Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Bologna


Nuova opportunità per conoscere la storia di Bologna via web

Il nuovo sito del Museo del Risorgimento, da poco rinnovato, si è arricchito di una nuova sezione.
Alla voce “
partnership” infatti sono stati collegati alcuni lavori per il web che hanno visto come promotori e realizzatori principali altri enti o gruppi di ricerca, ma cui il nostro Museo ha collaborato ampiamento, fornendo materiali, consulenze e conoscenze.
Per il momento si possono trovare
tre documentari sulla storia di Bologna dall’800 a metà ‘900: Bologna nel lungo ‘800; La città rossa nella Grande Guerra; Bologna la nera;
La storia e le storie”, progetto dell’Agenzia Informazione e Comunicazione della Giunta e dell’Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna dedicato al Risorgimento ed ai suoi protagonisti;
MU.VI- Museo virtuale della vita quotidiana”, dedicato alle abitazioni degli italiani in tre diversi decenni del ‘900, e “La memoria di Bologna”, progetto interno al Comune ma realizzato in collaborazione tra diversi settori.
http://informa.comune.bologna.it/iperbole/museorisorgimento/documenti/54628

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 851 volte

Inserito da redazione il Mar, 2013-01-22 07:43


Tanta arte a Bologna

ART CITY Bologna è il nuovo programma istituzionale nato dalla collaborazione tra Comune di Bologna e BolognaFiere, per affiancare con oltre 50 eventi tra mostre e iniziative culturali in città la trentasettesima edizione di Arte Fiera dal 25 al 27 gennaio 2013, proponendo un'originale esplorazione di musei e luoghi d'arte di Bologna.
Il programma, realizzato in collaborazione con Istituzioni, Fondazioni, enti privati cittadini, è coordinato da Gianfranco Maraniello, Direttore dell'Istituzione Bologna Musei.
*
Il programma nei minimi dettagli è leggibile nell'allegato sottostante o nel sito
http://informa.comune.bologna.it/iperbole/cultura/eventi/52271/id/54793
Sono
già aperte e visitabili le mostre:
- r'accolte. Il Barocco emiliano. Arte delle Fondazioni on-line, Palazzo Senatorio Paltroni-Fondazione del Monte
- Alfredo Protti -
Il Novecento Sensuale, a
Palazzo d'Accursio
-
"faccia a faccia" di Mario Ceroli, al MAMbo
-
IL "NOSTRO" PAZ ,alla biblioteca di San Giorgio in Poggiale
- Marino Marini
: l'arcaico, al Museo civico Archeologico
- Giorgio De Chirico e i libri,
all'Archiginnasio
.
Autoritratti I. Nuove Gen(d)erazioni all' Accademia di Belle Arti .
La mostra inaugura un percorso di approfondimento sui rapporti fra donne e arte in Italia promosso dal MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna, intitolato "Autoritratti. Iscrizioni del femminile nell'arte…
* * Per facilitare l'accesso alle mostre dal 25 al 27 gennaio è stata istituita una Navetta ART CITY Bus gratuita: da Arte Fiera al centro di Bologna, con fermate nei luoghi dell'arte (Arte Fiera, Museo per la memoria di Ustica, Pinacoteca, MAMbo, Villa delle Rose, centro storico/via Farini) con corse ogni 20 minuti dalle ore 12.30 alle 20.00.
Inoltre
l'ART CITY Map (disponibile in allegato) segnala le tappe e fornisce coordinate, indirizzi e informazioni utili sul programma.
L'accessibilità alle sedi del percorso Art City è garantita grazie a orari estesi e all'ingresso gratuito (in alcuni casi ridotto) per i possessori di qualsiasi biglietto o card Arte Fiera.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 661 volte

Inserito da redazione il Gio, 2013-01-17 08:24


Restauri in Certosa, studi, recuperi e scoperte

- Martedì 15 gennaio ore 17.30 Bologna, Museo del Risorgimento - Piazza Carducci 5
Per il ciclo Le forme del passato, la scoperta del presente
"Restauri in Certosa. Studi, recuperi, scoperte"

