Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Bologna


Al Battiferro, sulle vie d'acqua, cercando fresco e svago

Battiferro finché caldo-
Spettacoli, percorsi, escursioni, musica e mostre sulle vie d'acqua

Iniziative artistico-culturali nell'area del Navile, promosse dalla rete "AcqueDotte". La rassegna vuole essere motivo di aggregazione per differenti target per età, interessi e argomenti in un'area da rivalutare anche con musica, teatro e danza.
Ci saranno comici, artisti, attori, musicisti, scrittori ed esperti che, nel corso delle serate estive della rassegna, affronteranno i temi legati al sistema delle acque bolognesi.
Tutte le sere alle ore 21 da mercoledì 22 agosto al 6 settembre
I programmi particolareggiati sul sito
http://www.bolognaestate.it/rassegna.asp?id=126

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 755 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-08-22 10:17


Villa Guastavillani, tra grotte, cisterne e cunicoli

Un'altra opportunità di visita  a una interessante villa bolognese e  alle sue pertinenze, proposta dalla Associazione Amici delle Vie d'Acqua e dei Sotterranei di Bologna:
- Sabato 28 luglio 2012 a Bologna, Villa Guastavillani,
via degli Scalini 18
Ore 11.00: Visita in uno dei luoghi più suggestivi ed inavvicinabili della nostra città.
Le meraviglie della “Grotta del Ninfeo” e la cappella totalmente affrescata.
Si racconterà della grande cisterna e dei cunicoli dei rifugi antiaerei che sussistono ancora sotto la collina.
Nel 1575 il cardinale Filippo Guastavillani, nipote del papa Gregorio XIII, fece costruire sul monte di Barbiano, a Bologna, un palazzo di dimensioni grandiose, tanto che fu spianata la sommità di un colle per fare posto al grande edificio. "Una parte del monte venne sistemata a pianoro, per accogliere il sole dalla parte di mezzogiorno, mentre una loggia a tre fornici era costruita dalla parte di tramontana, cosicché se da un lato si aveva il caldo all'inverno, dall'altro si poteva godere il fresco all'estate". L'ultima discendente dei Guastavillani fu Virginia che aveva sposato un nobile di Reggio Emilia, il conte dott. Francesco Cassoli, discendente di una famiglia che risaliva al secolo XII. Nel 1920 venne costituita l'Opera Pia Cassoli Guastavillani. Passato successivamente al Comune di Bologna, nel 1998 il palazzo è stato acquisito dall'Università di Bologna. Nel progetto originale del Mascarino la villa era cinta da mura con quattro torrioni, due dei quali rimangono tutt'oggi davanti all'entrata principale. Particolarmente interessante e rara, fra gli interni del palazzo, è la stanza ipogea naturale, una curiosità storica architettonica ancora quasi intatta. "Nella gran sala sotterra erano un tempo giochi d'acqua deliziosi, alimentati dagli acquedotti che portavano l'acqua raccolta con gallerie sotto il colle attiguo…
** Le visite sono a prenotazione obbligatoria inviando una mail a: segreteria@amicidelleacque.org 
Si deve ricevere una risposta… se non ricevete la risposta contattate il nr. 347/5140369
Maggiori informazioni su www.amicidelleacque.org

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 3019 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-07-25 06:49


A Villa Spada, il Museo della Tappezzeria, da vedere

Una proposta di visite a villa e parco importanti di Bologna, organizzata dall'Associazione Amici delle Vie d'Acqua e dei Sotterranei di Bologna (www.amicidelleacque.org )
- Giovedì 26 luglio 2012
FESTIVAL DI VILLA SPADA

Ingresso del Museo della Tapezzeria (per chi viene dall’accesso di Via Saragozza, il punto si trova sul retro della villa).
18.30 - Visita guidata della villa e del museo della Tappezzeria (prenotazioni ed organizzazione a cura della Associazione amici dell vie d’acqua e dei sotterranei di Bologna).
L’itinerario comprende anche la visita della straordinaria ghiacciaia settecentesca eccellentemente restaurata dall’architetto Stefano Zironi, dell'esterno del rifugio antiaereo e della torre in cui Ugo Bassi visse gli ultimi giorni di prigionia prima della fucilazione.
Durata 1 ora circa. Max 30 persone.
20.30 – Conversazione sulla storica attività del periodico il Carrobbio (Patron Editore).
Il Dott. Massimo Martelli e il Dott. Gianni Nannini presentano i rispettivi lavori "Il portico di San Bartolomeo, Storia e conservazione" e "La storia dimenticata del portico di San Giacomo".
Presenzierà la Sig.ra Sandra Simoni, responsabile editoriale Patron Editore.
22.00 - Elena Carletti, Giusi Montali e Roberta Sireno del gruppo ComPari presentano la performance di poesia "La bestia nella stanza blu".
Dalle 22.30 - Useless Bat Night.
Nei locali della villa sarà possibile visitare la mostra collettiva del gruppo InUTILI:
* Euro 10,00 a persona. Il biglietto sarà valido per tutte le iniziative presenti nella serata del Festival. I bambini sotto i 12 anni entrano gratis.
** Il Festival si ripeterà nelle serate: 02, 09, 16, 23 e 30 Agosto - 06, 13, 20 Settembre
nell'ambito del programma di Bè estate e della rassegna Bologna che … Festival, Un progetto Max Martelli | www.maxmartelli.it che si svolge dal 21 Giugno al 20 Settembre
** Maggiori informazioni su www.museotappezzeria.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1801 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-07-25 06:43


Una conferenza su Filopanti in esilio e una mostra al Museo del Risorgimento

- Martedì 10 luglio alle ore 17.30, presso la Sala della Cultura del Museo della Storia di Bologna (Palazzo Pepoli – Via Castiglione 8),
Mirtide Gavelli, del Museo del Risorgimento, terrà una conversazione sul tema
Quirico Filopanti e gli anni dell’esilio”.
L’evento si svolge nell’ambito della rassegna “Bologna capitale della misura del tempo”, promossa in occasione del bicentenario della nascita di Quirico Filopanti per ricordare e onorare questo eclettico personaggio, eroe risorgimentale, matematico, astronomo e altro ancora
- Domenica 15 luglio alle ore 11 presso il Museo del Risorgimento
Roberto Martorelli svolgerà una visita guidata alla mostra

Dalla Certosa al Museo – Restauri e acquisizioni”.
L’esposizione fornisce un resoconto dell’articolato progetto di restauro dei monumenti della Certosa iniziato nel 1999. Tale lavoro di recupero ha risvegliato un crescente interesse da parte della città nei confronti del Cimitero monumentale, tanto che negli ultimi anni si è assistito a donazioni relativi alla Certosa e agli artisti che vi hanno operato: tra le nuove acquisizioni si segnalano opere di Silverio Montaguti, Carlo Parmeggiani e Cesarino Vincenzi, che sono esposte insieme ad antiche fotografie e a documenti anch’essi provenienti dalle recenti donazioni.
Domenica 15 luglio è anche l’ultimo giorno di apertura della mostra.
** Dal 16 luglio al 15 settembre il Museo osserverà la consueta chiusura estiva.
Riaprirà il 16 settembre con una nuova programmazione.
** Info: Roberto Lanzarini Biblioteca Museo Civico del Risorgimento Bologna Via de' Musei 8- 40124 Bologna Tel. 051 225583

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 609 volte

Inserito da redazione il Gio, 2012-07-05 15:41


Bologna estate 2012

bè bolognaestate 2012 , da giugno a settembre
è il cartellone di iniziative coordinato e sostenuto dal Comune di Bologna - Settore Sistema Culturale e Giovani, con il supporto di Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e Gruppo Unipol.
I progetti che danno vita ai numerosi appuntamenti in programma sono stati selezionati tra i 186 che hanno partecipato all'avviso pubblico che si è chiuso il 29 febbraio 2012. A questo nucleo di eventi, ideato e realizzato dagli operatori culturali del territorio secondo il principio della sussidiarietà, si aggiungono le iniziative estive delle istituzioni culturali della città.
Tutto il programma è stato condiviso con i Quartieri cittadini in un'ottica di valorizzazione degli spazi e delle attività della città nel suo insieme.
Tute le informazioni e il calendario sul sito
http://www.bolognaestate.it/Contatti.asphttp://www.bolognaestate.it/Index.asp

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 848 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-07-04 16:39


La storia di Bologna in lingua bolognese

- giovedì 5 luglio ore 20.30
Genus Bononiae ciacarànd in Bulgnais
seconda tappa
Visita guidata in dialetto bolognese.

