Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Modena


Nuova serie di conferenze sulle carte dell'Archivio di Modena

La nuova serie dei Tesori di carte dell'Archivio di Stato di Modena, realizzata in collaborazione con l'Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti e con il progetto teatrale "Il Ratto d'Europa" di Emilia Romagna Teatro, propone una serie di appuntamenti tutti dedicati al tema dell'Europa, per riflettere insieme sull'idea che di essa si è venuta formando attaverso i secoli e le grandi vicende che l'hanno vista ora protagonista ora silenziosa spettatrice.
Di seguito gli appuntamenti del primo semestre (gennaio- giugno 2013), che si svolgeranno presso l'Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti, ogni ultimo mercoledì del mese dalle 16 alle 17:
Il prossimo incontro:
- 24 aprile Politiche internazionali. Le relazioni di Casa d'Este con le potenze europee a cura di Angelo Spaggiari
- 29 maggio Notizie da Venezia nei dispacci degli agenti Vezzosi e Donà nel sec. XVII, a cura di Rosa Lupoli
- 26 giugno Oltre i confini: da Modena e da Reggio lungo le strade d'Europa , a cura di Paola Foschi

Scritto in Modena | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 1157 volte

Inserito da redazione il Mar, 2013-01-29 08:02


Sulle tracce dei tuoi antenati... vai in archivio a Modena

In programma domenica 16 dicembre 2012 dalle ore 10,30 alle ore 18,30 un'apertura straordinaria dell'Archivio di Stato di Modena, pronto ad accogliere chiunque voglia saperne di più sulla ricerca genealogica ed intraprendere la ricostruzione del proprio albero genealogico.
Venendo in Archivio con tutti i dati sui propri antenati (nonni, bisnonni etc. purchè nati entro il 1900) di cui si è in possesso, sarà possibile risalire al primo atto contenuto nei registri dello Stato civile da cui avviare la propria ricerca genealogica. Sarà possibile visionare e riprodurre gli atti di nascita matrimonio e morte dal 1806 al 1900 e ed i ruoli matricolari fino al 1900.
Il personale sarà a completa disposizione per spiegare le metodologie e gli strumenti di ricerca.
Sarà inoltre possibile iscriversi al corso "Da te ai tuoi antenati" (a numero chiuso per un massimo di 30 persone) che l'Archivio di Stato di Modena, in collaborazione con FamilySearch propone dal 7 gennaio al 17 aprile: 12 incontri per comprendere meglio e rimanere affascinati dalla ricostruzione della propria storia di famiglia.
*Modalità di accesso
L'accesso all'Istituto nella giornata di domenica 16 dicembre è solo su prenotazione. Si potrà accedere nelle seguenti fasce di orario: 10,30- 11,30- 12,30- 14,30- 15,30- 16,30- 17,30: per motivi di sicurezza, ogni turno di visita avrà la durata di un'ora e sarà possibile accogliere un massimo di 10 persone.
Per prenotarsi telefonare da lunedì al venerdì dalle ore 9,30 alle ore 15,30 al numero 059- 230549. Non saranno accolte prenotazioni pervenute tramite mail o fax.

Scritto in Modenaleggi tutto | letto 782 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-12-05 07:15


Ricordo di Cesare Frassoni, finalese

Mercoledì 5 dicembre 2012, alle ore 16
presso l’Accademia Nazionale di Scienze Lettere a Arti Corso Vittorio Emanuele n.59 Modena
Ricordo di Cesare Frassoni, finalese ( 1712-1801)

membro dell’Accademia dei Dissonanti di Modena, nel tricentenario della nascita  (in memoria di Berto Ferraresi, creatore del Museo Civico di Finale)
Saluti di:
Prof. Elio Tavilla , Presidente della Sezione di Scienze morali, giuridiche e sociali dell’Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti di Modena
Massimiliano Righini,
Assessore alla Cltura del Comune di Finale Emilia
Intervengono:
Massimiliano Righini Cesare Frassoni , la storia civica e il concetto di Museo diffuso
Galileo Dallolio,
Pubblicista, Cesare Frassoni e la cultura a Finale nel settecento
Giovanni Paltrinieri
, Gnomonista e ricercatore
L’Accademia dei fluttuanti di Finale, riorganizzata nel 1744 da Cesare Frassoni e da Morando Morandi
Alessandro Pisa,
Architetto ‘Edilizia dei Lumi’ a Finale
Iniziativa promossa da Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti di Modena - Assessorato del Comune di Finale Emilia - Comitato di Ricerche Storico Artistiche - ‘Fluttuanti-Finale Emilia-2012’
* Biografia e notizie sul Frassoni, in :
http://books.google.it/books?id=rxgtAAAAMAAJ&pg=PA307&lpg=PA307&dq=cesare+frassoni&source=bl&ots=X_W7EBrGe3&sig=
** Sull'Accademia di Scienze di Modena: http://www.accademiasla-mo.it/

