Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Bologna


Nuovo Consorzio della Bonifica Renana

Bonifica Renana: nasce il nuovo consorzio
Dal 1 ottobre 2009 partono i nuovi 8 Consorzi di bonifica in Emilia Romagna che sostituiscono i 15 precedenti
. Con la nomina dei nuovi amministratori dei Consigli provvisori si avvia la riforma prevista dalla legge di riordino approvata nel dicembre scorso. Per ognuno dei nuovi Consorzi, l'Assemblea legislativa regionale ha votato il presidente e i 10 componenti il Consiglio, che si insediano dal 1° ottobre 2009 ed avranno la durata di un anno. Sarà compito dei nuovi Consigli provvisori giungere entro un anno alla convocazione delle elezioni da parte dei consorziati per eleggere i Consigli ordinari. Si ricorda che gli 8 Consorzi di bonifica dell'Emilia Romagna corrispondono ai sottobacini del Po, del Reno, dei Fiumi Romagnoli e del Marecchia-Conca. Bonifica Renana e Reno-Palata fondono tutti gli ambiti idraulici che scolano nel fiume Reno e nasce un nuovo consorzio che li riunisce. Continuerà a chiamarsi CONSORZIO DELLA BONIFICA RENANA e comprenderà ben 55 comuni in provincia di Bologna in luogo dei precedenti 39.
A questi si sommano i 6 comuni toscani, i 4 modenesi e Argenta (Fe) che confluiscono sempre nel bacino del fiume Reno. Il comprensorio del Consorzio passa da 1876 km quadrati a 3425 km quadrati di superficie, divenendo il primo in Emilia-Romagna come area montana ed il secondo come superficie totale.
Nelle nuova gestione  provvisoria per un anno, resta presidente Giovanni Tamburini, con sede sempre in Bologna in via S. Stefano 56 .
Il Consorzio Reno-Palata è quindi sciolto e incorporato nella nuova Bonifica Renana

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 941 volte

Inserito da redazione il Gio, 2009-10-01 07:24


Ugo Bassi, mostra al Museo del Risorgimento

Sabato 10 ottobre 2009 alle ore 12, presso il Museo civico del Risorgimento, Piazza Carducci 5  a  Bologna,  verrà inaugurata la mostra
Ugo Bassi nel suo tempo. In memoria di Nello Bagni a un anno dalla morte.
La mostra, curata da Giampiero Bagni, è stata promossa dal Museo del Risorgimento in collaborazione con la Sartoria Teatrale Alberani.
Ugo Bassi (1801-1849) fu uno dei grandi protagonisti del processo di unificazione italiana e il più famoso tra i Bolognesi. La mostra espone la collezione di documenti relativi al frate patriota raccolti e ordinati da Nello Bagni e da lui dati in lascito al Museo del Risorgimento.
La vicenda di Ugo Bassi viene riproposta all’interno del contesto quotidiano della sua epoca. Particolare attenzione è data agli aspetti legati alla comunicazione, un tema cui Bagni, che fu tra l’altro grande studioso di filatelia e storia postale, era specialmente attento.
La mostra resterà aperta dal 10 ottobre al 14 novembre 2009
da martedì a domenica: ore 9-13 . Chiuso il lunedì e giovedì 22 ottobre
Ingresso gratuito. Visite guidate alla mostra a richiesta.
* A partire dal corrente mese di ottobre il Museo civico del Risorgimento tornerà ad aprire tutte le domeniche. Questo risultato è stato raggiunto nell’anno in cui la città ha ricordato il 150° anniversario della liberazione di Bologna dalle truppe austriache e pontificie (12 giugno 1859) e la successiva annessione  al nuovo Regno d'Italia unita: si è ritenuto infatti che il miglioramento del servizio pubblico potesse costituire il modo migliore per celebrare questo evento fondamentale della nostra storia.
__ I
n occasione della Festa della Storia, il Museo del Risorgimento ha organizzato  alcune iniziative di approfondimento storico che si svolgeranno mercoledì 21 alle ore 15,30 e giovedì 22 alle ore 11 e alle ore 15,3o (visita alla Certosa), di cui si allega il programma

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1140 volte

Inserito da redazione il Gio, 2009-10-01 07:12


Anniversari e cultura a Bologna

Bologna regala cultura a Bologna, domenica 20 settembre, per tutta la giornata, un appuntamento per ogni ora, dedicato agli anniversari del secolo XX, a partire dal 1909 e per finire col 1999. Personalità del mondo della cultura, giornalismo, politica e sport, si alterneranno presso il Museo Medievale e la vicina Chiesa-Oratorio dei Filippini, in via Manzoni, per spiegare alcuni eventi cruciali. Il programma, offerto da Comune, Università e vari enti, propone:
- 1909 - ROSSOBLU' la nascita del Bologna football club. Italo Cucci alle ore 10 , nel cortile del Museo Medievale
- 1919 - MARCONI l’elettra e la radio. Gabriele Falciasecca ore 11, alla sala delle lapidi del Museo Medievale
- 1929 - CROLLO la prima crisi economica globale. Ferruccio De Bortoli ore 12, nel cortile del Museo medievale
- 1939 - GUERRA esplode il secondo conflitto mondiale. Alberto De Bernardi ore 15, nella sala delle lapidi del Museo medievale
- 1949 - SCOMUNICA la Chiesa condanna i comunisti. Giuseppe Ruggieri ore 14 , nel cortile del Museo medievale
- 1959 - CONCILIO annuncio del Vaticano II. Alberto Melloni ore 11, all'Oratorio dei Filippini
- 1969 - LAVORO dall'autunno caldo all’inverno freddo. Umberto Romagnoli ore 17, nella sala delle lapidi del Museo medievale
- 1979 - AYATHOLLAH la (prima) rivoluzione islamica. Filippo Andreatta ore 15, all'Oratorio dei Filippini
- 1989 - EUROPA dal crollo del muro all'unione . Romano Prodi ore 18 , all'Oratorio dei Filippini
- 1999 - DE ANDRE' questa domenica in settembre. Francesco Guccini e Stefano Pivato ore 16 nel cortile del Museo medievale

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1032 volte

Inserito da redazione il Lun, 2009-09-14 07:48


Sana. Agricoltura per il futuro e degustazioni

L’assessorato all’agricoltura della Regione Emilia Romagna partecipa al Sana con un ricco programma di appuntamenti. All’interno del padiglione dedicato al tema “Agricoltura futura e umana. Da Bertoldo di Giulio Cesare Croce alla sostenibilità planetaria” sono tre le aree visitabili tutti i giorni fino a domenica. L’area ristorante, quella eventi e l’area pista.
Ecco il programma di domenica 13 settembre nelle tre aree del padiglione: ristorante, eventi e pista.
- Dalle 10.00 alle 18.00 nell’area pista sarà possibile tornare bambini e cimentarsi nel gioco delle biglie. L’estate infatti continua con il Giro del Gusto. Dopo il successo del primo torneo internazionale di Biglie, svoltosi sulla Riviera Adriatica, nei 110 chilometri di costa, ecco tornare nuove sfide. Dentro alle biglie di plastica non si trovano i big delle due ruote, bensì le Dop e le Igp della Regione Emilia Romagna. Si tratta dei 26 prodotti certificati.
Nell’area ristorante sarà la volta di un evento speciale, l’anteprima di Enologica, il salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia Romagna che si svolgerà a Faenza nel mese di novembre. Con “Viaggio in 7 tappe nell’Emilia frizzante. Matrimoni e tradimenti” si potrà giocare col cibo andando a scoprire “matrimoni” celebri fra vini e pietanze, ma anche “tradimenti” storici. A raccontare questi matrimoni e tradimenti sarà Giorgio Melandri, giornalista, degustatore, collaboratore Gambero Rosso e curatore di Enologica.