Seconda “passeggiata” con Roberto Serra, al Profesaur dal Caurs ed Dialatt Bulgnais, che racconta della lingua di Bologna in un proprio percorso dentro il Museo della Storia di Bologna (in Palazzo Pepoli, via Castiglione 8).
«Il bolognese è uno dei volgari italiani di cui abbiamo più antica testimonianza e i cui documenti si susseguono con maggior costanza nella storia. Al Due e Trecento rimontano i primi testi che portano tracce evidenti di questa parlata, già perfettamente riconoscibili. Poi, come una deflagrazione, arriva la testimonianza di Dante che, nel “De vulgari eloquentia”, dedica al bolognese osservazioni dettagliate, individuandolo come “l'eloquio più bello”. Nel seguito il bolognese si proietta nella più ampia varietà degli impieghi: dialetto di popolo e di classi agiate, lingua per la poesia e il canto, flessibile strumento di arte scenica, risorsa letteraria e multimediale. Salvato di recente dal fatale rischio di scomparire, il bolognese conosce oggi una straordinaria ripresa nella coscienza dei cittadini e nell'uso concreto della comunicazione». [Prof. Raffaele Simone]
A questa lingua, dalle spiccate caratteristiche fonetiche, il Museo della Storia di Bologna dedica un ciclo di sette incontri ripercorrendo le tappe della tradizione dialettale tra zirudelle e canzoni, etimologie e toponomastica, modi di dire e locuzioni, fino ad arrivare al dialetto di oggi con le sue caratteristiche e trasformazioni. Perché il dialetto è una lingua viva che ancora si parla e che parla dei bolognesi.
www.genusbononiae.it - www.facebook.com/genusbononiae - www.twitter.com/genusbononiae - www.flickr.com/photos/genusbononiae

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 765 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-07-04 16:12


Come si pregava in dialetto bolognese

In libreria dall'11 luglio 2012
Uraziån al Sgnåur, ala Madòna, ai Sant La preghiera in dialetto bolognese

A cura di Gabriella Gallerani, Enrico Pagani, Roberto Serra.
Il risultato di una ricerca realizzata grazie all'appassionato impegno di trentatrè ricercatori.
Un progetto portato a termine da Club Il Diapason e Associazione Alemanni.
Introdotta da un testo di Ezio Raimondi, "Con sincerità del cuore",
e da alcune note di Aldo Jani e Enrico Pagani, "Sgnåur av ringrâzi".
Saggi di Roberto Serra, "Il dialetto delle orazioni: Inzäns e carsintén"; Gioia Arzenton Lanzi e Fernando Lanzi, "La preghiera"; Chiara Sirk, "Pregar cantando"; Martina Spaggiari "A tu per tu con Dio".
È in dialetto che si sono espressi genuini sentimenti del popolo di queste terre e fra questi anche il dire religioso. Trova qui spazio l'idea di dare l'avvio ad una iniziativa per raccogliere e censire le memorie della devozione popolare - le orazioni in dialetto - così come ci sono state insegnate e tramandate dai nostri padri. Dal paziente lavoro di raccolta dei testi ci siamo falti carico lanciando un appello a quanti ricordavano orazioni in dialetto, esortando a far pervenire testimonianze. Dopo quasi dieci anni di paziente lavoro, abbiamo quindi una raccolla di versi popolari, testimonianza di una cultura parallela e spontanea, conferma delle radici cristiane della nostra gente.
Patrimonio che rischiava di andare disperso o perduto: la memoria di alcuni cultori ci permetterà di non dimenticarlo e di trasmetterlo alle attuali generazioni quale significativa espressione di un popolo che, anche con la preghiera ha raccontato se stesso.
(pagine 170. € 15.00, Ed Perndragon)
** La presentazione del libro si terrà
martedì 24 luglio, ore 21.30 alla Libreria Coop Ambasciatori
via Orefici 19 -Bologna
Con la partecipazione di S.E. Rev.ma Mons. Ernesto Vecchi Vescovo Ausiliare Emerito di Bologna e dei curatori Enrico Pagani e Roberto Serra

Scritto in Bologna | Linguistica e dialettileggi tutto | letto 1519 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-07-04 15:47


Sotto le stelle, cinema

Un’estate Sotto le stelle del cinema con i grandi film a Bologna in Piazza Maggiore proposti tutte le sere dalla Cineteca di Bologna: si comincia martedì 19 giugno con Accattone di Pier Paolo Pasolini (giorno di apertura al pubblico della mostra – parallela a quella che il Palazzo Ducale di Genova dedica all’opera del fotografo genovese – Mario Dondero e la comunità del cinema, nella sede della Cineteca in via Riva di Reno, 72), in attesa del restauro dell’extended version di C’era una volta in America di Sergio Leone (venerdì 22 giugno), che la Cineteca “riporta” a Bologna dopo i trionfi al Festival di Cannes.
E poi omaggi ai protagonisti della storia del cinema, da maestri come Alfred Hitchcock e Ingmar Bergman al volto simbolo di Marilyn Monroe.
Un cartellone, quello di Sotto le stelle del cinema, presentato lunedì 18 giugno e che accompagnerà l’estate fino al 30 luglio, intrecciandosi con il festival più atteso della Cineteca di Bologna, Il Cinema Ritrovato, in programma da sabato 23 a sabato 30 giugno, tutto il giorno in quattro sale (Cinema Lumière – Sala Scorsese, Cinema Lumière – Sala Officinema/Mastroianni, Cinema Arlecchino, Cinema Jolly), prima della proiezione serale sempre in Piazza Maggiore.
Il programma completo è leggibile al sito
http://www.cinetecadibologna.it/sottolestelledelcinema2012

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 788 volte

Inserito da redazione il Sab, 2012-06-23 04:39


Dalla palude alla terra. Immagini di un territorio antico dissestato e poi bonificato

Dalla palude alla terra,
viaggio italiano attraverso le foto d'epoca

questo il tema di una ricca mostra allestita nel Cortile d'Onore di Palazzo Zani, sede della Bonifica Renana. in via S. Stefano 56, Bologna e che sarà visitabile fino a venerdì 1 giugno.
Il New Deal silenzioso di chi pensò, progettò e realizzò le reti e le opere che consentirono al nostro paese di sconfiggere la povertà rurale e garantire la sicurezza territoriale. Una raccolta fotografica storica, con cento immagini d'epoca in bianco e nero, per raccontare l'epopea delle bonifiche territoriali che resero abitabili le pianure italiane.
Un vero e proprio viaggio per immagini che raccontano le condizioni reali e misere delle popolazioni rurali nell'Italia appena riunita, e il coraggio tecnico e progettuale di coloro - politici, tecnici e braccianti - che pensarono, progettarono e realizzarono le reti e le opere idrauliche che consentirono al nostro paese di sconfiggere la povertà rurale e garantire la sicurezza territoriale nel paese appena nato.
Una storia italiana antica ed attualissima, oggi studiata ed imitata da tutte le economie emergenti - Cina e India in primis - alle prese con la pressante esigenza di coniugare lo sviluppo con la tutela del territorio e la difesa del suolo.
* La mostra, realizzata dall'Istituto nazionale di Economia Agraria di Roma, in collaborazione col Ministero delle Politiche agricole ambientali e forestali e con l'Ass. nazionale Bonifiche, è visitabile tutti i giorni feriali, dalle 8.30 alle 17.30.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 754 volte