Scritto in Finale Emilia (MO) | Modenaleggi tutto | letto 1716 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-11-26 05:49


Incontro con gli esperti di documenti d'Archivio

Ritornano ad ottobre, grazie alla collaborazione con l'Accademia nazionale di scienze, lettere e arti di Modene e dopo il sisma dello scorso maggio che aveva bruscamente interrotto ogni attività dell'Istituto, gli appuntamenti alla scoperta dei preziosi ed affascinanti documenti conservati presso l'Archivio di Stato di Modena.
Da ottobre e fino a dicembre, gli appuntamenti mensili si svolgeranno presso la sede dell'Accademia nazionale di Scienze, lettere e arti di Modena, palazzo Coccapani, c.so Vittorio Emanuele, 59, dalle ore 16 alle ore 17. L'ingresso è libero.
- Si riprende con la conferenza di Andrea Marchesi, mercoledì 31 ottobre 2012 dal titolo “Delizie in ville e in archivio. Le cinquantatrè residenze di corte estensi sparse nel Ferrarese raccontate attraverso documenti del sec. XVI” in cui l'autore ripercorrerà la sistematica indagine sulla sterminata documentazione delle 53 residenze, intrise di significati simbolici e politici che confermano la centralità delle corte ferrarese nel corso del Rinascimento italiano (e non solo).
- Si prosegue mercoledì 28 novembre con Licia Beggi MianiUno sconosciuto santo estense: S. Contardo d’Este (XIII sec.), compatrono di Modena con Sant’Omobono dal XVII sec.”, sulle tracce dei documenti che raccontano il lungo tragitto che nel 1698 portò San Contardo ad affiancare San Geminiano quale compatrono della città.
- Infine mercoledì 19 dicembre 2012 con Rossella Rinaldi si andrà “Sulle tracce di Carlo Magno nell’Archivio di Stato di Modena (anni 781, 808).Storie di uomini e di carte”, alla scoperta di due dei più antichi documenti custoditi presso l’Archivio di Stato di Modena, un viaggio nel passato del territorio per conoscere da vicino i protagonisti della grande storia.
- Si svolgerà martedì 6 novembre dalle ore 15 alle ore 18, presso la Saletta dell'ex Oratorio a Palazzo dei Musei, l'apertura del primo anno del biennio 2012- 2014 della Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica dell'Archvio di Stato di Modena. La prolusione è a cura di Gabriele Bezzi (Parer Emilia- Romagna) sul tema "Archivi digitali: conservazione e consultazione".
Ingresso libero.

Scritto in Modenaleggi tutto | letto 969 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-10-30 09:52