La campagna di restauri avviata negli ultimi anni ha reso possibile sia il recupero di dipinti e sculture, che l'approfondimento dei più diversi aspetti della storia e dell'arte locale. Leonardo Marinelli, Roberto Martorelli ed Elena Rossoni ripercorrono alcuni momenti salienti di questo impegnativo percorso.
Con questo appuntamento si chiude il ciclo di incontri "Le forme del passato, la scoperta del presente" realizzato in collaborazione con la Fondazione CaRisBo.
Ingresso gratuito, non è richiesta la prenotazione. Info 051.347592 www.museibologna.it/risorgimento
- domenica 20 gennaio ore 15.00 Chiesa di San Girolamo - via della Certosa Per il ciclo visite guidate 2012 - 2013
"La Chiesa di San Girolamo: gloria e splendore del barocco bolognese"

L'èdificio è testimone della ricchezza del monastero certosino raggiunto nei secoli, poi soppresso in età napoleonica. Al suo interno conserva il più importante ciclo di pittura barocca bolognese ancora nel luogo originario: tra Cinque e Seicento vennero chiamati ad operarvi i più importanti pennelli della città: Cesi, Pasinelli, i Sirani, Gessi, Canuti e molti altri. Nel percorso di visita sarà possibile ammirare numerose opere d'arte dopo i restauri degli ultimi anni.
* *A cura di Didasco. Appuntamento alle ore 14.45 presso l'Ingresso principale del Cimitero (Chiesa). Prenotazione obbligatoria al numero 348-1431230 (pom - sera). Contributo di 8 € per adulti e bambini. Due euro verranno devoluti per i restauri del cimitero. La visita si terrà anche in caso di maltempo. Iniziativa rivolta esclusivamente ai soci. Sarà possibile associarsi al momento della visita guidata, la quota associativa è di 10 euro e la prima visita guidata è in omaggio.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 747 volte

Inserito da redazione il Lun, 2013-01-14 09:27


Quattro conferenze su Finale e il terremoto

Con l’intento di proseguire l’approfondimento di una cultura locale descrivendone il patrimonio artistico e monumentale in parte distrutto dal terremoto, il Gruppo di Studi Fluttuanti Finale -2012” promuove a Bologna, col patrocinio del Comitato per Bologna Storica e artistica, quattro interventi nei primi due mesi del 2013 nel Museo Civico Medievale, Sala del Lapidario, via Porta di Castello n. 3.
Il titolo generale dei quattro interventi è:
Finale Emilia, un paese nel terremoto.
Le date, i temi e i relatori dei prossimi interventi sono i seguenti:
- 30 gennaio ore 17.00 Una costante volontà artistica

Carlo De Angelis
, Presidente del Comitato per Bologna Storica Artistica. Moderatore, riassume quanto si è detto nel primo incontro, introducendo le nuove tematiche.
Giovanni Paltrinieri,
del Consiglio Direttivo del “Comitato per Bologna Storica e Artistica”, nato a Finale Emilia). L’Accademia dei Fluttuanti, persone, cose e monumenti: una cultura del territorio che non è mai venuta meno.
Antohio Buitoni e Giuliana Ghidoni
(di Finale Emilia), studiosi di Storia dell’Arte. Una città in forma di Museo: un crocevia di cultura da salvare.

- 6 Febbraio ore 17.00 Percorsi di varie culture
Carlo De Angelis
Presidente del Comitato per Bologna Storica Artistica. Moderatore, riassume quanto si è detto nei precedenti incontri, introducendo nuove tematiche.
Maria Pia Balboni
, Studiosa di Storia Locale. La presenza degli Ebrei a Finale Emilia.
Marina Calore
, Studiosa di Storia del Teatro e dello Spettacolo. La tradizione teatrale a Finale Emilia.

Giorgio Galeazzi, Architetto, Segretario del Comitato per Bologna Storica e Artistica
. La ricostruzione possibile: aspetti normativi e volontà progettuale.