Inserito da redazione il Sab, 2012-05-26 15:56


Parata di bici a Bologna

Si terrà domenica 27 a Bologna
il Bike Pride
, la parata dell'orgoglio ciclistico
!
Una parata su due ruote allegra e colorata, per festeggiare insieme le nostre biciclette e per rivendicare una città sempre più a misura di ciclista!
Il punto di raccolta è in Piazza Maggiore alle ore 14 fino ad approdare al Parco Parker-Lennon dove avrà luogo la festa finale con musica e spettacoli (Emme Bianche con i tessuti e 54 Centimetri con le maschere larvali), giocoleria, musica, sfida a fumetti, la ciclolotteria e Miss Bike Pride 2012 - il concorso per la bici più bella!
Chiuse le strade al caos del traffico automobilistico per aprirle allo stormo di Grazielle, Olandesine, Mountain Bike, bici modificate, monocicli, carretti, e ogni tipo di mezzo a pedale!
Chi non ha la bici può partecipare con ogni possibile mezzo a emissione zero: triciclo, risciò, skate, pattini.
La parata vuole ricordare alla città che la bicicletta rimane il mezzo migliore per muoversi nel tessuto urbano.
Il Bike Pride Bologna è organizzato da un comitato di associazioni riunite sotto un unica bandiera: un movimento di riscossa per proporre la bicicletta come mezzo di una rivoluzione delle abitudini, con il patrocinio del Comune di Bologna e del Comune di Casalecchio.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 643 volte

Inserito da redazione il Sab, 2012-05-26 15:36


Effetto contadino, in un libro

Venerdì 25 maggio ore a Bologna presso la Libreria delle moline.
presentazione del libro di Michele Guerra
Gli ultimi fuochi

Cinema italiano e mondo contadino dal dopoguerra agli anni settanta. Ed. Bulzoni
2010.
Intervengono:
MICHELE GUERRA Università di Parma - autore del libro - per la presentazione utilizzerà alcune sequenze di film di vari registi
SILVIO FRONZONI Direttore del Museo della Civiltà Contadina
MASSIMO PANCALDI
Curatore della rassegna Effetto contadino

** Dal 24 al 31 maggio sarà inoltre possibile visitare, sempre presso la libreria,
la mostra “La canapa di Bologna e il lavoro dei contadini
a cura del Museo della civiltà contadina.
Le iniziative sono realizzate nell'ambito della rassegna Effetto Contadino, promossa da Istituzione Villa Smeraldi e Associazione Culturale Il Temporale, che si completerà con una rassegna cinematografica a Bentivoglio nel periodo dal 20 giugno al 12 luglio 2012).

Scritto in Bologna | Museo della Civiltà contadina S. Marino di Bentivoglioleggi tutto | letto 1141 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-05-21 09:38


Bologna sotterranea, in un libro

Venerdi 25 Maggio alle ore 20.30 a Bologna, Palazzo Maccaferri.
presentazione del primo libro
APOSA SEGRETO, I RIFUGI ANTIAEREI
di Massimo Brunelli e Francisco Giordano
su progetto di Bologna sotterranea e Associazione Amici delle Vie d'Acqua e dei Sotterranei di Bologna
La pubblicazione riguarda la storia e l’esatta individuazione di due rifugi antiaerei situati all’interno del corso sotterraneo del torrente Aposa, nei pressi della collina di San Michele in Bosco ad uso dell’Istituto Ortopedico Rizzoli e dell’area militare adiacente.
Lo studio si estende in generale ai rifugi di Bologna con pubblicazione di materiale d’archivio inedito e ad una ricerca storica su un’area poco nota, quella posta fra il colle di San Michele ed i viali di circonvallazione.
Il libro fa parte della neonata Collana "Bologna sotterranea" dedicata alla riscoperta della città nascosta.
La pubblicazione si avvale del patrocinio dell'Istituto Ortopedico Rizzoli, dell'Archivio Storico Comunale di Bologna, dell'Associazione Nazionale Autieri d'Italia Sezione di Bologna, dell'ISREBO (Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea nella Provincia di Bologna Luciano Bergonzini).
* Al termine della serata, dopo un piccolo rinfresco, si potrà ammirare sia la ghiacciaia cinquecentesca che il rifugio antiaereo, ambedue contenuti nei sotterranei del palazzo e spesso oggetto di tour promossi dalla stessa Associazione
** Nella stessa collana e attualmente in lavorazione:
Il torrente sconosciuto”, il percorso completo (7.5 Km) del torrente Aposa dalle sorgenti sino al ventre della città e oltre; libro fotografico sui tratti conosciuti e soprattutto quelli dove il pubblico non potrà mai arrivare.
Passeggiando sottosopra per le acque di Bologna”
Guida completa e definitiva alla città idraulica di superficie con riferimenti alla parte sotterranea in un divertente fotoconfronto con piante, percorsi e notizie storiche.
Info: Cell: 347/5140369 E-mail:
mb.amicidelleacque@gmail.com www.amicidelleacque.org

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1123 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-05-21 08:43


Notte dei Musei aperti

SABATO 19 MAGGIO 2012 – NOTTE DEI MUSEI
A Bologna apertura serale straordinaria e gratuita della Pinacoteca Nazionale e di Palazzo Pepoli Campogrande dalle ore 20.00 alle ore 2.00.

Anche quest’anno il MiBAC, attraverso la Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale, organizza La Notte dei Musei, un evento di respiro europeo che nella notte tra il 19 e il 20 maggio aprirà gratuitamente le porte di musei ed aree archeologiche. Un’occasione unica per coinvolgere un pubblico più giovane, permettendo un’emozionante ed insolita fruizione del patrimonio artistico italiano anche a coloro che non riescono a farlo nei consueti orari di visita. All’evento, patrocinato dall’Unesco e dal Consiglio d’Europa, parteciperanno i musei di oltre 40 paesi europei che, oltre a garantire l'entrata gratuita, arricchiranno l’offerta organizzando eventi quali concerti, mostre tematiche e percorsi guidati.
Sabato 19 maggio - Pinacoteca Nazionale di Bologna
Ore 20.10 -
Elena Rossoni: Visita virtuale al Gabinetto dei disegni e delle stampe
Ore 20. 40 - Corinna Giudici: Visita virtuale all’Archivio fotografico della Soprintendenza
Ore 21.30 - Proiezione del documentario: La Felsina pittrice: la Pinacoteca nazionale di Bologna, RAI educational 2004, regia di Francesco Conversano, Nene Grignaffini.
Ore 22
. 00- Visita guidata alla Pinacoteca a cura degli studenti del liceo Galvani
- Palazzo Pepoli Campogrande Dalle ore 21
. 00 Visite guidate a cura dei ragazzi dell’Istituto Laura Bassi
* info: Pinacoteca Nazionale di Bologna
via Belle Arti Telefono: 051 4209411
Sito web: http://www.pinacotecabologna.beniculturali.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 709 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-05-16 05:55