Nuovi orari per l'Archivio di Stato di Modena

Dal 15 ottobre è riaperto al pubblico l'Archivio di Stato di Modena, dopo la chiusura temporanea per i danni subiti dal terremoto. A causa dell'accurato controllo ancora in atto dei locali di deposito si avvisa che molti fondi archivistici non sono ancora consultabili: si invita a prendere visione dell'elenco nell'allegato sotto indicato.
Si comunica inoltre che a fronte della aggravata carenza di personale in servizio presso questo Istituto è stato necessario riformulare il servizio di Sala di Studio e l'orario di apertura al pubblico con le seguenti modalità.
Servizio di Sala Studio - Orario di apertura al pubblico
Lunedì e venerdì
9,00 – 13,45 // Martedì e giovedì 9,00 – 17,45
Mercoledì 9,00 – 16,45 // Sabato 9,00 – 13,30
Richieste :
Lunedì e venerdì
: 9,30 – 11,00 – 12,30
Martedì, mercoledì e giovedì: 9,30 – 11,00 – 12,30 – 14,30
Sabato: solo consultazione previa prenotazione
Ogni richiesta può contenere :
n° 2 buste, filze etc, oppure n° 5 mappe formato normale, oppure n°2 grandi mappe, oppure n° 3 registri. Si possono tenere in deposito massimo 2 unità archivistiche.
Per la consultazione del sabato si può inoltrare solo una richiesta per la prenotazione dei pezzi. Le richieste possono essere effettuate tramite:
• e-mail ( as-mo.info@beniculturali.it ) ;
• prenotazione telefonica (059 / 230549);
• prenotazione dalla sala stessa ;
tali richieste devono pervenire entro le ore 13,00 del venerdì.
* Per maggiori informazioni
www.asmo.beniculturali.it  

Scritto in Modenaleggi tutto | letto 1241 volte

Inserito da redazione il Dom, 2012-10-14 04:55


Settimana della genealogia a Modena

All'Archivio di Stato di Modena: "I ricordi che ci uniscono"- III Conferenza internazionale di genealogia
Si svolgerà dal 15 al 20 ottobre la
Settimana della genealogia.
- In programma sabato 20 ottobre dalle ore 9,30 alle ore 17,30 presso l'Aula Magna del Liceo Muratori, in viale della Cittadella 50, la III Conferenza Internazionale di Genealogia dal titolo "I ricordi che ci uniscono", organizzata dall'associazione Nonsoloscuola, in collaborazione con FamilySearch e con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura, Turismo e promozione della città e della Provincia di Modena. Numerosi gli interventi in programma che vertono ad analizzare e spiegare meglio i diversi aspetti della ricerca genealogica che coinvolge sempre più studiosi ed appassionati.
Gli interventi in programma sono a cura di Rodney L. DeGiulio, vicepresidente FamilySearch; Euride Fregni, direttore dell'Archivio di Stato di Modena; Mauro Perani, presidente associazione italiana per lo Studio del Giudaismo; Daniela Ferrari, direttore dell'Archivio di Stato di Mantova; Nardo Bonomi Braverman, Italian Family History - Jewish Genalogy in Italy; Riccardo De Rosa, storico genealogista presso Your Italian Genealogy; Simone Sartini, Archivio di Stato di Firenze; Ugo Perego, esperto di genealogia molecolare; Walter Zafarana, manager per l'Italia e Malta di FamilySearch.
Il programma è scaricabile dal sito
http://www.asmo.beniculturali.it/index.php?it/219/archivio-eventi/65/i-ricordi-che-ci-uniscono-iii-conferenza-internazionale-di-genealogia
L'ingresso è libero e gratuito ma è gradita la prenotazione.
* Per informazioni (lunedì dalle 9 alle 17, dal martedì al sabato dalle 9 alle 22 e domenica dalle 17 alle 22): numero verde gratuito 00800 1830 1830, numero gratuito per utenti Skype +1 866 299 2521; email: genealogia@associazione-nonsoloscuola.it .

