Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Bologna


Storie dal passato. Documentari e film di archeologia

La Rassegna del Documentario di Archeologia e di Viaggio, organizzata dal “Kon Tiki Ricerche”, giunge quest’anno alla III Edizione, con il patrocinio del Comune di Bologna. Come sempre lo scopo è quello di far luce sui più svariati temi attraverso la proiezione dei migliori film archeologici. L’intervento di esperti del settore aiuterà il pubblico ad approfondire gli argomenti trattati.
Il programma si articola su 3 giornate, da venerdì 16 a domenica 18 marzo 2012, tra pomeriggio e sera. al cinema Castiglione in piazza di Porta Castiglione 4, a Bologna.
Si comincia venerdì 16 con la proiezione di due film, il primo alle ore 16,15 dedicato a Pompei, e il secondo alle ore 17,30 sui miti dell'Iran o dell'antica Persia.
Sabato 17 i film saranno 3, sempre a partire dalle ore 16, ancora su Pompei e poi sull'Egitto e sul “mercato nero” di antichità, accompagnati da conversazioni con il pubblico guidate da archeologi.
Domenica 18, ancora tre film, sul perù prima degli inca, e sul mistero dei Maya, per concludere con un intervento di Maria Longhena, archeologa e presidente del Kon Tiki Ricerche , sui calendari e profezie dei Maya per il 1012
L’ingresso alla rassegna è totalmente gratuito
Info www.kontikiricerche.org .
Si allega programma dettagliato
in foto sottostante

Scritto in Archeologia | Bolognaleggi tutto | letto 1780 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-03-12 07:35


Leopardi e l'Italia, visti da Corrado Augias, a teatro

- Domenica 4 marzo alle ore 21, a Molinella, in Auditorium, Via Mazzini 90, va in scena
O Patria mia...Leopardi e l′Italia"
uno spettacolo scritto ed interpretato da Corrado Augias.
Per molti anni Giacomo Leopardi è stato solo l’immenso poeta che tutti conosciamo. Solo in tempi relativamente più recenti si è cominciata ad apprezzare anche la sua attività saggistica che, secondo autorevoli giudizi, toccherebbe il livello di una vera organica filosofia. I giudizi che il poeta dà sull’Italia e sugli italiani sono diversi e variano con il passare degli anni. Ma non c’è dubbio che negli anni giovanili e soprattutto in alcune opere si senta forte in lui un vivo amor di patria. Ne sono esempio la due famose composizioni patriottiche ‘All’Italia’ e ‘Per il monumento di Dante’. Partendo da questi versi ma inserendo anche considerazioni prese dallo Zibaldone e versi estratti da alcuni dei ‘Canti’ più belli, Corrado Augias ha montato un testo che ci dà un ritratto sorprendente di Giacomo Leopardi, il suo rapporto con l’Italia, con la vita, con gli amori. Il senso forte di un’immaginazione che fu per molti anni la sua sola vera realtà
.
Info http://www.comune.molinella.bo.it/moduli/notizia.aspx?ID=2383
Lo stesso spettacolo sarà in scena
- sabato 3 marzo alle ore 21.00 a Bologna al Teatro delle Celebrazioni, Via Saragozza, 234
http://www.ticketone.it/o-patria-mia-leopardi-e-litalia-biglietti-bologna.html?affiliate=ITT&doc=artistPages/tickets&fun=artist&action=tickets&key=660181$1706393

Scritto in Bologna | Molinellaleggi tutto | letto 1078 volte

Inserito da redazione il Ven, 2012-03-02 08:38


Festival del fumetto a Bologna

Dall’1 al 4 marzo 2012, il fumetto torna protagonista a Bologna con la
VI edizione di BilBOlbul. Festival Internazionale di fumetto
a cura di Hamelin Associazione Culturale.
BilBOlbul
è promosso da: Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna, Provincia di Bologna, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Fondazione del Monte, Cineteca di Bologna, Museo Civico Archeologico di Bologna, Museo internazionale e Biblioteca della musica, Biblioteca Salaborsa, Università degli studi di Bologna-Facoltà di Lettere e Filosofia, Accademia di Belle Arti di Bologna, Goethe-Institut Italien.
Fin dalla sua nascita nel 2007, il Festival ha fatto conoscere le opere di grandi maestri e di giovani talenti della scena nazionale e internazionale, mettendo in dialogo il fumetto e gli altri linguaggi della cultura contemporanea. E sarà proprio il contemporaneo protagonista assoluto in questa edizione. Lo testimoniano le due grandi mostre ospitate nelle sale del Museo Civico Archeologico di Bologna dedicate a:
MIRABILIA
con opere di Atak (Germania) e
OFFICINA GHERMANDI con opere di Francesca Ghermandi
2 marzo–9 aprile.
Inaugurazione giovedì 1 marzo ore 19.00
- Ingresso a pagamento con il biglietto del Museo.Ingresso ridotto a 2 euro per i possessori della Carta amici del festival nei giorni dall’1 al 4 marzo. Gratuito per i possessori del pass staff e guest dall’1 al 4 marzo
Orari: martedì-venerdì 10-15; sabato, domenica e festivi 10-18.30 - Venerdì 2 marzo apertura straordinaria dall 10 alle 18,30
** Per info e biografie autori consulta il sito BilBolBul2012- http://www.bilbolbul.net/2012/it/dettMostre.php?var=1

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 717 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-02-28 08:55


Storie di luoghi di provincia, in libri e mostre

- Venerdì 24 febbraio, ore 18 alla Libreria Irnerio di Bologna via Irnerio 27,  presentazione di
"Settecento anni per vedere il mare" Maglio Editore 2011
Interverranno:
Rolando Dondarini, professore di Storia Medievale (Università di Bologna), Maurizio Garuti, autore di Settecento anni di zappa e spada, Eugenio Melloni, regista di Settecento anni per vedere il mare
Settecento anni per vedere il mare è un cofanetto (libro con dvd) che contiene il documentario interpretato da Ivano Marescotti per raccontare i settecento anni di storia del comune di Castel Guelfo. Una riflessione ironica e toccante sulla storia minore del nostro territorio, nata come progetto teatrale e trasformata in documentario. Il racconto di sette secoli di storia diventa una lunga corsa nel tempo, dal Medioevo ai giorni nostri, orientata verso il mare: luogo fisico ma anche grande metafora della conquista dei diritti fondamentali della persona. Il racconto di generazioni di nostri antenati, accomunati da un duro destino: uomini e donne per secoli venuti al mondo per essere contadini, braccianti o soldati di guerre mai comprese. Settecento anni per vedere il mare ha ricevuto nel 2011 una Medaglia di rappresentanza dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
- Sabato 25 febbraio, ore 17 alla Casa della Cultura di Sala Bolognese Piazza Marconi 5
inaugurazione della mostra I Forcelli. Racconti di una borgata fantasma
Nell’occasione verrà presentato il volume “I Forcelli. Storie di gente, di terra e di acqua, dalle parti di San Giovanni in Persiceto” (Maglio Editore, 2011)
Interverranno: Valerio Toselli, sindaco di Sala Bolognese, Wolfango Horn, promotore del progetto, Pierangelo Pancaldi, curatore del volume, Fernanda Vancini, ex-abitante di Borgata Forcelli
* La mostra resterà aperta dal 25 febbraio al 17 marzo 2012. Orario di visita: martedì e giovedì: 9 – 13 e 14.30 – 19 // sabato e domenica: 10 – 12
Nelle domeniche di apertura sarà possibile acquistare il volume e prenotare copie delle fotografie in mostra. Informazioni mostra: Comune di Sala Bolognese – Servizio Cultura (T. 051-6822535)