Filopanti e la gestione delle acque

Quirico Filopanti e la questione delle acque
Nell’ambito delle Celebrazioni Filopantiane e della Settimana della Bonifica 2012,
- sabato 19 maggio 2012,
a Bologna, Palazzo Zani, Sala di Consiglio, piano terra, via S. Stefano 56, un approfondimento sul ruolo storico di Bologna nella nascita delle discipline idrauliche
Programma:
- ore 16,30 Saluti
del presidente del Consorzio, dott. Giovanni Tamburini e di Fabrizio Sarti, presidente Museo della Civiltà Contadina
- ore 16,45 Il territorio bolognese e la disciplina delle acque nella storia, dott.ssa Alessandra Furlani, agronomo, Bonifica Renana
- 17.15 Quirico Filopanti, ingegnere, prof. Pier Gabriele Molari, Facoltà di Ingegneria, Università di Bologna
- 17.45 Gli studi filopantiani dedicati ai mulini del Canale di Budrio, dott. Silvio Fronzoni, direttore Museo della Civiltà Contadina
- 18.15
Conclusioni. Segue aperitivo
* Info Consorzio della Bonifica Renana Via S.Stefano 56 Bologna Tel . 051295111 - Fax.051295270  segreteria@bonificarenana.it bonificarenana@pec.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 988 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-05-14 17:03


Luigi Ferdinando Marsili e il Museo di Palazzo Poggi

A trecento anni dalla nascita (1712)  dell'Istituto delle Scienze e delle Arti di Bologna, il Museo di Palazzo Poggi , Via Zamboni 33, celebra l'attività scientifica e politica del suo fondatore Luigi Ferdinando Marsili (1658-1730) con un'esposizione, nuovi allestimenti e ricerche dedicate alla figura dell'illustre e poliedrico scienziato bolognese.
Nobile, soldato, diplomatico, viaggiatore, uomo di scienza, cosmopolita per vocazione, Marsili fu figura eminente nel panorama scientifico dell'Europa dei Lumi.
Se il percorso della vita del conte bolognese Luigi Ferdinando Marsili attraversò una gamma di esperienze intellettuali ed operative, scientifiche ed organizzative, il cui tratto distintivo, comunque, rimase sempre uno sguardo oltre il saputo e l’acquisito, senza dubbio fu nell’approfondimento dell’“arte militare” che concentrò l’essenza di un sapere fatto di intrecci molteplici fra conoscenze disciplinari diverse, vivificate da una costante esigenza “sperimentale” e da un insopprimibile impulso “didattico”.
La mostra e il volume di saggi che la accompagna, danno conto dello stretto rapporto che si poneva in lui tra il naturalista, il geografo, il matematico e l’ingegnere militare. Strumenti scientifici, modelli di piazzeforti e di artiglierie, quadri e ritratti, trattati, manuali e disegni dedicati alle fortificazioni, fanno da sfondo a una ricostruzione che non interessa la storia militare in senso stretto, ma chiama in causa la cultura di un’epoca di passaggio, quella della “crisi della coscienza europea” della quale Marsili fu un indiscusso protagonista.
Dal 20 Aprile al 4 Novembre 2012 Orari dal martedì al venerdì: 10-13 e 14-16, sabato, domenica e festivi: 10.30-13.30 e 14.30-17.30. ingresso € 3/1
Informazioni: Museo di Palazzo Poggi tel. 051 2099398 – 2099610
* Anche il Museo Civico Medievale e il Museo Civico Archeologico partecipano con una doppia esposizione alle iniziative legate al Terzo Centenario della fondazione dell’Istituto delle Scienze, realizzate in collaborazione con il Museo di Palazzo Poggi.
Le due mostre proseguiranno fino al 4 novembre prossimo,
- Al Museo Medievale la mostra “Invincibili” Ottomani. Armi ed insegne turche nelle raccolte del Museo Civico Medievale espone le “armi turchesche” provenienti dalla raccolta del generale Marsili, confluite nei fondi del museo. Curata da Mark Gregory D’Apuzzo e da Massimo Medica, l’esposizione offre l’occasione per visionare anche importanti pezzi sconosciuti al pubblico, poiché abitualmente conservati nei depositi.
- Al Museo Archeologico la mostra MILITARIS SUPPELLEX. Luigi Ferdinando Marsili e gli armamenti dell’antichità, a cura di Marinella Marchesi e Paola Giovetti, presenta parte della ricca collezione archeologica di Marsili, già esposta nella “Stanza delle Antichità” dell’Istituto delle Scienze e composta da materiali egizi, etruschi, greci e, in maggior numero, romani; la collezione confluì nel patrimonio del Museo Civico Archeologico di Bologna nel 1881.
http://informa.comune.bologna.it/iperbole/cultura/eventi/38934/offset/0/id/51107
http://informa.comune.bologna.it/iperbole/cultura/articoli/8565/id/51072

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1126 volte

Inserito da redazione il Ven, 2012-05-04 06:29


I ricordi lasciati dal pubblico al Museo Civico Archeologico

Sabato 28 Aprile 2012 alle ore 16
Si inaugura al Museo Civico Archeologico di Bologna
VISTO DA VOI. Il Museo nei ricordi del pubblico

una piccola esposizione ideata per concludere la celebrazione del 130esimo compleanno del Museo Civico Archeologico, e per farlo – per una volta - con la voce del pubblico: la traccia lasciata dai visitatori, firme e commenti di ieri e di oggi, disegni e lavori di classi in visita al museo e… lo spazio per lasciare un commento, uno schizzo, una foto - insomma, un ricordo - nella Gipsoteca trasformata in un grande libro degli ospiti. Un “work in progress” dunque, che aspetta il contributo di tutti quelli che vorranno lasciarci il loro punto di vista sul museo.
L’inaugurazione sarà preceduta da una breve conversazione su ciò che il materiale degli archivi ci svela sul pubblico del Museo nei primi decenni della sua vita.
L’esposizione, realizzata grazie alla generosa collaborazione dell’Associazione Amici del Museo Civico Archeologico-Esagono e di Studio Talpa, resterà aperta fino al 3 giugno prossimo con gli stessi orari del Museo.
- Orari: mar-ven dalle 9 alle 15, sab, dom e festivi dalle 10 alle 18.30. Chiuso i lunedì feriali, Capodanno, 1° Maggio e Natale. Ingresso a pagamento dal 1 marzo 2011. Ingresso gratuito il primo sabato del mese dalle ore 15 alle ore 18,30.   Intero €4; ridotto €2. Per info sulle tariffe: 
- sabato 5 maggio 2012 ore 18, al Museo Civico Archeologico di Bologna conferenza del Dr. Christian Greco
La collezione egiziana del Rijksmuseum van Oudheden di Leida: da un inizio antiquario allo scavo”  cui seguirà la presentazione al pubblico di un prestigioso nucleo di oggetti predinastici e dinastici del Rijksmuseum van Oudheden in Leiden, in prestito per alcuni anni al Museo Civico Archeologico in Bologna

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 762 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-04-24 05:39


Escursioni domenicali al Contrafforte pliocenico

"Appuntamento al Contrafforte pliocenico"
Otto escursioni domenicali alla scoperta della natura