Scritto in Modenaleggi tutto | letto 1017 volte

Inserito da redazione il Ven, 2012-10-12 15:12


Il Passo della Croce Arcana, in una mappa del secolo XV

Nell'ambito del ciclo di incontri “Tesori di Carte”, promosso in occasione del 150° anniversario dell'Archivio di Stato di Modena si svolgerà
- mercoledì 27 giugno dalle ore 16 alle ore 17,
presso il Dipartimento di Scienze della Terra- Largo Sant'Eufemia, 19- Aula M (1° piano) il nuovo appuntamento a cura di Federica Badiali, dedicato alla riscoperta dell'Appennino modenese attraverso la mappa della Croce arcana, un raro esempio di cartografia geomorfologica risalente alla seconda metà del XV secolo.
- sabato 30 giugno  (ore 9-13) sarà inoltre possibile realizzare un'escursione al passo della Croce arcana accompagnati da guide CAI.
Partenza dalla Capanna Tassoni al Passo della Croce Arcana e ritorno con la guida del prof. Mario Panizza geomorfologo
La partecipazione è riservata alle prime 30 persone che ne faranno richiesta via e-mail all’Archivio di Stato di Modena: as-mo@beniculturali.it .
L’Agenzia Unipol Modena offre copertura assicurativa ai partecipanti.
Il Passo della Croce Arcana è un valico dell'Appennino tosco-Emiliano, con una altitudine di 1669 m s.l.m., sito in Provincia di Pistoia, nel comune di Cutigliano. È attraversato dalla strada carreggiabile che dalla Montagna Pistoiese, passando per Cutigliano e Doganaccia, porta ad Ospitale ed a Fanano, nel Parco regionale dell'Alto Appennino Modenese.
Il Passo dell'Alpe alla Croce, come veniva chiamato nei secoli passati il valico della Croce Arcana, era assai frequentato fino dal basso Medioevo per transitare dalla Toscana alla pianura Padana e viceversa, anche se in misura minore della parallela Via Francigena, che valicava l'Appennino Settentrionale più ad Ovest. I più antichi documenti risalgono all'epoca longobarda, quando Pistoia era divenuta città regia ed i bizantini si erano progressivamente ritirati verso oriente anche sulla Montagna pistoiese, allora denominata Montagna alta. Il Passo dell'Alpe alla Croce si trovò nel VIII secolo, proprio presso il limes tra la Longobardia ed i territori dipendenti dall'Esarcato di Bisanzio. Con la rinascita verificatasi dopo il 1000 d.C. e con l'affermarsi dei liberi comuni, ai consueti spostamenti dei pellegrini e degli eserciti, si aggiunsero quelli dei mercanti e delle loro mercanzie: lunghissime file di muli si inerpicavano su per i passi per trasportare pannilani, seterie, arazzi, merletti e stoffe pregiate tra Firenze, Prato, Lucca, Pistoia e altre città toscane da un lato, e Milano, Venezia, Parigi, la Fiandra ed altre città del Nord Europa dall'altro. Questi intensi traffici spiegano la presenza di ospizi gestiti da ordini religiosi per dare asilo e per proteggere i viandanti che valicavano il Passo della Croce Arcana.

* Per maggiori informazioni si veda depliant in allegato, con cenni di storia  della mappa e dei luoghi, e anche
http://it.wikipedia.org/wiki/Passo_della_Croce_Arcana

Scritto in Modena | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 1795 volte

Inserito da redazione il Dom, 2012-06-24 16:33


Didattica in archivio a Modena

Per l'11 settimana della didattica in archivio "Quante storie nella storia" (7-13 maggio 2012), l'Archivio di Stato di Modena, organizza i seguenti appuntamenti, ad ingresso libero senza alcun obbligo di prenotazione:
- 8 maggio ore 9,00-11,00 - Archivio di Stato di Modena, Sala d’Ercole, Via Sgarzeria 6
Volete adottare un duca estense? Noi l’abbiamo fatto
Presentazione del laboratorio didattico “Adotta un duca o duchessa d’Este”condotto dalla classe
III C dell’Istituto secondario di primo grado “Cavour” di Modena, progetto ideato e realizzato in collaborazione con la Società “Dante Alighieri” - Comitato di Modena. L’incontro, rivolto a insegnanti e studenti, oltre ad illustrare obiettivi, strumenti ed esiti didattici conseguiti, darà voce agli stessi allievi.
- 9 maggio ore 8,30-13,00 – Auditorium “Marco Biagi”, viale Storchi 2
La mia storia: i documenti “testimoni loro malgrado
Conferenza per le classi che hanno partecipato al laboratorio di storia promosso dall'Archivio storico del comune di Modena con la partecipazione dell'Archivio di Stato di Modena e presentazione dei prodotti finali.
Sarà presente il romanziere G. Pederiali per una conversazione con i ragazzi.
- 10 maggio ore 14,00-15,00 - Archivio di Stato di Modena, Corso Cavour 21
Sapere e conoscenza: la Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Modena
Inaugurazione della mostra documentaria che illustra l’attività didattica svolta presso la Scuola di Archivistica dell’Archivio di Stato di Modena, a cura degli studenti del biennio in corso. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’Archivio storico comunale di Modena. La mostra rimarrà aperta fino al 16 giugno 2012, dal lunedì al sabato dalle 10,00 alle 12,30; il martedì, mercoledì e giovedì pomeriggio dalle 14,30 solo previa prenotazione.