Scritto in Bologna | Finale Emilia (MO)leggi tutto | letto 1218 volte

Inserito da redazione il Mer, 2013-01-02 07:32


Andar per presepi a Bologna

Da sempre grande centro di arte presepiale, Bologna offre un percorso cittadino che si sviluppa tra chiese, custodi di numerosi antichi presepi, allestimenti realizzati in occasione del Santo Natale o mostre a tema.
Le opere di artisti e artigiani ereditano e ripresentano la grande tradizione del presepio bolognese, caratterizzato in particolare dall’uso della terracotta e da figure quali la Meraviglia, la Devozione, l’Adorazione, il Dormiglione.
Nel periodo natalizio la “visita ai presepi” diventa un momento di tradizione e di festa per molti visitatori, grandi e piccoli. Come ogni anno, ad arricchire questi percorsi presepiali, tornano le passeggiate guidate di "Andar per presepi in città".
Ecco le prime  3 delle 42 tappe per riscoprire la tradizione presepiale di Bologna proposte dai ricercatori del Centro Studi per la Cultura Popolare:
1. Cattedrale San Pietro, via dell’Indipendenza 9. 13 dicembre 2012 - 13 gennaio 2013 ore 8-19.
2. Basilica San Petronio, piazza Maggiore. 25 dicembre 2012 - 13 gennaio 2013 ore 7,45-12,30 e 15-18.
3. Palazzo d’Accursio piazza Maggiore 6. Cortile d’onore,“Il Presepio di Antonio Dell’Omo. Adorazione dei Magi” , 13 dicembre 2012 - 6 gennaio 2013 ore 8-20. Anticamera del Sindaco; Collezioni Comunali d’Arte, martedì - domenica ore 10-18,30, chiuso il lunedì.
Il percorso completo sul sito: http://www.bolognawelcome.com/eventi/calendario-completo/params/Eventi_1157/ref/Andar%20per%20presepi%20in%20citt%C3%A0
** Nel periodo natalizio sono organizzate delle passeggiate guidate ai presepi. Le passeggiate, guidate dai ricercatori del Centro Studi per la Cultura Popolare, sono gratuite e della durata media di due ore e nel loro complesso, pur essendo diverse ogni volta, per motivi di tempo non esauriscono tutti i siti indicati nell'elenco. I punti di ritrovo sono ogni volta due e la partenza è sempre puntualmente

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1012 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-12-19 08:10


L'Apocalisse, per le religioni, l'arte e l'astronomia. Se ne parla in Archiginnasio

Giovedi 13 dicembre, alle 17,30, nella sala dello Stabat Mater, della Biblioteca comunale dell'Archiginnasio di Bologna, in Piazza Galvani 1
AAA: Arte, Astronomia, Apocalisse"
La fine del mondo è davvero così prossima come sostiene la profezia Maya, o possiamo programmarci un tranquillo normalissimo Natale? Chissà? Se ne parlerà a più voci, dalla parte della scienza, dell'arte e della religione.
Interverranno: l’antropologo ed esperto di Apocalisse Fiorenzo Facchini, lo storico dell’Arte Eugenio Riccomini e l’astronomo Sandro Bardelli . Presiede Flavio Fusi Pecci .
Si interrogheranno sulla genesi e l’interesse che le profezie sulla fine del mondo riscuotono sull’uomo, sul loro influsso nell’arte, sui veri pericoli che possono venire dal cielo e cosa si può fare per contrastarli.
Incontro organizzato da INAF-Osservatorio Astronomico di Bologna, con la Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio e La Società di Lettura
2012…. la fine del mondo: la sua realtà e la sua bellezza

Sui media mondiali circola ormai da tempo la notizia che i Maya avrebbero previsto la fine del mondo per il 21 dicembre 2012. Per questa data si preannunciano catastrofi astronomiche come scontri tra pianeti, esplosioni solari, allineamenti tra pianeti e perfino il Buco Nero che si inghiottirebbe la Terra, il Sole e la nostra Galassia.
Maya a parte, non è un allarme da prendere sottogamba... perché in realtà l’uso dissennato della natura e dell’ambiente fa dell’uomo uno dei pericoli maggiori per la sopravvivenza!”, racconta Flavio Fusi Pecci, astronomo ordinario dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.
Le profezie dell’Apocalisse che sistematicamente incombe su di noi non sono un fenomeno nuovo, da sempre l’uomo teme che tutto quello che la sua civiltà ha costruito possa essere distrutto da forze superiori e sconosciute. Per questo motivo, previsioni di una eventuale fine del mondo si sono succedute e si succedono ripetutamente nella storia.
Tutti si incuriosiscono, molti fanno domande, alcuni si agitano. Un bel modo per rilassarsi è, perché no, quello di parlarne con chi di questi temi si occupa quotidianamente da punti di vista diversi e complementari.

