Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Area Metropolitana - ex Provincia


E' anche tempo di Carnevali nei paesi della pianura

Carnevali storici (e non solo) nella pianura bolognese e ferrarese
Numerosi Comuni della pianura bolognese vantano una storica tradizione di iniziative legate al carnevale, alcune che affondano le radici storiche lontane nel tempo, altre più recenti. Nel periodo che precede la Quaresima (ma non solo) sono molti gli appuntamenti per mascherarsi e “ribaltare il quotidiano” festeggiando lungo le vie principali dei nostri borghi. Scopriamo le date dei principali eventi; a breve sarà disponibile il programma completo di ogni singolo appuntamento.
- Budrio 25 febbraio - Strade mascherate, carnevale di strada a Budrio
Data da definirsi - Carnevale dei Bambini a Vedrana

- Castel Maggiore 18 e 19 marzo - Festa della Raviola e sfilata di carri allegorici a Trebbo di Reno

- Granarolo dell'Emilia: 5 marzo - a Granarolo -19 marzo a Cadriano
- Molinella  12 febbraio - a Marmorta - 19 febbraio - a Molinella
26 febbraio a San Martino in Argine -12 marzo -  a San Pietro Capofiume

- Pieve di Cento : 12 e 19 febbraio e 5 marzo - Cranvel dla Pìv
- San Giorgio di Piano - 25 febbraio - Carnevale dei bambini
- San Pietro in Casale - 19 e 26 febbraio - Cranvel ed San Pir in Casel
** Maggiori informazioni aggiornate sul sito
http://www.orizzontidipianura.it/interno.php?ID_MENU=6953&ID_PAGE=8188

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 596 volte

Inserito da redazione il Mer, 2017-02-08 09:28


La qualità della vita in provincia di Bologna. Confronti

Confronti con le altre grandi province italiane nel periodo 1998-2016
Elaborazione dei dati sulla qualità della vita nelle province italiane pubblicati dal Sole 24 Ore dal 1998 al 2016
PREMESSA
Da numerosi anni l’Area Programmazione, Controlli e Statistica del Comune di Bologna promuove studi e analisi sui temi che afferiscono alla qualità della vita delle cittadine e dei cittadini, con l’obiettivo del suo miglioramento continuo e nella convinzione che l’amministrazione della città si possa e si debba valutare in base all’impatto delle politiche pubbliche sulla vita delle persone.
In questa prospettiva vengono annualmente esaminati i risultati ottenuti dalla provincia di Bologna nelle classifiche sulla qualità della vita, diffuse dal quotidiano nazionale Il Sole 24 Ore a partire dal 1998 fino alla recente pubblicazione del dicembre 2016.
Questo studio rappresenta un’elaborazione di tali dati avente l’obiettivo di fare emergere la performance di Bologna, tra le 21 maggiori province italiane, sintetizzando in un unico indicatore i risultati delle classifiche annuali relative all’intero arco temporale 1998-2016.In questa edizione vengono presentate anche le classifiche relative a quattro sottoperiodi (1998-2002, 2003-2007, 2008-2012, 2013-2016) che consentono di osservare come Bologna, pur ottenendo il primo posto nella classifica generale 1998-2016, abbia avuto periodi nei quali ha ceduto questo primato, pur rimanendo saldamente ancorata al podio delle prime tre classificate.
Come ogni anno i risultati vengono presentati per aree tematiche i cui titoli, in quest’ultima edizione dell’indagine, sono stati leggermente modificati. Anche gli indicatori, peraltro, nel corso del tempo sono stati in parte cambiati, aggiunti o sostituiti da altri per ragioni di natura metodologica.
L’ormai consolidata indagine annuale del Sole 24 Ore sulla qualità della vita nelle province italiane utilizza numerosi indicatori che accomunano l’ambito di indagine del quotidiano economico a quello del progetto nazionale "BES - benessere equo e sostenibile" (www.misuredelbenessere.it/ ), primo tentativo italiano di sviluppare attraverso una prospettiva multidimensionale un sistema di misurazione
del benessere, nonché di UrBES, declinazione a livello locale del BES
(http://urbes.comune.bologna.it/ )
** Info da : Il Dirigente dell'Ufficio Comunale di Statistica Area Programmazione Controlli e Statistica Dott. Franco Chiarini - Area Programmazione, Controlli e Statistica piazza Liber Paradisus n.10 - Torre B 40129 Bologna
***Il documento leggibile in allegato sottostante

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Società oggileggi tutto | letto 678 volte

Inserito da redazione il Sab, 2017-01-28 17:28


Nei 7 Distretti Culturali della Città metropolitana. Tante iniziative

Il portale Cultura, che segnala eventi, rassegne, guide e progetti dei 7 Distretti del territorio ex provinciale e ora Città metropolitana, è rintracciabile ai link
http://www.cittametropolitan
a.bo.it/cultura/
Si segnala in particolare anche il sito
:
http://agenda.comune.bologna.it/cultura/


Da  vedere:
ART CITY BOLOGNA 27 - 29 gennaio 2017 | V edizione

Mostre, musei, luoghi d'arte in città in occasione di ArteFiera
http://agenda.comune.bologna.it/cultura/artcity

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 2775 volte

Inserito da redazione il Mer, 2017-01-25 15:30


Natale con i tuoi e Feste dove vuoi

PROGRAMMA DEGLI EVENTI NATALIZI, in territorio bolognese -ferrarese
Musica, cinema, spettacoli, incontri, mostre, laboratori e attività per grandi e piccini: tutta l'offerta culturale della città su
Bologna Agenda Cultura. L'app degli eventi culturali della città
http://agenda.comune.bologna.it/cultura/app/
http://www.museibologna.it/archeologico/eventi/47655 (*) vedi allegato
- Dal 2 dicembre 2016 all'8 gennaio 2017 - Cento e Pieve di Cento

Un calendario congiunto di eventi, per consentire alle comunità centese e pievese di conoscere entrambe le offerte e di potersi muovere tra i due centri storici attraverso un trenino su strada che, nei giorni 8, 11 e 18 dicembre attraverserà il Ponte Vecchio più volte durante l'arco della giornata.
Leggi tutto su: http://www.comune.cento.fe.it/primopiano/pagina2220.html e
http://www.comune.pievedicento.bo.it/notizie/2016/cento-e-pieve-unite-nel-natale
-I Comuni di Orizzonti di Pianura si vestono a festa per celebrare la magia del Natale. Nelle piazze addobbate e illuminate ci saranno mercatini, cori di canti tradizionali natalizi, specialità gastronomiche e vin brulé, per riscaldarsi durante una passeggiata in centro nei freddi pomeriggi di dicembre...
Presepi, mercatini e manifestazioni natalizie. I programmi, paese per paese, per scoprire le principali iniziative proposte dai Comuni per vivere insieme i giorni di festa
http://www.orizzontidipianura.it/interno.php?ID_MENU=3802&ID_PAGE=8030
- Bologna-Cittàmetropolitana
Sagre e feste - dicembre e gennaio Dicembre 2016 e gennaio 2017

Le sagre tipiche dell'inverno, le feste e i mercatini di Natale, i presepi più originali del territorio metropolitano, i concerti di Capodanno, la Befana e Sant'Antonio.
E’ online il calendario di dicembre e gennaio delle sagre, feste e mercatini a Bologna e provincia: un'occasione per conoscere luoghi suggestivi e assaporare cibi tradizionali nei luoghi tipici di produzione. Il programma completo:http://agenda.comune.bologna.it/cultura/app/ http://www.cittametropolitana.bo.it/turismo/Engine/RAServePG.php/P/292811570300/M/253311570604/T/T/Sagre-e-feste-Bologna-e-provincia-

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 427 volte

Inserito da redazione il Gio, 2016-12-08 09:15


La vera "historia" della festa della porchetta ad Anzola

La vera historia della piacevolissima festa della porchetta” in un recital storico ad Anzola Emilia
Domenica 13 novembre, il poemetto del cantastorie Giulio Cesare Croce (1550-1609) sarà protagonista, a partire dalle 18.00, di uno spettacolo- recital a tema storico in Piazza Giovanni XXIII ad Anzola Emilia.
La nota Festa della Porchetta che si organizzò a Bologna per oltre 600 anni, poeticamente descritta dal Croce, è infatti inserita nel calendario ufficiale di “Porco Mondo”, una serie di iniziative dedicate alla cultura del “nostro” animale padano per eccellenza, a cura della Pro Loco e dei commercianti locali.
La vera historia della piacevolissima festa della porchetta, con i suoi “fatti d’arme, d’amore e di festa”, sarà presentata da Paola Rubbi, introdotta da Gian Paolo Borghi, declamata da Dario Mingarelli e intervallata da brani di musiche antiche eseguiti da Stefano Michelotti.
L’evento è promosso dal Comune di Anzola Emilia, in collaborazione con le Associazioni Ultimi Futuristi (U.f.O.), Vergato Arte e Cultura e il nostro Gruppo di Studi pianura del Reno.

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 463 volte

Inserito da redazione il Mer, 2016-11-09 17:24


Borghi e frazioni in musica 2016

La 17° edizione di Borghi e Frazioni in Musica è pronta e invita a “toccare ferro” perché i dodici concerti in programma per questo 2016 si svolgano sotto un cielo stellato e un venticello fresco, che allevii la calura estiva.
Ecco il programma completo
- Lunedì 20 giugno a Castel Maggiore
- Mercoledì 22 giugno a San Pietro in Casale
- Lunedì 27 giugno a Bentivoglio
- Martedì 28 giugno a San Giorgio di Piano
- Mercoledì 29 giugno a Castenaso
- Lunedì 4 luglio a Castel Maggiore
- Martedì 5 luglio a Budrio
- Mercoledì 6 luglio a San Pietro in Casale
- Venerdì 8 luglio a Argelato
- Martedì 12 luglio a San Giorgio di Piano
- Mercoledì 13 luglio a Pieve di Cento
- Giovedì 14 luglio a Argelato

*Da quest’anno “Borghi e Frazioni in Musica” si fa in due: oltre al calendario dei concerti serali, infatti, nascono i BORGHI LAB: tre appuntamenti per confrontarsi all’aria aperta con i musicisti ospiti della rassegna.
Laboratori sono gratuiti e si svolgono direttamente nel luogo del concerto, al pomeriggio dalle 16.30 alle 18: basta iscriversi su www.borghiefrazioniinmusica.it e portare con sé curiosità e volendo anche il proprio strumento!
***Maggiori info: http://www.orizzontidipianura.it/interno.php?ID_MENU=6081&ID_PAGE=6082
www.borghiefrazioniinmusica.it
su Facebook https://www.facebook.com/borghiefrazioniinmusica

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 718 volte

Inserito da redazione il Sab, 2016-06-18 07:11


Sagre e feste nel territorio bolognese, giugno - luglio

Sagre locali, grandi e piccole, per conoscere luoghi suggestivi e assaporare cibi tradizionali nei luoghi tipici di produzione. La pubblicazione offre una descrizione sintetica delle manifestazioni enogastronomiche nei comuni del territorio bolognese, inclusa Bologna. I mesi di giugno e luglio nel territorio bolognese portano con sé tutto il sapore della frutta estiva locale, dalle albicocche ai cocomeri alle ciliegie, ma anche i gusti decisi delle specialità montanare preparate nei suggestivi borghi appenninici. Il nuovo numero di "Sagre e Feste del territorio bolognese" ci conduce alla scoperta di questi sapori, itinerari di gusto che intersecano paesaggio e tradizioni unici.
Grande spazio è dedicato ai prodotti della terra stagionali, come le ciliegie, le albicocche, il grano, le cipolle e il primo tartufo nero estivo, oppure alle preparazioni tipiche localoi che diventano l'anima della festa: tra questi il borlengo, la ficattola, la raviola, il ciaccio, il maccherone al pettine e la lasagna. Sapori tipici da accompagnare con vini tipici, nei Borghi di...vini dell'Appennino o tra i filari dei colli bolognesi.
Notti bianche, celesti e blu ci permettono di godere appieno della frescura serale, mentre le coinvolgenti rievocazioni storiche ci daranno un assaggio, anche gastronomico, delle vicende medievali (Festa dell'Abbazia e Corte della Seta), rinascimentali (Palio del Torrione e Feste Rinascimentali) e celtiche (I fuochi di Taranis) che hanno plasmato la storia del territorio bolognese.
Tra i tanti eventi prossimi segnaliamo:
- 18 giugno - 30 luglio Borghi di...Vini nell'Appennino bolognese
***Il calendario in dettaglio su
- http://www.cittametropolitana.bo.it/turismo/Engine/RAServePG.php/P/292311570600/T/Sagre-e-feste-del-territorio-bolognese-Giugno-e-luglio-2016

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 533 volte

Inserito da redazione il Sab, 2016-06-18 06:50


Occupazione e attività nella Città metropolitana. Dati 2015

Nel 2015 gli occupati della Città metropolitana di Bologna sono complessivamente circa 442.600, circa 1.400 in meno rispetto al 2014 (-0,3%). Il calo degli occupati maschi (circa 4.500 unità, pari al -1,8%) ha più che compensato l’aumento delle donne lavoratrici (circa 3.000 unità pari al +1,5%). Nel comune di Bologna risultano occupati circa 173 mila individui pari al 39% dei lavoratori su scala metropolitana.
La Città metropolitana di Bologna nel 2015 si posiziona in testa alla graduatoria delle principali province italiane per tasso di occupazione totale, maschile e femminile.
Rispetto al settore di attività economica l’industria risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2014 e dà lavoro a circa 124.000 persone, pari al 28% dell’occupazione provinciale. Stabile anche il settore dei servizi, dove lavora la maggior parte degli occupati (70,7% pari a 313.000 persone).
Per quanto concerne la disoccupazione, nell'intera area metropolitana bolognese il numero delle persone in cerca di lavoro risulta di poco superiore ai 34.500 individui, con un lievissimo incremento rispetto al 2014 (circa 1.000 unità pari al +2,9%). Nel comune di Bologna i disoccupati sono circa 14.000 e rappresentano oltre il 40% del totale metropolitano.
Nel 2015 il tasso di disoccupazione della Città metropolitana si porta al 7,2% dal 7% fatto registrare nel 2014. L’analisi per genere evidenzia un leggero calo nell’ultimo anno della disoccupazione femminile, passata dall’8,4% del 2014 all’8,1% del 2014, mentre quella maschile (6,5%) cresce di oltre mezzo punto percentuale.
La Città metropolitana nel 2015 occupa la terza posizione nella graduatoria delle principali province italiane per minor tasso di disoccupazione.
Passando infine alla disoccupazione giovanile, si evidenzia per i giovani tra i 18 e 29 anni un lievissimo miglioramento: il 2015 si chiude con un tasso di disoccupazione al 23,8% contro il 24% del 2014.
Per consultare lo studio si veda all'indirizzo
http://www.comune.bologna.it/iperbole/piancont/MercatoLavoroBologna/Mercato%20del%20lavoro_2015.pdf
Le imprese a Bologna nel 2015

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Economia e Societàleggi tutto | letto 1157 volte

Inserito da redazione il Mar, 2016-04-26 07:39


Scenari demografici per la Città metropolitana

Scenari demografici per la Città metropolitana al 2030
La popolazione della Città metropolitana dovrebbe continuare ad aumentare anche nei prossimi quindici anni, fino a superare il milione e 30.000 abitanti: questo è uno dei principali risultati delle previsioni demografiche, elaborate dall’Area Programmazione Controlli e Statistica, diffuse con riferimento all’intero ambito metropolitano.
Il report che ho il piacere di inviare in allegato unitamente ad una breve sintesi, presenta i dati elaborati secondo tre scenari alternativi, fa seguito a uno primo studio focalizzato sull’evoluzione futura della popolazione residente nel comune di Bologna. I risultati emersi in quella sede vengono ripresi e confrontati con quelli relativi all’insieme degli altri comuni dell’area e alla Città metropolitana nel suo complesso.
Tra le altre conclusioni cui si perviene emergono, con particolare evidenza, l’intensificarsi nella Città metropolitana del processo di invecchiamento della popolazione, un probabile calo delle nascite (e dunque delle leve demografiche più giovani) e un saldo migratorio ancora attivo, seppure più contenuto rispetto ai valori molto più elevati raggiunti in tempi recenti.
Illustrata in Commissione Consiliare la situazione reddituale dei contribuenti bolognesi
Nella seduta della Terza Commissione Consiliare "Attività produttive, commerciali e turismo" tenutasi nella giornata del 7 aprile il Capo Area Programmazione, Controlli e Statistica dr. Gianluigi Bovini ha effettuato una presentazione sui redditi dichiarati dai contribuenti bolognesi nel periodo 2002 – 2013. La presentazione analizza le dichiarazioni dei redditi presentate dalle cittadine e dai cittadini bolognesi, evidenziando come sono mutate le disuguaglianze fra generi, generazioni e territori negli anni della crisi.
La presentazione è consultabile all'indirizzo
** http://www.comune.bologna.it/iperbole/piancont/Redditi/Presentazione%207%20aprile%202016%20redditi.pdf
- I bolognesi residenti all'estero al 31 dicembre 2015
Sono oltre 16.200 i bolognesi iscritti all'Anagrafe dei cittadini Italiani Residenti all'Estero (AIRE); fra questi ben il 60% è nato all'estero e quasi il 20% non ha mai abitato in Italia. Oltre un quarto ha tra i 30 e i44 anni (27%); gli uomini rappresentano il 52%. In testa ai paesi d'adozione vi sono il Regno Unito (1.788), il Brasile (1.776) e gli Stati Uniti (1.476).
Il flusso di emigrati italiani da Bologna verso l'estero negli ultimi cinque anni si è intensificato (in complesso circa 3.500 espatri nel quinquennio, di cui 745 nel 2015). L'emigrato italiano che lascia la nostra città per un paese straniero è giovane (oltre un terzo ha meno di 30 anni)
e ha scelto di trasferirsi soprattutto nel Regno Unito (656), in Francia (317) e negli Stati Uniti (314).
Per consultare la nota si veda all'indirizzo
*** http://www.comune.bologna.it/iperbole/piancont/noterapide/popolazione/Aire/Aire_2016.pdf

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Società oggileggi tutto | letto 796 volte

Inserito da redazione il Mar, 2016-04-26 07:24


Biografie online di 23.000 antifascisti bolognesi

Online 23.000 biografie di partigiani ed antifascisti -
S
ono oltre 23.000 le biografie pubblicate sul sito www.storiaememoriadibologna.it . Si tratta di storie straordinarie di uomini e donne che hanno messo in pericolo la loro vita per il bene delle generazioni future: attraverso le loro biografie, si rinnova la memoria di quelle eroiche vicende che, spesso nella loro "normalità", hanno reso possibile la legittima speranza di libertà in cui ora viviamo. Il sito è aperto al contributo di tutti coloro che possiedono materiale dei partigiani: lettere, foto, documenti non presenti sul portale.
Luoghi, episodi e persone che hanno fatto la storia bolognese degli ultimi secoli, in particolare dal Risorgimento alla seconda Guerra mondiale, rivivono nel nuovo portale “Storia e Memoria di Bologna”.
Le biografie dei protagonisti (artisti, politici, caduti in guerra, partigiani) si connettono in modo dinamico con le località, con gli eventi o con le battaglie che li hanno visti vivere o morire; con i monumenti che li ricordano, con le opere d'arte che li hanno resi celebri; con i documenti conservati in archivi pubblici e privati che, fino a ieri, erano conosciuti solo da pochi addetti ai lavori, o con contenuti multimediali.
Navigando tra i diversi “scenari”, si può passare dalla microstoria familiare o cittadina, alla Storia nazionale e mondiale, dalle informazioni generali fino all'indagine più approfondita.
Informazioni in dettaglio sulla Resistenza nel bolognese in particolare, sono leggibili alle voci:
* http://www.storiaememoriadibologna.it/archivio/persone/
**http://www.storiaememoriadibologna.it/archivio/luoghi/
***http://www.storiaememoriadibologna.it/archivio/formazioni-politiche-e-militari
****http://www.storiaememoriadibologna.it/archivio/giornali/
e DIZIONARIO BIOGRAFICO online
Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese: 1919-1945

a cura di Alessandro Albertazzi, Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri.
Istituto per la storia della resistenza e della società contemporanea nella provincia di Bologna "Luciano Bergonzini", Istituto per la Storia di Bologna, Comune di Bologna, regione Emilia Romagna, 1985-2003
http://www.comune.bologna.it/iperbole/isrebo/strumenti/strumenti.php

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 814 volte

Inserito da redazione il Dom, 2016-04-24 08:08


Bibliografia per la Liberazione, nel bolognese e in Italia

BIBLIOGRAFIA PER LA “LIBERAZIONE”
25 APRILE 1945 – 25 APRILE 2015

In occasione della celebrazione del 70° anniversario della Liberazione le Bibliotecheassociate hanno raccolto i loro patrimoni perchè siano conosciuti e disponibili in questa particolare ricorrenza con questa speciale Bibliografia pubblicata sul sito.

http://www.bibliotecheassociate.it/wp-content/uploads/2015/04/BIBLIORESISTENZA.pdf
La bibliografia è il frutto di una ricerca condotta da Concetta Caselli sul catalogo collettivo delle biblioteche del Distretto Culturale Pianura Est, coordinate da Maria Tasini, al 28 febbraio 2015, incrociando diversi parametri di ricerca.
In particolare per i titoli più datati, oggetto di molteplici edizioni nel corso del tempo, si è scelto di indicare solo l’edizione principale omettendo le ristampe identiche e poi, ove presenti, le successive edizioni con contenuti aggiuntivi o diversi.
Data la mole del materiale individuato, al fine di orientare la consultazione, si è scelto di suddividerlo in quattro sezioni, di cui tre legate all’ambito geografico della vicenda storica del periodo della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo e la quarta alla tipologia del materiale stesso, che esprime il punto di vista vissuto dei protagonisti di tale vicenda.

** Le sezioni sono:
Bologna e provincia (77 titoli)
Emilia Romagna (41 titoli)
Italia (150 titoli)
Diari, memorie e testimonianze (70 titoli)
I titoli all’interno delle quattro sezioni sono presentati in ordine alfabetico (riferito alla prima parola significativa del titolo), accompagnati da una descrizione bibliografica semplificata e dalle localizzazioni delle biblioteche che possiedono i materiali

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 1189 volte

Inserito da redazione il Sab, 2016-04-23 09:05


Sagre e feste nel bolognese aprile-maggio 2016

Sagre e feste del territorio bolognese - pubblicazione aprile e maggio 2016
Sagre grandi e piccole per conoscere luoghi suggestivi e assaporare cibi tradizionali nei luoghi tipici di produzione. La pubblicazione offre una descrizione sintetica delle manifestazioni enogastronomiche nei comuni del territorio bolognese, inclusa Bologna.
Il numero di aprile e maggio ci accompagna nel cuore degli appuntamenti primaverili, tra i colori delle tante feste dei fiori e degli aquiloni, i festeggiamenti per la rinascita della terra cui sono dedicate le feste dell'agricoltura e la festa delle spighe e gli altri appuntamenti incentrati sui delicati sapori delle primizie stagionali, come la sagra dell'asparago verde di Altedo IGP.
La primavera ci porta inoltre nei luoghi della Memoria, in occasione delle celebrazioni del 25 aprile, e nella natura per incontrare le feste del 1 maggio, tra passeggiate e merende gustose.
E infine tante rievocazioni storiche ci riportano indietro nel tempo sulle tracce di storie e leggende del passato, tra sfilate in costume, mercatini medievali e menù a tema per riscoprire pietanze dimenticate.
Tra i tanti eventi segnaliamo:
- 12-22 maggio Sagra dell’asparago verde di Altedo I.G.P a Altedo di Malalbergo
- 27-29 maggio Sagra della Badessa a Ozzano dell'Emilia
- 27 maggio-5 giugno Sagra dell’agricoltura a Mordano
Documento in formato Adobe Acrobat Scarica il pieghevole "Sagre e feste nel territorio bolognese - Aprile e maggio 2016 (572KB) http://www.cittametropolitana.bo.it/turismo/Engine/RAServePG.php/P/292011570300/M/253311570604/T/T/Sagre-e-feste-Bologna-e-provincia-

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 588 volte

Inserito da redazione il Mer, 2016-04-20 06:54


Natura di pianura, da conoscere

Natura di pianura. Gli appuntamenti primaverili
In programma per tutta la primavera e l'inizio dell'estate, a partire da sabato 2 aprile fino al 23 luglio, una serie di attività didattiche e naturalistiche nelle aree protette della pianura, nell'ambito della Convenzione Gestione Integrata delle Aree Protette della Pianura.
Incontri, visite e sopralluoghi per la conoscenza e l'approfondimento in materia di conservazione di habitat e specie della pianura. I luoghi  di incontro e visita si trovano a Bentivoglio (Oasi la Rizza), Nonantola, S. Pietro in Casale (Rubizzano), S. Giovanni in Persiceto (casa della natura), Pieve di Cento (Area Bisana) e altri.
Tutte le attività sono gratuite ma è gradita la prenotazione.
Tra gli appuntamenti, giovedì 2 giugno l'attività didattico-naturalistica all'Area di Riequilibrio Ecologico Golena San Vitale: una visita guidata per raccontare la natura, le piante e gli animali di questo “bosco alle porte della città”.  In caso di maltempo la visita è rimandata al 5 giugno.  Il calendario degli eventi è leggibile su:
 http://www.comune.bologna.it/news/natura-di-pianura-gli-appuntamenti-primaverili#sthash.AkRdcL92.dpuf  

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 730 volte

Inserito da redazione il Sab, 2016-04-02 04:39


Sagre e feste natalizie nel territorio bolognese

Sagre e feste del territorio bolognese
dicembre 2015 e gennaio 2016

Sagre grandi e piccole per conoscere luoghi suggestivi e assaporare cibi tradizionali nei luoghi tipici di produzione. La pubblicazione di un depliant offre una descrizione sintetica delle manifestazioni enogastronomiche dei 56 comuni del territorio bolognese, inclusa Bologna.
Questo numero contiene anche una sezione dedicata a Presepi e Mercatini di Natale: presepi un po' speciali, dai presepi viventi di Cadriano (Granarolo dell'Emilia), Molinella, Sant'Agata Bolognese, Pietracolora (Castel d'Aiano), Granaglione, Castiglione dei Pepoli e Dozza, alle mostre di presepi, grandi e piccole, che punteggiano l'intera provincia, fino ai mercatini di Natale, presenti praticamente ovunque.
Una delle più classiche tradizioni invernali delle campagne bolognesi è la lavorazione della carne di maiale : la
Festa del ninén (Sant'Agata Bolognese), l'Invstîdura dal ninén (San Giorgio di Piano) e la Festa del maiale (San Gabriele di Baricella) rievocano, attraverso le sapienti mani dei mastri norcini, quella che fino a qualche tempo fa era una pratica molto diffusa nelle corti del contado.
Tra feste di Capodanno, cenoni, concerti e falò, una menzione particolare spetta ai Fuochi piromusicali di Imola, grande spettacolo di luci e colori a tempo di musica davanti alla Rocca Sforzesca.
Durante le feste si usa fare dei grandi falò, del vecchione a Capodanno e della "vecia", la befana, per l'Epifania: Befana Maggi (Sant'Agata Bolognese) e A brusa la Vecia (San Matteo della Decima) ripropongono la tradizione di bruciare grandi fantocci nelle campagne.
Il
17 gennaio, infine, arrivano le feste di Sant'Antonio Abate , protettore degli animali, tra cui si segnala quella che si svolge nell'antico borgo di Castelluccio (Porretta Terme).
Maggiori particolari e calendario completo sul sito:
http://www.cittametropolitana.bo.it/turismo/Engine/RAServePG.php/P/290911570300/M/253311570604/T/T/Sagre-e-feste-Bologna-e-provincia-

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialetto 676 volte

Inserito da redazione il Mer, 2015-12-09 07:31


Dossier statistico Immigrazione a Bologna 2015

Dossier Statistico Immigrazione 2015
I dati nazionali e metropolitani (anche su Video sul sito sottoindicato)
Il 29 ottobre 2015 è stato presentato in contemporanea a livello nazionale il Dossier Statistico Immigrazione 2015, curato dal Centro Studi e Ricerche IDOS in parternariato con la rivista CONFRONTI, in collaborazione con UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.
A Bologna la presentazione è avvenuta a palazzo Malvezzi, sede della Città metropolitana, dove contestualmente sono stati presentati i primi dati del Rapporto “Cittadini stranieri nell’area metropolitana di Bologna: caratteristiche e tendenze 2015”, riferiti al profilo socio-demografico dei cittadini stranieri ed al loro inserimento nel mercato del lavoro.
Il Rapporto, realizzato dalla Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo per l'Osservatorio delle Immigrazioni della Città metropolitana di Bologna, sarà completato entro dicembre 2015 con la sezione dedicata a scuola, formazione e università, casa, sanità, servizi socio-sanitari e giustizia.
Dossier statistico immigrazione 2015, a cura di Rainews24
Stranieri residenti nell’area metropolitana di Bologna

Secondo la ricerca, al 1° gennaio 2015 gli stranieri residenti nell’area metropolitana di Bologna risultano 116.034, pari all’11,5% della popolazione residente complessiva, dato in controtendenza rispetto alla flessione seppur minima registrata fra il 2013 e il 2014.
La metà (57.979, pari al 50%) risiede a Bologna dove costituisce il 15% del totale della popolazione residente. Nel territorio metropolitano il primato spetta a Crevalcore (15,4%). Al terzo posto è Vergato (14,6%).
Nel corso degli anni Duemila, la popolazione residente complessiva è aumentata di circa di 91mila persone, quella italiana di circa 7.700 (+0,9%) mentre quella straniera di oltre 83mila (+255,6%). Il saldo naturale (la differenza tra le nascite e le morti) continua a rimanere di segno negativo per la componente italiana, mentre è altamente positivo – e per di più con un peso crescente – per quella straniera, per la quale si aggiunge anche un marcato contributo del saldo migratorio.
Acquisizioni di cittadinanza
Fra il 2012 e il 2014 sono aumentate del 67%. Erano 300 casi nel 2002, diventati circa 1.000 nel 2005 e 2006 e oltre 3.100 nel 2014. Quindi i neo-italiani residenti si sono più che decuplicati in poco più di dieci anni, riducendo di conseguenza il numero dei residenti stranieri.
Gruppi nazionali
Al 1° gennaio 2015, i rumeni si riconfermano i più numerosi con quasi 23mila residenti, pari al 19,8% del totale delle presenze straniere. Al secondo posto sono i cittadini del Marocco (12,5%) e al terzo gli albanesi (7,1%), seguiti da moldavi e pakistani.
Si conferma la prevalenza di donne straniere. Nel 1993 costituivano poco più di un terzo degli stranieri residenti, dal 2007 erano diventate più della metà, nel 2015 sono il 54,4%.
Minori
I minori stranieri residenti nei comuni dell’area metropolitana di Bologna al 1° gennaio 2015 sono oltre 25mila, pari al 16,3% del totale dei minori residenti. Il dato evidenzia il notevole peso assunto dagli stranieri sul totale della popolazione giovanile residente nel territorio.
Parte di loro sono bambini stranieri nati nell’area; nel 2014 sono stati 1.869, il 22,6% del totale dei nati nell’anno. Nel comune di Bologna l’incidenza di nati con cittadinanza non italiana è anche maggiore: 27,9% nel 2014.
Permessi di soggiorno
Al 1° gennaio 2014 (ultimo dato disponibile) gli stranieri extracomunitari in possesso di regolare permesso di soggiorno rilasciato dalla Prefettura di Bologna risultavano 87.600, ovvero +4,7% rispetto alla stessa data del 2013.
L’incremento del ricorso al permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo conferma la progressiva stabilità del fenomeno migratorio: per il territorio bolognese riguarda oltre 49mila cittadini extracomunitari (+8,8% rispetto all’anno precedente e +33,9% in quattro anni).
Questo tipo di permesso è progressivamente aumentato rispetto al numero di cittadini non comunitari residenti. A livello provinciale, nel 2011 si registravano meno di 46 soggiornanti di lungo periodo ogni 100 cittadini extracomunitari regolarmente presenti sul territorio; la percentuale è salita nel 2012 al 49,4%, al 54,1% al 1° gennaio 2013 e infine si è attestata al 57,0% nel 2014.
* Le versioni integrali dei dati del Rapporto “Cittadini stranieri nell’area metropolitana di Bologna: caratteristiche e tendenze 2015” riferiti al profilo socio-demografico dei cittadini stranieri ed al loro inserimento nel mercato del lavoro sono disponibili su:
- http://www.cittametropolitana.bo.it/portale/Engine/RAServePG.php/P/2205410010400/T/Cittadini-stranieri-in-provincia-di-Bologna-caratteristiche-e-tendenze-edizione-2015  
- www.cittametropolitana.bo.it/sanitasociale/Engine/RAServePG.php/P/257211180406/T/Dossier-e-documenti
**Maggiori informazioni sulle attività della Città Metropolitana di Bologna sui temi dell'immigrazione sono disponibili su: www.cittametropolitana.bo.it/immigrazione
- Info A cura di Ufficio stampa. Data ultimo aggiornamento: 29-10-2015

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bologna | Società oggileggi tutto | letto 1046 volte

Inserito da redazione il Sab, 2015-10-31 07:58


Festa della Storia 2015

Dal 17 al 25 ottobre, Festa della Storia organizzata dall'Università di Bologna. Quest'anno alla sua dodicesima edizione col sottotitolo
IL LUNGO CAMMINO DELLE LIBERTA' E DEI DIRITTI
Il programma comprende parecchi temi di interesse locale e di interesse generale, come la Grande Guerra e le guerre attuali,  Dante Alighieri nel 750° anniversario dalla nascita, il rapporto con l'Islam, la cultura ebraica e tanto altro, che coinvolgerà tutti i musei di città e provincia, scuole, teatri e tante istituzioni culturali.
Ecco il link al programma:
http://www.festadellastoria.unibo.it/programma/programma-2015
- Si partirà Sabato 17 ottobre a BOLOGNA, Chiesa Santa Sofia,Via Saragozza - Meloncello
Ore 10.00 – 13.00, con la XIII edizione del PASSAMANO PER SAN LUCA. L'evento coordinato dall'Associazione Amici della Festa Internazionale della Storia e a cura di Dante Dondarini si svolge nel trecentesimo anniversario della conclusione del Portico di San Luca e nel trecentocinquantesimo anniversario dell'Arco Bonaccorsi. Lungo il portico di San Luca, dall’arco del Meloncello alla Basilica di San Luca, Passamano con le bandiere del mondo.
Nel piazzale della Basilica si svolgerà la premiazione delle scuole partecipanti al concorso Le radici per volare. Contessa e regina: Matilde di Canossa”
Fra i tanti eventi che si susseguiranno in questa e nelle giornate successive a Bologna, nell'area collinare e in pianura, da Budrio, a S. Giovanni in Persiceto, ricordiamo in particolare:
- MEDICINA , Museo Civico Via Pillio, 1 Ore 10.00-12.00
Apertura straordinaria del museo e inaugurazione del nuovo allestimento della sezione etnografica. Alle ore 11.00, visita guidata gratuita.
- SANT’AGATA BOLOGNESE Palazzo Comunale Via 2 agosto 1980, 118
Ore 10.30 Visita guidata alla mostra Vita ed economia nella pianura bolognese tra l’età romana e il Medioevo. La visita all’esposizione permette di approfondire interessanti aspetti legati alle molteplici attività svolte quotidianamente in antico nelle nostre campagne. Dal grande complesso produttivo di età romana rinvenuto a Sant’Agata Bolognese al pozzo per approvvigionamento idrico ad esso pertinente, completamente scavato fino a circa 10 m di profondità, fino ai resti di una sepoltura romana vediamo delinearsi l’immagine di un territorio popolato e produttivo fin dall’antichità. Inoltre, la visita intende focalizzare aspetti collegati all’economia e all’alimentazione in età romana. A cura del Museo Archeologico Ambientale. Info: 051-6871757.
-Mercoledì 21 ottobre a BOLOGNA Biblioteca dell'Archiginnasio Sala Stabat Mater Piazza Galvani, 1, Ore 16.00
Dai Sampieri ai Talon. Tradizioni familiari e collezionismo”, visita alla mostra documentaria condotta da Romolo Dodi. La mostra che rende pubblico il prezioso contributo della famiglia Talon all'archivio della Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio racconta la storia della famiglia Sampieri e della famiglia Talon, la loro presenza nella città di Bologna attraverso palazzi, ville e tombe di famiglia, la presentazione del loro patrimonio artistico nei secoli dell'Ancien Règime e della successiva destinazione in collezioni private e pubbliche. La mostra sarà aperta al pubblico da metà ottobre 2015 a metà gennaio 2016. A cura della Biblioteca dell’Archiginnasio.
** A riconoscimento delle sue elevate finalità culturali e della sua qualità scientifica il Presidente della Repubblica SERGIO MATTARELLA ha concesso il suo Alto Patronato alla XII edizione della "Festa internazionale della Storia".


Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialetto 894 volte

Inserito da redazione il Mer, 2015-09-30 06:10


Feste del volontariato 2015 a Bologna e provincia

Dal 5 settembre all’11 novembre è in svolgimento l’undicesima edizione di Volontassociate, la tradizionale festa del Volontariato e dell’Associazionismo bolognese; tredici feste dedicate alla solidarietà e alla cittadinanza attiva animeranno i week-end in tutto il territorio metropolitano.
***Il calendario , il
programma completo delle singole feste e i l materiale promozionabile è consultabile all’indirizzo http://volontassociate.volabo.it/programma.php?titolo=programma
- Per
domenica 13 gli appuntamenti sono a Bologna-Giardini Margherita, a partire dalle ore 11 e a Castello d'Argile, a partire dalle ore 15.
Le associazioni invitano le cittadine e i cittadini a partecipare al ricco programma di iniziative proposte,
con Stand informativi, laboratori, mostre, performance sportive, dimostrazioni di Pronto Soccorso, giochi per bambini e adulti.
In particolare a Castello d'Argile nel corso della manifestazione verrà consegnato un mezzo di trasporto assistenziale donato dalle aziende del territorio e il ricavato dello stand gastronomico sarà devoluto al Comune per i progetti speciali di sostegno all'emergenza lavoro.
Il
Gruppo di Studi pianura del Reno, partecipa come sempre con uno stand informativo e una mostra fotografica di Franco Ardizzoni.
*Per informazioni: www.volontassociate.it Città Metropolitana di Bologna - Ufficio Terzo Settore
Tel. 051.659.9239-8276 | ufficio.terzosettore@cittametropolitana.bo.it www.cittametropolitana.bo.it/nonprofit
VOLABO – Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna www.volabo.it    Ufficio stampa: comunicazione@volabo.it | Tel. 051.340328

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Castello d'Argileletto 910 volte

Inserito da redazione il Mer, 2015-09-09 08:00


Nuovo stemma per la Città Metropolitana di Bologna, con radici antiche

Scelto lo Stemma istituzionale e il Gonfalone della Città metropolitana
Il Leone di colore azzurro che innalza un vessillo tricolore con il motto Libertà in rosso. A destra del leone è riportata la scritta CITTÀ METROPOLITANA DI BOLOGNA.
Dopo il via libera del Consiglio, la Conferenza Metropolitana durante la seduta di giovedì 18 giugno ha approvato lo Stemma Istituzionale e il Gonfalone della Città metropolitana di Bologna.
La Città Metropolitana è subentrata alla Provincia di Bologna il primo gennaio 2015 a seguito dell'entrata in vigore della Legge 56/2014. Lo Statuto del nuovo Ente prevede che la Città Metropolitana di Bologna abbia un proprio Stemma e Gonfalone approvati dal Consiglio e dalla Conferenza Metropolitana dei Sindaci. Per lo studio e la realizzazione dello Stemma istituzionale e del Gonfalone si è costituito un gruppo di lavoro composto da comunicatori e grafici della Città Metropolitana e di Urban Center (che ha collaborato a titolo gratuito). Il percorso è iniziato individuando il messaggio che lo Stemma avrebbe dovuto veicolare: Città Metropolitana di Bologna come Ente “leggero”, a servizio del territorio, che rappresenta le comunità, promuove lo sviluppo civile, sociale, culturale ed economico, Ente di coordinamento dell’attività di Comuni e Unioni.
Il logo approvato tiene conto della necessità che la nuova Città Metropolitana ha di un’immagine forte che possa garantirne la massima riconoscibilità su tutti gli strumenti di comunicazione (cartellonistica, manifesti, volantini, pagine pubblicitarie, carta intestata, buste, biglietti da visita, portale, social network,…).
Il nuovo stemma ha conservato il Leone, scelto all'inizio del secolo scorso per la Provincia di Bologna. L’antico stemma araldico della Provincia di Bologna veniva così descritto nel Regio decreto che il 6 luglio 1933 concedeva alla Provincia di Bologna la facoltà di uso dello stemma: “D’azzurro al leone rampante d’oro che leva un vessillo a tre fasce, di verde e d’argento con motto: “Libertà”, e di rosso. Sotto la punta dello scudo la leggenda “Provincia di Bologna” scritta in oro su lista azzurra, accartocciata, bifida e svolazzante. Corona regolamentare racchiudente due rami, uno di alloro e uno di quercia”.
Lo stemma fu proposto da Paolo Silvani,
esimio studioso e profondo ricercatore delle patrie storie e tradizioni”, a cui il Rettorato aveva affidato l’incarico di compiere uno studio e presentare proposte al riguardo. Nella sua relazione Silvani spiega le ragioni storiche che lo hanno portato a proporre quello stemma quale simbolo della Provincia di Bologna e, a riprova delle sue affermazioni, compie un vero e proprio excursus storico, per assicurarsi che “quel complesso soggetto di diritto pubblico designato oggi colla espressione di ‘Provincia di Bologna’ sia stato contrassegnato ed individuato da un simbolo od emblema che a esso fosse proprio”.

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 1171 volte

Inserito da redazione il Mar, 2015-07-07 08:20


L'Archivio storico della (ex) Provincia è in nuovo sito on line

E' on line il nuovo sito dell'Archivio storico provinciale di Bologna
Il sito presenta servizi e patrimonio dell'istituto culturale, oggi gestito dalla Città metropolitana di Bologna, che conserva e mette a disposizione del pubblico una ricca documentazione relativa all'area bolognese (dal secolo XV al secolo XX) strettamente connessa a quella conservata presso gli altri archivi storici del territorio, comunali o di enti pubblici e privati. Oltre ai fondi storici (risalenti cioè ad almeno 40 anni fa) relativi all'attività della Provincia (oggi Città metropolitana) di Bologna, sono qui conservati anche quelli depositati da enti diversi, le cui competenze sono state ereditate dall'Amministrazione.

Tra gli ambiti di ricerca meglio documentati: il territorio, il paesaggio e le politiche territoriali, le politiche del lavoro; le istituzioni ospedaliere, scolastiche, assistenziali e termali. Nell'ambito delle sue competenze, la Provincia ha infatti realizzato gran parte delle infrastrutture e opere pubbliche del Bolognese e sviluppato interventi in materia di sanità, igiene, istruzione, assistenza alla maternità e all'infanzia che hanno portato all'istituzione di alcuni tra i più prestigiosi enti ospedalieri e scuole della città, quali l'Istituto Ortopedico Rizzoli, l'Ospedale Roncati, la Maternità, l'Istituto Pier Crescenzi e il Liceo Righi, conservandone la relativa documentazione.
Di particolare interesse la sezione dedicata ai "percorsi di ricerca" attraverso i documenti dell'Archivio su temi quali l'assistenza sociale e sanitaria, l'istruzione e la cultura, l'edilizia, la viabilità, il turismo: emergono tra le tante le storie degli "esposti" e dei "discoli" (gli ospiti cioè di due storiche istituzioni bolognesi come l'Ospedale dei Bastardini e la Casa di Correzione dell'Abbadia); l'impegno a partire dall'Unità d'Italia per la creazione di istituzioni educative e culturali adeguate ai tempi come la Scuola normale maschile destinata a formare i maestri elementari, la Cattedra ambulante di agricoltura, gli Istituti tecnici e i Licei scientifici come il Pier Crescenzi e il Righi; la creazione nel 1958 del Consorzio provinciale di pubblica lettura, uno dei primi enti culturali a livello nazionale a promuovere l'apertura e la presenza capillare di biblioteche e di punti di prestito sul territorio. E ancora, realizzazioni decisive per lo sviluppo del territorio bolognese come gli Ospedali Rizzoli e Roncati e la costruzione e manutenzione di importanti infrastrutture viarie.
http://www.cittametropolitana.bo.it/archiviostorico/Engine/RAServePG.php/P/595311390600/M/262111430410/T/On-line-il-nuovo-sito-dellArchivio-storico-provinciale

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 957 volte

Inserito da redazione il Gio, 2015-06-18 06:27


Borghi e frazioni in musica, parte la rassegna del 2015

17 Giugno – 16 Luglio 2015 - Borghi e Frazioni in Musica
Parte il 17 giugno,
con un grande concerto di apertura, a Santa Maria in Duno di Bentivoglio l’edizione 2015 di Borghi e Frazioni in Musica, la rassegna musicale che si svolge per il sedicesimo anno nei Comuni del Distretto culturale Pianura Est.
Promosso dall’Unione Reno Galliera (per conto dei Comuni di Argelato, Bentivoglio, Castello d’Argile, Castel Maggiore, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano e San Pietro in Casale) e dai Comuni di Budrio e Castenaso, insieme alla Città Metropolitana di Bologna, Borghi e Frazioni è ormai un appuntamento culturale imperdibile dell’estate nel nostro territorio, che quest’anno propone undici concerti, sempre sotto la direzione artistica dell’Associazione Culturale Bottega Bologna.
Lo spirito dell’edizione 2015 è riassunto nello slogan “Musica di Squadra”, per sottolineare una volta di più la collaborazione e la sinergia tra i vari soggetti che contribuiscono alla buona riuscita della manifestazione: gli enti pubblici promotori, gli organizzatori, i proprietari delle location dove si svolgono i concerti, gli artisti coinvolti, il fedelissimo pubblico, e – da quest’anno – anche la rete costruita con le associazioni culturali e di promozione sociale del territorio (tra cui il nostro Gruppo di Studi pianura del Reno), che arricchiranno ogni serata con contributi specifici. Insieme a loro, imprenditori impegnati nel porre in risalto i sapori della pianura e quindi l’alta qualità dell’enogastronomia locale, che unitamente ai luoghi storici fanno della “Bassa” bolognese un unicum........
Segue un calendario come sempre composito ed eterogeneo nei generi, con una predilezione verso formazioni giovani e i giovani talenti – già ampiamente osservati dalla critica – affiancati a nomi consolidati del panorama musicale italiano e non solo.......
* Tutti i concerti sono a ingresso gratuito e hanno inizio alle ore 21.30.
Dalle ore 20 iniziano le altre attività di intrattenimento; degustazioni e cene a partire da euro 5
. Locandine e depliant sono reperibili presso biblioteche e vari  luoghi pubblici.
**Per ogni ulteriore informazione visitare il sito www.borghiefrazioniinmusica.it o la pagina Facebook www.facebook.com/borghiefrazioniinmusica
Segue un calendario come sempre composito ed eterogeneo nei generi, con una predilezione verso formazioni giovani e i giovani talenti – già ampiamente osservati dalla critica – affiancati a nomi consolidati del panorama musicale italiano e non solo......

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bentivoglioleggi tutto | letto 1068 volte

Inserito da redazione il Sab, 2015-06-13 05:31


Dalla Linea Gotica alla Liberazione di Bologna. Rievocazioni

Linea Gotica. Dallo sfondamento della Grune Linie in Appennino alla liberazione di Bologna
Iniziativa progettata da Pro Loco di Monteacuto delle Alpi e realizzata in collaborazione con Unione Comuni Appennino Bolognese, Unione Alto Reno, Comune di Lizzano in Belvedere.
Terza edizione per
Linea Gotica, manifestazione itinerante di rievocazione storico militare sulla battaglia di sfondamento in Appennino Bolognese (1944/45) della Linea Gotica (Grune Linie) tenuta dai tedeschi della Wehrmacht, da parte delle truppe alleate (10/a Divisione Americana), della Fuerza Expedicionaria Brasilena e dei Partigiani. Dal 18 al 26 aprile e dal 17 al 21 giugno, un nutrito programma di iniziative nei principali Comuni dell’Appennino bolognese coinvolti nel conflitto più sanguinoso della storia moderna: giornate di rievocazione storico militare, interviste, libri, dibattiti, film, diorami, mezzi militari, balli, musica con appuntamenti a: Marzabotto, Vergato, Monzuno, Castel d'Aiano, Gaggio Montano, Lizzano in Belvedere e Monteacuto delle Alpi
Info: 3401841931, www.monteacutodellealpi.org ; IAT Lizzano in Belvedere 053451052; www.lineagotica1944.com
http://www.cittametropolitana.bo.it/cultura/Engine/RAServePG.php/P/588111390600/T/Linea-Gotica-Dallo-sfondamento-della-Grune-Linie-in-Appennino-alla-liberazione-di-Bologna

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 772 volte

Inserito da redazione il Mar, 2015-04-28 08:06


70° Anniversario Liberazione. Le iniziative a Bologna e dintorni.