Scritto in Agricoltura ieri e oggi | Bolognaleggi tutto | letto 2447 volte

Inserito da redazione il Gio, 2009-09-10 18:53


Dinosauri e fossili in mostra al Museo Cappellini

Il Museo Geologico "G. Capellini" dell'Università di Bologna , Via Zamboni 63 , intende celebrare il centenario della prima esposizione dello scheletro completo di Diplodocus carnegiei, il magnifico calco in gesso dono del magnate americano Andrew Carnegie, che giunse in Italia nel 1909. Per l'occasione ha realizzato una importante mostra, e promosso una Conferenza internazionale sulla Paleobiogeografia dei Vertebrati e vari laboratori didattici per ragazzi.
La mostra , intitolata
Diplodocus carnegiei 1909-2009. I dinosauri italiani”
è aperta dal 5 settembre 2009 al 11 gennaio 2010, dal lunedì al venerdì: 9–13- sabato e domenica: 10–18. Ingresso: € 2 (adulti) € 1 (bambini sotto i 16 anni)
Realizzata in collaborazione con i musei e le università di Milano, Modena, Napoli e Trieste, la mostra, unita ai reperti in esposizione permanente presso il museo, si estende in 15 sale, molte delle quali interamente rinnovate per l'occasione.
Una collezione quella del Museo Capellini che vanta oltre un milione di reperti e che con i fossili esposti offre una panoramica che rappresenta un intervallo di tempo di centinaia di milioni di anni di evoluzione e trasformazioni delle forme di vita sul nostro pianeta. I magnifici reperti che per questa occasione speciale sono arrivati a Bologna da diverse parti d'Italia hanno ulteriormente ampliato le tipologie di forme fossili in esposizione.
Nel grande atrio del piano terra sono esposti i fossili provenienti dalle collezioni dei Musei di Storia Naturale di Trieste, Milano, Modena e Napoli. Oltre quaranta magnifici esemplari che rappresentano diverse regioni d'Italia offrono una chiara idea di come l'area mediterranea sia drasticamente e ciclicamente cambiata nel corso di milioni di anni. Dai grandi rettili marini vissuti 200 milioni di anni ai dinosauri rinvenuti vicino a Trieste fino agli antenati delle moderne foche e iene.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 2691 volte

Inserito da redazione il Mer, 2009-09-09 19:00


Bologna sotterranea e in superficie. Visite guidate

Nuovo ciclo di visite nella Bologna sotterranea , e in superficie, per  i prossimi fine settimana o altre serate di agosto-settembre
Queste visite guidate sono prenotabili esclusivamente via mail ad annabrini@libero.it
Anna Brini Tourist Guide - Tour Manager - Nature Guide
www.bolognatourguide.com  Mob.: +39 3398393099
Il programma proposto  prevede, oltre agli abituali percorsi sul torrente Aposa , scavi di Sala Borsa, Bagni di Mario, anche nuove mete di superficie  come il torresotto di S. Vitale, la chiusa di Casalecchio, i campanili della cattedrale di S. Pietro, il Parco di villa Clelia, Piazza S. Domenico, Museo Davia Bargellini:
-Venerdì' 25 settembre ore 20.30 - appuntamento in Piazza S. Domenico davanti alla Chiesa
PIAZZA SAN DOMENICO E I SUOI DINTORNI
Monumenti, storie, personaggi, misteri raccontati nella penombra della sera
Durata: 90 minuti  Costo: Euro 7.00 per persona  Si fa anche con la pioggia. I bimbi sotto i 12 anni pagano la metà Guida: Monica Fiumi
- Sabato 26 settembre  ore10.00 - Appuntamento in Strada Maggiore 44
I
L MUSEO DAVIA BARGELLINI
Visita di un museo davvero particolare, opere d'arte straordinarie, carrozze, teatrini, case delle bambole, la vita dei nobili bolognesi nel '700. Una chicca
Durata: 90 minuti Costo: Euro 7.00 per persona. si fa anche con la pioggia.I bimbi sotto i 12 anni pagano la metà Guida: Monica Fiumi

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1347 volte

Inserito da redazione il Mar, 2009-09-01 14:52


Corsi di dialetto e teatro bolognese

Corsi di Dialetto Bolognese – X edizione 2009-2010
lettura, scrittura, conversazione, teatro e cultura tutta bolognese
Le lezioni dei Corsi si tengono al Teatro Alemanni, Bologna, via Mazzini 6
Altre informazioni alla pagina
http://www.clubdiapason.org/09-10corsi/09-10corsibo.html
Programma e modalità:
- Corso di Dialetto Bolognese di base, primo livello
(Cåurs ed Bulgnaiṡ ed prémm livèl)
Ogni mercoledì dal 7 ottobre al 18 novembre 2009, ore 21 (7 incontri)
Anche questa edizione si avvarrà della collaborazione di linguisti, esperti cultori del nostro idioma, bolognesi ‘doc’: Roberto Serra, docente, Luigi Lepri (Gigén Lîvra), docente invitato, Daniele Vitali, direttore didattico, Amos Lelli, un bulgnaiṡ, Aldo Jani Noè un èter bulgnaiṡ. Organizzazione, ufficio stampa e chèp bidèl del corso
Testimonial Fausto Carpani
Le lezioni tratteranno la struttura grammaticale e il lessico di base, per portare gli allievi, a fine corso, a capire, leggere e iniziare a parlare correntemente.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1150 volte