Scritto in Bologna | Sala Bologneseleggi tutto | letto 1038 volte

Inserito da redazione il Gio, 2012-02-23 16:15


Il Risorgimento italiano visto dagli europei

Con gli occhi dell’Europa.
3 conversazioni sul Risorgimento italiano riletto in chiave europea, proposte dal Museo civico del Risorgimento di Bologna in collaborazione con il Quartiere Santo Stefano e il Comitato di Bologna dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano.
Alla luce degli studi più recenti e secondo diverse prospettive -letterarie, storiche, politiche, culturali- si guarderà agli eventi italiani dall’epoca della Restaurazione all’Unificazione attraverso gli occhi di altri paesi. Alberto Destro, Lilla Maria Crisafulli, Serena Baiesi e Francis Démier ci guideranno in questo percorso attraverso raccontandoci la percezione del Risorgimento che si ebbe allora nel mondo francese, anglosassone e tedesco.
Programma delle conversazioni:
- Martedì 14 febbraio ore 17 Sala Polivalente del Museo del Risorgimento Piazza Carducci 5 Bologna
Alberto Destro La considerazione rinnovata. Il Risorgimento e lo sguardo tedesco sull’Italia
Alberto Destro, già docente di Letteratura tedesca all’Ateneo bolognese, riflette con occhio critico e da più prospettive storico-culturali sui rapporti tra mondo germanico e Risorgimento italiano, proponendone una lettura articolata e libera da stereotipi.
- Martedì 21 febbraio
Lilla Maria Crisafulli, Serena Baiesi
Donne inglesi e Risorgimento italiano tra Romanticismo e Vittorianesimo
L’attenzione di intellettuali e politici inglesi verso il Risorgimento italiano è ampiamente nota.
Lilla Maria Crisafulli e Serena Baiesi ne propongono un aspetto particolare, vale a dire una lettura in chiave femminile, mettendo a confronto prospettive che cambiano tra età romantica ed età vittoriana.
- Martedì 28 febbraio
Francis Démier
Destra e Sinistra francesi di fronte al Risorgimento
Francis Démier propone una lettura politico-sociale dell’impatto del Risorgimento italiano con il mondo intellettuale francese nelle sue componenti conservatrici e progressiste, sottolineando le diverse prospettive in rapporto anche ai cambiamenti politici e istituzionali che hanno attraversato la Francia nella prima metà dell’Ottocento.
* Info Biblioteca Museo Civico del Risorgimento Bologna Via de' Musei 8- 40124 Bologna
Tel. 051 225583 roberto.lanzarini@comune.bologna.it
www.comune.bologna.it/museorisorgimento
museorisorgimento@comune.bologna.it

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazionileggi tutto | letto 2257 volte

Inserito da redazione il Ven, 2012-02-10 10:49


Arte e scienza in piazza a Bologna

Dal 2 al 12 febbraio 2012 torna
ARTE E SCIENZA IN PIAZZA,
manifestazione di diffusione della cultura scientifica organizzata dalla Fondazione Marino Golinelli in collaborazione con il Comune di Bologna. Oltre 100 eventi tra mostre, spettacoli, incontri, proiezioni, concerti, giochi in piazza e laboratori creativi.
Il centro storico di Bologna, con Palazzo Re Enzo come cuore della manifestazione, si trasformerà per 11 giorni in un grande Art + Science Center.
A Bologna “La Scienza in Piazza” ha saputo portare tra la gente mostre exhibit, incontri, laboratori e spettacoli; dal 2011 la manifestazione è diventata “Arte e Scienza in Piazza“: non un semplice cambiamento, ma una crescita e, per certi versi, una naturale evoluzione, un ulteriore sviluppo dei percorsi educativi, formativi e culturali proposti dalla Fondazione Marino Golinelli che già da diversi anni propone ai visitatori una nuova esperienza di conoscenza attraverso l’arte e la scienza insieme.
Arte e Scienza rappresentano infatti due facce della creatività umana, che permettono di vedere e capire “di più” sul nostro mondo, integrando intelligenze diverse della nostra mente.
Partecipazione e curiosità entrano a far parte di questo viaggio alla scoperta dei grandi temi della scienza e della cultura, dove “è vietato non toccare”. Attraverso le attività didattiche e di laboratorio e gli incontri “ravvicinati” con gli scienziati, il sapere scientifico esce dalle aule accademiche per arrivare tanto agli appassionati, quanto alle scuole e alle famiglie, con un’attenzione particolare ai giovani. Il format viene proposto ogni anno dal 2005 con un successo sempre crescente.

Il programma dettagliato sul sito:
http://www.lascienzainpiazza.it/programma-2012-2

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 642 volte

Inserito da redazione il Gio, 2012-02-02 15:38


Paesaggio agrario di ieri e problemi di oggi, incontro e dibattito. RINVIATO

RINVIATO A DATA DA DEFINIRE, causa maltempo, l'incontro previsto per, Mercoledì 8 febbraio 2012 - ore 17,30, a Bologna, Palazzo D'Accursio-Cappella Farnese
Incontro-dibattito
Paesaggio agrario, energia e sviluppo sostenibili
Rileggendo le "Note per una storia del paesaggio agrario emiliano" di Emilio Sereni, un classico della storiografia agronomica, ristampato nel cinquantesimo anniversario per iniziativa dell'Istituzione Villa Smeraldi - Museo della civiltà Contadina di S. Marino di Bentivoglio, con il sostegno di Fondazione Duemila.
Presiede Roberto Finzi Università di Bologna
Intervengono:
Franco Cazzola Università di Bologna, Gianpiero Calzolari Legacoop Bologna, Tiberio Rabboni Regione Emilia-Romagna.
Presenti anche: Gabriella Montera, Provincia di Bologna, Fabrizio Sarti Istituzione Villa Smeraldi, Mauro Roda, Fondazione Duemila, Lucia Cucciarelli, Istituto Agrario Serpieri
Nell'occasione verrà diffuso il Quaderno n. 4 del Museo con il testo di Emilio Sereni Per la storia del paesaggio agrario e del pensiero agronomico dell'Emilia Romagna, con contributi introduttivi di Roberto Finzi e Franco Cazzola.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 942 volte

Inserito da redazione il Gio, 2012-02-02 14:54


E' nato il Museo della Storia di Bologna

Bologna si arricchisce di un nuovo grande e prestigioso Museo:
Il Museo della Storia di Bologna in Palazzo Pepoli Vecchio ,Via Castiglione 8, inaugurato il 27 gennaio 2012 e aperto al pubblico il 28 gennaio 2012, dalle ore 18 alle ore 24, in occasione dell'Art White Night di ArteFiera.
Cuore di Genus Bononiae, Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna rappresenta un percorso museale dedicato alla storia, alla cultura e alle trasformazioni di Bologna, dalla Felsina etrusca fino ai nostri giorni. Le alterne vicende della comunità locale sono qui raccontate in modo innovativo, con tecniche espositive scenografiche ed interattive per molti versi inedite nel nostro Paese. La splendida cornice del palazzo medievale, reinventato, restaurato e allestito dall’architetto Mario Bellini, e il progetto grafico, curato dall’architetto Italo Lupi, rendono la visita al museo un’esperienza unica.

Seguono qui solo i titoli dei contenuti della varie nuove sale museali di Palazzo Pepoli:
Le Stanze del Museo:
  A - La città dipinta, B - Torre del tempo 1 - 2 3 Bologna etrusca, 4 - La Via Emilia, 5 - La pietra e la parola, 6 - Bologna Medievale, 7 - I protagonisti, 8 - Forma Urbis, 9 - La Battaglia di Fossalta, 10 - La secchia rapita. Guerre fra casati,11/ 12 - I Bentivoglio, 13 - L'incoronazione di Carlo V, 14 - Il Concilio a Bologna,15 - Bologna in scena. Il sacro, C - Spazio Multimediale, D - Teatro virtuale 3D, 16 - Bologna in scena: il profano,17 - Bologna la dotta. Le arti, 18 - Le scienze,19 - Le lettere, 20 - La città delle acque. 21/ 22 - La musica, 23 - Arriva Napoleone, 24 - 1848-1861,25 - Dopo l'Unità, 26 - 1898. L'Aemilia Ars, 27 - Bologna futurista, 28 - Marconi e l'industria moderna, 29 - Non così vicino non così lontano, 30 - Il tuo museo, 31 - Parlano i Bolognesi, 32 - Percorsi emotivi, 33/34 - La città delle acque, E - Sala della cultura
* Orari e biglietteria: da martedì a domenica ore 10-19, ingresso gratuito #

Telefono 051 19936370, email msb@genusbononiae.it

** Attività culturali e didattiche:  051 19936329 didattica@genusbononiae.it
info e allegati particoari
: http://www.genusbononiae.it/index.php?pag=25

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 817 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-01-25 06:25


Libri e arte per la storia

- Giovedì 26 gennaio, ore 21 presso la Sala Alpi della Biblioteca comunale di Crevalcore (via Persicetana 226)
Presentazione di "Crevalcore. Guida storico-artistica" (Maglio Editore, 2012)
Saranno presenti gli autori: Magda Abbati e Pierangelo Pancaldi Sarà possibile acquistare la guida durante la serata e successivamente nelle librerie locali
Info: Istituzione dei Servizi Culturali Paolo Borsellino
www.comune.crevalcore.bo.it

Via Persicetana 226 – Crevalcore (Bo) tel. 051.988557
e mail: istituzione@comune.crevalcore.bo.it

- Sabato 28 gennaio, ore 21.30 presso la galleria WIKIARTE via San Felice 18 - Bologna
in occasione di ARTE WHITE NIGHT - Arte Fiera Bologna
L'Associazione culturale BABYLONBUS presenta:
"Istorie di un Basilisco" di GiamPiero Brenci (Maglio Editore, 2011)
Dialoghi tra un'Ostessa e un Esule nella Bologna di fine '400, all'ombra dell'infido Basilisco
Presentazione teatrale con "morigerato" buffet* e autografi con dedica dell'Autore
Personaggi e interpreti: Ostessa Maria Genovese- Esule Ermes Bortolotti
*Il buffet è gentilmente offerto dal Ristorante Franco Rossi

Scritto in Bologna | Crevalcoreleggi tutto | letto 1072 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-01-23 15:35


Biblioteca digitale al via a Bologna e provincia

Biblioteca digitale metropolitana Bologna
da mercoledì 18 gennaio
parte il servizio sperimentale: chiedi l'iscrizione in Biblioteca!
Che cos’è MediaLibraryOnLine (MLOL)?
È il primo network italiano di biblioteche pubbliche per la gestione e il prestito di contenuti digitali.
In particolare:
- è un network di biblioteche, sistemi bibliotecari e altri enti che collaborano e condividono i costi per la gestione di risorse digitali;
- è un sistema di distribuzione via Internet, 24 ore su 24, di una pluralità di tipologie di oggetti digitali (ebook, periodici, audio, audiolibri, video, banche dati, archivi iconografici, strumenti per l’e-learning, live-casting in tempo reale, etc.);
- è un portale di Digital Asset Management per gestire i problemi relativi alle licenze e al diritto d’autore nei servizi di accesso ai contenuti digitali.
Le risorse disponibili
Attraverso MLOL l’utente potrà da casa:
· leggere e scaricare ebook;· leggere quotidiani e riviste in versione edicola;· ascoltare e scaricare brani musicali;· ascoltare audiolibri;· consultare banche dati· visionare video in streaming· assistere in live-casting ad eventi organizzati dalle biblioteche o rivederne le registrazioni· accedere ad archivi di immagini· utilizzare strumenti per l’e-learning.
Le risorse disponibili sono consultabili in streaming, cioè con connessione alla rete, oppure in download, a seconda delle tipologie dei materiali.
Le risorse in streaming, come i quotidiani del giorno e delle settimane precedenti, sono leggibili sul proprio pc o device.
Modalità d'accesso

Per accedere alla piattaforma occorre:
· essere iscritti ad una biblioteca pubblica di Bologna o della provincia
di Bologna (è un servizio offerto dalle biblioteche aderenti al network ai propri utenti regolarmente iscritti, non è prevista la registrazione di utenti generici indipendentemente dalle biblioteche di riferimento);
· fare richiesta in biblioteca di username e password personali
· disporre di un computer o di un device mobile (tablet, ebook reader, smartphone) che si colleghi alla rete con alcuni requisiti tecnici. Le impostazioni e i plugin necessari, tutti scaricabili gratuitamente in rete, sono elencati all’interno del portale.
http://www.medialibrary.it/pagine/pagina.aspx?id=39&PortalId=1

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 1306 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-01-18 06:05


Nuova sede per la Fondazione Gramsci

Venerdì 13 gennaio 2012 alle ore 16.30 a Bologna verrà inaugurata la nuova sede della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna in via Mentana 2, con un incontro pubblico sul tema:
Quale ruolo per gli intellettuali?
Dialogo tra Carlo Galli e Gustavo Zagrebelsky
Alle ore 18.30:
Brindisi inaugurale nella nuova sede della Fondazione- primo piano.
La Fondazione Gramsci è dotata di un ricco archivio costituito da numerosi fondi inventariati e da altri in corso di inventariazione ( tra cui quello di Luigi Arbizzani). Possiede una biblioteca di storia contemporanea, specializzata in: storia dell’Italia e dell’Europa , storia del pensiero e dei movimenti sociali della sinistra italiana ed europea, pensiero filosofico e politico dell’Ottocento e Novecento, storia di Bologna e dell’Emilia-Romagna in età contemporanea.
Anche nella sua attuale configurazione istituzionale – scrive Carlo Galli nella presentazione sul sito web  http://www.iger.org/biblioteca/ , passata da Istituto a Fondazione, si propone di realizzare, in forma rinnovata, i propri obiettivi tradizionali. In primo luogo, il compito statutario di conservare, valorizzare e potenziare il proprio patrimonio bibliografico e archivistico, fonte preziosa di memoria e di conoscenza per gli studiosi, che sempre più dovrà essere reso fruibile alla città e al territorio.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 730 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-01-11 20:00


La tradizione presepiale in Italia

Il giro dell'Italia attraverso i presepi. E' quello che si può fare a Bologna, a palazzo Caprara , dove è stata inaugurata la mostra La tradizione presepiale in Italia’. Al taglio del nastro erano presenti l’arcivescovo di Bologna Carlo Caffarra, il prefetto Angelo Tranfaglia e il sindaco Virginio Merola. Ci sono opere da ogni angolo d' Italia, ispirate alla tradizione bolognese, siciliana, marchigiana, toscana, calabrese, pugliese, abruzzese, piemontese, veneta, ligure e friulana. Fiore all'occhiello è il presepe 'Bianco', che, come ricorda la Prefettura, è il piu’ grande degli ultimi sessant’anni: presenta una superficie di 15 metri quadrati con oltre 200 pastori e 100 animali, realizzata secondo la piu’ antica tradizione del presepe napoletano. E' stato presentato al Papa durante la sua visita a Napoli. Il presepe, spiega la Prefettura, "oltre ad essere un punto di incontro tra cultura religiosa, sentimento popolare e creazione artistica individuale, e’ anche intimamente legato ad una dimensione locale per la scelta delle scenografie e dei materiali e per le scene di vita quotidiana che esso riproduce".

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 633 volte

Inserito da redazione il Dom, 2011-12-18 06:24


"E finalmente potremo dirci italiani"? Speranze e realtà in un libro

Martedì 20 dicembre 2011, alle 17.30, a Bologna,  alla Biblioteca comunale dell’Archiginnasio, Sala dello Stabat Mater, sarà presentato il volume "...
E finalmente potremo dirci italiani." Bologna e le estinte Legazioni tra cultura e politica nazionale 1859-1911, a cura di Claudia Collina e Fiorenza Tarozzi (collana IBC "Immagini e documenti per il 150°", Bologna, Editrice Compositori, 2011).
Ne parleranno con le curatrici:
Massimo Mezzetti, assessore alla Cultura, Sport, Regione Emilia-Romagna, Angelo Varni, presidente Istituto Beni Artistici, Culturali e Naturali, Roberto Balzani, sindaco di Forlì
Coordina Laura Carlini, responsabile Servizio Musei e Beni Culturali dell’IBC
Il volume, riccamente illustrato, alla cui realizzazione il Museo del Risorgimento ha collaborato attivamente, propone un articolato affresco delle vicende storico-economiche e culturali di una parte della nostra regione nei decenni successivi all’unificazione nazionale.
Scrivono tra l'altro le curatrici del volume: "
<<E finalmente potremo dirci italiani», si legge in uno dei tanti fogli volanti che riempirono le città delle Legazioni nei mesi entusiasmanti trascorsi tra la caduta del governo pontificio e l’annessione al nuovo Regno; «Nati in Italia» i cittadini di quelle terre «vogliono essere italiani, sempre e solamente italiani» si afferma in un altro; e ancora «saremo nazione» attorno alla nostra bandiera tricolore, alla nostra storia coi suoi eroi, colle sue glorie, coi suoi martiri: un progetto ideale la cui forza, ma anche la cui debolezza abbiamo cercato di cogliere nei primi cinquant’anni di storia unitaria, senza retorica, sottolineandone le realizzazioni, ma non cancellandone le criticità."
- Info: Biblioteca Museo Civico del Risorgimento Bologna Via de' Musei 8- Bologna Tel. 051 225583 roberto.lanzarini@comune.bologna.it
www.comune.bologna.it/museorisorgimento
museorisorgimento@comune.bologna.it

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazionileggi tutto | letto 1381 volte

Inserito da redazione il Gio, 2011-12-15 08:34


Musei Civici di Bologna: programma delle iniziative

L'Istituzione Musei Civici del Comune di Bologna presenta il calendario delle attività invernali da ottobre 2011 a gennaio 2012 con un libretto onnicomprensivo che elenca date, iniziative, orari, temi trattati nei Musei comunali della città: Museo Civico Archeologico, Museo del Patrimonio industriale, Museo Civico del Risorgimento e Cimitero Monumentale della Certosa, Musei Civici d’Arte Antica (Museo civico Medievale, Collezioni Comunali d’Arte, Museo Davia Bargellini , Rotonda della Madonna del Monte ), Museo Internazionale e Biblioteca della Musica.
Dai primi strumenti in pietra di uomini vissuti 800.000 anni fa alle macchine dell’industria manifatturiera bolognese, dalla pittura alla musica, dalla vita quotidiana alle grandi epopee politiche e civili: i Musei dell’Istituzione Musei Civici del Comune di Bologna sono come un grande libro, da cui i cittadini e gli ospiti di passaggio in città possono trarre infinite storie e ripercorrere la Storia della città ma anche varcarne i confini.
Gli appuntamenti che ogni anno i Musei dell’Istituzione propongono al loro pubblico nel week end e nei giorni festivi si propongono di svelare le loro collezioni a chi varca la prima volta la loro soglia, ma anche di raccontare a chi già li conosce aspetti, episodi, spunti inediti e curiosi, punti di vista differenti, accostamenti non scontati fra le diverse collezioni.

Conferenze, laboratori, concerti, visite guidate, visite in lingua: il racconto prende tante forme, per raggiungere il pubblico più vasto possibile, naturalmente senza dimenticare i più piccoli, che sono sempre fra gli ospiti più graditi.
** Il libretto
è leggibile in allegato

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 727 volte

Inserito da redazione il Dom, 2011-12-04 16:05


Concerto per, e con, la chitarra di Mazzini

Venerdì 2 dicembre 2011 alle ore 21, a Bologna, presso la sede del Museo Civico del Risorgimento (piazza Carducci 5), si svolgerà il concerto
Quando Mazzini suonava la chitarra...”
ingresso libero fino ad esaurimento posti.
Il Maestro Marco Battaglia suonerà con una chitarra appartenuta a Giuseppe Mazzini musiche di Paganini, Rossini, Verdi e altri autori citati dal Genovese nei suoi scritti.
Al concerto il M° Battaglia farà seguire una comunicazione sul tema del rapporto tra Giuseppe Mazzini e la musica.
L’iniziativa bolognese, realizzata in collaborazione con il Comitato di Bologna dell’Istituto per la Storia del Risorgimento italiano, si colloca a conclusione della 4^ edizione della rassegna ‘800 Musica Festival, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e di altri enti. Attraverso una dozzina di concerti realizzati in diverse città dell’Italia centro-settentrionale e dedicati alla musica del secolo XIX si è inteso, per usare la parole del M° Battaglia, “rievocare il contesto europeo in cui nacquero quei fermenti culturali e sociali che sfociarono nei movimenti per l’autodeterminazione di popoli e contribuirono a fare evolvere in modo decisivo la civiltà delle nazioni europee verso la modernità”.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 631 volte

Inserito da redazione il Gio, 2011-12-01 09:12


Dal Museo egizio del Cairo all'Archeologico di Bologna

Il Museo Civico Archeologico di Bologna e il CISE di Imola
hanno promosso due conferenze (in inglese) di
Tarek El Awady, Direttore Generale del Museo Egizio del Cairo.
La prima si terrà
- Lunedì 28 Novembre 2011, ore 18
nella Sala delle Stagioni - Via Emilia 25, Imola
sul tema Unseen Treasures from Egypt: the work of the Egyptian Mission 1990 - 2010
La seconda, si terrà
- Martedì 29 Novembre 2011, ore 16
nella Sala del Risorgimento - Museo Civico Archeologico - Via dell’Archiginnasio 2, Bologna
sul tema Egyptian Museum - a witness to the revolution
Ingresso libero
In occasione della conferenza, l’esposizione della mummia nera è stata prorogata fino al 30 novembre compreso.
http://www.comune.bologna.it/museoarcheologico/informaz/infornw.htm

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 679 volte

Inserito da redazione il Mer, 2011-11-23 16:24


Garibaldi da toccare, in Sala Borsa

Dal 15 al 30 novembre a Bologna, la  Biblioteca Salaborsa ospita
Storia da toccare. Il panorama Garibaldi su schermo interattivo,
un'installazione a cura del Centro Studi Brown University e della Fondazione Carisbo.
I visitatori della biblioteca potranno accedere tramite questa applicazione digitale al Panorama Garibaldi di proprietà della Biblioteca della Brown University di Providence, un rotolo dipinto di circa 80 metri di lunghezza
per un metro e sessanta di altezza, prodotto in Inghilterra nel 1860, che racconta la vita e le imprese di Giuseppe Garibaldi, dal periodo sudamericano alla spedizione dei Mille alla battaglia di Aspromonte.
L'installazione consentirà di sfogliare il dipinto, approfondirne la visione fin nei minimi dettagli e consultare una serie di immagini e documenti collegati alle 54 scene di cui è composto.
Visibile tutti i giorni da martedì a venerdì alle ore 10.
- Per approfondire la vita, le imprese e la storia di Garibaldi, Biblioteca Salaborsa propone La trafila garibaldina, suggerimenti di approfondimento consultabili online e scaricabili in pdf.
Il 3 luglio 1849 finiva la breve estate della Repubblica Romana ed il generale Oudinot entrava in città proprio mentre i rivoluzionari emanavano simbolicamente la nuova costituzione repubblicana.
Garibaldi rifiuta la resa senza condizioni e al termine di difficili trattative gli è permesso di uscire da Roma con al seguito 4000 volontari. Il progetto è quello di raggiungere Daniele Manin nell'appena proclamata Repubblica di San Marco.
Inizia in questo modo la così detta Trafila garibaldina, una marcia estenuante tra Stato pontificio, Granducato di Toscana e Repubblica di San Marino, fino al porto di Cesenatico nella speranza di porsi in salvo ed aiutare la città di Venezia insorta e stretta d'assedio.
Una selezione dei titoli è disponibile in formato PDF: 81 - la "trafila" garibaldina
http://www.bibliotecasalaborsa.it/eventi/22910
Bibliografia
- Maurizio Maggiani, Quello che ancora vive: il salvamento del generale Garibaldi nelle terre di Romagna, Bologna, Coop Editrice Consumatori, 2011
- I luoghi di Garibaldi: viaggio in Italia sulle tracce dell'eroe risorgimentale, a cura di Maria Canella, Milano, Touring club italiano, 2007 (in acquisizione)
- Giovanni Caramalli, 1849-2007 Lungo le vie di Garibaldi e della trafila romagnola, Cesena, Il ponte vecchio, 2006
- Giuseppe Garibaldi, Memorie, Verona, Bertani, 1972

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazionileggi tutto | letto 1472 volte

Inserito da redazione il Mar, 2011-11-22 16:20


In ricordo di Francesco Biamonti

da noi il mare sale per rocce e per dirupi con il suo respiro" paesaggi, luce e silenzi sospesi sull'abisso: l'officina letteraria di Francesco Biamonti
Venerdì 18 novembre, ore 18.00, a Bologna,
presso la Libreria delle Moline, via delle Moline 3/A
- Corrado Ramella,
Presidente dell'Associazione “Amici di Francesco Biamonti”  presenta un profilo dello scrittore Francesco Biamonti, a dieci anni dalla scomparsa
Ramella, libraio in Bordighera, provincia di Imperia, si è occupato di storia, letteratura e paesaggio.  Ha conosciuto direttamente Francesco Biamonti e con lui condiviso incontri, conversazioni, giornate in campagna e passeggiate sui crinali del ponente ligure.
- Matteo Meschiari - Università di Palermo - legge e commenta alcuni brani tratti dalle opere di narrativa e da altri scritti. Meschiari è laureato a Bologna, insegna “Etnologia e Antropologia del paesaggio”, si occupa di antropologia e letteratura,ecologia culturale e arte preistorica. Studioso del paesaggio nella letteratura, svolge un lavoro critico e appassionato dell'opera di Biamonti.
Note biografiche di Francesco Biamonti (1928-2001)
nato a San Biagio della Cima,nell’estremo ponente ligure, a parte un periodo della giovinezza trascorso a Ventimiglia, dove ha svolto l’attività di bibliotecario, ha sempre vissuto a San Biagio nella casa di famiglia, diventata nel corso degli anni una vera e propria “officina”, in cui ha esercitato il suo “mestiere di scrittore”.
Autore di quattro romanzi - L'angelo di Avrigue (1983), Vento largo (1991), Attesa sul mare (1994), Le parole la notte (1998) - e di un testo incompiuto e pubblicato postumo, Il silenzio (2003), tutti pubblicati da Einaudi, come la raccolta Scritti e parlati (2008), a cura di F. Cappelletti e G. Picconi, comprendente testi sparsi, interviste e conferenze a carattere letterario, artistico, ma anche su paesaggio e attualità. Italo Calvino lo definì come scrittore di “romanzi-paesaggio”.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 751 volte

Inserito da redazione il Mer, 2011-11-16 05:45


I dannati dell'Asinara, austroungarici nella prima guerra mondiale

Giovedì 10 novembre 2011 alle ore 17 , a Bologna presso il Museo del Risorgimento, piazza Carducci 5, verrà presentato il volume
I dannati dell’Asinara: l'odissea dei prigionieri austro-ungarici nella Prima guerra mondiale, di Luca Gorgolini, Torino, UTET, 2011.
Il libro  è dedicato ad aspetti e protagonisti finora  sconosciuti  di quella immane tragedia che fu la Grande guerra
Intervengono:
Paolo Antolini, Studioso della Grande Guerra
Alberto Preti, Università degli Studi di Bologna
Sarà presente l’autore
- Domenica 13 novembre 2011 alle ore 11, preso lo stesso Museosi svolgerà la visita guidata alla mostra
Una sella per il Re. Un omaggio femminile a Vittorio Emanuele II nel 1860
La visita verrà condotta da Elena Musiani dell’Università degli Studi di Bologna.
La visita guidata è gratuita, mentre l’ingresso al Museo è a pagamento secondo le consuete tariffe (intero € 4, ridotto € 2)

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1094 volte

Inserito da redazione il Mer, 2011-11-09 06:29


Tra stemmi e Cavalieri di Malta, all'Archiginnasio

- Lunedì 7 novembre, ore 17,30 Sala dello Stabat Mater all'Archiginnasio di Bologna
presentazione del volume
IMAGO UNIVERSITATIS. Celebrazioni e autorappresentazioni di maestri e studenti nella decorazione parietale dell’Archiginnasio
Sotto la direzione di Gian Paolo Brizzi, con la collaborazione di Andrea Daltri (* )
(Bononia University Press, 2011 Pagine: 744 Prezzo: € 120.00)
Interverranno: Virginio Merola, Ivano Dionigi, Pierangelo Bellettini, Gian Paolo Brizzi, Costantino Marmo, Isabella Zanni Rosiello
- Martedì 8 novembre ore 17,30
Sala dello Stabat Mater
Jadranka Bentini e Paolo Prodi

presentano insieme alla curatrice Stefania Macioce, il volume
I Cavalieri di Malta e Caravaggio. La Storia, gli Artisti, i Committenti
Presiede Laura Governatori
Storia millenaria dei Cavalieri dell’Ordine di Malta attraverso il lungo cammino da Gerusalemme a Malta, fino a Roma. (** )