Prende il via la seconda edizione di "Appuntamento al Contrafforte pliocenico", una serie di escursioni domenicali guidate da studiosi e appassionati conoscitori degli aspetti naturali e storici della Riserva Naturale Contrafforte Pliocenico.
L'area protetta si sviluppa per circa 15 km trasversalmente alle valli Reno, Setta, Savena, Zena e Idice, terminando con il Monte Adone (654 m.). Si tratta di un mosaico di ambienti diversi e contrastanti con a sud vertiginose pareti assolate ricche di piante mediterranee e a pochi metri, nei meno scoscesi versanti esposti a nord, distese di boschi nei quali compaiono anche faggi, tassi, agrifogli e altre specie tipiche dei territori montani. Oltre al falco pellegrino, l'animale simbolo della riserva che nidifica nelle pareti del Contrafforte, sono numerose le segnalazioni di altre specie faunistiche di rilievo, a cominciare dalla salamandrina di Savi, un raro anfibio che vive in ambienti freschi e umidi.
Le escursioni, durano tre ore e mezza e non sono particolarmente impegnative. Prevedono comunque tratti meno agevoli in salita e in discesa, su fondo roccioso e talvolta fangoso, e richiedono una certa abitudine a camminare, oltre naturalmente a scarpe e abbigliamento adatti.
La novità, quest'anno, è che alcune escursioni contemplano, nel primo pomeriggio, la possibilità di compiere una ulteriore esperienza nel territorio, in qualche caso a pagamento.
L'appuntamento è promosso dalla Provincia di Bologna, in collaborazione con la Fondazione Villa Ghigi.
** Per informazioni Fondazione Villa Ghigi tel. 051 3399120 / 3399084
e-mail: info@fondazionevillaghigi.it
Uffici della Riserva - Servizio Pianificazione Paesistica, Provincia di Bologna tel. 051 6598645 / 6598477 - fax 051 6598428 web:
www.provincia.bologna.it/riservacontrafforte
e-mail: riservacontrafforte@provincia.bologna.it
http://www.ermesambiente.it/wcm/parchi/parchi/riserva_naturale_contrafforte_pliocenico.htm

Scritto in Ambiente, ecologia, natura | Bolognaleggi tutto | letto 1465 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-04-18 05:34


In ricordo di Arnaldo Forni, libraio ed editore

Una mostra e un convegno all'Archiginnasio di Bologna, dedicati a
Un sacco di libri. Arnaldo Forni (1912 – 1983) libraio antiquario, editore
La Biblioteca dell’Archiginnasio organizza, in collaborazione con la famiglia Forni, una mostra documentaria e un convegno incentrati sulla figura di Arnaldo Forni, libraio antiquario ed editore, nella ricorrenza dei cento anni dalla nascita.
L'iniziativa rientra nell'obiettivo di sviluppare una rete di relazioni con librerie ed editori di rilievo locale e nazionale, inserito nel Piano programma 2012 dell'Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna, al fine di attivare una significativa fonte di scambi, iniziative e arricchimento reciproco.
La mostra è visitabile dal 16 Aprile al 9 Giugno 2012: lunedì - venerdì ore 9 – 19; sabato ore 9 – 14.
Il convegno si svolgerà
- mercoledì 18 Aprile 2012, ore 9,30 Biblioteca dell'Archiginnasio,Piazza Galvani, 1

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1019 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-04-17 15:47


Settimana della cultura, gratis, nei Musei Civici di Bologna

L'Istituzione Musei Civici del Comune di Bologna aderisce alla XIV edizione della Settimana della Cultura, dal 14 al 22 aprile, proponendo nei suoi musei (Museo Archeologico, Museo Medievale, Collezioni Comunali d’Arte, Museo Davia Bargellini, Museo della Musica, Museo del Patrimonio Industriale, Museo del Risorgimento) oltre trenta iniziative, fra mostre, visite guidate, conferenze ed attività didattiche.
L’ingresso ai musei e agli eventi sarà per l’occasione eccezionalmente gratuito.
Da segnalare in particolare:
- 'Due passi al museo Reloaded. Incursioni di Storia e Arte nel Palazzo Pubblico di Bologna
' (Palazzo D'Accursio), un’originale proposta per visitare il palazzo pubblico e le Collezioni Comunali d’Arte: il visitatore potrà seguire uno o più itinerari tematici - che si succederanno a cadenza oraria nell’arco di tre giornate (dalle ore 10 alle ore 18, mercoledì 18, venerdì 20 e sabato 21 aprile) - sotto la guida di giovani studiosi, che lo porteranno a scoprire la straordinaria polivalenza delle Collezioni Comunali d’Arte, un museo per sua natura fortemente integrato nel complesso monumentale che lo ospita e nell’ambiente urbano circostante. È consigliata la prenotazione allo 051-2193998.
- Il
Museo Civico Archeologico propone uno speciale doppio appuntamento sul tema 'Se lo conosci lo frequenti': domenica 15 aprile, alle 16, Aziza Madda condurrà una guidata sulla storia di Bologna in lingua araba; domenica 22 aprile, sempre alle 16, gli archeologici del museo, partendo dalla rappresentazione del ‘diverso’ sulla ceramica attica, inviteranno i visitatori a riflettere sulla nostra realtà, con l’aiuto di animatori diversabili della cooperativa Accaparlante. Inoltre,
Sabato 21 aprile ore 16
"Miglio, orzo, sorbe e tutti i modi di procurare ebbrezza con l’acqua: la storia della birra".
Il Soprintendente per i Beni Archeologici dell'Emilia Romagna Filippo Maria Gambari inaugura la V edizione di Archeologite Bolognesi (promosse da Provincia di Bologna e Soprintendenza Beni Archeologici dell’Emilia Romagna), con una conferenza dal tema davvero particolare sulla produzione e uso della birra nel corso dei secoli.
Intervengono Giuliano Barigazzi, Assessore a Sanità, Servizi Sociali, Volontariato, Cultura della Provincia di Bologna e Paola Giovetti, Direttore del Museo Civico Archeologico di Bologna.
- Al Museo Davia Bargellini si segnalano le iniziative legate alla rassegna “I quattro volti del sarto”, fra le quali la mostra 'Il sarto privato'. Abiti da cerimonia e corredo tra ’800 e ’900, aperta fino a domenica 22 aprile, il laboratorio per bambini a cura di Angela Lezzi (sabato 14 aprile, ore 16) e la singolare iniziativa Bologna su misura. 'Artigiani in museo' (sabato 21 aprile, ore 15), durante la quale gli artigiani di Cna Federmoda Bologna realizzeranno capi ed accessori alla moda direttamente in museo. Sempre al Museo Davia Bargellini torna infine 'Il Galvani per i Musei': dopo il successo dello scorso anno, gli allievi del Liceo Galvani di Bologna guideranno i visitatori fra le sale del museo nelle giornate di sabato 14 e 21 aprile e domenica 15 e 22 aprile.
- Il
Museo della Musica propone due iniziative: la visita guidata con Enrico Tabellini, sul tema 'Le collezioni del Museo della musica' (sabato 14 aprile, ore 10.30) - un ‘viaggio’ attraverso sei secoli di storia della musica – e il percorso storico-musicale 'Musica viva. La liuteria di ieri e di oggi' (sabato 21 aprile, ore 10.30), a passeggio tra il laboratorio di Otello Bignami (Museo della Musica) e Leuterius (via Rialto 19). La prenotazione è in entrambi i casi consigliata allo 051 2757711. In occasione della mostra 'Vita a Corte - la moda nel ‘700' (20-22 aprile) inoltre, dedicata alla moda e agli stili del ‘700, il museo ospita un singolare programma di appuntamenti, fra letture teatrali, rievocazioni storiche a cura dell'associazione “Le Feste Galanti”, presentazioni di libri, lezioni di bon ton e di make up.
- Il Museo del Patrimonio Industriale propone un variegato programma sia per adulti che per bambini: per gli adulti, la visita guidata 'Vivere a Bologna nell’Ottocento' (domenica 15 aprile, ore 16) e la conferenza 'Bologna e le Aldini-Valeriani: una città, la sua scuola' (domenica 22 aprile, ore 16); e per bambini, l’attività didattica La Fata Elettricità (sabato 21 aprile, ore 15.30).
- Inaugura venerdì 20 aprile presso il Museo Civico Medievale la mostra “Invincibili” Ottomani. Armi ed insegne turche nelle raccolte del Museo Civico Medievale, realizzata in collaborazione con il Museo di Palazzo Poggi. In esposizione alcune antiche armi dell’esercito turco, appartenute al celebre generale Luigi Ferdinando Marsili, personaggio fondamentale per le vicende culturali della Bologna settecentesca e fondatore dell’Istituto delle Scienze
Il programma completo per tutta la settimana  è in allegato