Inserito da redazione il Lun, 2009-08-31 08:31


Bologna in giallo

Oltre a quelle già segnalate in articoli su questo sito, a Bologna  si possono trovare altre  due opportunità per conoscere i tanti aspetti nascosti della città.Il secondo ed ultimoe:
- mercoledì 2 Settembre 2009, ore 20,30
Bologna segreta
Dopo il successo dell'appuntamento del 29 luglio scorso, ecco un ulteriore, affascinante itinerario a piedi, diverso dal precedente, nel centro storico di Bologna, alla scoperta della città e di luoghi
eccezionalmente visitabili per l'occasione. La città con la sua storia, arte e le curiosità è piena di torri, osterie, portici, locali, altane, chiese, palazzi e persone, le più varie, che la rendono unica e godibile.
Appuntamento alla Fontana del Nettuno
La visita ha una durata di due ore circa. Euro 10 per persona. * La prenotazione è obbligatoria
Info e Prenotazioni: Gaia Eventi Da lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 13.00
preferibilmente via mail:
info@bolognaeventi.com <mailto:info@bolognaeventi.com> oppure al Tel.051.9911923

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 777 volte

Inserito da redazione il Ven, 2009-08-21 16:44


Riaperto il Museo Morandi a Bologna

Dopo un breve periodo di chiusura per lavori, da martedì 4 agosto 2009 è riaperto al pubblico il Museo Morandi con un allestimento completamente rinnovato. Il nuovo percorso è stato pensato per accogliere nella prima sala opere provenienti da collezioni private, generosamente concesse in comodato così da arricchire l'importante patrimonio dell'Istituzione Galleria d'Arte Moderna. Ad aprire tale ciclo di esposizioni tematiche sarà la raccolta di Valerio De Paolis, composta da cinque dipinti, nove acqueforti e un acquerello tutti di grande interesse storico e qualitativo.
Tornano poi ad essere esposti 33 dei capolavori che hanno decretato il successo dell'antologica "Giorgio Morandi 1890-1964", prima al Metropolitan Museum of Art di New York e poi al MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna.
Per maggiori informazioni visitate il sito di MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 946 volte

Inserito da redazione il Ven, 2009-08-07 14:03


Sulle strade di Marconi, in bici

Sui raggi di Marconi
Un percorso cicloturistico e uno spettacolo itinerante sulle "onde" di Marconi (ogni domenica )... dal 28 giugno 2009 al 13 settembre 2009.
Da Bologna a Pontecchio Marconi e ritorno, lasciandosi alle spalle smog e confusione, immergendosi nella natura, su piste ciclabili lontane dal traffico, all'interno del Parco Talon, costeggiando le vie d'acqua bolognesi.
Un itinerario insolito tra natura, musica, teatro, danza, storia e scienza. Dalla casa natale del grande scienziato in via IV novembre, nel cuore di Bologna, passando dal suggestivo Palazzo de' Rossi a Villa Griffone a Pontecchio, la residenza dove Marconi fece le sue prime scoperte e dove è sepolto insieme alla moglie. Fino a raggiungere il Museo "Mille Voci... Mille Suoni", dal 2007 patrimonio Unesco e custode di 2000 pezzi originali e funzionanti che raccontano le origini e l'evoluzione degli strumenti della moderna comunicazione. Un modo diverso e avvincente per accostarsi a Guglielmo Marconi, nell'ambito delle manifestazioni per il centenario del Nobel allo scienziato, proprio nei luoghi che hanno caratterizzato la sua vita e la sua attività.
Una giornata all'insegna della cultura e del movimento, dedicata a tutti, senza limitazioni di età, immersi nelle bellezze naturali del nostro territorio e accompagnati dalla musica affascinante e originale del Theremin, sempre sulle "onde" di Marconi.
- Partenza : Bologna Via IV novembre 3 (Centro/Saragozza)- ore 10.30 ritorno ore19. Prenotazione obbligatoria. Costo € 15  Info www.vitruvio.emr.it
Foto ripresa dalla guida turistica di Sasso Marconi

Scritto in Bologna | Sasso Marconileggi tutto | letto 1470 volte

Inserito da redazione il Gio, 2009-08-06 14:15


Magie arboree ai Giardini Margherita

Continua la Rassegna: Magie Arboree a Bologna, nel Parco Giardino dei Giardini Margherita con prossimi appuntamenti per visite guidate a tema il 6, l'11 e il 28 agosto e l'8 e il 16 settembre
Inaugurato nel 1879, il parco fu disegnato dal Conte Piemontese Bertone di Sambuy, già ideatore del Parco del Valentino a Torino. L'impostazione ricalca il gusto "all'inglese", di moda all'epoca: alternanza tra boschi e spazi aperti, con viali da percorrere in carrozza, sentieri lungo i quali inoltrarsi a piedi ed un laghetto fiancheggiato da un canale.
Intitolato
"Passeggio Regina Margherita", in onore di colei che da un anno sedeva sul trono italiano accanto al consorte Umberto I, il parco divenne luogo d'incontro dei bolognesi e sede per importanti manifestazioni, a partire dall'Esposizione Emiliana d'Agricoltura e Industria del 1888. Nel Giardino trovò spazio un piccolo chalet in legno (distrutto da un incendio nel 1893 e ricostruito in muratura all'inizio del secolo) luogo di incontri e di spettacoli di Cafè-chantant, mentre nel 1915 si avviarono i lavori per la costruzione di una scuola all'aperto e nel tempo trovarono collocazione nell'area del Giardino il circolo del Tennis, i Padiglioni per mostre ed incontri e la biblioteca dei ragazzi.
Nel 1945 ai Giardini venne collocata la statua equestre di Vittorio Emanuele II, un tempo posta in Piazza Maggiore. Il Giardino, che attualmente rappresenta un museo floreale ricco di conifere e di piante esotiche, è anche un piccolo parco archeologico: a partire dal 1875, anno d'inizio dei lavori, infatti sono venuti alla luce tombe, vasi, suppellettili etrusche ed esempi importanti dell'Etruria padana.
Ecco il programma dei prossimi incontri

- martedì 8 settembre, ore 20,30 : Il Pruno e le leggende dell'eterna giovinezza
Nell'incontro verrà fatta esperienza di contatto con gli alberi, verranno presentati gli spiriti del bosco e verrà suonata la musica delle piante.
- mercoledì 16 settembre, ore 20,30 : La Quercia e il Vello d'Oro di Giasone
Nell'incontro verrà fatta esperienza di contatto con gli alberi, verranno presentati gli Arboricoli di Damanhur Ivrea e verrà suonata la musica delle piante.
* Ritrovo: Davanti l'ingresso Porta Santo Stefano dei giardini Margherita
€10 a partecipante (ingresso ridotto per i ragazzi fino a 15 anni € 6)
Giardini Margherita Piazzale Jacchia
Informazioni: bè bolognaestate09 - Comune di Bologna- Terra Rossa - Terra Verde 340.7727549 338.4466388 Invia email ww.terrarossa.bo.it  ›www.damanhur.info

