo in evidenza che anche i mass media e internet contribuiscono al successo della magia nel mondo occidentale con molteplici siti, articoli trasmissioni televisive e radiofoniche dedicate a maghi cartomanti e nuovi movimenti magici .

Un altro elemento caratterizzante dei nostri tempi è la diffusione della credenza nel destino convinzione del tutto incompatibile col concetto cristiano di libero arbitrio, uno dei punti fermi della dottrina cristiana. Tale credenza assume una notevole importanza dal punto di vista sociologico poiché determina comportamenti collettivi e una percezione sociale della realtà che influenzano la vita di moltissimi individui lanciando un ennesima sfida alla visione cristiana del mondo .

In primo luogo la concezione fatalistica del mondo fa in modo che gli individui si considerino “ dei burattini senza fili” nelle mani del destino non in grado di determinare il corso degli eventi della propria vita né in senso positivo né in senso negativo. In secondo luogo la credenza nel destino può determinare negli individui una ridotta capacità di rielaborare strategie comportamentali adeguate ad affrontare le diverse situazioni problematiche della vita quotidiana . In terzo luogo tutte le concezioni fatalistiche del mondo aprono la strada alla diffusione di ogni tipo di pratiche divinatorie che non avrebbero ragione di esistere se non si ammettesse che il futuro è già scritto e non dipende dalle nostre scelte. Come si vede la credenza nel destino è molto pericolosa perché può servire a demotivare le persone spingendole a rinunciare a elaborare progetti a lunga scadenza ritenendo che tutto è già scritto .

Un’altra credenza totalmente incompatibile con la visione del mondo cristiano è quella nella reincarnazione convinzione notevolmente diffusa nella società contemporanea occidentale. Molti cattolici cadono in affermazioni eretiche proprio perché tentano con diversi sofismi assurdi di rendere compatibile la reincarnazione con i dogmi cattolici . Tuttavia appare chiaro che credere nella reincarnazione significa togliere ogni senso al messaggio cristiano anzi significa avere una concezione dell’ universo, della storia e dell’ antropologia totalmente anticristiana. Infatti mentre il cristianesimo crede nella resurrezione e nell’ Inferno e Paradiso i credenti della reincarnazione credono che le anime che hanno agito bene nelle vite precedenti hanno diritto a reincarnarsi in maniera tale da vivere un’ esistenza felice, mentre quelle che hanno agito male nelle vite precedenti si reincarneranno in maniera tale da vivere un’esistenza infelice.

Il fascino della reincarnazione sta nel fatto che riesce a spiegare perché alcuni individui sono belli ricchi e fortunati, mentre altri sono poveri brutti e sfortunati. Anche i fenomeni di contagio psichico e di imitazione sociale contribuiscono ad aumentare il successo della credenza nella reincarnazione senza che la Chiesa Cattolica possa fare niente per opporsi a tale credenza che rappresenta l’ennesimo segno della crisi della religione cattolica .

Un altro segno clamoroso della crisi della religione cattolica del mondo contemporaneo è il fortissimo e costante aumento dei divorzi e delle separazioni nella società contemporanea occidentale . Appare chiaro che il divorzio manda in crisi la concezione cristiana del matrimonio che a dire della Bibbia è assolutamente indissolubile e pertanto deve durare per tutta la vita. Il divorzio ha reso insicuro e instabile l’istituto del matrimonio tanto è vero che molti individui preferiscono non sposarsi e convivere e ha creato le cosiddette famiglie allargate che spesso sono molto problematiche per gli individui che ne fanno parte. La Chiesa cattolica a suo tempo tentò inutilmente di evitare l’ entrata in vigore della legge sul divorzio ma andò incontro ad una clamorosa sconfitta: tale sconfitta è diventata ancora più pesante oggi dal momento che nella forma mentis collettiva è diventato abituale l’idea che il matrimonio possa finire in divorzio. Cosicchè molti individui si sposano più volte.

Un altro fenomeno che può essere considerato un segnale della crisi della religione cattolica è l’aumento delle sedute spiritiche fatto questo che preoccupa molto teologi ed esorcisti. I teologi mettono in evidenza che la Bibbia proibisce in maniera categorica le sedute spiritiche tanto che Saul venne punito proprio per aver chiesto ad una medium di evocare l’anima di un morto. A loro volta gli esorcisti mettono in evidenza che è molto pericoloso effettuare sedute spiritiche dal momento che nel corso di esse sono possibili possessioni demoniache e infestazioni ambientali che possono creare gravissimi problemi a quanti partecipano a tali sedute. Nonostante la proibizione biblica e i pericoli a cui vanno incontro, molte persone partecipano a sedute spiritiche spinte dal desiderio di entrare in contatto con i loro defunti.

Un ultimo fenomeno socio religioso indice della crisi della religione cattolica è la forte diminuzione dei sacerdoti in tutto il mondo occidentale : tale diminuzione crea serissimi problemi alla Chiesa Cattolica che non riesce spesso ad assicurare a tutte le parrocchie la necessaria presenza dei sacerdoti. A rendere ancora più difficile la situazione della Chiesa Cattolica è il fatto che ogni anno un certo numero di sacerdoti abbandona la vita clericale poiché si innamora di qualche donna e di conseguenza non accetta più il voto di castità che è alla base della vita sacerdotale.

Detto ciò riteniamo di aver dimostrato l’esistenza della crisi della religione cattolica nel mondo occidentale.

Prof. Giovanni Pellegrino   Prof. Ermelinda Calabria

*NOTA REDAZIONALE
L’articolo  riporta le osservazioni di due studiosi della storia delle religioni. Data la complessità dell’argomento e la varietà delle opinioni che possono esserci in proposito, siamo disponibili ad accogliere anche altre  osservazioni e valutazioni.

 

Data Pubblicazione: