Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Bologna


Chiesa e "memoria divisa" tra Fascismo e Resistenza

SEMINARI SU CHIESA E "MEMORIA DIVISA" IN ITALIA.
Gli storici utilizzano l'espressione "memorie divise" per individuare letture fortemente conflittuali sulla natura e sulle responsabilità delle stragi di civili per rappresaglia, compiute nell'ultimo conflitto mondiale da truppe tedesche e da collaborazionisti italiani.
Eventi che ripropongono inevitabilmente alcuni nodi del nostro passato, quali il rapporto della Chiesa cattolica con il Fascismo e con la Resistenza (fortemente evocati dallo stesso avvio del processo canonico di beatificazione dei sacerdoti uccisi a Monte Sole di Marzabotto).
A Bologna, P.le Bacchelli 4, la Facoltà Teologica dell'Emilia Romagna propone su questi temi dieci seminari di approfondimento, coordinati da Alessandra Deoriti.
Dal 14 marzo all'11 aprile verranno considerati principalmente i macro-contesti, dal 2 al 30 maggio il quadro locale e la vicenda della strage di Monte Sole.
Per la partecipazione è richiesta l’iscrizione (telefonare a: 051.3392904 o scrivere a sft@fter.it).
Agli iscritti sarà fornita una bibliografia specifica a inizio corso.
*** Questa la TRACCIA dei Seminari  per il mese di maggio:

Scritto in Bologna | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 822 volte

Inserito da redazione il Sab, 15/03/2014 - 08:56


Bologna tra alti e bassi nel confronto tra città

Città a confronto. Bologna tra valori alti e intermedi
Su iniziativa del Settore Statistica del Comune di Bologna, Città a confronto esce ora in una nuova edizione completamente rinnovata nello stile e nei contenuti, che verranno aggiornati con continuità. Il prodotto presenta per tutte le città italiane con più di 200.000 abitanti i dati più significativi in ambito demografico, sociale, economico e ambientale, facilitando così le comparazioni e proponendo anche link utili per eventuali approfondimenti.
Le pagine web hanno sostituito le pagine pensate per un utilizzo cartaceo e i grafici interattivi hanno preso il posto delle graduatorie generate da un foglio di calcolo; la nuova edizione è stata inoltre costruita per essere visualizzabile anche da dispositivi mobili (smartphone e tablet).
L’indirizzo internet è il seguente: http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto
Dai dati del 15° Censimento della popolazione 2011 sono 16 le città italiane con una popolazione superiore ai 200.000 abitanti: la più popolosa è Roma con 2,6 milioni di cittadini; appena sopra la soglia prescelta Taranto, con 200.154 residenti. Bologna è la settima città italiana per taglia demografica (tra Genova e Firenze) con una popolazione legale al censimento 2011 di 371.337 unità.
In Italia le donne costituiscono la maggioranza della popolazione: il loro numero supera infatti quello degli uomini di quasi 2 milioni di unità: a livello nazionale ogni 100 donne si contano solo 93,7 uomini. A Bologna il rapporto tra i sessi è di 86,7 uomini ogni 100 donne. Solo a Firenze la presenza femminile risulta più accentuata. La predominanza numerica del genere femminile è anche conseguenza dell’invecchiamento della popolazione, poiché è noto che le donne vivono in media più degli uomini.
Il censimento disegna per la nostra città un quadro preciso da questo punto di vista: Bologna è fra le grandi città quella con la più bassa percentuale di giovani fino ai 14 anni e con la più alta presenza relativa di anziani di 80 anni e oltre. Questo nonostante un’incidenza abbastanza elevata (13,6% a fine 2012) di stranieri, mediamente molto più giovani dei cittadini italiani.

Scritto in Bologna | Economia e Societàleggi tutto | letto 1110 volte

Inserito da redazione il Mar, 11/03/2014 - 13:13


Libri e mostre a Bologna e comuni vari

- Venerdì 7 marzo alle 18.15 a Bologna Libreria-galleria “Il secondo rinascimento”, via Porta Nova 1/a,
Presentazione del libro di
Sara Accorsi e Anna Natali Salariate dell'amore (Ed. Maglio) Storie e faccende di meretrici nell’Ottocento bolognese nell’ambito della rassegna “Le donne, i salotti e la sessualità nell’Ottocento bolognese”
Introduce Ornella Cucumazzi, Associazione culturale Il secondo rinascimento
Letture a cura di Ten Teatro
Info e prenotazioni: 051/228800-335/6672862. Ingresso libero fino a esaurimento posti
- Martedì 11 marzo 2014 ore 18 a Bologna Libreria Zanichelli Piazza Galvani 1 Presentazione del nuovo libro di Maurizio Garuti
Bla Bla Bla.
Pestilenze linguistiche dalla A alla Z

Letture show di Ivano Marescotti

- A Bentivoglio , Centro sociale il Mulino giovedì 13 marzo ore 20, presentazione del volume
Le italiane a Bologna. Percorsi al femminile in 150 anni di storia unitaria. Ed. Socialmente a cura di Fiorenza Tarozzi e Eloisa Bezzi
Intervengono: Katia Graziosi, Alba Piolanti, Roberto Dall'Olio.
Proiezione di immagini d'archivio sul lavoro delle mondine e canti delle mondine di Bentivoglio.
Precede un piatto di pasta per tutti. E' gradita la prenotazione al 051 6643592 o 051 6640890
- Mercoledì 12 marzo alle 17.30 a S. Matteo della Decima Biblioteca comunale "R. Pettazzoni", Centro Civico, v. Cento 158/a
Gli scrittori non hanno (sempre) i capelli bianchi”: parliamo di scrittura e di scrittori con Sara Magli, giovanissima autrice del romanzo Anche se tu non ci sei
Incontro rivolto ai ragazzi delle scuole medie e superiori. Con il patrocinio del Comune di San Giovanni in Persiceto
Info: 051 6812061 – BibliotecaDecima@comunepersiceto.it
- Sabato 15 marzo alle ore 17 a S. Giovanni in Persiceto, Sala del Consiglio del Municipio, Corso Italia 70,
Presentazione del volume “Misfatti di confine tra ‘500 e ‘700. La lunga mano dell’Inquisizione modenese su terre bolognesi, a cura di Patrizia Cremonini, relativo alla mostra realizzata nell’ambito della collaborazione tra Comune di San Giovanni in Persiceto, Archivio di Stato di Modena e Consorzio dei Partecipanti di Persiceto, in occasione dell’incontro pubblico “Donne di ieri e di oggi. Il lungo percorso verso il riscatto femminile dalla stregoneria alla medicina”
Info: URP San Giovanni in Persiceto, 800 069678

Scritto in Baricella | Bentivoglio | Bologna | Galliera | S. Giovanni in Persicetoleggi tutto | letto 1276 volte

Inserito da redazione il Mar, 04/03/2014 - 09:38


M'illumino di meno ... con amore

Venerdì 14 febbraio 2014, in occasione dei 10 anni di M’illumino di meno, il Comune di Bologna e l’Istituzione Bologna Musei - Museo Civico Archeologico, alle ore  18.30, al Museo Archeologico (via dell’Archiginnasio 2) invitano ad aderire all'iniziativa.
Torna anche quest’anno l’appuntamento con M’illumino di meno, la campagna di sensibilizzazione radiofonica sul risparmio energetico e sulla razionalizzazione dei consumi.
Quest’anno, per celebrare la giornata del risparmio energetico, saranno spente, come di consueto, le luci della facciata di Palazzo d’Accursio oltre quelle sulla statua di Nerone esposta nell’atrio del Museo.
A luci spente, i ragazzi del Piccolo Coro Athena, eseguiranno un brano che ricorda le gesta dell’imperatore, tratto dal musical “Nerone alla ricerca della testa perduta”.
Condurrà il collegamento con Radio2-Caterpillar, Roberto Diolaiti, direttore del Settore Ambiente ed Energia del Comune di Bologna. Saranno presenti l’assessore Patrizia Gabellini e Paola Giovetti, direttore tecnico del Museo Civico Archeologico.
L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle attività di sensibilizzazione del PAES Bologna – Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile – ed è organizzata dal Multicentro per l’educazione alla sostenibilità di Bologna.
Ingresso libero. Per informazioni: 051.2757212
*** Tra i vari comuni della provincia che aderiscono all'iniziativa,  con spegnimento di luci pubbliche e momenti di intrattenimento al buio, si segnala che
- A Pieve di Cento per partecipare a “M'illumino di meno” si fa Festa doppia quest'anno per la coincidenza con la nuova tradizione della festa di S. Valentino.
La forza dell'amore è rinnovabile- 5° Festa dell’Energia Pulita a Pieve di Cento
- ore 17 presso la Nuova Palestra Comunale di via Cremona, 62
La strega Electra e il mistero del sole scomparso”Spettacolo per bambini a cura di Fun Science
A seguire: partenza della grandiosa fiaccolata che farà tappa presso le Nuove Scuole di via Kennedy per l’accensione dell’impianto fotovoltaico installato sul tetto della scuola primaria
- ore 18:30 arrivo in Piazza Andrea Costa, conto alla rovescia e...
...BUIO in tutta la Piazza e proiezione del video “M’illumino di meno” (John Strada),immersi in una ecologica e romantica coreografia! Per finire: tè caldo e biscotti per tutti!

Scritto in Bologna | Pieve di Centoleggi tutto | letto 825 volte

Inserito da redazione il Gio, 13/02/2014 - 10:02


La ragazza con orecchino e capolavori del Seicento olandese in mostra

LA RAGAZZA CON L’ORECCHINO DI PERLA
Il mito della Golden Age Da Vermeer a Rembrandt Capolavori dl Mauritshuis
Bologna, Palazzo Fava 8 febbraio - 25 maggio 201

Una mostra che ha i caratteri dell’eccezionalità e della irripetibilità. L’occasione è data dalla chiusura per restauri e un grande ampliamento di uno tra i musei mitici nel mondo, il Mauritshuis a L’Aia in Olanda. Scrigno di tanti capolavori che raccontano quella che è stata denominata la Golden Age, l’età dell’oro della pittura olandese nel corso del XVII secolo.
E raccolta soprattutto attorno ai nomi di Vermeer e Rembrandt. La chiusura del glorioso museo olandese ha indotto la direzione a costruire un selezionatissimo tour mondiale, con al centro il capolavoro tra i capolavori, La ragazza con l’orecchino di perla di Johannes Vermeer. Il quadro da tutti riconosciuto come il più famoso e il più ammirato dopo la Gioconda. Un quadro per il quale non occorre nemmeno nominare l’autore, poiché il suo titolo già dice tutto.
Così, dopo il 2012 e le mostre in Giappone a Tokyo e a Kobe, e il 2013 negli Stati Uniti (prima a San Francisco, poi Atlanta e infine New York), la sola data europea sarà a Bologna, Successivamente il quadro tornerà in Olanda.
E attorno a quell’opera, molti altri capolavori da Rembrandt a Hals, da Steen a Ter Borch e anche un secondo Vermeer. Tutto il grande Seicento olandese in un’unica mostra. In Italia. A Bologna. Promossa dalla Fondazione Carisbo, Museo nella Città e Linea d’ombra, con il main sponsor Segafredo Zanetti.
http://www.bolognawelcome.com/eventi/calendario-completo/params/Eventi_1384/ref/La%20ragazza%20con%20l%27orecchino%20di%20perla%20a%20Bologna

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 661 volte

Inserito da redazione il Gio, 13/02/2014 - 09:52


Cerca nel cassetto e condividi sul web documenti del mondo contadino

Dopo alcune riunioni preparatorie parte il progetto
Cerca nel cassetto”
per realizzare una mappa digitale della memoria del lavoro contadino,
promosso e coordinato da Provincia di Bologna (Servizio Cultura e Pari Opportunità e Istituzione Villa Smeraldi) in collaborazione con Distretto Pianura Est (Comuni di Argelato, Bentivoglio, Budrio, Castel Maggiore, Pieve di Cento), Comune di Medicina, Associazioni Gruppo della Stadura, Gruppo di Studi Pianura Reno, Pro Portonovi's. E' sostenuto da IBACN nell'ambito di "Comunicare il Museo” Collezioni, Comunità, Pubblici", percorso di sviluppo di tecniche e pratiche di comunicazione museale progettato da IBAM! Strategie Culturali.
Al fine di predisporre il sito webCerca nel cassetto”, la cui pubblicazione on line è prevista per marzo 2014, vi chiediamo di inviare entro il 20 febbraio 2014, immagini fotografiche, video (corto/lungometraggi, documentari, di finzione, report e interviste) e testi (ricette, filastrocche, poesie, racconti) in quanto testimonianze del lavoro e della vita nelle campagne bolognesi fino agli anni’50.
Le
fotografie dovranno essere inviate in formato jpg dimensione minima 500 pixel di base, con le relative didascalie (luogo, data, soggetto, proprietà) o su cd.
I video dovranno essere consegnati nei formati avi, mpeg4, movie oppure su dvd in formato vts; anche per questo materiale vi chiediamo di specificare, se non compare nei titoli, luogo, data, soggetto, regia, musiche e proprietà.
Il materiale potrà essere inviato via mail all'indirizzo e-mail: info@cercanelcassetto.it o, nel caso di supporti digitali (cd, dvd, chiavette...) al Servizio Cultura e Pari Opportunità Via San Felice, 25 – 40122 Bologna.
Segnaliamo infine, oltre alle specificità di ogni singolo territorio, alcuni macro-temi: la Canapa, la Famiglia, la Vita nei Campi, gli Artigiani, le Risaie, la Casa e la Corte Colonica, a Scuola, gli Allevamenti, gli Alimenti e il Vino, le Cerimonie e le Feste Famigliari.
Il suddetto materiale multimediale verrà pubblicato sul sito web: www.cercanelcassetto.it e condiviso sui social network: you tube, pinterest, face-book e Google +
**
Info: Il Direttore Dede Auregli
SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA’ – Servizio Cultura e Pari Opportunità Via San Felice, 25 – 40122 Bologna – Tel. 051 6598460/6598466 – Fax 051 6598770 –
adelaide.auregli@provincia.bologna.it www.provincia.bologna.it
http://www.museociviltacontadina.provincia.bologna.it/
Istituzione Villa Smeraldi - Museo della Civiltà Contadina di San Marino di Bentivoglio Servizio Cultura della Provincia di Bologna

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bologna | Museo della Civiltà contadina S. Marino di Bentivoglioleggi tutto | letto 1236 volte

Inserito da redazione il Mar, 11/02/2014 - 10:24


Sulle tracce delle Grande Guerra, una mostra e visite guidate

In occasione della mostra
Voci di guerra in tempo di pace | 1° febbraio - 9 marzo 2014
Museo Civico del Risorgimento,
Piazza Carducci 5, Bologna
sono previsti diversi appuntamenti:
- Sabato 1 febbraio 2014 - ore 11.30 - inaugurazione della mostra
Primo atto delle celebrazioni per il Centenario della Prima Guerra Mondiale che verranno organizzate dall'Area Storia e Memoria dell'Istituzione Bologna Musei, che ha proprio come fulcro il museo stesso. Saranno presenti esponenti del Gruppo Ermada Flavio Vidonis, realizzatori della mostra.
* Prossimi appuntamenti

- Sabato 22 febbraio, ore 15.00 - visita guidata
Voci di Guerra - Briciole di storia in Certosa
Un percorso storico-artistico dedicato alla Grande Guerra, in vista delle celebrazioni per il centenario. Con Mirtide Gavelli e Roberto Martorelli.
Ritrovo alle ore 14.45 presso l'ingresso principale della Certosa, via della Certosa 18 (Cortile Chiesa).
- Domenica 23 febbraio, ore 11.00 e
- Domenica 9 marzo, ore 11.00 - visita guidata alla mostra
Attraverso foto d'epoca e testi, si ripercorreranno le vicende vissute sull'Ermada, per rinvenire le tracce degli eventi terribili avvenuti durante la Grande Guerra.
http://www.museibologna.it/risorgimento/rassegne/52219/id/59801

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 630 volte

Inserito da redazione il Ven, 31/01/2014 - 19:53


Cinque incontri al Museo civico Archeologico

Tra Oriente e Occidente:
l’Italia tra la fine dell’età del bronzo e l’età orientalizzante (XII - VII sec. a.C.)

Ciclo di conferenze al Museo Civico Archeologico di Bologna
Protesa da sempre nel Mediterraneo, l’Italia ha un’antichissima vocazione a fare da tramite a uomini, idee e merci fra il Mare Nostrum e l’Europa. Cinque incontri affidati a cinque protagonisti della ricerca archeologica italiana per scoprire alcuni temi essenziali di un percorso secolare, che vede coinvolti assieme alle popolazioni indigene Micenei, Fenici, Greci.
Prossimi incontri:
- 1 marzo, ore 16. I Fenici in Italia, Piero Bartoloni, Università di Sassari.
- 15 marzo, ore 16.
I primi Greci d’Occidente: Pithekoussai tra mito, storia e archeologia,Valentino Nizzo, Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna.
- 22 marzo, ore 16.
Sfingi, leoni e alberi sacri: l’Orientalizzante e la produzione scultorea a Bologna, Marinella Marchesi, Museo Civico Archeologico di Bologna.
**
Gli incontri sono tutti ad ingresso libero, fino ad esaurimento posti disponibili.
Info 0512757212.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 594 volte

Inserito da redazione il Ven, 31/01/2014 - 19:47


Alla scoperta della Flaminia, strada militare romana del 187 a.C.

Alla scoperta della strada romana Flaminia Militare del 187 a.C.
Un documentario e una serie di escursioni guidate per raccontare la scoperta della strada romana tra Bologna, Fiesole e Arezzo.

Il documentario verrà presentato in anteprima a Bologna sabato 1 febbraio alle 16:30 al Grand Hotel Majestic (già Baglioni)
Racconta Tito Livio nella sua storia di Roma che nel 187 a.C. i due consoli Caio Flaminio e Marco Emilio Lepido ricevettero dal Senato romano l’incarico di debellare le popolazioni liguri che occupavano i territori dell’appennino tosco emiliano.
Sconfitti i liguri e riappacificato il territorio, i due consoli tracciarono 2 strade: una da Rimini a Piacenza, per collegare i territori della pianura padana da poco conquistati, la famosa via Emilia, e l’altra invece doveva collegare Bologna (fondata appena 2 anni prima), ad Arezzo, attraverso il crinale appenninico.
Mentre la via Emilia è ancora oggi nota a tutti, l’altra strada cadde successivamente in disuso e nel corso dei secoli se ne perse ogni traccia. Restò però viva nella memoria delle popolazioni appenniniche che alle pendici del Monte Bastione, tra Madonna dei Fornelli e Castel dell’Alpi passasse un’antica strada romana. Lo testimoniano anche diversi toponimi situati lungo un ipotetico percorso rettilineo di crinale: più antichi come Cà d’la streda e Font d’la streda, o più moderni come il nome di Via Romana Antica, attribuito nel 1963 dal comune di San Benedetto Val di Sambro alla strada che dalla piazza di Madonna dei Fornelli porta verso le Croci. ….......
Nel 1979 alle pendici del Monte Bastione, dopo circa 2 anni di ricerche, Cesare Agostini e Franco Santi intercettarono il primo tratto di “basolato”, la tipica pavimentazione romana che nel corso dei secoli era stata ricoperta da circa un metro di terra e foglie.....
...
** Per maggiori informazioni vedi: http://terramagazine.it/2014/01/25/alla-scoperta-della-strada-romana-flaminia-militare-del-187-a-c/
Il trailer su Youtube: La Flaminia Militare del 187 a.C.http://www.youtube.com/watch?v=-0dFf9T5_jA

Scritto in Archeologia | Bolognaleggi tutto | letto 1741 volte

Inserito da redazione il Ven, 31/01/2014 - 19:26


Giorni della Memoria, a Bologna e provincia

A Bologna e provincia tante le iniziative, coordinate dal Museo Ebraico. Vedi: http://www.museoebraicobo.it/it. In particolare si segnala.
Giorno della Memoria 2014. DIASPORE. 1938, l'Università di Bologna davanti alle leggi razziali.   MOSTRA: 25 gennaio - 28 febbraio 2014
.
L'esposizione ripercorre gli effetti delle leggi razziali sulla comunità universitaria. A Bologna nel 1938 non vivevano solo i membri della locale comunità ebraica ma fra gli studenti universitari che qui giungevano da numerose città italiane non mancavano i giovani ebrei, come Giorgio Bassani. L’eccezionalità del caso bolognese era costituita inoltre dalla presenza di centinaia di studenti ebrei stranieri che avevano scelto Bologna per sottrarsi alle misure antisemite applicate nei loro Paesi (Ungheria, Polonia, Romania, Russia …). La mostra, allestita nel loggiato dell'Archiginnasio, è organizzata dall'Archivio storico-Dipartimento di Storia Culture Civiltà, con il patrocinio della Comunità Ebraica di Bologna e la collaborazione del Museo Ebraico di Bologna. INAUGURAZIONE venerdì 24 gennaio, ore 15.00. Maggiori informazioni:
http://www.museoebraicobo.it/it/eventi/giorno-della-memoria-2014-diaspore-1938-luniversita-di-bologna-davanti-alle-leggi-razziali
Mostra: I GIUSTI TRA LE NAZIONI. I non ebrei che salvarono gli ebrei in Emilia-Romagna 1943 – 1945
a cura del Museo Ebraico di Bologna, sarà allestita:
1) presso la Rocca dei Bentivoglio di Bazzano - 27 gennaio | 20 febbraio 2014. Inaugurazione: lunedì 27 gennaio ore 20.00. Info: www.roccadeibentivoglio.i
2) presso la Biblioteca Comunale di Trisi, Lugo - 16 | 30 gennaio 2014. Inaugurazione giovedì 16 gennaio ore 11.00. Info: Biblioteca Trisi, Piazza Trisi, 19 - Lugo. Tel. 054538556 - e-mail: trisi@comune.lugo.ra.it
3) presso il Loggiato di Palazzo Malvezzi Hercolani, via Gramsci 10, di Castel Guelfo 27 gennaio| 8 febbraio 2014. Info: Ufficio Cultura Comune di Castel Guelfo, Via A.Gramsci 10; Tel. 0542.639.211; www.comune.castelguelfo.bo.it ; urp@castelguelfo.provincia.bologna.it

Scritto in Bologna | Pieve di Centoleggi tutto | letto 802 volte

Inserito da redazione il Ven, 24/01/2014 - 07:49


L'arte invade Bologna

Musei, mostre, luoghi d'arte 24-25-26 gennaio
Nel 2014 torna ART CITY Bologna, il programma istituzionale nato nel 2013 dalla collaborazione tra Comune di Bologna e BolognaFiere per affiancare con mostre eventi e iniziative culturali l'annuale edizione di Arte Fiera e proporre un'originale esplorazione di musei e luoghi d'arte in città.
Nel weekend del 24, 25 e 26 gennaio un'ampia e articolata selezione di appuntamenti offre l'opportunità sia alla cittadinanza sia al pubblico in visita per la manifestazione fieristica, giunta alla sua 38a edizione, di conoscere e riscoprire gli straordinari palazzi storici e gli spazi della cultura bolognesi con una vera e propria immersione nell'arte moderna e contemporanea.
Una città da vivere come un grande museo metropolitano: è la strategia di valorizzazione del patrimonio artistico e delle attività culturali condivisa da ART CITY Bologna e Arte Fiera. Per favorirla al meglio sono confermati gli strumenti che rendono fruibile la rete dei luoghi e delle iniziative: l'ART CITY Bus e l'ART CITY Map.
La navetta gratuita che collega la Fiera al centro e accompagna i visitatori lungo il circuito dei luoghi dell'arte prevede quest'anno un percorso circolare rinnovato, articolato nelle fermate: Arte Fiera (P.zza Costituzione), Museo per la Memoria di Ustica (V. della Liberazione), Via Indipendenza, Pinacoteca (Irnerio / P. San Donato), Due Torri (P.zza Ravegnana), P.zza Minghetti, Via Farini (angolo D’Azeglio), P.zza Malpighi, MAMbo (V. Don Minzoni), MAST (V. Speranza), MAMbo (V. Don Minzoni), Via Dei Mille, Pincio (V. Indipendenza), Arte Fiera (P.zza Costituzione) con corse ogni 20 minuti dalle ore 12.30 alle 20.00, il sabato prolungamento fino alle 22.30 con percorso breve.
La mappa, oltre a riportare le fermate, segnala i luoghi e fornisce coordinate, indirizzi e informazioni utili sul programma di ART CITY, con un'ampia distribuzione in Fiera, nelle sedi partecipanti, in Salaborsa e nei punti di informazione turistica Bologna Welcome situati in Piazza Maggiore e presso l'Aeroporto Gugliemo Marconi.
Per favorire l'accessibilità ad ART CITY Bologna anche nel 2014 sono stati previsti orari estesi e l'ingresso gratuito (in alcuni casi ridotto) per i possessori di qualsiasi biglietto o card Arte Fiera, mentre personale adibito all'accoglienza del pubblico sarà presente in numerose sedi.
Servizi per famiglie e bambini sono offerti tramite le iniziative della sezione ART CITY Children.
Tutte le informazioni e i documenti scaricabili su
http://www.artefiera.bolognafiere.it/eventi/eventi-in-citta/art-city-bologna-2014/853.html