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1432 volte

Inserito da redazione il Gio, 2009-08-06 14:08


29 anni fa la strage della stazione di Bologna

Ventinove anni fa una bomba alla stazione di Bologna cambiò il destino di ottantacinque persone e segnò la vita di quanti, feriti o familiari delle vittime, sono sopravvissuti a quella tragica mattina. La città di Bologna non dimentica e, come ogni anno, il 2 agosto è la giornata dedicata al ricordo.
- Si inizia, domenica 2 agosto 2009 ,dalle 6.30 alle 8.30 - Parco della Montagnola, Piazza VIII agosto: arrivo da tutta Italia delle staffette podistiche "Per non dimenticare"
dalle 8 alle 14 - 1 e 2 agosto -
Stazione centrale - stand Poste Italiane: vendita e annullo francobollo commemorativo
- alle 8.45 - Sala del Consiglio comunale - Palazzo d'Accursio: incontro con l'Associazione Familiari Vittime della Strage alla Stazione di Bologna ed i rappresentanti delle città, degli enti e delle associazioni aderenti alla manifestazione
- alle 9.15 - Piazza Nettuno: concentramento con i Gonfaloni delle città e corteo lungo via dell'Indipendenza
- alle 10.10 - Piazza Medaglie d'Oro: intervento del Presidente dell'Associazione Familiari Vittime della Strage alla Stazione di Bologna, Paolo Bolognesi. Seguono un minuto di silenzio in memoria delle vittime e gli interventi del Sindaco di Bologna Flavio Delbono e di un rappresentante del Governo

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 839 volte

Inserito da redazione il Mer, 2009-07-29 06:19


Cibo in posa e in mostra all'Accademia di Belle Arti

Inaugurata il 23 luglio, prosegue dal 24 luglio fino al 20 novembre, la affascinante, preziosa, anche se piccola, esposizione
"Cibo in posa",
19 dipinti ' di cib
o' eseguiti in Emilia tra il Seicento e il Settecento.
L'Accademia di Belle Arti di Bologna ospita questa nuova mostra nella sua restaurata Aula Magna, ovvero nella ex chiesa della Casa di S.Ignazio
in via Belle Arti. E vi espone rappresentazioni in cui il cibo viene dipinto con pastosa esuberanza, esibito, ostentato, squadernato, e assume vigore grazie a un immaginario che si esprime all'interno di quel genere pittorico che viene chiamato "natura morta" ma che spesso ci offre piuttosto una natura "viva".
Vitali infatti, e rutilanti di pani e frutta, di salumi e selvaggina, di pesci e vasellami, sono i quadri esposti in questa rassegna: vitali anche perché sono documenti importanti della cultura materiale, della vita domestica e della storia economica di epoche e luoghi. E infatti, in questi dipinti ecco apparire il pane ferrarese così com'era in pieno Settecento, la saporita "coppa d'estate", la fresca anguria aperta a strappo, e varissimi tipi di frutta (uve, mele, pesche, fichi...) oggi purtroppo in parte scomparsa, o ormai rarissima, di quella per intenderci che alcuni vivai benemeriti cercano con fatica di preservare dall'estinzione e dalla dimenticanza di un mercato massificatore e insipido.
Spesso sulla scia di Annibale Carracci, che in gioventù dipinse con naturalezza una macelleria e tra gli altri un indimenticabile figuro che si avventa su un piatto di fagioli, gli artisti di questa mostra eseguirono opere in cui la voluttà della pittura sposa le asperità delle croste dei taralli e dei pani, le coste callose delle foglie di verza, le superfici scivolose dei crostacei e dei pesci, lo spiumio arioso e morbido della selvaggina ancora tiepida di vita.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1511 volte

Inserito da redazione il Dom, 2009-07-26 05:13


Bologna magica, tra misteri, leggende e storie medievali

Per chi ci crede e per chi non ci crede ma è curioso, da lunedì 20 luglio, e per tante sere d'estate, c'è l'opportunità di fare un tuffo all'indietro nel tempo, tra leggende, miti e storia del Medioevo, con:
BOLOGNA MAGICA
Passeggiate nei misteri magici tra le vie della città
Tutte le serate avranno inizio alle ore 21.
Appuntamento in Piazza Galvani (presso la statua di Luigi Galvani, fronte Archiginnasio) escluso dove diversamente indicato. Termine ore 22,30 circa.
La manifestazione si terrà anche in caso di pioggia. Quota di partecipazione Euro 8,00 a persona. Riduzioni sopra i 60 anni + studenti e ragazzi fino a 18 anni (gratuità ai ragazzi fino 14 anni): Euro 7,00
Abbonamento a 5 passeggiate: Euro 32,00 - Riduzioni sopra i 60 anni + studenti e ragazzi fino a 18 anni (gratuità ai ragazzi fino 14 anni): Euro 28,00
Non è prevista prenotazione, né prevendita. 051916750-051916563-3488138815-3394675826
Ecco il programma:
- 20 luglio – 3, 17 e 31 agosto
BOLOGNA A LUCI ROSSE
Medioevo scostumato in una magica Bologna vietata… serata per soli adulti!
Un percorso dedicato alle inibizioni e alle esaltazioni di un tema che costò la vita e la reputazione a molte persone in città. La sessualità attraverso un Medioevo proibito, dove spesso è stata associata alla magia e per questo condannata al fuoco della purificazione… Le streghe d’amore, le prostitute e gli eretici ordini iniziatici accusati di perversione…
- 21 luglio – 4 e 18 agosto – 1 settembre
LA BOLOGNA DELLE STREGHE, DEI MAGHI E DEI MOSTRI …
I magici sortilegi della Bologna che fu
Un percorso dedicato al magico fascino delle streghe a Bologna. Dall’immagine dell’enormissima strega di Bologna ai maghi incantatori fino alle porte della scienza… in un viaggio dedicato agli eventi soprannaturali ed ai mostri della città nonché … alle presenze misteriose nel cielo cittadino che hanno segnato di terrore la città…

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 2894 volte

Inserito da redazione il Lun, 2009-07-20 05:35


Cinema in piazza a Bologna

Torna in Piazza Maggiore il cartellone cinematografico estivo promosso e organizzato dalla Cineteca di Bologna, con un programma che volge uno sguardo particolare a temi e a personaggi rispetto ai quali il 2009 costituisce una data importante. Ricorrono quest'anno due importanti centenari che onorano la città di Bologna, la fondazione del "Bologna Football club 1909" e il conferimento del premio Nobel per la fisica a Guglielmo Marconi.
Cuore della stagione è l'omaggio a uno dei più importanti cineasti italiani, Sergio Leone, con una retrospettiva quasi integrale delle sue opere. A seguire un omaggio agli attori più amati da Marcello Mastroianni, lui stesso attore dei più carismatici e spettatore dei più appassionati: da Vittorio De Sica a Vittorio Gassman a Henry Fonda... Si chiude in bellezza con i film fondanti della "nouvelle vague", il movimento più impetuoso del cinema moderno.
Appuntamento fino al 29 luglio, alle 22. In caso di pioggia, proiezione al Cinema Lumière (via Azzo Gardino, 65).
Il programma dei prossimi giorni prevede:

- Lunedì 27 luglio LO SPIONE (Le Doulos, Francia/1963) di Jean-Pierre Melville (108')
Introduce Roberto Chiesi, critico cinematografico
a seguire
SOUS LE NOM DE MELVILLE (Francia/2008) di Olivier Bohler (77')
Lingua originale con sottotitoli
- Martedì 28 luglio QUESTA È LA MIA VITA (Vivre sa vie, Francia/1962) di Jean-Luc Godard (85') Introduce Anna Fiaccarini, direttrice Biblioteca Renzo Renzi Lingua originale con sottotitoli
- Mercoledì 29 luglio GOMORRA (Italia/2008) di Matteo Garrone (137')
Lingua originale con sottotitoli
* Per maggiori informazioni vedi il sito del Comune di Bologna/iperbole e Cineteca

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 939 volte

Inserito da redazione il Gio, 2009-07-09 06:02


Il recupero delle torri dell'acqua di pianura all'Urban Center

martedì 7 luglio 2009, ore 18 , Urban Center Bologna Salaborsa, Piazza Nettuno, 3 , presentazione de
IL PROGETTO PER IL RECUPERO DELLE TORRI DELL'ACQUA  dei Comuni dell'Unione Reno-Galliera
L'incontro è organizzato dall'Ordine degli Architetti di Bologna all'interno del ciclo "DIALOGHI DI ARCHITETTURA" presso l' Urban Center.
Verranno presentate le proposte per il riuso e recupero delle torri dell'acqua, sviluppate nel progetto sperimentale attivato nell'ambito della Convenzione Europea del Paesaggio nel territorio dell'Unione Reno-Galliera, con il contributo della Regione Emilia-Romagna e dei Comuni di Galliera (capofila), Bentivoglio, Argelato, San Pietro in Casale, Pieve di Cento e San Giorgio di Piano e con la partecipazione di Provincia di Bologna, Agenzia del Demanio, Bonifica Renana ed Hera Bologna.
Il progetto ha avuto una prima presentazione ufficiale il 9 marzo scorso a Galliera , con interventi dei tecnici incaricati e dei rappresentanti di Comuni e Provincia.
I “Dialoghi di architettura”, presentano un programma di incontri tra giugno e luglio 2009 dedicati alla conoscenza, diffusione e tutela dell’architettura moderna e contemporanea, già avviato con successo in occasione del Salone Restauro 2009 di Ferrara, e riproposti ora a Bologna con una serie di nuovi appuntamenti e con il riallestimento del padiglione Modern Corner all’interno della sede dell’Ordine. Alcuni incontri verranno ospitati anche presso l'Urban Center Bologna.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 871 volte

Inserito da redazione il Sab, 2009-07-04 13:48


Le torri di Bologna in mostra

Bologna città delle torri
E' il titolo della mostra aperta presso Urban Center e Auditorium Enzo Biagi -Sala Borsa Bologna
dal 20 maggio al 20 giugno 2009
con i seguenti orari: lunedì dalle 14.30 alle 20; da martedì a venerdì dalle 10 alle 20; sabato dalle 10 alle 19.
Nei secoli passati le torri  in città erano tra le 80 e le 100; oggi ne  sono rimaste 24, e portano i nomi delle più antiche famiglie   consolari: Prendiparte, Accursi, Conoscenti, Catalani, Galluzzi, Lambertini, oltre alle più famose Asinelli  e Garisenda (pendente fin dalla nascita, come la torre di Pisa) costruite alla fine dell' XI secolo a scopo difensivo, presso Porta Ravegnana
La mostra "Bologna città delle torri" propone, per la prima volta, un’ ampia rassegna dell’iconografia di Bologna turrita attraverso una successione di 32 grandi pannelli compositi, con oltre 500 immagini, distinte per tipologia (miniature, sculture, dipinti, tarsie ecc) e ambito cronologico.
Essi consentono di ripercorrere l’evoluzione dell’immagine della città a partire dalle più antiche manifestazioni, nella seconda metà del XIV secolo. Partendo dai primi esemplari scultorei e dalle miniature del ‘300, si individuano le soluzioni degli artisti rinascimentali, i tratti intensi della pittura del ‘500 e del ‘600, per poi rivisitare l’esperienza di cartografi e vedutisti tra ‘700 e ‘800, e giungere al paesaggio romantico, allo scorcio pittoresco, alla veduta suggestiva della pittura felsinea del secolo XIX. Si propongono inoltre gli esiti più recenti della rappresentazione grafica delle torri, nella propaganda, nella pubblicità, nelle cartoline e nel racconto fotografico.
Due pannelli vengono dedicati a quella che può considerarsi la maggiore “novità” della mostra: originali accostamenti fra alcune opere di Giorgio Morandi e vedute della città di Bologna in cui svettano le torri propongono in uno dei due pannelli inaspettate analogie. Nell’altro, rappresentazioni della Bologna-scrigno diffuse nella pittura Bolognese tra XV e XVII secolo e associate ad alcune nature morte dell’artista rivelano una traccia comune che riemerge nell’opera dei pittori bolognesi e ne avvicina teneramente gli esiti. Morandi lascia emergere dalla memoria una Bologna trasfigurata ma ben riconoscibile che si colloca sulle orme dei grandi protagonisti della pittura bolognese da Francesco Francia a Guido Reni attraverso i Carracci fino ad Antonio Basoli. Quattro pannelli sono infine dedicati al restauro dell’Asinelli e della Garisenda e ai temi del monitoraggio e della conservazione delle torri.
La mostra sarà inoltre corredata da proiezioni multimediali a cura di Articolture s.r.l

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 2062 volte

Inserito da redazione il Mer, 2009-05-27 15:58


Museo del Risorgimento. Programma di maggio

Il Museo del Risorgimento di Bologna invita  allo spettacolo di rievocazione storica
sabato 30 , ore 21  in Piazza Carducci
Gran Ballo dell'Unità d'Italia
Il Gran Ballo è quest'anno dedicato al 1859, anno chiave nella storia bolognese Il 12 giugno di quell'anno il Legato pontificio e gli ultimi soldati della guarnigione austriaca lasciarono per sempre Bologna, che sancì così il suo passaggio al nascente Regno d'Italia.
L'evento, organizzato dal Circolo Bolognese Società di Danza – Associazione Culturale 8cento, dal Museo Civico del Risorgimento, dal Quartiere Santo Stefano, e dal Comitato di Bologna dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, vedrà la partecipazione di novanta danzatori in costume d’epoca, diretti da Alessia Branchi.
Sarà un tuffo nel passato, una sorta di museo vivente cui contribuirà non soltanto la suggestiva cornice notturna del Giardino monumentale, ma anche una sceneggiatura appositamente studiata e basata su documenti d'epoca: la scena è infatti ambientata nel giugno del 1859, nelle sale e nel giardino del palazzo della contessa Carolina Pepoli. Si danza, si scherza, e si conversa anche di politica: al di là del Po è in corso la seconda Guerra di Indipendenza, e la vittoria franco-piemontese di Magenta porterà a breve anche a Bologna grandi novità: a quanto si dice, le truppe austriache presto abbandoneranno la città, la liberazione è vicina...
Per la giornata del Gran Ballo il Museo Civico del Risorgimento effettuerà un’apertura straordinaria dalle ore 19 alle ore 23 con servizio di visite guidate gratuite.
La manifestazione è gratuita.
* Si ricorda anche che la
Mostra
La Certosa di Bologna. Un libro aperto sulla storia ” resterà aperta con gli orari del Museo fino al 15 luglio 2009
Info: 051-225583; nel giorno della manifestazione: tel. 051-347592
mail: museorisorgimento@comune.bologna.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1186 volte