Scritto in Modenaleggi tutto | letto 823 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-05-02 17:13


Settimana della Bonifica. Iniziative

Iniziative organizzate dal Consorzio di Bonifica Burana nell'ambito della Settimana della Bonifica. Il programma completo in allegato sottostante
- SABATO 12 MAGGIO 2012 dalle ore 15 alle 17

'Passeggiata lungo il Collettore delle Acque Alte'
Ritrovo angolo Via Accatà/Via Cento - S. Giovanni in Persiceto (BO), in collaborazione con il Comune
'Impianti aperti'
Amministratori e cittadini sono invitati a visitare alcuni dei più importanti impianti del Consorzio di Burana:
Impianto idrovoro Pilastresi, Stellata di Bondeno - Fe
Impianto Bondeno-Palata, Bondeno - Fe
Presa di derivazione del canale S. Pietro, Vignola - Mo
- DOMENICA 13 MAGGIO 2012 dalle ore 15 alle 18

'Inaugurazione in partecipanza agraria'
Inaugurazione di interventi di riqualificazione habitat e zone d'acqua con visita guidata all'Area di Riequilibrio Ecologico Torrazzuolo
- SABATO 19 MAGGIO 2012 dalle ore 16
MO
'STRABURANA 2012 - BICICLETTATA IN BONIFICA'
in collaborazione con Partecipanza Agraria di Nonantola, Comune di Nonantola, Provincia di Modena, Regione Emilia Romagna
- DOMENICA 20 MAGGIO 2012
'Festa dell'acqua'

Partenze da Carbonara Po (Mn), S. Felice s/P. (Mo), Ferrara, Palata Pepoli (Bo)
Arrivo all'impianto idrovoro Pilastresi a Stellata di Bondeno (Fe) dalle ore 12
Dalle ore 14 l'impianto è visitabile anche per chi non arriva in bici!  in collaborazione con Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, Consorzio della Bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po, Comuni e Province interessati
- DOMENICA 20 MAGGIO 2012
Dalle ore 15 alle ore 19 al Parco Ferrari a Modena

(Gioco dell'Oca Gigante e laboratorio per tutti i bambini e ragazzi dal titolo 'La nuvola va al mare') in collaborazione con il Comune di Modena
** MOSTRE
- 'Analogie tra sistema di bonifica e corpo umano' 5/20 maggio 2012 Barchessone Vecchio  Via Zanzur 36/A, S. Martino Spino, Mirandola .Apertura sabati e domeniche dalle ore 15 alle 20
- 'La gestione dell'acqua oltre l'Unità d'Italia nella pianura emiliana. Cavamento Foscaglia 1487-2012' Sala Ilaria Alpi, Biblioteca comunale Via Persicetana 226, Crevalcore
Apertura fino al 9 giugno 2012 nei seguenti orari: lun: 14-18.30; da mar a ven: 9-18.30; sab: 9-13
In allegato il volantino della Settimana della bonifica

Scritto in Modena | Nonantola (MO) | S. Giovanni in Persicetoleggi tutto | letto 1253 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-05-02 05:37


Frammenti di storia antica in mostra negli archivi

In occasione della XIV Settimana della Cultura (14-22 Aprile 2012) l'Archivio di Stato di Modena, l'Archivio di Stato di Bologna, la Biblioteca Estense Universitaria e l'Archivio Storico del comune di Modena, in collaborazione con l'Università degli Studi di Ferrara e con l'Università degli Studi di Bologna e con la partecipazione di Archivio Capitolare di Modena, Comune di Nonantola, Archivio storico abbaziale di Nonantola e Partecipanza agraria di Sant'Agata Bolognese organizzano
Disiecta Membra,
una serie di mostre documentarie e un ciclo di conferenze e incontri
dedicate al vastissimo giacimento di fragmenta rinvenuti fra le province di Modena e Bologna.
A partire da sabato 14 Aprile fino a domenica 22 Aprile, sarà possibile visitare le sezioni espositive allestite nelle sale degli Archivi di Modena e Bologna, della Biblioteca Estense, della Sala delle Colonne del comune di Nonantola, nella Sala dei Codici dei Musei del Duomo di Modena, nel Museo benedettino e diocesano di arte sacra di Nonantola e nella Sala delle Colonne della Partecipanza agraria di Sant'Agata Bolognese. Il ciclo di conferenze si svolgerà nell'arco dell'intera settimana.
L'ingresso è gratuito. ** Il programma completo di mostre e conferenze nelle varie sedi è leggibile in allegato.
 