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 539 volte

Inserito da redazione il Gio, 23/01/2014 - 08:57


I giovedì di Palazzo Pepoli per conoscere la storia di Bologna

I giovedì a Palazzo Pepoli: Viaggi nel Museo della Storia di Bologna
Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna arricchisce le aperture serali del giovedì (fino alle ore 22) di particolari visite guidate: ogni mese, fino a maggio 2014, un tema originale diventa il filo conduttore per raccontare Bologna come non è mai stata raccontata; ogni giovedì un argomento diverso approfondisce la tematica del mese.
Con l’inaugurazione di questo ciclo di visite, l’ingresso serale al Museo diventa gratuito (tutti i giovedì dalle ore 19 alle ore 22). La partecipazione alla visita ha un costo di euro 5 a persona.
Un calendario di 24 appuntamenti ideato dalla Prof.ssa Cristina Francucci, Consulente scientifica per i servizi educativi di Genus Bononiae. Musei nella città.
Le visite sono condotte dalle operatrici della Associazione “Senza titolo”.
Tutto il programma su: http://www.genusbononiae.it/index.php?pag=25&ins=1061
Il calendario delle prossime settimane prevede:
MAGGIO 2014
QUATTRO PERSONAGGI PER CONOSCERE BOLOGNA

Un percorso per scoprire i protagonisti illustri di Bologna. Ogni volta un personaggio diverso da incontrare, passeggiando nelle sale del museo. Re Enzo, Cesare Dalla Croce, Laura Bassi e Filopanti si passeranno idealmente il testimone per raccontare alcune delle più importanti vicende cittadine.
- Giovedì 8/5 - RE ENZO
Il Duecento, secolo d’oro di Bologna, viene raccontato attraverso la storia della cattura di re Enzo, figlio dell’imperatore Federico II. Simbolo della potenza comunale questo guerriero, bello e biondo, venne tenuto prigioniero fino a morte nel palazzo che porta oggi il suo nome. E se Bologna vinse re Enzo, Enzo legò per sempre a sé la fantasia del popolo, lasciandogli in eredità la sua leggenda.
- Giovedì 15/5- GIULIO CESARE DALLA CROCE
Scrittore, cantastorie, commediografo ed enigmista: molte anime profondamente diverse e allo stesso tempo affini, che si uniscono per dare vita alla storia di un personaggio grandioso, cantore della Bologna popolare di fine '500, interprete degli umori più tipici della bolognesità.
- Giovedì 19/5 -  LAURA BASSI
La Bologna del Settecento, non a caso chiamato come “secolo delle donne”, offre la storia di una vera eccellenza, in campo sia umano che professionale: la storia incredibile di Laura Bassi, scienziata bolognese e prima donna docente universitaria del mondo. Un viaggio nelle sale del museo per ricostruire la storia della “Minerva bolognese” e la cultura dell’epoca.
- Giovedì 22/5  - QUIRICO FILOPANTI
Nella Bologna di inizio Ottocento Giuseppe Barilli diviene Quirico Filopanti: Filopanti significa voler bene a tutti e Quirico ricorda la grandezza di Roma. Con il nome nuovo Barilli espone subito il suo programma di vita: insegnare, inventare, creare, fare apprendere, diffondere ovunque le conoscenze. Il percorso di visita è tutto dedicato alla scoperta di questo eclettico personaggio.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 937 volte

Inserito da redazione il Lun, 13/01/2014 - 09:57


Colline di S. Luca, nuova area protetta

Colline di San Luca”, nasce una nuova area protetta da 5mila ettari
Il paesaggio naturale e seminaturale interessa i Comuni di Bologna, Casalecchio di Reno e Sasso Marconi
La Giunta ha deliberato l’istituzione del Paesaggio naturale e seminaturale protetto ”Colline di San Luca” che interessa i Comuni di Bologna, Casalecchio di Reno e Sasso Marconi, che nelle scorse settimane avevano espresso formale assenso dopo un lungo percorso condiviso. La delibera passerà ora al vaglio del Consiglio provinciale e l’approvazione è prevista entro gennaio 2014.
L’area comprende il territorio collinare che dall’area urbana bolognese e da quella contigua di Casalecchio si spinge verso sud sino al limite della Riserva del Contrafforte Pliocenico ed è delimitato a est dal corso del torrente Savena e a ovest da quello del fiume Reno.
Il nuovo Paesaggio protetto, istituito ai sensi della Legge Regionale 672005 e che presenta una elevata variabilità ambientale e una altrettanto ricca diversità biologica, rappresenta un importante tassello di completamento della tutela della fascia collinare appenninica a ridosso del capoluogo. Da un punto di vista ecologico infatti, con i suoi quasi 5000 ettari di estensione, l’area mette in diretta relazione territoriale il Parco regionale Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa, il Parco Storico regionale di Monte Sole e la Riserva Naturale del Contrafforte Pliocenico, oltre a una serie di altri importanti elementi della rete Natura 2000. Inoltre l’area include al suo interno il Sito di importanza comunitaria/Zona a protezione speciale “Boschi di San Luca e DestraReno”. L’importanza dell’area risiede in particolare nella sua conformazione e ubicazione: si tratta di un corridoio ecologico ricco di significati e una particolare area di transito sia per gli uccelli (sono oltre 15 le specie di interesse comunitario segnalate tra cui il Falco Pellegrino) che per gli animali di terra (il sito è frequentato stabilmente dal Lupo) tra l’Appennino e le aree fluviali-umide della pianura bolognese.
Le finalità istitutive del Paesaggio protetto mirano all’individuazione e all’attuazione di azioni specifiche per arrestare la perdita della biodiversità attraverso il sostegno e la valorizzazione delle realtà socio-economiche e culturali locali. In particolare salvaguardando e potenziando il patrimonio paesaggistico; valorizzando il sistema delle aree verdi pubbliche presenti; promuovendo una fruizione compatibile con la conservazione del patrimonio naturale.
La
Provincia assumerà la gestione dell’area fino al trasferimento della funzione all’Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale.
Info http://www.provincia.bologna.it/probo/Engine/RAServePG.php/P/1905510010400/T/8220Colline-di-San-Luca8221-nasce-una-nuova-area-protetta-