In collaborazione con La Società di Lettura e l'Ordine di Malta Italia

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1278 volte

Inserito da redazione il Dom, 2011-11-06 06:30


Archeologia a Bologna. Documenti in mostra

QUELL’AMOR D’ANTICO. Le origini dell’archeologia a Bologna nelle raccolte dell’Archiginnasio
Mostra a cura di Paola Foschi e Arabella Riccò, con il coordinamento di Anna Manfron.
Promossa da Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio e allestita  nel corridoio di accesso alla Sala dello Stabat Mater, fino al 14 gennaio
Orari: lunedì-venerdì ore 9-19; sabato ore 9-14. Ingresso libero.
La Biblioteca comunale dell’Archiginnasio, nell’ambito della 8ª edizione di Artelibro e di Archeopolis, in collaborazione con il Museo Civico Archeologico di Bologna, ha organizzato una mostra con autografi, disegni, carteggi, relazioni, volumi manoscritti e a stampa, attraverso i quali gli eruditi, gli antiquari e gli archeologi attivi a Bologna tra Seicento e Ottocento torneranno a far parlare di sé.
L’esposizione presenta una scelta di una settantina di pezzi appartenenti all’Archiginnasio di grande interesse storico-artistico, documentario ed editoriale, cui si aggiungono anche alcuni reperti archeologici concessi in prestito dal contiguo Museo Civico Archeologico.
Il percorso della mostra si articola in tre sezioni:
I - Bologna princeps Etruriae fra Sei e Settecento presenta una preziosa scelta di volumi a stampa e opere manoscritte che danno conto di come lo studio delle civiltà antiche a Bologna si sia sviluppato attraverso la formazione di collezioni antiquarie, allestimenti museali e insegnamento universitario.
II - Antiquari, eruditi, collezionisti passa in rassegna opere dei bolognesi Luigi Ferdinando Marsili, Serafino Calindri, Giacomo Biancani Tazzi e Filippo Schiassi, che testimoniano il riaccendersi dell’interesse verso lo studio dell’antico e al tempo stesso il nuovo approccio scientifico alla materia.
III - La grande stagione archeologica bolognese
analizza la grande stagione di scavi e di indagini dell’archeologia cittadina a partire dalla metà dell’Ottocento attraverso i suoi grandi protagonisti: Pelagio Palagi, Giovanni Gozzadini, Giovanni Capellini, Antonio Zannoni e Edoardo Brizio.

 Info: www.archiginnasio.it/mostre/amordantico.htm
*
Segue la cartella stampa con note storiche più estese

Scritto in Archeologia | Bolognaleggi tutto | letto 1728 volte

Inserito da redazione il Lun, 2011-10-31 05:16


In corde, Festival dedicato alla chitarra nel Risorgimento

29 ottobre – 6 novembre 2011 per il 150° dell'Unità d'Italia
La chitarra nell’Italia risorgimentale dai salotti alle piazze
FESTIVAL 2011
promosso da InCorde
- Giovedì 27 ottobre ore 12

Conferenza stampa di presentazione
Comune di Bologna Sala Savonuzzi.Palazzo d’Accursio
Interverranno: Stefano Cardi, Andrea Orsi
- Sabato 29 ottobre ore 10,30 a Bologna
Museo internazionale e Biblioteca della musica.
Lezione concerto I cantastorie e il canto risorgimentale.
A cura di Gian Paolo Borghi e Stefano Cardi
Con la partecipazione di giovani musicisti dei Conservatori di musica di Bologna e Ferrara, e della Scuola Comunale di Musica Vassura-Baroncini di Imola
- Concerti a Bologna (30 ott.), Pieve di Cento (3 novembre) e Imola (29 ott. e 6 nov.)
Le musiche citate da Mazzini nell’epistolario dell’esilio
e il repertorio dei cantastorie dall’epoca post-risorgimentale al secolo scorso
- Mostra di liuteria
La chitarra Gennaro Fabricatore di Mazzini e la liuteria italiana dal Risorgimento al ’900.
A cura di Liuteria F.lli Lodi
29 ottobre – 13 novembre. IMOLA. Palazzo Tozzoni

Orari mostra: dal martedi al venerdi ore 16/19; sabato e domenica: ore 10/12 e 16/19
Presentazione, e maggiori particolari, dal sito
www.incorde.net/?page_id=590
Se In Corde ha deciso di salire sul carro del 150° dell’Unità Italia, non è per mera ricorrenza, ma a causa di convergenze poco note ai più, ma molto solide, tra il mondo della chitarra e alcuni fra i principali protagonisti del nostro Risorgimento.
Ugo Bassi, Ciro Menotti e Massimo D’Azeglio, suonavano la chitarra,
ma il vero cultore del nostro strumento era proprio Giuseppe Mazzini, del quale si conosce la passione per la musica, mentre assai meno nota è la sua predilezione per questo strumento e il livello quasi professionale della sua pratica esecutiva.
Il nostro patriota scrisse una "Filosofia della musica", opera in cui si attribuiva alla musica un forte valore sociale; non è un caso infatti che egli si sia messo in cerca di un autore per la stesura di un Inno degli Italiani, contattando dapprima Giuseppe Verdi, ma dirigendo poi la sua scelta verso il brano di Goffredo Mameli e Michele Novaro, divenuto poi l’attuale Inno d’Italia.

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazioni | Pieve di Centoleggi tutto | letto 1600 volte

Inserito da redazione il Mar, 2011-10-25 15:33


Benedetti teatri, una mostra di foto

FAM e FANEP insieme per la solidarietà e per Bologna
a Bologna, a Villa Gandolfi Pallavicini Via Martelli 22-24
presentano la mostra fotografica di Alfredo Matacotta Cordella
"Benedetti Teatri"

Inaugurazione: venerdì 28 ottobre 2011 | ore 18.30
La mostra sarà aperta al pubblico anche:
sabato 29 ottobre dalle 9 alle 13; lunedì 31 ottobre, mercoledì 2 e giovedì 3 novembre dalle 9 alle 18; venerdì 4 novembre dalle 9 alle 13.
Un progetto comune per offrire opportunità e occasioni di dialogo sui valori che da sempre contraddistinguono Bologna: la cultura, la ricerca scientifica e l’attenzione per l’Altro. Eventi e iniziative in programma a Villa Gandolfi Pallavicini.
Una serie di iniziative a carattere filantropico che spaziano da concerti a mostre fotografiche e pittoriche, da incontri culturali fino a riflessioni su problematiche di primo piano legate ai temi della salute della persona: questo e molto altro nel ricco calendario di eventi proposto da Fondazione Alma Mater e FANEP Associazione Famiglie Neurologia Pediatrica per sensibilizzare Bologna e il suo territorio sui temi del sapere, della solidarietà sociale e del sostegno alle famiglie con bambini affetti da disturbi neurologici.
Su questa premessa è nato il progetto "FAM e FANEP insieme", per dare l’opportunità ai bolognesi, ma non solo, di discutere delle peculiarità che hanno costruito nei secoli l’anima di Bologna, diffondendone il nome nel mondo: cultura, ricerca scientifica, interesse e impegno verso gli altri. Aperto il 9 marzo 2011 dalla conferenza della storica dell’arte Marilena Pasquali sul tema de "Il volto dell’io – l’autoritratto attraverso i secoli", il ciclo di eventi FAM - FANEP prosegue a Villa Gandolfi Pallavicini con la mostra fotografica "Benedetti Teatri. Un viaggio sui palcoscenici di Bologna attraverso le immagini di Alfredo Matacotta Cordella", in programma dal 28 ottobre al 4 novembre prossimi.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 686 volte