Scritto in Bologna | Modena | Nonantola (MO)leggi tutto | letto 1010 volte

Inserito da redazione il Gio, 2012-04-05 16:02


Renata di Francia, donna moderna del 1500

Per la festa delle donne l'Archivio di Stato di Modena ricorda
Renata di Francia (1510-1575) bagliori di modernità
Chi vorrà anco nelle donne eroiche non solo la virtù dell’azione, ma quella della contemplazione, si rammenti di Renata di Ferrara... “(Torquato Tasso)
- venerdì 9 marzo 2012 ore 15.30 - 17.30 Archivio di Stato di Modena , Sala d’Ercole, via Sgarzeria, 6
Renata di Francia - Renée de France nacque a Blois il 25 ottobre 1510 da Luigi XII re di Francia e da Anna di Bretagna, unica erede del duca Francesco II di Bretagna (il matrimonio confermava l’unione della Bretagna alla Francia, già avvenuta con il forzoso matrimonio di Anna con il precedente re di Francia, Carlo VIII).
Fiera, pienamente consapevole della sua dignità regale, forte, volitiva e indipendente, esibì sempre una profonda autonomia politica. Nel 1528, sposò Ercole II d’Este, duca di Ferrara, giungendo a rendere la Casa estense forte di 5 figli, tra cui il futuro duca Alfonso II.
Nei trentuno anni di permanenza a Ferrara come duchessa rimase legata alla propria estrazione regale, alla lingua e ai costumi francesi. Aperta al dibattito sulle nuove idee riformate, intrattenne una lunga relazione epistolare con Calvino (dal 1537 fino alla morte del riformatore, nel 1564), dopo averlo incontrato a Ferrara nel 1536.
Allontanata dai figli e imprigionata nel castello di Ferrara nel 1554 per avere rifiutato di assistere alla santa Messa e la Comunione Eucaristica, cedette dopo le pressioni dell’inquisitore francese Mathieu Ory e del gesuita Jean Pellettier.
Alla morte del duca (1559) si trasferì nel castello di Montargis, in quella Francia che di lì a poco avrebbe conosciuto un conflitto religioso culminato nella strage degli Ugonotti la notte di S. Bartolomeo (23, 24 agosto 1572) a cui scampò grazie all’intervento della figlia Anna, moglie del mandatario dell’eccidio, Francesco di Lorena duca di Guisa.
Morì a Montargis il 12 giugno 1575, di cui era duchessa, dopo avere professato una fede incrollabile e dopo averla testimoniata costantemente con atti di tolleranza e di carità verso i più deboli.

Info da : Archivio di Stato di Modena Corso Cavour, 21 - 41121 Modena Tel. 059 230549 Fax 059 244240 e-mail: as-mo@beniculturali.itwww.asmo.beniculturali.it

*** Per una biografia di Renata di Francia, vedi anche

http://www.eresie.it/it/Renata_di_Francia.htm

Scritto in Ferrara | Modena | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 2969 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-03-07 10:44


Festival della Filosofia a Modena, Carpi e Sassuolo

Da venerdì 15 a domenica 17 settembre 2006
Modena, Carpi e Sassuolo

propongono lezioni magistrali, mostre, concerti, film, giochi e cene filosofiche

Il confine sempre più fragile tra uomo e animale, la nuova e problematica frontiera tra naturale e artificiale e il rapporto tra esseri umani e altri esseri viventi sono al centro del sesto Festival filosofia, in programma dal 15 al 17 settembre a Modena, Carpi e Sassuolo (informazioni al numero 059 421210 e sito del comune di Modena www.comune.modena.it ).