Scritto in Ambiente, ecologia, natura | Bologna | Casalecchio di Reno | Sasso Marconileggi tutto | letto 1100 volte

Inserito da redazione il Lun, 13/01/2014 - 09:31


L'eredità dei Bastardini, dall'assistenza all'arte, una mostra

L'eredità dei Bastardini: dall'assistenza all'arte"
Dal 18 gennaio al 2 marzo in mostra opere scelte dal patrimonio della Provincia di Bologna

L'esposizione, allestita a palazzo Pepoli Campogrande , via Castiglione 7, sarà inaugurata sabato 18 gennaio alle ore 17 e rimarrà aperta fino al 2 marzo.
Si potranno ammirare
trentadue opere, quadri, sculture e oggetti di devozione religiosa, che vanno dal Trecento all’Ottocento, per raccontare un brano di storia di Bologna. Opere che raramente, e solo in parte, sono state esposte. E' il caso del “medagliere”, in mostra per la prima volta, che raccoglie gli oggetti lasciati fra le fasce dei neonati abbandonati: monete e medaglie spezzate a metà, giustacuori, immagini sacre, spesso accompagnati dal nome del fanciullo e dalla data di nascita. Lasciati con la speranza, chissà, di ritrovare un giorno il bambino affidato alle cure dell’Ospizio cittadino.
L'esposizione, a cura di
Gian Piero Cammarota, Marinella Pigozzi e Serena Maini, è stata organizzata in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni storici, artistici, etnoantropologici di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini e con il sostegno di BolognaFiere. L'evento partecipa ai programmi di Arte Fiera, in calendario dal 24 al 27 gennaio 2014, con tutte le iniziative previste in città per ART CITY Bologna 2014.
Orario di apertura 19 gennaio - 2 marzo 2014
martedì - mercoledì: 14.00 – 19.00 / giovedì- venerdì - sabato - domenica: 9.00 – 19.00 Ingresso gratuito

Scritto in Bologna | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 954 volte

Inserito da redazione il Lun, 13/01/2014 - 08:48


Come si sviluppò la Bologna etrusca: due conferenze

Museo Civico Archeologico di Bologna, Sala del Risorgimento,
Rassegna Archeologia della prima Felsina

Conferenze di Jacopo Ortalli, Università di Ferrara
- sabato 11 gennaio 2014 ore 16
- sabato 18 gennaio 2014 ore 16  PS  Rinviata a data da destinarsi, per motivi di salute del relatore

Due incontri con l’archeologo Jacopo Ortalli per conoscere, dalla voce diretta di uno dei protagonisti della ricerca archeologica nel nostro territorio, quello che gli scavi recenti hanno rivelato sulle primissime fasi della Bologna etrusca.
Gli incontri illustrano il quadro ricostruttivo che emerge dall’analisi e dal raccordo di numerosi dati raccolti sul campo negli ultimi 15 anni di indagini archeologiche, relativamente all’abitato di età villanoviana e orientalizzante.
In qualità di funzionario della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna, Ortalli ha diretto gli scavi effettuati in piazza Azzarita (1996) e in piazza VIII Agosto (1998-1999) in occasione della costruzione di due grandi parcheggi sotterranei, scavi che si sono rivelati fondamentali per ricostruire alcuni aspetti dell’originario stanziamento felsineo.
I risultati di queste indagini, già presentati alla comunità scientifica con convegni e pubblicazioni, vengono ora proposti ad un più vasto pubblico.
* Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.
** Per saperne di più: http://www.museibologna.it/archeologico/rassegne/47909/id/58939

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 609 volte

Inserito da redazione il Mer, 08/01/2014 - 08:02


Tutto su Alfonso Rubbiani e i suoi restauri

E' in corso un ricco programma di iniziative, dal 28 settembre a tutto dicembre 2013, per proseguire poi nel 2014, per la celebrazione del centenario della morte di Alfonso Rubbiani (1913-2013), con mostre ed eventi a Bologna, Budrio e Bentivoglio.
Dal 12 dicembre 2013 al 14 marzo 2014
SOTTO IL SEGNO DI ALFONSO RUBBIANI. LA SALVAGUARDIA DEL PASSATO E LE
ORIGINI DELLA COLLEZIONE DELLA CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

La mostra è dislocata su due sedi:
- Biblioteca d'Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale,Via Nazzario Sauro, 20/2
L'influenza esercitata dal pensiero e dall'attività di Alfonso Rubbiani sulla formazione delle Collezioni della Cassa di Risparmio. La figura di Alfredo Baruffi (1873- 1948)
Orario :lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì ore 9.00 – 13.00 martedì ore 9.00 - 17.00; sabato chiuso
- Santa Maria della Vita. Museo della Sanità e Assistenza e Oratorio dei Battuti Via Clavature, 8-10 : Art Nouveau a Bologna e l'Aemilia Ars
Orario martedì-domenica ore 10.00 - 12.00 e 15.00 - 19.00; lunedì chiuso

www.genusbononiae.it
- Continua a Budrio, Palazzo Comunale - Piazza Filopanti, 11 la mostra
Omaggio a Alfonso Rubbiani. La donazione di merletti Aemilia Ars di Dina Sgarzi Musiani

Scritto in Bologna | Budrioleggi tutto | letto 1764 volte

Inserito da redazione il Ven, 03/01/2014 - 08:43


Le lancette dell'economia bolognese nel 2013

LE LANCETTE DELL’ECONOMIA BOLOGNESE
Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 ** Con aggiornamento al gennaio 2014, in allegato