I 70 anni dalla Liberazione sono un momento di celebrazione, di riflessione e anche di festa per far conoscere e riportare alla memoria i momenti che segnarono – dopo anni di dolore e distruzione – la fine della guerra e del fascismo e l’avvio della rinascita di Bologna, del Paese e dell’Europa. Ampio il programma delle iniziative a Bologna, nell'area metropolitana e nell'Unione dei comuni Reno Gallieraleggibile ai siti seguenti:
- http://www.comune.bologna.it/news/le-iniziative-celebrare-il-70-anniversario-della-liberazione
- http://www.cittametropolitana.bo.it/portale/Engine/RAServePG.php/P/2105910010400/T/25-Aprile-2015-70-Anniversario-della-Liberazione
- http://www.renogalliera.it/news-unione/in-primo-piano/25-aprile-e-1-maggio-nei-comuni-della-reno-galliera

* Si segnala in particolare a Bologna:
da lunedì 20 nel Cortile d'Onore, anche uno dei mezzi simbolo dell'esercito alleato, costruito per la campagna in Europa: una delle jeep Bantam BRC custodita dal Museo Memoriale della libertà; dal 27 aprile al 4 maggio, la stessa sala ospita la mostra fotografica sulla Brigata Friuli.
Dal 17 aprile al 4 maggio, sempre a Palazzo d’Accursio e all'Istituto Parri, la mostra Framing Edward Reep. Un artista di guerra sulla via di Bologna 1943-45, del pittore e fotografo americano Edward Reep che documentò l'avanzata delle armate americane verso Bologna, e anche il muro di Palazzo d'Accursio che poi divenne il Sacrario dei Caduti partigiani.
***  Il Museo del Risorgimento rende disponibile dal 21 aprile il database online con le biografie di quasi 20.000 partigiani attivi nell'area metropolitana bolognese.
Oltre alle 2.200 biografie dei partigiani di Bologna e Provincia morti in combattimento, anche quelle degli oltre 15.000 partigiani che a vario titolo parteciparono alla lotta, e dei 1.900 che, provenienti da altre parti d'Italia (e non solo) operarono nel nostro territorio. Viene così a completarsi il quadro della Resistenza bolognese e dell'area metropolitana

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 968 volte

Inserito da redazione il Mar, 2015-04-21 07:34


Due giorni e una notte nella Grande Guerra

Proseguono le letture pubblica in alcuni comuni della provincia del nuovo libro:
DUE GIORNI E UNA NOTTE NELLA GRANDE GUERRA
di Maurizio Garuti
(Minerva Edizioni)
- giovedì 14 maggio, ore 20,45 a San Pietro in Casale, Biblioteca Comunale

Lettura di Paola Ballanti
- Domenica 24 maggio , ore 18.30 a Pieve di Cento,
Circolo Kino

Lettura di Saverio Mazzoni
- martedì 2 giugno, ore 17 a Budrio,
Circolo Pertini
Lettura di Tiziano Casella
Da un episodio realmente accaduto un racconto emozionante sulla Prima guerra mondiale”.
1915: l’Italia entra nella Grande Guerra. La mobilitazione generale coinvolge anche Giuseppe, un contadino emiliano di quarant’anni, sposato, tre figli, che viene richiamato alle armi e spedito nel Carso. Arriva in trincea e scopre che i suoi commilitoni sono angosciati dall’attesa di una punizione per un “atto di codardia” di cui si sono macchiati il giorno prima. i fanti, usciti per l’ennesimo assalto, hanno voltato le spalle al nemico e sono rientrati nei rifugi, approfittando del fatto che gli austriaci hanno eliminato il plotone dei carabinieri incaricati di sparare su chi ripiegava. In queste ore di angoscia Giuseppe allaccia rapporti profondi con i compagni, mentre l’interrogativo sospeso corre verso la sua soluzione. Un testo teso e drammatico, da leggere in pubblico o in solitudine, a teatro o a scuola.

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 993 volte

Inserito da redazione il Mar, 2015-04-07 07:53


Sagre e feste nel bolognese in aprile e maggio

Sagre e feste del territorio bolognese - Aprile e maggio 2015
Sagre grandi e piccole per conoscere luoghi suggestivi e assaporare cibi tradizionali nei luoghi tipici di produzione. La pubblicazione offre una descrizione sintetica delle manifestazioni enogastronomiche dei 56 comuni del territorio bolognese, inclusa Bologna.
Il numero di aprile-maggio comprende il cuore degli appuntamenti primaverili, con passeggiate enogastronomiche nella natura, feste dei fiori, iniziative del Primo Maggio, sagre con primizie stagionali del territorio e piatti caratteristici, degustazioni vinicole e rievocazioni storiche legate alla storia del territorio. La copertina è dedicata all'asparago verde di Altedo, specialità del territorio riconosciuta dal marchio I.G.P. che sarà protagonista indiscussa della tradizionale sagra che si tiene a maggio nel comune di Malalbergo.

Ecco un assaggio di alcuni degli eventi enogastronomici più rilevanti di aprile e maggio 2015:
- 6 aprile | 59a Sagra della pie' fritta a Fontanelice
- 10-12 aprile | Very Slow Italy a Castel San Pietro Terme
- 19 aprile | Festival Internazionale della zuppa a Bologna
- 25 aprile | Percorsi antifascisti a Monte Sole (Marzabotto)
- 1 maggio | Sagra della sfrappola a Riola (Vergato)
- 9-10 maggio | Quattro passi nel Medioevo a Crevalcore
- 14-26 maggio | Sagra dell’asparago verde di Altedo I.G.P. a Altedo (Malalbergo)
- 22-24 maggio | Sagra della Badessa a Ozzano dell'Emilia
- 31 maggio e 1-2 giugno | Sagra della ficattola a Casalfiumanese

Di seguito è possibile leggere e scaricare il pdf con tutte le sagre e feste del periodo.
* Info:.Città metropolitana di Bologna - redazione servizio turismo, grafica servizio comunicazione
http://www.cittametropolitana.bo.it/turismo/Engine/RAServeFile.php/f/Pubblicazioni/Sagre_feste_apr_mag_web.pdf

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 707 volte

Inserito da redazione il Sab, 2015-04-04 15:21


"Condimenti" per il palato e la mente

Condimenti: Festival di Cibo e Letteratura
Incontri per condividere conoscenze, racconti e tradizioni mischiando cibo e parole, ricordi e progetti, pagine leggere come una sfoglia con profumi e aromi nati per unirsi in perfetta armonia. Ogni appuntamento avrà ospiti scrittori, musicisti, sommelliers, cuochi e pasticceri, che racconteranno cos'è per loro il "cibo per la mente"e ci emozioneranno svelandoci sempre una sorpresa.
Iniziativa promossa dai Comuni dell'Unione Reno Galliera, Orizzonti di pianura e  la collaborazione di Associazioni e aziende locali.
Prossimo appuntamento a Castello d'Argile, presso B&B La Corte splendente, via Allamari 1, sabato 11 aprile alle ore 21 con la presentazione del libro di Renzo Lazzari “Opera”, a cura di Angelo Bovina
* Il programma completo per tutte le date, i luoghi e i libri da presentare è leggibile ai link:
http://www.orizzontidipianura.it/ew/ew_sitepage/6692/calendario_piegh4.pdf
http://www.condimenti.info/

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Castello d'Argileleggi tutto | letto 916 volte

Inserito da redazione il Gio, 2015-04-02 07:56


Cancelli d'autore, natura e musica, in video

L'ultima mostra fotografica  del nostro socio Franco Ardizzoni, presentata recentemente a Galliera e a Castello d'Argile, ora è visibile anche in un  video musicale, con intermezzi di foto  di una splendida natura del nostro territorio, accompagnata dai Preludi di Liszt.
Il link per prenderne visione è il seguente
https://www.youtube.com/watch?v=22PLeB8pv0g&feature=share
Riproponiamo quindi il testo della presentazione che della mostra ha fatto il nostro presidente Gian Paolo Borghi
CANCELLI D’AUTORE – Antichi e Moderni
Prosegue con ammirevole costanza e passione l’attività fotografica di Franco Ardizzoni, dedicata alle più diverse sfaccettature del nostro territorio di pianura. La principale finalità dell’autore è mostrare al “suo” pubblico aspetti apparentemente consueti per renderli splendidamente “inconsueti” attraverso un’analisi visuale efficace e, al tempo stesso, molto semplice: mettere a fuoco particolari del nostro paesaggio, apparentemente monotono e sempre uguale, per poi “proiettarli” in un più ampio contesto e porli in connessione tra loro. In questa logica, il paesaggio svela sapientemente il suo fascino, la sua nascosta bellezza, le sue sorprese più eclatanti.
La Mostra fotografica di cancelli d’autore, antichi e moderni percorre un itinerario di soddisfacente impatto culturale che si concretizza, in definitiva, nel dimostrare una situazione “opposta” alla originaria definizione di cancello: da elemento costruttivo atto a delimitare un passaggio d'ingresso, carrabile o pedonale, per l'accesso ad una proprietà, costruzione, edificio o giardino (secondo una definizione “wikipediana”), si trasforma effettivamente in “proprietà visiva” di tutti, senza per questo venire meno al rispetto della privacy dei suoi proprietari effettivi.
Come si potrà notare, le immagini riproducono cancelli di ieri e di oggi, per documentare – come segnala l’amico fotografo – che oltre a quelli antichi delimitanti ville di pari pregio, ve ne sono anche di moderni di altrettanto pregevole fattura.
Cancelli antichi e moderni, quindi, non per creare isolamento, ma per aprire culturalmente e “comunicare” un territorio sempre più proiettato nel terzo millennio.