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 799 volte

Inserito da redazione il Sab, 2012-04-14 07:35


Frammenti di storia antica in mostra negli archivi

In occasione della XIV Settimana della Cultura (14-22 Aprile 2012) l'Archivio di Stato di Modena, l'Archivio di Stato di Bologna, la Biblioteca Estense Universitaria e l'Archivio Storico del comune di Modena, in collaborazione con l'Università degli Studi di Ferrara e con l'Università degli Studi di Bologna e con la partecipazione di Archivio Capitolare di Modena, Comune di Nonantola, Archivio storico abbaziale di Nonantola e Partecipanza agraria di Sant'Agata Bolognese organizzano
Disiecta Membra,
una serie di mostre documentarie e un ciclo di conferenze e incontri
dedicate al vastissimo giacimento di fragmenta rinvenuti fra le province di Modena e Bologna.
A partire da sabato 14 Aprile fino a domenica 22 Aprile, sarà possibile visitare le sezioni espositive allestite nelle sale degli Archivi di Modena e Bologna, della Biblioteca Estense, della Sala delle Colonne del comune di Nonantola, nella Sala dei Codici dei Musei del Duomo di Modena, nel Museo benedettino e diocesano di arte sacra di Nonantola e nella Sala delle Colonne della Partecipanza agraria di Sant'Agata Bolognese. Il ciclo di conferenze si svolgerà nell'arco dell'intera settimana.
L'ingresso è gratuito. ** Il programma completo di mostre e conferenze nelle varie sedi è leggibile in allegato.
 

Scritto in Bologna | Modena | Nonantola (MO)leggi tutto | letto 1007 volte

Inserito da redazione il Gio, 2012-04-05 16:02


Tracce del Risorgimento in Emilia Romagna. Un convegno

Mercoledì 4 aprile 2012, a Bologna presso la Biblioteca dell'Archiginnasio (Sala dello Stabat Mater) si svolgerà, a partire dalle ore 10, il convegno
"Tracce del Risorgimento in Emilia Romagna",
promosso dall'Istituto per i Beni Culturali Artistici e Naturali dell'Emilia Romagna e dagli Istituti storici dell'Emilia-Romagna in rete.
- Ore 10-  Per un bilancio del 150° in Emilia-Romagna
Introduce e presiede: Alberto Preti Istituto Parri - Comitato regionale per il 150°
Marco Minardi
Istituto storico di Parma: Piacenza e Parma
Mirco Carrattieri
Istoreco: Reggio Emilia e Modena
Fiorenza Tarozzi
Isrebo - Museo Storico del Risorgimento: Bologna
Anna Quarzi
Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara: Ferrara
Alessandro Luparini
Istituto storico di Alfonsine: Ravenna
Sara Samorì
Istituto storico di Forlì: Forlì e Rimini
- Ore 15 -  La memoria dell’Unità nelle capitali

Presiede: Claudio Silingardi Insmli
Chiara Colombini
Istoreco: Torino
Fabio Bertini
Istituto Storico della Resistenza in Toscana: Firenze
Annabella Gioia
Irsifar: Roma
- Ore 17-  Riflessioni conclusive
Massimo Baioni, Gianni Sofri, Angelo Varni

La riflessione, proposta a chiusura delle celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, verterà sugli aspetti culturali e storiografici emersi durante quest'anno, cercando di delineare quali idee di Italia e di Italiani siano emerse dalle proposte culturali, dalle  politiche per la memoria e dal dibattito pubblico.
La sessione mattutina analizzerà il contesto regionale, soffermandosi sulle esperienze più significative realizzate nelle diverse province. La sessione pomeridiana metterà a confronto le dinamiche celebrative nelle tre capitali storiche: Torino, Firenze, Roma. Un primo bilancio di questo 150° anniversario dell'Unità d'Italia sarà affidato alla tavola rotonda conclusiva.
Il Museo ha collaborato alla buona riuscita dell'iniziativa, di cui si allega programma
Per informazioni: Mirco Carrattieri 339-1459817 - presidenza@istoreco.re.it

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazionileggi tutto | letto 1427 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-04-02 17:30


Restaurato il monumento ai Martiri dell'Indipendenza, alla Certosa

Giovedì 5 aprile 2012, ore 13 alla Certosa di Bologna, via della Certosa (ingresso Chiesa) inaugurazione e presentazione alla stampa del restauro del

Monumento ai Martiri dell'Indipendenza, di Carlo Monari,
collocato nel fondo della Sala delle Tombe della Certosa (opera del 1867).
Intervengono:
Francesca Bruni
, Capo Dipartimento Cultura e Scuola e Direttore Istituzione Musei Civici del Comune di Bologna, Fabio Alberto Roversi Monaco, Presidente Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna Otello Sangiorgi, Responsabile Museo civico del Risorgimento
Saranno inoltre presenti: Roberto Martorelli (Museo civico del Risorgimento) e il Laboratorio Etra Restauri, che ha eseguito il restauro del monumento.
Il Monumento ai Martiri dell'Indipendenza assume un importante ruolo «didattico», anche se la sua collocazione, nel cimitero e non nella città dei vivi, fu al centro di grandi discussioni, e venne decisa per una curiosa ragione: il leone, simbolo di Bologna, non poteva rappresentare degnamente la città mostrandosi dolorosamente ferito dalle armi nemiche, ora che queste erano state definitivamente sconfitte e scacciate. A questa vittoria venne così dedicato il grande monumento al Popolano sulla scalea della Montagnola, in piazza Otto agosto 1848; all'opera di Monari si riservò invece il compito di commemorare i martiri del Risorgimento locale. Da qui la sua collocazione.

Il recupero ha consentito di riconsegnare alla città l'unico monumento risorgimentale 'collettivo', in quanto gli altri gruppi collocati per le vie e le piazze della città sono dedicati a singoli eventi o eroi
dell'epopea nazionale. L'importante cantiere di restauro, che ha interessato anche la parte architettonica che lo accoglie, conclude di fatto i restauri dei monumenti bolognesi dedicati all'unità nazionale in occasione del 150° dell'Unità d'Italia.
Info: Museo civico del Risorgimento tel. 051 347592 – 225583
www.comune.bologna.it/museorisorgimento www.comune.bologna.it/cultura

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazionileggi tutto | letto 1480 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-04-02 16:47


Paesaggio agrario, energia e sviluppo sostenibili. Di ieri e di oggi

Mercoledì 11 aprile 2012 - ore 17,30, a Bologna, Palazzo D'Accursio-Cappella Farnese
si svolgerà l'incontro-dibattito sul tema
Paesaggio agrario, energia e sviluppo sostenibili
Rileggendo le "Note per una storia del paesaggio agrario emiliano" di Emilio Sereni, un classico della storiografia agronomica, ristampato nel cinquantesimo anniversario per iniziativa dell'Istituzione Villa Smeraldi - Museo della civiltà Contadina di S. Marino di Bentivoglio, con il sostegno di Fondazione Duemila.
- Presiede Roberto Finzi Università di Bologna.
- Intervengono: Franco Cazzola Università di Bologna, Fabrizio Sarti Istituzione villa Smeraldi, Tiberio Rabboni Regione Emilia-Romagna.
- Presenti anche: Gabriella Montera, Provincia di Bologna, Mauro Roda, Fondazione Duemila, Lucia Cucciarelli, Istituto Agrario Serpieri.
** Nell'occasione verrà diffuso il Quaderno n. 4 del Museo con il testo di Emilio Sereni “
Per la storia del paesaggio agrario e del pensiero agronomico dell'Emilia Romagna”, con contributi introduttivi di Roberto Finzi e Franco Cazzola.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 693 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-04-02 05:30


Doc in tour 2012, nuovi documentari da vedere in provincia

Riparte la rassegna  Doc In TOUR
iniziativa della Regione Emilia Romagna per la valorizzazione del patrimonio documentaristico.
in decine di sale di tutta le Regione vengono proposti Documentari sui più diversi argomenti; un modo semplice ma approfondito per conoscere il proprio mondo.
Nella pianura  sono molte le sale aderenti fra le quali quelle di Bentivoglio, Pieve di Cento, Minerbio, Castello d'Argile, S. Giovanni in Persiceto, oltre a Bologna, Pianoro e Rastignabo.
 