In questo numero di fine anno de “Le lancette dell’economia bolognese” si vuole tracciare un primo bilancio della congiuntura economica nel 2013, inquadrando anche le tendenze in un arco temporale di medio periodo (2008- 2012) caratterizzato dall’affermarsi di una crisi economica senza precedenti dal secondo dopoguerra.
Anche nel 2013, che sta volgendo ormai al termine, la crisi economica tuttora in atto ha fatto sentire i propri effetti a livello locale; gli indicatori statistici ne testimoniano gli evidenti impatti, mostrando tuttavia andamenti differenziati e in qualche caso anche segnali positivi.
Molte però sono ancora le ombre nel panorama economico locale. Il problema più drammatico anche nei nostri territori è senza dubbio quello del lavoro. Dal punto di vista occupazionale il terzo trimestre 2013 vede in regione (massimo dettaglio territoriale disponibile in corso d’anno) ancora una volta un andamento in flessione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: calano gli occupati (-0,7%) e parallelamente aumenta il numero dei disoccupati (+16,9%), facendo salire il tasso di disoccupazione regionale al +6,4%. In questo contesto si colloca anche la preoccupante esplosione avvenuta negli ultimi anni del tasso di disoccupazione giovanile: quello riferito alla popolazione fra i 18 e i 29 anni risulta in forte crescita e nel 2012 aveva già superato in provincia di Bologna il 20%, a fronte di un valore di appena il 3% nel 2008.
Parallelamente risulta in aumento in provincia di Bologna nel periodo gennaio-novembre 2013 il ricorso alla cassa integrazione con un incremento del +6,1% (complessivamente quasi 17,6 milioni di ore autorizzate nei primi undici mesi dell’anno in corso). Questa crescita è dovuta esclusivamente all’aumento della gestione straordinaria, salita di quasi il 30% rispetto all’analogo periodo del 2012, mentre risultano in calo sia la gestione ordinaria che quella in deroga.
Nel 2013 si registra anche un significativo aumento dei fallimenti (90 nei primi dieci mesi dell’anno), il 36,4% in più rispetto all’analogo periodo del 2012. In forte calo invece nello stesso periodo il valore economico degli oltre 7.000 protesti levati a carico di ditte o persone residenti nel comune di Bologna (-18%). In crescita nel secondo trimestre 2013 anche le sofferenze bancarie.
Il mercato immobiliare stenta a risollevarsi e mostra ancora segnali negativi per le nuove edificazioni nel territorio comunale: tra gennaio e novembre 2013 calano del 53,2% le abitazioni progettate (complessivamente 125 a Bologna), mentre gli alloggi ultimati sono stati appena 32 (-85,2% sullo stesso periodo dello scorso anno).

Scritto in Bologna | Economia e Societàleggi tutto | letto 1062 volte

Inserito da redazione il Ven, 27/12/2013 - 19:25


Sagre, feste, presepi e trenini di Natale a Bologna e provincia

Sagre e feste Bologna e provincia
Il calendario di dicembre e gennaio promuove le sagre grandi e piccole organizzate dai volontari di enti e associazioni: un'occasione per conoscere luoghi suggestivi e assaporare cibi tradizionali nei luoghi tipici di produzione.
Il calendario è costruito in ordine di data con una descrizione sintetica di ogni evento e comprende ormai la quasi totalità delle manifestazioni enogastronomiche dei 60 comuni della provincia, incluso quello di Bologna.
Inoltre, in occasione delle festività natalizie il calendario comprende:
Mercatini di Natale - Presepi un po' speciali - Feste di fine anno - Per festeggiare la Befana
Il pieghevole è disponibile presso gli Uffici di informazione turistica, l'URP della Provincia di Bologna, i Quartieri e gli URP dei Comuni della provincia e scaricabile dal sito
http://www.provincia.bologna.it/probo/Engine/RAServePG.php/P/280511570300/T/Sagre-e-feste-Bologna-e-provincia-da-mangiare
- 21 novembre-6 gennaio Bologna FIERA DI NATALE
Mercatino natalizio di addobbi, dolciumi e articoli artigianali da regalo provenienti da tutto il mondo in via Altabella, a fianco della cattedrale di San Pietro.
- 25 novembre-1 gennaio Bologna FIERA DI SANTA LUCIA
Il più antico mercatino natalizio dell’Emilia Romagna riapre con le strutture espositive completamente rinnovate. Tutti i giorni dalle 9 alle 20 in Strada Maggiore.
Info IAT Piazza Maggiore 051 239660
- T Days, arriva il trenino natalizio a Bologna
Per tutta la durata delle festività natalizie, come preannunciato, dentro l'area pedonale dei T Days sarà in funzione un trenino leggero, a basso impatto ambientale (euro 6, massima classe ecologica oggi in commercio) e accessibile alle carrozzine handicap, pensato specificamente per il periodo dell'anno in cui il centro è maggiormente frequentato dai cittadini.
Il trenino, analogo a quello già in funzione per gli itinerari turistici a San Luca, sarà attivo dalle 10 alle 20 di tutti i weekend e i giorni festivi nel periodo dal 7 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014 compresi.(*)
(*) Il trenino, vista la grande massa di gente di solito a passeggio nella “T”, per motivi di sicurezza dovrà procedere a passo d'uomo e dando sempre la precedenza a pedoni e biciclette. Il trenino andrà avanti e indietro in modo continuo lungo l'asse Rizzoli-Ugo Bassi, con tre fermate: all'inizio di via Rizzoli sotto le Due Torri, all'incrocio con via Indipendenza e alla fine di via U. Bassi all'angolo con via N. Sauro.
Il servizio sarà completamente gratuito per chi ha un abbonamento o un altro titolo di viaggio Tper in corso di validità (city pass, biglietto di corsa semplice, etc.), per le persone disabili e per i bambini fino ai 12 anni. Gli altri utenti potranno accedere al servizio al costo di 1 euro a viaggio (cioè anello completo con salita e ridiscesa alla fermata di partenza).
Il costo per la gestione del servizio, pari a circa 13.000 euro, in via eccezionale sarà sostenuto direttamente da SRM, l'agenzia per la mobilità del Comune di Bologna.
Il trenino sarà l'unico mezzo autorizzato ad accedere all'area, per continuare a garantire piena libertà e sicurezza alle migliaia di pedoni che affollano la 'T' ogni sabato e domenica.
http://www.comune.bologna.it/news/t-days-arriva-il-trenino-natalizio#sthash.pQhONh0Y.dpuf
- Alle origini del presepio bolognese
Come ogni anno i Musei Civici d’Arte Antica organizzano al Museo Davia Bargellini una mostra dedicata al presepe bolognese tradizionale, in collaborazione con il Centro Studi per la Cultura Popolare.
Quest’anno l’esposizione presenta al pubblico un presepio di straordinaria importanza, in quanto è documentato come il più antico della diocesi di Bologna. Le sei statuine in terracotta policroma che lo compongono provengono da una chiesa parrocchiale della provincia: San Michele Arcangelo di Capugnano.
La mostra è a cura di Silvia Battistini (Musei Civici d'Arte Antica) e Gioia e Fernando Lanzi (Centro Studi per la Cultura Popolare)
La mostra sarà aperta dal 3 dicembre 2013 al 19 gennaio 2014 (**)
Orario: martedì-sabato 9.00-14.00 / domenica e festivi infrasettimanali 9.00-13.00 Chiuso lunedì feriali, Natale e Capodanno
 