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 887 volte

Inserito da redazione il Lun, 2014-12-01 07:08


Porte aperte alla cultura anche di domenica

- SBAM! Cultura a porte aperte
- domenica 16 novembre,
Sistema Bibliotecario Area Metropolitana.
E' la domenica di autunno che dal 2007 viene dedicata al patrimonio culturale - ricco e straordinario, ancora poco conosciuto - del territorio provinciale.
B
iblioteche, archivi, musei, ma anche rocche, palazzi, ville e teatri aprono le loro porte ad adulti e bambini con aperture straordinarie e visite animate - mostre, laboratori, letture, merende e giochi - che si susseguono per tutta la giornata, dalla mattina alla sera. Una occasione unica per conoscere i luoghi della cultura, ma anche per stare insieme e imparare "divertendosi".
- Dove: a
Bologna, Anzola dell'Emilia, Argelato, Baricella, Bentivoglio, Borgo Tossignano, Budrio, Calderara di Reno, Castel Guelfo, Castel Maggiore, Castel S. Pietro Terme, Castello d'Argile, Castenaso, Castiglione dei Pepoli, Dozza, Galliera, Granarolo dell'Emilia, Imola, Loiano, Malalbergo, Marzabotto, Medicina, Monterenzio, Monzuno, Mordano, Ozzano dell'Emilia, Pianoro, Pieve di Cento, Sala Bolognese, San Giorgio di Piano, San Giovanni in Persiceto, San Lazzaro di Savena, San Pietro in Casale, Sant'Agata Bolognese, Sasso Marconi, Valsamoggia e Vergato.
Rassegna promossa da Servizio Cultura e Pari Opportunità della Provincia di Bologna nell’ambito delle attività dei Distretti culturali; a cura di Gilberta Franzoni e Valeria Federici
http://www.provincia.bologna.it/cultura/Engine/RAServePG.php/P/570511390600/M/326711390501/T/SBAM-Cultura-a-porte-aperte-2014

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 774 volte

Inserito da redazione il Mar, 2014-11-11 05:31


Festa internazionale della storia al via

IL FARO DELL'UMANITA'. XI edizione della Festa internazionale della Storia (18-26 ottobre 2014). In ricordo di Jacques Le Goff
Multiforme manifestazione a carattere nazionale e internazionale che rende Bologna "capitale della Storia" mettendo in vetrina forme di promozione e diffusione della sua conoscenza condotte in Italia e nel mondo. Nelle aule, nei teatri, nei musei, nelle chiese, nelle sale pubbliche, nelle strade e nelle piazze, si affrontano con lezioni, conferenze, dibattiti, concerti, spettacoli e mostre i temi che legano i vissuti personali e collettivi alle vicende presenti e future.
** Il programma completo degli eventi in varie località:
http://www.festadellastoria.unibo.it/programma/programma-2014/

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Argelato | Bolognaleggi tutto | letto 991 volte

Inserito da redazione il Mar, 2014-10-14 05:41


Natura di pianura

Natura di pianura 2014.
Prosegue il programma per tutto l'autunno, fino al 6 dicembre, una serie di attività didattiche e naturalistiche nelle aree protette della pianura dei comuni della provincia bolognese, nell'ambito della Convenzione Gestione integrata delle aree protette della pianura (GIAPP).
Incontri, visite e sopralluoghi per la conoscenza e l'approfondimento della conservazione dell'habitat e delle specie tipiche del nostro territorio.
Programma e mappa aree naturalistiche leggibili e scaricabili su:
http://www.comune.bologna.it/news/natura-di-pianura
http://www.comune.bologna.it/news/natura-di-pianura#sthash.MAT775hp.dpuf

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincialeggi tutto | letto 836 volte

Inserito da redazione il Mar, 2014-10-07 05:20


Feste del volontariato in provincia e a Bologna

Volontassociate, la tradizionale festa del Volontariato e dell’Associazionismo bolognese, presenta il calendario di eventi dedicati all’idea di una comunità unita e solidale. Il programma quest’anno si inserisce nell’ambito delle iniziative per la prima Giornata della Cittadinanza Solidale, indetta dalla Regione Emilia Romagna il prossimo 27 settembre .
Nei fine settimana dal 6 settembre al 26 ottobre ben quindici feste dislocate su tutto il territorio provinciale porteranno le associazioni locali nei parchi, nelle piazze e nelle vie dei comuni. Ogni appuntamento è un’occasione per conoscere da vicino il non profit e chi lo anima. Coinvolti da un’atmosfera suggestiva di suoni, colori, profumi, sapori, i cittadini potranno vivere i luoghi di sempre in modo diverso, emozionandosi e sorprendendosi per le mille attività che il volontariato e l’associazionismo propongono. Passeggiare per gli stand, socializzare, giocare, partecipare a laboratori, assistere a spettacoli ed esibizioni sportive saranno solo alcune delle idee pensate per sensibilizzare grandi e piccini a scoprire il mondo della solidarietà con i suoi valori, le persone e l’impegno che ogni giorno il non profit dona alla comunità per realizzare insieme il bene comune.
Ogni evento è unico e rivela l’identità del territorio e del suo tessuto sociale. Nasce da persone che ascoltano la realtà, ne leggono i bisogni e li traducono in azione e relazione. Volontassociate è perciò sinonimo di condivisone. In un contesto piacevole di apertura verso l’altro si vive l’esperienza individuale e collettiva di sentirsi parte integrante di una comunità, ci si lascia contaminare dalle sfumature, dai linguaggi, dalle diversità che trovano sintesi in un equilibrio creativo tra tradizione e innovazione.
La manifestazione è promossa da Provincia di Bologna, i Comuni dei Distretti di Casalecchio di Reno, Imola, Pianura Est, Pianura Ovest, Porretta Terme, San Lazzaro di Savena, il Comune di Bologna, le Associazioni di Promozione Sociale e le Organizzazioni di Volontariato della provincia di Bologna, VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato.
** Il calendario , il programma completo delle singole feste e il materiale promozionale è consultabile all’indirizzo http://www.volontassociate.it/programma.php
- il primo degli appuntamenti è a Pianoro, sabato 6 settembre.
- Seguirà la festa a Castello d'Argile, nel pomeriggio di domenica 14 settembre.
- A Bologna: Giardini Margherita
il 21 settembre Quartiere Borgo Panigale e Quartiere Saragozza il 28 settembre.
- Casalecchio di Reno dal 13 settembre al 14 settembre Zola Predosa dal 04 ottobre al 05 ottobre - Castel S. Pietro Terme il 19 settembre Imola 21 settembre, -  Medicina il 26 ottobre
- Bentivoglio il 5 ottobre Granarolo dell'Emilia dal 11 ottobre al 12 ottobre
- A San Giovanni in Persiceto il 27 settembre Anzola dell'Emilia 11 ottobre, Ozzano dal 03 ottobre al 05 ottobre
Info:Provincia di Bologna - Ufficio Terzo Settore Tel. 051.659.9239 - 8276 | Fax. 051.6598620
Ufficio.terzosettore@provincia.bologna.it - www.provincia.bologna.it/nonprofit/
VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna
Tel. 051.340328 | Fax. 051.341169| volontassociate@volabo.it | www.volabo.it

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 791 volte

Inserito da redazione il Mar, 2014-09-16 07:02

fonte XML