Scritto in Modenaleggi tutto | letto 1567 volte

Inserito da redazione il Gio, 2006-09-07 04:27


Sagre enogastronomiche. Calendario 2006 settembre-ottobre

Per chi ama gustare le specialità enogastronomiche emiliane, c'è chi offre un dettagliato calendario  delle varie iniziative che si svolgeranno nel corso dell'estate

nell'Alto ferrarese, nella Bassa bolognese, nella Bassa modenese, nel Basso mantovano e nel Medio-alto polesine.

E' in circolazione il depliant con il programma dettagliato, visibile anche sul sito www.sagreedintorni.it.

Ne riproduciamo  qui le pagine di settembre- ottobre

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Cento (Fe) | Modenaleggi tutto | letto 2782 volte

Inserito da redazione il Gio, 2006-06-15 06:16


Iniziative sull'acqua nel modenese

logo LEA * Martedì 6 giugno 2006 a Modena, in via Pomposiana 292, Marzaglia Nuova, nell'ambito di una settimana di iniziative del Laboratorio di Educazione Ambientale (LEA)
- ore 19,30 : Incontro pubblico "L'acqua bene comune dell'umanità", con Riccardo Petrella economista dell'Università Cattolica di Lovanio (Belgio).
- ore 21,30. Spettacolo teatrale "H2Oro- L'acqua un diritto dell'umanità"
Sabato 10 giugno a San Cesario sul Panaro, Villa Boschetti, Sala Grande
- ore 17  Incontro pubblico con la partecipazione di Emilio Molinari, Presidente del Comitato Italiano Contratto Acqua.
Proiezione del film "Chicago boys".
Inaugurazione della mostra "Vivere con l'acqua. In viaggio lungo il fiume Panaro"
- ore 21, al Parco di villa Boschetti, serata musicale con Eugenio Finardi 

Scritto in Modenaletto 1329 volte

Inserito da redazione il Ven, 2006-06-02 15:24


Iniziative alla Galleria Civica di Modena. Programma 2006

Alla Galleria Civica di Modena, ricco calendario di iniziative per il 2006.
Mostre, cataloghi pubblicazioni, didattica per bambini ed adolescenti, lezioni, dibattiti e momenti di approfondimento per adulti
filmstill, Bjørn Melhus, The Oral Thing, 2001, courtesy Galerie Anita Beckers, FrankfurtMostre:
Mentre è ancora in corso la mostra Egomania, importante collettiva coprodotta con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, inaugurata alla fine di gennaio ed allestita alla Palazzina dei Giardini e a Palazzo Santa Margherita in corso Canalgrande a Modena, sono già in cantiere quattro importanti mostre temporanee dedicate a protagonisti internazionali delle arti visive.
Il calendario espositivo delle mostre, concepite ad hoc per gli spazi specifici della Galleria Civica, apre con le personali di Adrian Paci (14 maggio - 16 luglio 2006, Palazzo Santa Margherita) e di Piero Gilardi (14 maggio - 16 luglio 2006, Palazzina dei Giardini) a cura di Angela Vettese.


Alla fine dell'estate, in concomitanza con il Festivalfilosofia il cui tema centrale, quest'anno, è dedicato all'Umanità, inaugureranno Ugo Rondinone (Palazzo Santa Margherita, 15 settembre 2006 - 6 gennaio 2007) a cura di Milovan Farronato in collaborazione con Angela Vettese e Yayoi Kusama (Palazzina dei Giardini, 15 settembre 2006 - 6 gennaio 2007) a cura di Angela Vettese. 
Dalla tematica dell'emigrazione, sulla quale si concentra la poetica di Adrian Paci, artista albanese che di recente ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali e che viene ospitato per la prima volta con una personale in una istituzione pubblica, allo straordinario mondo sempre in bilico tra natura e tecnologia di Piero Gilardi, artista piemontese, fra i più originali interpreti dell'arte italiana, considerato il precursore della cosiddetta arte relazionale, corrente artistica fondamentale degli anni Novanta.
La natura torna come voce imperante anche nell'espressione artistica di Ugo Rondinone, anch'egli ospite con una personale per la prima volta in uno spazio pubblico in Italia, mentre Yayoi Kusama sta progettando un vero e proprio allestimento pensato per gli spazi della Palazzina dei Giardini, un lavoro ad hoc declinato per i volumi luminosi e i vasti ambienti simmetrici aperti sulla natura dei giardini ducali. 
I molteplici aspetti della contemporaneità sono, secondo una linea già precisamente delineata dalla nuova Direzione della Galleria Civica, i veri protagonisti della proposta espositiva che si arricchisce, strada facendo, di iniziative ed eventi dedicati all'arte contemporanea, rivolti sia ai bambini che ad un pubblico adulto.