Inserito da redazione il Mar, 2011-10-25 15:21


Carolina Coronedi Berti e la cultura del suo tempo

Bologna, giovedì 27 ottobre 2011 a Bologna Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio Sala dello Stabat Mater
Convegno su
Carolina Coronedi Berti e la cultura del suo tempo
- ore 9.30 Saluti:
Gabriella Montera
, Assessore alle Pari Opportunità della Provincia di Bologna
Giulio Pierini, Assessore alla Cultura del Comune di Budrio
Fabrizio Sarti, Presidente dell'Istituzione Villa Smeraldi
Pierangelo Bellettini, Direttore della Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna
- ore 10.00 Relazioni:
Andrea Campana
Carolina Coronedi Berti socia della Commissione per i Testi di Lingua
Bruna Badini Carolina Coronedi Berti e la tradizione lessicografica bolognese
Claudia Giacometti
Le opere e i giorni delle donne nel vocabolario dialettale di Carolina Coronedi Berti
Presiede Andrea Battistini
- ore 12.00 Tra poesia e musica

Stefano Rovinetti Brazzi
Le risorse espressive del dialetto: la traduzione di una poesia di Odysseas Elytis
Fausto Carpani Canzoni bolognesi dell'Ottocento
- ore 13.00
Buffet
- ore 14.30
Relazioni:
Andrea Battistini
Vita culturale a Bologna nei primi decenni unitari
Giampaolo Borghi ''Poesia popolare'' e folklorista tra Emilia e Toscana
Eraldo Baldini I riti di passaggio nel territorio bolognese e romagnolo
Elide Casali Fiaba al femminile. I mille volti dell'eroina
Antonio Faeti Con Emma e con Luigi. Sul fiabesco italiano di fine Ottocento

Presiede Roberto Finzi
- ore 17,30
nella Sala del Teatro Anatomico "La fòla d'i indvinì" (la favola degli indovinelli). Rappresentazione a cura del Gruppo di lettura San vitale, per la regia  di Maria Rosa Damiani
** L'iniziativa è stata promossa e curata dall'Istituzione Villa Smeraldi-Museo della civiltà contadina, con la collaborazione di numerosi enti, istituzioni e associazioni culturali
.
In allegato: il depliant di invito con programma

Scritto in Bologna | Linguistica e dialettileggi tutto | letto 1732 volte

Inserito da redazione il Lun, 2011-10-24 05:49


Concerto, convegno e mostra

Tre appuntamenti culturali di questa settimana proposti dal Museo del Risorgimento di Bologna, in luoghi diversi
- Giovedì 20 ottobre : Concerto Tristis est anima mea-  Ensemble Vocale Color Temporis, Direttore Alberto Allegrezza Musiche di J. Kuhnau, F. Durante, J. S. Bach. L’Ensemble Vocale Color Temporis, bolognese, propone una selezione di musiche barocche, in un concerto itinerante che, attraversando i chiostri ottocenteschi, terminerà nel tempio del Seicento bolognese. Al termine del concerto visita guidata alla Chiesa di San Girolamo
E’ gradita la prenotazione per tutte le serate - tel. 345 26 99 200 (ore 14 - 21) museorisorgimento@comune.bologna.it
E’ richiesto un contributo 2 euro per la valorizzazione della Certosa. Ritrovo 15 minuti prima dell’inizio dello spettacolo presso l'ingresso principale di via della Certosa (Chiesa). L'evento si svolgerà anche in caso di maltempo.
- Venerdì 21 ottobre 2011, presso l'Aula "G. Prodi" del Dipartimento di Discipline Storiche dell'Università degli Studi di Bologna
(Piazza San Giovanni in Monte 2) si svolgerà una giornata di studi dal titolo:
"Eroi in carta. Dall'Archivio di Gioacchino Napoleone Pepoli e di altri protagonisti del Risorgimento".

L'iniziativa, di cui si allega programma, si articolerà in due sessioni: dalle ore 9.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 18.
Sarà inoltre aperta nei giorni 22 e 23 ottobre 2011 (ore 9.30-12.30; 15-18) presso l'Archivio di Stato (Piazza de' Celestini 4), la mostra
"In mezzo alla folla è il Pepoli. Il marchese Gioacchino Napoleone nel Risorgimento nazionale
". La mostra è inoltre visitabile su prenotazione per scuole e gruppi anche in altre giornate fino al 23 ottobre (info: 051.223891 – 239590). Entrambi gli eventi sono promossi dall'Archivio di Stato di Bologna in collaborazione con il Museo Civico del Risorgimento e con altri enti, a 150 anni dalla proclamazione del Regno d'Italia e a 130 dalla scomparsa di Gioacchino Napoleone Pepoli (1825-1881), il cui fondo personale è stato recentemente acquisito e inventariato dallo stesso Archivio di Stato.
- Sabato 22 ottobre
in occasione dell'ottava edizione della "Festa internazionale della storia":
ore 9.30 | 13.00
- Archivio Storico del Comune di Bologna
Antonio Zannoni nel 150° dell’Unità d’Italia

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 761 volte

Inserito da redazione il Mar, 2011-10-18 07:01


Le italiane a Bologna

LE ITALIANE A BOLOGNA, continua il ciclo di incontri in occasione del 150° ANNIVERSARIO DELL'UNITÀ D'ITALIA, promosso da UDI Bologna con varie associazioni
- 17 ottobre 2011 Salute e maternità
Incontro curato da Ass. Paolo Pedrelli/Archivio Storico Sindacale
Coordina Elisabetta Perazzo (pres. Ass. Paolo Pedrelli/Archivio Storico Sindacale)  Milena Schiavina, Relazione introduttiva
Interventi:
Corrado Melega, La Maternità: la culla più amata a Bologna
Giovanna Caccialupi, Donne italiane, donne straniere: la maternità ieri ed oggi a Bologna
Agli interventi seguiranno video-interviste a protagoniste della nascita dei Consultori  e dei servizi legati alla maternità ed alla salute della donna negli anni ’70.
- 20 ottobre 2011 Educazione e istruzione delle donne
Incontro curato da Associazione delle docenti universitarie (Addu) Centro studi sul genere e l’educazione (UNIBO) Comitato Pari Opportunità (UNIBO)
Saluti di Sandra Tugnoli (Presidente AdDU) Presenta e coordina l’iniziativa Tiziana Pironi
Interventi:
Marta Cavazza,
Genealogie femminili nell’Italia pre-unitaria: Laura Bassi, Clotilde Tambroni, Maria Dalle Donne.
Mirella D’Ascenzo, Educare la nazione. Le maestre a Bologna tra Otto e Novecento.
Fiorenza Tarozzi, Le mazziniane: dal rivoluzionarismo di Anna Grassetti Zanardi all’emancipazionismo di Gualberta Alaide Beccari.
Elena Musiani, Scrittrici ed educatrici a Bologna tra Risorgimento e Italia liberale.
Paola Govoni, Dal Novecento a oggi: studentesse e docenti universitarie in Italia e a Bologna.
In allegato il depliant con il programma completo della rassegna

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazionileggi tutto | letto 1739 volte

Inserito da redazione il Dom, 2011-10-16 05:42


Una sella per il re Vittorio Emanuele II, in mostra

Domenica 16 ottobre 2011 alle ore 11 presso il Museo Civico del Risorgimento, Bologna, piazza. Carducci 5, si svolgerà una visita guidata alla mostra
Una sella per il Re. Un omaggio femminile a Vittorio Emanuele II nel 1860.

La visita verrà condotta da Otello Sangiorgi, curatore della mostra.
La mostra, visitabile con il biglietto d’ingresso del Museo, resterà aperta fino al 27 novembre 2011 con i seguenti orari: da martedì a domenica: ore 9-13; chiuso lunedì e 1° novembre.
Sono previste altre visite guidate gratuite nelle domeniche 30 ottobre e 13 novembre, alle ore 11.
La mostra si incentra su una bardatura da cavallo appartenuta a Vittorio Emanuele II, a lui donata da un gruppo di "donne dell'Emilia" presieduto da Brigida Fava Ghisilieri Tanari, le cui vicende si legano alla visita del Re alla città di Bologna nel maggio 1860.