Inserito da redazione il Ven, 2009-05-22 10:34


Contadini degli anni '20 in foto di Paul Scheuermeier

Martedì 19 maggio 2009, ore 17.30, a Bologna , presso la Sala dello Zodiaco , nella sede della Provincia, Via Zamboni 13,
presentazione del volume
Paul Scheuermeier. Contadini del Bolognese (1923-1928)”
a cura di
Claudia Giacometti, Giorgio Pedrocco, Massimo Tozzi Fontana (Bologna, Clueb 2009 ).
- Intervengono: Franco Cazzola, Dipartimento di Discipline Storiche dell’Università di Bologna, Valerio Gualandi, Istituzione Villa Smeraldi - Museo della Civiltà Contadina, Virginiangelo Marabini,Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna.
Partecipano, insieme ai curatori, i collaboratori Francesco Fabbri e Silvio Fronzoni
Presiede : Simona Lembi, Assessora alla Cultura della Provincia di Bologna.
Alcune delle immagini di questo fotografo, che costituiscono una preziosa documentazione, sono state utilizzate nell'allestimento del nuovo padiglione presso Villa Smeraldi - Museo della civiltà contadina di S. Marino di Bentivoglio, inaugurato nei giorni scorsi e dedicato al mondo contadino degli ultimi due secoli.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1571 volte

Inserito da redazione il Gio, 2009-05-14 04:50


La Bonifica Renana a Bologna e Saiarino di Argenta

In occasione della “Settimana della bonifica 2009” il Consorzio della Bonifica Renana ha promosso alcune iniziative di informazione e approfondimento pubblico. In particolare, si segnala:
- mercoledì 13 maggio, dalle ore 10 alle ore 17
Concorso regionale “Acqua e Territorio”, per le scuole dell’Emilia-Romagna:
mostra e premiazione degli alunni vincitori e delle classi vincitrici, in collaborazione con Unione Regionale delle Bonifiche Emilia-Romagna, presso l’impianto idrovoro storico e il Museo della Bonifica, a Saiarino (Argenta di Ferrara)
- venerdì 15 maggio, dalle ore 10 alle 13, 3° Workshop sulla tutela della risorsa idrica rivolto ad amministratori e tecnici degli enti locali , che si terrà a Bologna, in Sala di Consiglio, Palazzo Zani, via S. Stefano 56, e dedicato al seguente tema:
Sicurezza idraulica: nuove opportunità attuative per gli enti locali
Dall’Accordo Stato-Regioni 2008 ai modelli convenzionali: un’analisi delle possibilità di sinergia tra Consorzi di bonifica e amministrazioni pubbliche nella realizzazione delle opere idrauliche
- domenica 17 maggio dalle ore 10 alle ore 17 - Celebrazioni per il centenario della Bonifica Renana e premiazioni dedicate al personale del Consorzio a Saiarino (Argenta di Ferrara);
** Tutta la settimana Impianti storici e Museo della Bonifica aperti a Saiarino, (Argenta di Ferrara) con i seguenti orari:
Musei e Impianto idrovoro tel. 0532.808058; Impianto idrovoro storico aperto il sabato e la domenica, tra il 10 e il 18 maggio – Musei aperti dal martedì alla domenica (9.30-13.00, 15.30-1800)
Per informazioni sulle iniziative in programma tel. 051.295229, segreteria@bonificarenana.it – www.bonificarenana.it

Scritto in Bologna | Ferraraleggi tutto | letto 1721 volte

Inserito da redazione il Mar, 2009-05-12 06:15


60 anni di teatro di Luciano Manini

Giovedì 7 maggio alle ore 20,45 a Bologna , al Teatro Tivoli, via Massarenti 418,
Luciano Manini
festeggerà i suoi 60 anni di  attività in teatro (*)
con un recital accompagnato da un' intervista condotta da Gian Paolo Borghi.
Ripercorrendo le tappe della sua lunga e multiforme militanza sui palcoscenici bolognesi, recitando in dialetto e in lingua italiana, Manini presenterà testi di Bertolt Brecht, William Shakespeare, Pablo Neruda, Giorgio Giusti, Fausto Carpani.
Si esibirà infine nella sua  interpretazione della maschera "NarzΊ da Mal Albêrgh" (Narciso da Malalbergo), con satire, zirudelle, suonate di Ghironda, accompagnato dalla chitarra di Daniele Dall'Olmo.
Info: www.teatrotivoli.it
Il Teatro Tivoli è, per nuova denominazione: Teatro Stabile delle tradizioni e dei dialetti,
Teatro Stabile delle marionette e dei burattini,  Teatro Stabile delle nuove comicità.
La denominazione è lunga perché molteplici sono le attività artistiche-culturali che vi si svolgono. Innanzitutto il Teatro Stabile del Dialetto, comprendendo in esso tutte le manifestazioni che ineriscono la nostra lingua bolognese: commedie, burattini, marionette, musica, cabaret, comici, cori, cantastorie, incontri poetici, serate di dibattito e quant’altro può costituire arte, cultura e tradizione in rapporto alla nostra lingua.
(*) nella foto, Luciano Manini ,terzo da sinistra, seduto, con una delle compagnie in cui ha recitato.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1246 volte