Scritto in Modenaleggi tutto | letto 1650 volte

Inserito da redazione il Ven, 2006-03-24 06:26


Mostra al Museo Civico Archeologico Etnologico di Modena

SGUARDI DA LONTANO

Fotografie di viaggio ed esplorazioni del mondo nelle raccolte del Museo Civico Archeologico Etnologico di Modena.

Mostra aperta dal 18 dicembre 2005 al 18 giugno 2006

Un mosaico di tessere in bianco e nero ,fatto di volti e luoghi che
raccontano un modo di guardare il mondo. Oltre settanta fotografie di viaggio tratte dall'archivio ottocentesco della sezione etnologica verranno esposte presso il Museo Civico Archeologico Etnologico. Una documentazione assolutamente inedita che viene presentata dal museo in collaborazione con le Raccolte Fotografiche Modenesi dopo un attento lavoro di studio e restauro fotografico. Ripercorrendo le rotte delle spedizioni oceaniche, dal Giappone alle Misiones del Chaco argentino, dalla Polinesia all'Oceano Indiano, dalle terre d'Africa fino alle regioni più remote della Nuova Guinea, l'obiettivo fotografico si fissa sui luoghi e sui volti di uomini e donne restituendo l'inquietudine inespressa dello sguardo dell' "altro".

Scritto in Modenaleggi tutto | letto 1641 volte

Inserito da redazione il Gio, 2006-01-12 08:09


"Il Chiostro dei desideri" a Modena

Smiley Natale a Palazzo S. Margherita a Modena. Dal 7 dicembre 2005

Primo desiderio del Chiostro dei desideri è quello di diventare un

chiostro della cultura. Una stanza a cielo aperto per artisti e

Scritto in Modenaleggi tutto | letto 1838 volte

Inserito da redazione il Gio, 2005-12-01 15:52


Una necropoli di 3500 anni fa a Casinalbo nel modenese

Vaso biconico e tazze carenate dalle terramare di Gorzano e S. Ambrogio. XVI-XIV secolo a.C.Riemerge una necropoli di 3500 anni fa (Notizia da Archivio del sito 2003)

Come organizzavano i loro villaggi gli uomini delle terramare, la più antica civiltà padana? Come abitavano e con quali riti oltrepassavano la soglia della morte? Una risposta a questi interrogativi potranno darla anche le centinaia di tombe ricche di reperti emerse a Casinalbo, nel Modenese, dove le ricerche condotte dal Museo Civico Archeologico Etnologico di Modena, in collaborazione con l'Università di Modena e Reggio Emilia e con il concorso del Comune di Formigine, hanno portato alla scoperta di un'importante necropoli dell'età del bronzo, risalente ad un periodo compreso fra il 1500 e il 1200 a.C.
Effettuato su concessione del Ministero per i Beni Culturali, lo scavo archeologico ha finora portato alla luce circa 400 tombe. Si tratta di una scoperta di eccezionale rilevanza archeologica per qualità e per quantità dei resti recuperati. Mai, prima d'ora, era stata trovata una necropoli tanto rilevante per antichità e consistenza nella zona a sud del Po.
La necropoli di Casinalbo, riferibile ad un villaggio terramaricolo situato originariamente nel luogo dove ora sorge la chiesa del paese, era già stata individuata alla fine del secolo XIX dall'archeologo modenese Arsenio Crespellani e fu indagata anche da Fernando Malavolti fra il 1949 e il 1950.
La ripresa degli scavi ha ora permesso di accertare che la necropoli è in realtà molto più estesa di quanto pensassero gli studiosi fino ad alcuni anni fa. Si valuta che originariamente fosse composta da circa 2000 tombe, molte delle quali sembrano essersi discretamente conservate. Gli scavi hanno già consentito di portarne alla luce diverse centinaia.

Scritto in Modenaleggi tutto | letto 1749 volte

Inserito da redazione il Mer, 2005-11-30 06:47

fonte XML