Storie per approfondire l'immigrazione quella della nostra storia e quella della contemporaneità, sulla generosità e la socialità, sulla nostra storia e le tradizioni, sulle vite degli altri e le nostre.
Ingresso gratuito
** Per saperne di più:
il Programma:
http://www.docintour.eu/category/provincia/bologna /
i Documentari:
http://www.docintour.eu/documentari/ ; http://www.youtube.com/docintour

Scritto in Bentivoglio | Bologna | Minerbio | Pieve di Centoleggi tutto | letto 1165 volte

Inserito da redazione il Dom, 2012-04-01 07:13


Escursione lungo il Navile

Sabato 31 marzo ore 9.30
IL CANALE NAVILE, QUESTO (S)CONOSCIUTO
Da Bologna a Corticella a Castello; a piedi oppure in bicicletta

* Ritrovo in via Carracci, parcheggio di Villa Angeletti
Escursione mattutina attraverso una parte della navigazione superiore, l’antica via d’acqua che collegava Bologna a Ferrara e i vari edifici attigui che funzionavano con l’energia idraulica, cartiere, centrali, opifici, fornaci, sostegni.
Verranno organizzati due gruppi; quello di chi preferisce la camminata e di chi preferisce la bicicletta.
Le comitive saranno condotte da altrettante guide autorizzate.
Il gruppo a piedi si fermerà a Corticella dove, volendo, vi sono numerosi e comodi autobus per il rientro in città.
Il gruppo in bicicletta terminerà il percorso a Castello (fraz.Castelmaggiore), dopodichè ognuno sarà libero di proseguire indipendentemente oppure di tornare a Bologna.
Prima della partenza si terrà una breve spiegazione sulle norme di sicurezza da rispettare.
Si prega durante la visita di prestare la massima attenzione in quanto le rive del Navile non sono sempre recintate e molti tratti potrebbero essere scivolosi, ci sono diverse buche disseminate lungo il percorso e alcuni passaggi sono stretti.
Costo € 10,00 pax non soci, € 9,00 Soci - Scarpe comode con suola antiscivolo
- In caso di pioggia la passeggiata verrà rinviata ad altra data
-Numero massimo di partecipanti: 30 a piedi - 20 in bicicletta
Prenotazione obbligatoria a: segreteria@amicidelleacque.org   
www.amicidelleacque.org
Si deve ricevere una conferma; se non ricevete nulla contattare il 347/5140369.
Iniziativa dell' Associazione Amici delle Vie d’Acqua e dei Sotterranei di Bologna  Sede legale e Presidenza, Via Siepelunga 59 – Bologna Tel: 051/6232255. 

Breve descrizione storica:

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 916 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-03-28 05:26


Pascoli all'Archiginnasio

E' in corso a Bologna, nell’Ambulacro dei Legisti dell’Archiginnasio, e fino al 28 aprile 2012, la mostra
Da studente a professore. Giovanni Pascoli a Bologna
a cura di Giacomo Nerozzi e Simonetta Santucci,
con la collaborazione di Paola Dessì e Daniela Negrini
Orario della mostra: lunedì-venerdì 9-19; sabato 9-14; chiuso domenica e festivi.
Ingresso libero . Visite guidate gratuite condotte dai curatori:
Sabato 17 marzo ore 11 - Giacomo Nerozzi
sabato 31 marzo, ore 11 - Giacomo Nerozzi
giovedi 5 aprile e giovedì 19 aprile alle ore 17 e alle ore 18 - Simonetta Santucci
Realizzata dalla Biblioteca dell’Archiginnasio, in collaborazione con Casa Carducci e l’Archivio Storico dell’Università di Bologna, illustra i rapporti fra Pascoli e la città in cui ha soggiornato da studente e da professore(*).
- E' in programma anche un Convegno internazionale di studi
su "Giovanni Pascoli e l'immaginario degli italiani" che si svolgerà in 3 giornate:
- lunedì 2 aprile
alle ore15 nell'Aula Absidale di via Chiari 2
- martedì 3 aprile  dalle ore 9 al tardo pomeriggio nella sala dello Stabat mater all'Archiginnasio
- mercoledì 4 aprile dalle ore 9 a lle 13, all'Accademia delle Scienze, via Zamboni 31
Parteciperanno  numerosi studiosi e docenti  universitari
(* )La rassegna espositiva si propone infatti di ricostruire, attraverso una ricca e preziosa documentazione conservata nelle raccolte degli Istituti organizzatori (una settantina fra lettere, prime edizioni, autografi, giornali e riviste, documenti d’archivio, fotografie, ecc.) due età bolognesi nella vita di Pascoli, separate da uno spazio molto ampio: i nove anni degli studi universitari (1873-1882) e i sei anni dell’insegnamento al posto di Carducci (1906-1912), un’epoca che fino a pochi anni fa sembrava grigia e priva di interesse.

Scritto in Bologna | Poesialeggi tutto | letto 1467 volte

Inserito da redazione il Dom, 2012-03-25 05:34


Visite straordinarie a luoghi d'arte, promosse dal FAI

La XXa edizione delle Giornate FAI con aperture straordinarie, il 24 e 25 marzo, di edifici storici, per Bologna e Ferrara offre quest'anno queste opportunità, fruibili anche da persone con disabilità fisica:
- CHIOSTRI E CONVENTO DI SAN DOMENICO, Piazza Domenico, 13
Sabato 24 e Domenica 25, ore 9.30 – 12.30 / 15.30 – 17.30
Corsie preferenziali per iscritti FAI, possibilità di iscriversi in loco
Apprendisti Ciceroni®: Istituto “Manfredi – Tanari”; Liceo scientifico “A. Manzoni”; Liceo Classico “L. Montalcini”; Liceo Scientifico “S. Alberto Magno”; Liceo Scientifico “Sabin”; Collegio “S. Luigi”; Liceo Classico “Minghetti”; Liceo Scientifico “L. Da Vinci”, Casalecchio di Reno
Il complesso architettonico risale al XIII secolo; nonostante abbia subito modifiche soprattutto ad opera di Napoleone che destinò parte del Convento a caserma e scuole. Spiccano per importanza: l’architettura degli edifici, la grandiosità del complesso, che ripropone testimonianze di san Domenico e dell’Ordine dei Domenicani, il grande Chiostro dei morti, sul quale incombono la cinquecentesca abside della Cappella e il campanile romanico, la cella di San Domenico e la Sala dell’Inquisizione.
-
CASA SAMPIERI Strada Maggiore, 24,
Benefit riservati agli Iscritti FAI