La sella, che all’inizio del secolo scorso costituiva uno dei cimeli più importanti e prestigiosi del Museo, viene oggi restituita al pubblico dopo un impegnativo lavoro di restauro promosso e finanziato dell’Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna.
Essa da una parte costituisce un’importante memoria di quello che fu, agli occhi dei Bolognesi di 150 anni fa, l’evento più significativo di quegli anni, dall’altra documenta un emblematico caso di partecipazione femminile al movimento politico e sociale che portò all’Unità d’Italia.
La mostra, che rientra nel programma ufficiale delle Celebrazioni per il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, è stata realizzata dal Museo Civico del Risorgimento in collaborazione con Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, Comitato di Bologna dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon, Rinco Impianti Ippici.
Info: Biblioteca Museo Civico del Risorgimento
roberto.lanzarini@comune.bologna.itnto
Bologna Via de' Musei 8- Bologna Tel. 051 225583 www.comune.bologna.it/museorisorgimentomuseorisorgimento@comune.bologna.it
Vedi  anche
www.ibc.regione.emilia-romagna.it/wcm/ibc/eventi/sella.htm

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazionileggi tutto | letto 1496 volte

Inserito da redazione il Dom, 2011-10-16 05:13


Festa della storia 2011

Festa Internazionale della Storia - VIII edizione - Bologna, 15-23 ottobre 2011
Convegni, tavole rotonde, conferenze, spettacoli, concerti e mostre animano palazzi, piazze, strade, chiese, chiostri di Bologna e del suo territorio.

Tutto si svolgerà in omaggio al tema centrale:
Orizzonti e radici

Quel che ci unisce e quel che ci distingue

Perché per onorare la nostra unità, dobbiamo apprezzare le nostre differenze

Per l’ottava edizione della manifestazione, la coincidenza col centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia costituisce un’opportunità per riscoprire motivi ed ostacoli che hanno caratterizzato il processo unitario, nella prospettiva di renderci protagonisti partecipi del suo sviluppo futuro, coniugando le diverse identità col senso di appartenenza alla comunità nazionale.
La  complessa rassegna è promossa dall' Università di Bologna e organizzata in particolare dal Laboratorio multidisciplinare di ricerca storica e dal Centro Internazionale Didattica della Storia e del Patrimonio-DiPaSt, con l'alto patrocinio del Capo dello Stato  e di tutte le istituzioni pubbliche a private più prestigiose
Tra le tantissime iniziative in città e provincia nel programma qui sotto allegato, ricordiamo in particolare
- Passamano per San Luca sabato 15 alle ore 10

Catena umana che rievoca quella che il 17 ottobre 1677 portò di mano in mano i materiali per la costruzione del portico di San Luca fino al Colle della Guardia.
Martedì 18 ottobre e Sabato 22 ottobre ore 10.00-13.00, Aula Museo della Scuola E. De Amicis, Via Galliera 74   Sono possibili visite guidate alla mostra
Cannetta, pennino e carta asciugante”, percorso guidato all'aula didattica della scuola.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 610 volte

Inserito da redazione il Ven, 2011-10-14 04:25


Si ricorda Laura Bassi, prima docente universitaria nel mondo

Nel 2011 ricorre il trecentesimo anniversario della nascita di Laura Maria Caterina Bassi, prima donna docente universitaria del mondo, nata a Bologna il 29 ottobre 1711.
Nel 1732, il Senato e l’Università di Bologna, dopo averle conferito una laurea in Filosofia, le assegnarono una cattedra stipendiata, ma onoraria, in tempi in cui le donne erano ovunque escluse dagli studi e dalle professioni intellettuali. Nello stesso anno fu cooptata come socia nell’Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna, un consesso fino ad allora solo maschile.
Laura Bassi condusse un’instancabile lotta per ottenere pari condizioni nell’insegnamento e percorse una carriera intellettuale e professionale nell’ambito di istituzioni pubbliche di ricerca e insegnamento in un periodo in cui, in Italia e nel mondo, le università e le accademie erano mondi senza donne.
Iniziative prossime
- 26 Ottobre 2011 ore 18 Biblioteca d'Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale,
Via Nazario Sauro, 22
Mostra e presentazione del libro:
Laura Bassi, Minerva Bolognese
Graziano Campanini e Grazia Verasani
conversano con gli autori Alessandro Battara, Marta Cavazza, Marta Franceschini. È un libro illustrato della collezione “Sotto i portici” a cura di Tiziana Roversi e…
- Dal 28 al 29 Ottobre 2011
Aula magna UNIBO - Facoltà di Scienze della Formazione Via Filippo Re, 6
Convegno internazionale "Donne Docenti. L'eredità di Laura Bassi"

Studiose e studiosi di diversi paesi e ambiti disciplinari affronteranno, in dialogo con il pubblico, luci e ombre dell’evoluzione del ruolo delle donne nella docenza e nella ricerca in Italia,…
ore 9.15 · 18 - Sabato ore 9.30 · 13
- 29 Ottobre 2011 ore 21 Santuario del Corpus Domini
Via Tagliapietre, 19
Concerto per voci e organo in omaggio a Laura Bass
i. Coro femminile del Collegium Musicum dell’Alma MaterNella chiesa in cui è sepolta Laura Bassi saranno eseguite musiche di Felix Mendelssohn, Fanny Hensel Mendelssohn, Gabriel Fauré.
Info da: http://informa.comune.bologna.it/iperbole/cultura/eventi/38934/id/47066

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 744 volte

Inserito da redazione il Lun, 2011-10-10 04:45


Monumenti risorgimentali restaurati a Bologna

Lunedì 10 ottobre 2011 alle ore 11.30, a Bologna in Piazza VIII agosto presso il monumento al Popolano che celebra la vittoria dei Bolognesi nella battaglia della Montagnola l'8 agosto 1848, verranno ufficialmente inaugurati i restauri dei monumenti risorgimentali: Il Popolano, Vittorio Emanuele II e Giuseppe Garibaldi.
* Il monumento di Piazza 8 agosto, presso la Montagnola, è opera di Pasquale Rizzoli, è in bronzo, con basamento di granito rosa di Baveno; ricorda i tanti popolani bolognesi che parteciparono alla vittoriosa  battaglia per cacciare gli austriaci dalla città.
** Il monumento a Vittorio Emanuele II è ai Giardini Margherita; opera dello scultore  Giulio Monteverde, in bronzo, con basamento in granito rosa di Baveno.
*** Il monumento a Garibaldi è in via Indipendenza; opera di Arnaldo Zocchi, si trova in via indipendenza; è in bronzo con basamento in granito rosa di Baveno.
La manifestazione è organizzata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Unità tecnica di Missione, dalla Preferttura di Bologna, dalla Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell'Emilia-Romagna e dal Comune di Bologna in occasione delle Celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia.
** In allegato sottostante la scheda informativa di tutti i monumenti italiani da restaurare inseriti nel programma nazionale de "I luoghi della memoria"
Info: Biblioteca Museo Civico del Risorgimento Bologna Via de' Musei 8- 40124 Bologna  Tel. 051 225583 roberto.lanzarini@comune.bologna.it
www.comune.bologna.it/museorisorgimentomuseorisorgimento@comune.bologna.it

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazionileggi tutto | letto 2379 volte

Inserito da redazione il Dom, 2011-10-09 05:14

fonte XML