Il percorso espositivo continua con l’allestimento di alcuni presepi realizzati con statuette barocche conservate in museo, così da illustrarne l'evoluzione nelle varie tipologie e nello stile, sempre aggiornato - anche per oggetti di così piccole dimensioni - sui modelli della scultura di grande formato.
Accompagna la mostra un ricco calendario di appuntamenti e visite guidate.
*** Anche quest'anno, come di consueto, la città rende omaggio a questa grande tradizione con l'allestimento di un presepe a Palazzo d'Accursio. L'opera firmata dall' artista Domenico Guidi è dedicata all'Adorazione dei Pastori e verrà inaugurata giovedì 12 dicembre, alle 18.30, nel cortile d’Onore, dal sindaco Virginio Merola e dal Cardinale Carlo Caffarra . Semplice e lineare, il presepe di Guidi, parla di umiltà, di essenzialità e di rinascita e si compone di figure leggere, intagliate superficialmente in tavole di legno.
** Per tutto il periodo natalizio, il Comune di Bologna offre a turisti e cittadini un ampio programma di passeggiate guidate ai presepi della città. Percorsi gratuiti organizzati dal Centro Studi per la Cultura Popolare che conducono a scoprire il significato simbolico delle figure e delle scenografie e l'importanza di imparare dalla bellezza dell'arte.

http://www.comune.bo.it/news/presepi-citt#sthash.Mf3WDsZr.dpuf
*Iil calendario aggiornato con orari di apertura alle visite libere è sul sito:

http://www.bolognawelcome.com/eventi/calendario-completo/params/Eventi_1806/ref/Presepi

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 1105 volte

Inserito da redazione il Ven, 06/12/2013 - 18:35


Iniziative per ricordare i diritti delle persone con disabilità

Giornata dei Diritti delle Persone con Disabilità 2013
La Giornata dei Diritti delle Persone con Disabilità è indetta dall'ONU il 3 dicembre di ogni anno e "ha lo scopo di mettere in risalto l'interdipendenza tra i diritti delle persone con disabilità e lo sviluppo della società".
La
Provincia di Bologna ha iniziato a celebrarla dal 2005 su richiesta di alcune Associazioni e conferma tale impegno anche quest'anno, organizzando così la NONA edizione.
- Martedì 3 dicembre ore 17 - a Bologna Sala del Consiglio provinciale Via Zamboni 13
VISSUTI DI QUALITÀ Un libro per riflettere sulla disabilità grave
Il programma completo delle iniziative, in vari comuni della Provincia, a partire da Medicina il 30 novembre, è leggibile sul sito
http://www.provincia.bologna.it/disabili/Engine/RAServePG.php/P/310211580300/T/Giornata-dei-Diritti-delle-Persone-con-Disabilita-2013
In particolare, nella zona pianura, si segnala:
- Venerdì 6 dicembre alle ore 21 al Teatro Comunale di Castello d'Argile via Matteotti, 150
Magnifico Teatrino Errante
presenta
RANDOM CABARET (La variabile Casuale)
Ultima replica dell'anno dello spettacolo che ha fatto commuovere e sorridere!
In collaborazione con Comune di Argelato, Comune di Castello d'Argile e Gruppo Disabili di Argelato - DLF di Bologna
Lo spettacolo rientra nella sezione Teatri Poveri/Teatri solidali realizzata in collaborazione con la Rete Teatri Solidali promossa dalla Provincia di Bologna e dall' Istituzione G.F. Minguzzi.
ENTRATA A OFFERTA LIBERA
Per informazioni: Email: magnificoteatrino@gmail.com www.magnificoteatrino.wordpress.com

Scritto in Bologna | Castello d'Argileleggi tutto | letto 800 volte

Inserito da redazione il Sab, 30/11/2013 - 09:07


In Corde, un festival per la chitarra

In Corde, un festival dedicato alla chitarra
19 - 23 novembre 2013
concerti a Bologna, Budrio, Imola, Pieve di Cento
Programma
-
martedì 19 novembre a Pieve di Cento - Museo Magi' 900, due concerti: al mattino uno riservato agli studenti delle scuole medie e alla sera uno aperto a tutti, a ingresso gratuito e fino a esaurimento dei posti disponibili.
Il programma della serata, che avrà inizio alle
20:45, prevede innanzi tutto un intervento introduttivo degli attori del Teatrino del Giullare.
A seguire avrà luogo lo spettacolo musicale, con musiche di Albéniz, Pennisi, Piazzolla, Ponce, Sciarrino (Margherita Cinque, Luca Formigari, Andrea Orsi, Giulio Tommasini, chitarre - Rosa D’Alise, voce; Giovanni Fergnani, oboe; Elena Valentini, cembalo).
In + Workshop La costruzione della chitarra A cura di Gabriele Lodi - Aperto a tutti
- martedì 19 novembre ore 11,00 - Bologna - Liceo Musicale Laura Bassi,
- mercoledì 20 novembre ore 17,30– Imola - Auditorium della Nuova Scuola di Musica Vassura Baroncini,
Prenotazioni al 349 2116942
- 21 novembre 21,00 Concerto a Budrio – Le Torri dell'Acqua – Sala ottagonale, Via Benni 2
- 22 novembre 21,00 Concerto a Imola - Auditorium della Nuova Scuola di Musica Vassura Baroncini
- 23 novembre 17,00 Concerto a Bologna – Museo della Musica, Strada Maggiore 34
IN+ Precede il concerto, alle ore 15,30:
INCONTRO con esposizione di immagini

La chitarra era una spada - l'immaginario della chitarra nei mass media

Dalla collezione di Augusto Pasquali
Intervengono: Stefano Cardi (direttore artistico di In Corde) eAlfredo Pasquali (direttore di radio Città Fujiko e curatore del libro Carta Canta)
- 23 novembre 10,00 Toca la guitarra !La prima lezione di chitarra -
A cura di Lorenzo Rubboli
Dedicato a bambini e ragazzi a Imola - Biblioteca Casa Piani, Via Emilia 32
* Prenotazioni al 349 2116942. Il programma completo e dettagliato è sul sito:
http://www.provincia.bologna.it/probo/Engine/RAServePG.php/P/531811390300/T/In-Corde

Scritto in Bologna | Budrio | Pieve di Centoleggi tutto | letto 1010 volte

Inserito da redazione il Gio, 14/11/2013 - 10:52

fonte XML