Inserito da redazione il Mar, 2009-05-05 04:58


Sotto il segno delle acque. Proposta didattica

L’Associazione MUSA presenta
- Mercoledì 6 Maggio 2009 ore 17,00 -19,00
Sede del Quartiere Savena, Sala Polivalente, via Faenza 4 (la sede è servita da parcheggio, autobus 55 e 27b)
"Il canale di Savena, il Reno e il Navile . Bologna sotto il segno delle acque"
proposta didattica per le scuole di base
Prodotto e realizzato insieme a VOLABO in “Progetto di Sviluppo dell’Associazione M.U.S.A.” 2008
Questo invito è rivolto a tutti i Dirigenti ed Insegnanti delle scuole di base di Bologna per la presentazione di un pacchetto didattico costituito da una
Guida “Bologna sotto il segno delle acque, il canale di Savena, di Reno e Navile” e da un cd che mette a disposizione degli insegnanti immagini di canali e di acque storiche di Bologna. Si parla di una Bologna antica con diversi problemi ma con una spinta ad innovare e di una Bologna moderna “stanca” che non riesce a conservare e valorizzare i suoi tesori!
L’obiettivo della pubblicazione è di mettere a disposizione del mondo scolastico i contenuti didattici che si collegano ad attività di storia, geografia, scienze, italiano, immagine, grazie ad attività interdisciplinari per sviluppare competenze collegate al proprio territorio. Le esperienze vissute dalle scolaresche nell’ambiente città in contatto con “gli esploratori” delle vie d’acqua di Bologna, hanno favorito percorsi ricchi di interessi.
Questo lavoro prodotto da esperti delle Associazioni che si presentano in questo occasione al pubblico, è già stato sperimentato da vari insegnanti con le classi con attività didattiche; una di questi insegnanti sarà presente con alcuni degli alunni per commentare la sua esperienza didattica sui canali di Bologna.
Le Associazioni sono interessate ad aprire un canale di comunicazione via e-mail con le classi per rispondere a richieste di informazioni, documentazione, materiali, mostre e quant’ altro insegnanti e alunni vorranno sapere e conoscere.
A tutti gli insegnanti presenti verrà offerta (previa registrazione) 1 copia della pubblicazione
Info: associazionemusa@tiscali.it - www.musaonlus.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1003 volte

Inserito da redazione il Ven, 2009-05-01 07:36


Dolore di Dio e dolore degli uomini, in mostra

A Bologna, presso la Galleria d'Arte Moderna - Raccolta Lercaro, Via Riva Reno  57, dal 28 marzo 2009 al 28 giugno 2009, con apertura dal martedì alla domenica: ore 11-18.30
Mostra intitolata “ Dolore di Dio, storia dell'uomo”, con opere di Luttringer, Manzù, Xerra.
Realizzata in concomitanza con la riapertura della Raccolta, la mostra comprende la "Via Crucis" (1999) di William Xerra, che accosta un'antica Via Crucis del XVIII secolo a una sua meditazione personale, una selezione di 25 fotografie dell'artista argentina Paula Luttringer tratte da un ampio lavoro dal titolo "El lamento de los muros" e alcune opere di Giacomo Manzù
appartenenti alla collezione Lercaro - e comprendenti due "Crocifissioni", una "Deposizione" e il "Martirio di Santo Stefano", nella duplice versione in gesso e in bronzo.
- Paula Luttringer, durante il periodo di dittatura militare in Argentina (1976-1983), è imprigionata e torturata dai militari in un Centro di detenzione clandestino. Fuggita all'estero e ritornata in patria nel 1992, fotografa le numerose celle dove furono rinchiuse le donne violentate e seviziate. Alle testimonianze delle donne sopravvissute alle torture accosta alcuni dettagli dei luoghi.
- Nella serie "Cristo nella nostra umanità", di cui sono presenti in mostra alcuni lavori, Giacomo Manzù affronta il tema della guerra e della violenza. In una formella, un partigiano è crocifisso accanto a un soldato nazista. La morte del partigiano si sovrappone così a quella di Cristo. Per l'artista, il soggetto sacro diventa luogo di denuncia contro la tragedia della guerra, da lui personificata dalla figura del soldato, il cui antagonista è il Cristo che personifica l'Umanità, ogni uomo e specialmente tutti coloro che sono stati vittime della violenza.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 892 volte

Inserito da redazione il Mer, 2009-04-08 05:35


Arte a parte

Nell'ambito della III edizione di “ARTE A PARTE” organizzata dall'Associazione Culturale Novarcanto, con il Patrocinio del Comune di San Giorgio di Piano ed in collaborazione con Pro Loco San Giorgio e Ass. Kometa,
venerdì 3 aprile ore 21
P.zza Indipendenza e Chiesa Arcipretale San Giorgio di Piano
(BO)
e mercoledì 8 aprile ore 21 a Bologna
Chiesa Abbaziale del SS. Salvatore
Via Cesare Battisti, 16
Dietro la Croce albero di morte e di vita eterna
U
na rappresentazione in movimento della Passione di Cristo e del Martirio delle Carmelitane
Canti religiosi di tradizione popolare
direzione e coordinamento artistico Gloria Giovannini
Progetto: Gloria Giovannini per l’Associazione Culturale Novarcanto
Testi: dal Vangelo di Giovanni adattamenti da Enrico Ruscelli
Coro e solisti Arcanto TeatrArcando
percussioni Lorenzo Tedeschi, organo Franco Ugolini, regia Antonello Pocetti, pianoforte, direzione artistica e musicale Giovanna Giovannini
Per informazioni 340.5941213 novarcanto@libero.it - www.arcanto.org

Scritto in Bologna | S. Giorgio di Pianoleggi tutto | letto 1664 volte

Inserito da redazione il Lun, 2009-04-06 17:48


Bologna Due torri, inizia il restauro

Martedì 31 marzo ha preso  il via la serie degli eventi che accompagneranno il restauro delle Due Torri per l'anno 2009. Fondazione del Monte, sostenitrice degli interventi di consolidamento strutturale delle Due Torri, in collaborazione con il Comune di Bologna, promuove il calendario di eventi ad essi connesso, affidandone ideazione e realizzazione alla giovane società bolognese Articolture. Durante l'intero periodo di restauro, verranno realizzate varie iniziative, eventi puntualmente incentrati sul patrimonio e la memoria storica della città, in un'ottica di accrescimento dell'attenzione e dell'interesse dei cittadini verso Bologna e di rilancio dell'attrattività della città in ambito sovralocale.
** All'interno del sito Bologna la Selva Turrita, dedicato al progetto di restauro delle Due Torri, c'è la possibilità di scaricare la mappa del percorso e ascoltare l'Audioguida con note storiche su tutte le torri di Bologna, presenti, passate e perdute, interpretate da Luigi Lepri ( vedi nel seguito dell'articolo l'indice).
Le torri a Bologna sono l’elemento storico più avvolto di fascino e mistero, tanto che gli studiosi a tutt’oggi non riescono a indicare univocamente quando, da chi e perché si sia iniziato a costruirle. Esistono teorie accreditate, ma che non riescono a smorzare del tutto leggende e visioni fantastiche legate alla ‘selva turrita’.
(*) La foto in alto, di inizio '900,   è di P. Poppi , dalla Collezione d'arte e storia della Cassa di Risparmio di Bologna