L’ignoto del profondo cielo notturno crea spesso angoscia in tanti, ma scandagliando con gli occhi degli astronomi conosciamo meglio l'universo in cui viviamo e questo in qualche modo ci consente di alleviare la nostra ansia e, per alcuni possibili eventi, addirittura di immaginare interventi preventivi! Ne parleremo", prosegue Sandro Bardelli, dell’INAF-Osservatorio Astronomico di Bologna”.
Info: Francesco Poppi – INAF-Osservatorio Astronomico di Bologna Tel. 051 2095753 ; e-mail francesco.poppi@oabo.inaf.it via Ranzani, 1 I-40127 Bologna, Italy Tel.: +39 051 2095701 Fax: +39 051 2095700. www.bo.astro.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 861 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-12-12 05:53


Il torrente Aposa, in un libro

Martedi 11 Dicembre alle ore 21.00 presso il salone delle Feste, "I Portici" hotel, via dell'Indipendenza 69 - Bologna.
presentazione del secondo libro della Collana Bologna sotterranea, dal titolo
"Il torrente sconosciuto" (Maglio editore).
Il volume tratta del percorso completo del torrente Aposa dalle sorgenti sino all'immissione nel canale delle Moline ed oltre.
Centinaia di immagini per raccontare ciò che non si può vedere negli oltre 7 Km del nostro corso d'acqua, sia dalla superficie che in sotterranea.
Nella stessa Collana: "Aposa segreto, i rifugi antiaerei".
Interverranno gli autori Anna Brini, Massimo Brunelli e Angelo Zanotti, la giornalista Paola Rubbi e l'avv. Antonio De Capoa, Presidente dell'Associazione Amici delle vie d'acqua e dei sotterranei di Bologna, che ha promosso la pubblicazione.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 895 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-12-11 09:29


I flussi migratori a Bologna, dall'Italia e dal mondo

I flussi migratori a Bologna
Riceviamo e pubblichiamo una nota redatta dal Settore Statistica - Dipartimento Programmazione del Comune di Bologna nella quale vengono analizzati i flussi migratori che interessano la nostra città, con particolare attenzione alle dinamiche dello scorso quinquennio. Bologna da sempre è al centro di intensi flussi demografici sia in entrata che in uscita: tra il 1861 e il 1973 la sua popolazione è passata da circa 101.500 a 493.933 abitanti; successivamente la nostra città ha attraversato una fase di riduzione della popolazione e negli ultimi anni mostra una nuova leggera ripresa.
Bolognesi d'adozione
Non tutti sanno che solo un terzo dei bolognesi è residente in città dalla nascita, mentre 2 abitanti su 3 sono immigrati da altri comuni italiani o dall’estero. Il fenomeno non è nuovo: anche 26 anni fa le persone immigrate erano il 62% della popolazione allora residente; circa un quarto dei bolognesi d’adozione è infatti residente di lungo corso, abitando in città da più di quarant’anni, ma altrettanti si sono stabiliti in città dopo il 2006.
Fino alla prima metà degli anni ‘80 hanno messo radici a Bologna quasi esclusivamente italiani, mentre gli stranieri sono il 30,5% tra chi si è trasferito dopo il 1985.
Gli italiani non nativi provengono principalmente dall’Emilia-Romagna (il 44,2% dalla provincia e il 14,7% dal resto della regione) e dal Mezzogiorno (numerosi da Puglia, Campania e Sicilia); inoltre più di un quarto dei residenti stranieri non proviene dall'estero, ma da altri comuni italiani (27,2%). I bolognesi d'adozione sono prevalentemente italiani maturi (età media 55,4 anni) e giovani stranieri (in media 35,6 anni d'età).
Arrivi e partenze

Scritto in Bologna | Società oggileggi tutto | letto 2204 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-12-10 05:52


Salvati dal terremoto, in mostra a Bologna

Venerdì 7 dicembre 2012 alle ore 11.00 a Palazzo Fava, Palazzo delle Esposizioni Via Manzoni 2, Bologna
si terrà ’inaugurazione della mostra
Salvati dal terremoto

Dipinti e sculture dai centri storici tra Bologna e Ferrara

Tra le opere in mostra, anche molte delle tele salvate dalla Collegiata di Santa Maria Maggiore di Pieve di Cento
La mostra, promossa da Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Emilia Romagna, Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini
sarà aperta dall’8 dicembre 2012 al 6 gennaio 2013
da martedì a domenica, ore 10-19 Chiuso il lunedì, 25 dicembre 2012 e 1 gennaio 2013
* In allegato l'elenco delle opere con note di presentazione
** Di seguito il testo del comunicato stampa
- Altre informazioni: www.genusbononiae.it  
facebook.com/genusbononiae,  twitter.com/genusbononiae , flickr.com/photos/genusbononiae


Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 711 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-12-05 16:40