Sabato 24 e Domenica 25, ore 9.30- 12.30 / 14.30 – 17.30
Ingresso riservato agli Iscritti FAI, possibilità di iscriversi in loco Visite guidate
Casa Sampieri è un palazzo senatorio bolognese che si affaccia su Strada Maggiore, nell’appartamento al piano terra, i Carracci furono incaricati di decorare tre stanze a volta con vedute scorciate di sotto in su. Agostino, Annibale e Ludovico Carracci si trovarono a lavorare a gara l’uno con l’altro poco prima della loro definitiva separazione. Gli affreschi situati nei soffitti sono racchiusi da grandi cornici in altorilievo in stucco sono invece opera di Gabriele Fiorini.
- ACCADEMIA DELLE BELLE ARTI,Via delle Belle Arti, 54
Benefit riservati agli Iscritti FAI .
Sabato 24 e Domenica 25, ore 9.30 - 12.30 / 14.30 – 17.30
L’Accademia di Belle Arti è situata negli spazi che erano del Convento dei Gesuiti ed è attigua alla Pinacoteca, da cui è divisa da un grande chiostro con una cisterna seicentesca. Pregevole è la Chiesa del Convento ora adibita ad Aula Magna frutto di pure linee settecentesche, ma anche le due grandi logge ortogonali che dovevano far parte delle “maniche” del Convento e che ora ospitano la gipsoteca composta da numerosi bassorilievi di varie epoche e copie di statue greco-romane.
Corsie preferenziali per iscritti FAI, possibilità di iscriversi in loco Apprendisti
Ciceroni®: Liceo Artistico Statale “F. Arcangeli”; Liceo Scientifico “S. Alberto Magno”; Istituto Statale d’Arte; Liceo Scientifico “Copernico”; I.T.C. Rosa Luxemburg
*
Manifestazione collaterale : Venerdì 23 marzo presso l’Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti di Bologna (su invito e per gli iscritti FAI su prenotazione telefonica a Delegazione FAI Bologna tel. 051 2092807/08 lun – ven 10.30 - 13.30)
Ore 17.00
Esposizione dei bozzetti pervenuti per il concorso di scultura promosso da ATS-Microfound s.r.l. in collaborazione con la Delegazione FAI di Bologna, cui seguirà la cerimonia di premiazione.
Ore 18.
00 intervento musicale del maestro Walter Zanetti (chitarra)

Scritto in Beni artistici | Bologna | Ferraraleggi tutto | letto 1640 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-03-20 05:03


Il trionfo del popolo bolognese l'8 agosto 1848, all'Arena del sole

Mercoledì 14 marzo – Arena del Sole, Bologna, Sala Grande - ore 21
IL TRIONFO DEL POPOLO BOLOGNESE NELL’8 AGOSTO 1848
dramma popolare di Agamennone Zappoli , adattamento drammaturgico di Francesco Freyrie
regia Gabriele Marchesini .
musiche originali scritte e dirette dal M° Antonio Rimedio eseguite da Symphonic Band Reno Galliera
** Interpreti: i ragazzi delle scuole:
I.C.N. 17– Scuola Media Gandino, Bologna; I.C. N. 6 – Scuola Media Irnerio Bologna; Itis Belluzzi, Bologna; Isart, Liceo Artistico, Bologna; Liceo Copernico, Bologna; Liceo Galvani, Bologna; Liceo Minghetti, Bologna; Liceo Righi, Bologna; Liceo Sabin, Bologna
In chiusura delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia e dei 200 anni dell’Arena del Sole, a distanza di 13 anni dal memorabile successo dello spettacolo del 1998 (con cui si volle ricordare il 150° anniversario dell’insurrezione che cacciò gli austriaci nel 1848, episodio che ha dato il nome alla più grande piazza di Bologna), Il Trionfo del popolo bolognese nell’8 agosto 1848 viene oggi riproposto, riallestito e interpretato dai ragazzi degli istituti scolastici bolognesi, sempre sotto la direzione di Gabriele Marchesini. Uno spettacolo che è stato preceduto da una fase laboratoriale propedeutica di formazione perconsentire a dei giovanissimi non attori di recitare sul palcoscenico, con tempi e modalità tipiche del teatro delle scuole, che non prevedono il tempo pieno e la full immersion nel lavoro che contraddistingue invece l’impegno dei professionisti, consentendo agli studenti di studiare e svolgere altre attività integrative. Un progetto di valenza storica, culturale e simbolica fortemente voluto dall’Arena del Sole - Teatro Stabile di Bologna, con il sostegno di Fondazione Carisbo e Porsche Italia
Prezzo speciale del biglietto
€ 3

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazionileggi tutto | letto 1773 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-03-13 07:11


Quirico Filopanti, da ricordare nel bicentenario

Giovedì 15 marzo alle 17,30 nella Sala dello Stabat Mater della Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio, a Bologna in Piazza Galvani 1,
si inaugurano le celebrazioni per il bicentenario della nascita di Quirico Filopanti, con una manifestazione, dal titolo
Democrazia, scienza e Costituzione”, organizzata da La Società di Lettura, insieme all’Osservatorio astronomico e all’Istituto Biblioteche del Comune.
Interventi di Augusto Barbera, Gianluigi Parmeggiani, Alberto Preti.
Presiede Luisa Marchini
Lungo una linea di continuità che procedendo dal pensiero democratico del Risorgimento giunge alla Resistenza ed ha il suo luogo più alto nella Costituzione della Repubblica italiana, la manifestazione in memoria di questo straordinario bolognese (originario di Budrio), studioso e pensatore eclettico, patriota e politico, democratico e cosmopolita, rappresenta un ideale passaggio di testimone con le celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia.

Info: tel 051 331976

Chiusura delle Celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia

- Sabato 17 marzo 2012, alle ore 12
presso il Museo del Risorgimento, piazza Carducci 5 inaugurazione della mostra
Il professore dell’infinito. Quirico Filopanti a 200 anni dalla nascita.
* La mostra è stata organizzata da: INAF-Osservatorio Astronomico di Bologna, Museo Civico del Risorgimento, Casa Carducci, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano – Comitato di Bologna, Dipartimento di Astronomia dell’Università di Bologna, Archivio Storico dell’Università di Bologna, Archivio di Stato di Bologna, Comune di Budrio, Istituzione Villa Smeraldi- Museo della civiltà contadina,
R
esterà aperta fino al 15 aprile 2012 con gli stessi orari di apertura del Museo (da martedì a domenica: ore 9-13).
** Domenica 15 aprile, ore 11, in occasione della Settimana della cultura, visita guidata alla mostra

Scritto in Bologna | Iniziative di Comuni, scuole e associazioni | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 1878 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-03-13 07:06


Civica 2012. Iniziative di cultura antimafia

E' in corso in varie località il programma di Civica 2012, una serie di iniziative di cultura antimafia, promosso dall'associazione Libera con il sostegno di tanti Enti e associazioni e vari comuni, tra cui quelli dell'Unione intercomunale Reno-Galliera.
Dal 4 marzo al 16 maggio si susseguiranno a
Bologna e provincia spettacoli, concerti, letture, presentazioni, gioco sport e convegni.
Tra l'altro,  mercoledì 21 marzo  a Bologna, per la XVII Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime della mafia, si svolgeranno vari incontri nelle scuole.
Inoltre, sabato 31 marzo  a Bologna, all'ARCI Benassi  si svolgerà una cena  con menù speciale in favore della Cooperativa "Libera Agrigento".
Prenotazione entro il 27 marzo ai numeri  051 451201 o  333 6856962
Maggiori informazioni sul sito www.libera.it
Si allega programma dettagliato  per il mese di marzo

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 884 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-03-12 08:04

fonte XML