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 2620 volte

Inserito da redazione il Lun, 2009-03-30 17:46


Guercino, opere giovanili a Bologna

Dal 21 marzo 2009 al 30 aprile 2009 , a Bologna, presso l' Accademia di Belle Arti,  Via Belle Arti 54, è aperta la mostra
Guercino. Pitture giovanili da Cento e Bologna”
promossa da Comune di Bologna e Comune di Cento, con il Consorzio Albergatori di Bologna e con l'Istituto Italiano di Cultura di New York, che nello scorso mese di febbraio organizzato una mostra di opere giovanili del Guercino a New York , e che ora viene riproposta al pubblico bolognese in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti. A tale scopo si è costituito un comitato scientifico formato da vari illustri studiosi e Sir Denis Mahon, massimo esperto e conoscitore dell'opera del Guercino, ha accettato la presidenza di tale comitato.
La mostra ha caratteristiche davvero peculiari, ed è stata in grado di suscitare al di là dell'oceano curiosità e interesse. Le opere, infatti, provengono quasi tutte da Cento, luogo natale dell'artista, e tutte tra Cento e Bologna sono state dipinte. Si tratta di opere giovanili, in cui l'indiscussa autografia dell'artista come esecutore e inventore si accompagna con evidenza all'attività di una sua personale bottega, o scuola, che egli, già in così giovane età, era stato in grado di radunare attorno a sé imponendo uno stile che è quello suo tipico, dei suoi anni d’esordio.
La maggior parte dei dipinti, nessuno dei quali era stato mai esposto fuori d'Europa, è costituita da riquadri a fresco, distaccati in varie epoche da Casa Pannini, ove il Guercino operò attorno al 1615.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 2001 volte

Inserito da redazione il Ven, 2009-03-27 17:03


Campionato di poesia orale

Venerdì 20 marzo ore 21, presso Circolo Bertolt Brecht, via Bentini 20, Bologna.
Giornata mondiale della poesia” indetta dall'UNESCO.
La Poesia a Bologna ed Oltre, fino alle Stelle.
(L'Astronomia è il tema di questo anno per la giornata Mondiale della Poesia.)  Nel corso della serata:
"1°Campionato nazionale di poesia orale”- Girone di qualificazione" , promosso da
Ass.ne culturale Via de' Poeti e Circolo Bertolt Brecht, Bologna, www.viadepoeti.it
8 poeti provenienti da tutta Italia si sfideranno a suon di versi e sarà tutto il pubblico col proprio voto palese a decretare i due che tra di loro accederanno alle Fasi Finali in programma a Bologna nel mese di luglio '09.    Ingresso Libero
I poeti gareggeranno con poesie proprie e potranno scegliere se recitarle semplicemente o performizzarle usando costumi di scena, o accompagnandosi con uno strumento o teatralizzandole, secondo l'antica tradizione della poesia orale italiana
.Intervento musicale dei maestri Maurizio Deoriti e Mariangela Fattorini, che eseguiranno brani singoli ed a quattro mani.

Scritto in Bologna | Poesialeggi tutto | letto 2403 volte

Inserito da redazione il Ven, 2009-03-20 06:20


Cento anni di Bonifica Renana. Un convegno

Venerdì 13 marzo 2009 a Bologna, hotel I Portici , via Indipendenza, 69 , al via le celebrazioni del Centenario della Bonifica Renana, con un Convegno sul tema
Acque di superficie e modelli di gestione
Cento anni di servizi territoriali per un bene comune, così che possiamo vedere più cose di loro e più lontane.
* RENANA, UNA RETE DI CANALI LUNGA 2 VOLTE E MEZZO IL PO
Con una rete di 1.615 chilometri di canali che stagionalmente vengono sfalciati e risagomati, 51 impianti meccanici di sollevamento in azione e 16 casse di espansione, ogni anno la Bonifica Renana consente il deflusso di 400 milioni di metri cubi di pioggia, tutelando così tutti gli immobili, le reti e le strade del proprio territorio. Distribuisce, inoltre, 70 milioni di metri cubi d' acqua per scopi produttivi, irrigui e non solo. Si tratta di una rete artificiale estesa per una lunghezza pari a due volte e mezza il fiume Po. “ La formula consortile (enti con funzioni di interesse pubblico, autogovernati dai contribuenti) è un modello gestionale che proviene dalla secolare tradizione civica di questi territori, ha sempre funzionato e appare tuttora validissimo. Soprattutto a fronte delle incertezze che privatizzazioni e affidamenti al mercato finanziario lasciano intravvedere per il futuro di servizi territoriali primari. Si tratta del modello efficace ed efficiente, adatto alle sfide dell' attualità: non a caso la formula Consorzio è stata confermata e avvalorata dall' intesa della Conferenza Stato-Regioni del settembre 2008”, dice Giovanni Tamburini, presidente della Bonifica Renana annunciando l' importante confronto politico-istituzionale

Scritto in Acqua, un bene da salvare | Bolognaleggi tutto | letto 2280 volte

Inserito da redazione il Mer, 2009-03-11 09:23


Donne al lavoro. Mostra fotografica e altro per l'8 marzo

Da martedì 3 a domenica 15 marzo in Sala d'Ercole a Palazzo d'Accursio (piazza Maggiore 6), Bologna, si tiene la mostra "Donne al lavoro", che presenta l00 delle fotografie pervenute per il concorso fotografico promosso dal Coordinamento donne dello Spi Cgil di Bologna, Auser Bologna e Archivio storico "Paolo Pedrelli".
Le foto immortalano donne al lavoro nelle campagne dei decenni passati, nelle fabbriche, negli uffici e fino ai call center più recenti. Un omaggio al valore e alle fatiche delle donne in prossimità della ricorrenza dell'8 marzo che ne vuol celebrare la festa.
La mostra è visitabile, gratuitamente, dalle ore 9 alle 18,30
* Nel mese tradizionalmente dedicato alla donna numerose le iniziative, dai convegni agli spettacoli, per celebrare la ricorrenza dell'8 marzo.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 2615 volte

Inserito da redazione il Mer, 2009-03-04 09:19


Le raccolte di foto di arte bolognese dell'Ottocento

Domenica 1 marzo 2009 alle ore 11 presso il Museo civico del Risorgimento di Bologna (piazza Carducci 5) si svolgerà un incontro sul tema: Le raccolte fotografiche di Raffaele Belluzzi: l’arte bolognese nella seconda metà del XIX secolo.
Opere note, scomparse e da scoprire, con Roberto Martorelli.
L'iniziativa si svolge nell'ambito dell’ormai tradizionale rassegna culturale “Attraverso i Musei”, che quest’anno è dedicata alla scoperta del patrimonio fotografico custodito nei Musei civici e che spesso resta sconosciuto al pubblico.
Ex garibaldino, ispettore scolastico, rappresentante di spicco dell’élite cittadina più illuminata, il fondatore e direttore del Museo del Risorgimento Raffaele Belluzzi (1839-1903) fu anche amico personale di molti artisti bolognesi a lui contemporanei (pittori, scultori, architetti) e appassionato raccoglitore di fotografie delle loro opere.
I suoi album fotografici costituiscono pertanto un prezioso reportage – tanto più interessante in quanto raccolto “in presa diretta” - sulla produzione artistica cittadina nella seconda metà del XIX secolo.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1090 volte

Inserito da redazione il Ven, 2009-02-27 07:47

fonte XML