Per ricordare Dickens e il suo tempo

- Martedì 20 novembre 2012 alle ore 17, nell'ambito delle iniziative per il secondo centenario della nascita di Charles Dickens, si svolgerà presso il Museo del Risorgimento di Bologna un incontro sul tema:
O
liver Twist sotto le due torri. Ragazzi abbandonati e discoli nella Bologna pontificia.
Nella Bologna della Restaurazione, assediata da difficoltà economiche e sociali, le istituzioni pubbliche, ed in particolare la polizia, si trovarono in prima linea ad affrontare l'enorme problema dell'infanzia abbandonata, che facilmente scivolava nella delinquenza: gli stessi problemi della Londra che Dickens descrive nei suoi romanzi, ed in particolare in Oliver Twist, creando le indimenticabili atmosfere di un'Inghilterra misera e dura soprattutto nei confronti della sua parte più debole, i bambini.
Alla conversazione tenuta da Giancarlo Angelozzi si alternerà la lettura di brani dickensiani, a cura di Legg'io.
- Giovedì 22 novembre alle ore 17
verrà presentato presso il Museo il volume di Antonella Casalboni
Carte d'amore. La contessa di Villa Silvia: una intellettuale tra Cesena e l'Europa
(Roma, Aracne, 2012). Partecipano Elena Musiani e Simonetta Santucci. Sarà presente l'Autrice.
L'iniziativa è stata organizzata da
Casa Carducci.
Il volume è il frutto di un lavoro intenso di ricerca condotto in alcune importanti biblioteche e archivi italiani per ricostruire la biografica culturale di Silvia Baroni Pasolini Zanelli, nota fino ad ora solo come l'ultima amica e confidente di Giosue Carducci. L'autrice ci consegna il ritratto di una donna colta e vivace, capace di confrontarsi con la sua fervida intelligenza e competenza musicale con il mondo letterario, artistico e politico dei salotti più prestigiosi del tempo.
- Martedì 27 novembre alle ore 17.30
Mirtide Gavelli
svolgerà in Museo un incontro sul tema
Charles Dickens e gli esuli italiani nella Londra di metà Ottocento.
Anche questa iniziativa è realizzata all'interno delle celebrazioni dickensiane.
Il travagliato processo di Unificazione italiana costrinse migliaia di patrioti italiani alla fuga. Parigi, Tunisi, Il Cairo, Costantinopoli, l'America... tra le innumerevoli mete scelte per l'esilio Londra fu, sempre, una delle più amate. E molti inglesi si appassionarono, sin dall'epoca di Foscolo, alle vite dei "refugees". Tra questi, Charles Dickens, che in tante occasioni espresse la sua vicinanza alle vicende italiane.
www.museibologna.it/risorgimento

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 835 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-11-20 07:17


Storia del Canale Cavour, a teatro

il Consorzio della Bonifica Renana invita
venerdì 23 novembre 2012, allo spettacolo teatrale
"
CANALE CAVOUR, tutto e solo di braccia e badile" di Francesco Brugnetta
dedicato alla straordinaria ideazione e realizzazione della prima grande opera idraulica dello Stato Unitario (1863 - 1866). Si tratta di una rivisitazione suggestiva delle origini del nostro campo di attività.
La rappresentazione si terrà presso l
'Auditorium Dams dell'Università di Bologna, alla Manifattura delle Arti, in Via Azzogardino 65
Lo spettacolo inizia alle ore 20,30 e dura circa un'ora e mezza; seguirà un brindisi natalizio per tutti i partecipanti.
Si prega di confermare la propria partecipazione alla presente mail
comunicazione@bonificarenana.it entro il novembre p.v.
La serata è ad inviti e le prenotazioni saranno accettare fino ad esaurimento posti
Info : Consorzio della Bonifica Renana Bologna via S. Stefano 56 Tel . 051295111 - Fax. 051295270 ufficio comunicazione Bonifica Renana-
segreteria@bonificarenana.it bonificarenana@pec.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 756 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-11-19 07:10


Orientarsi ... ai Giardini Margherita

- 17 Novembre 2012 a Bologna
gara promozionale di orienteering tipo score "Giardini Margherita o' night"
con partenza in massa alle ore 18:30. Ritrovo dalle ore 17.00 allo Chalet dei Giardini Margherita .
Il parco è provvisto di illuminazione pubblica, è comunque consigliato l’uso di lampade personali.
Iscrizioni sul posto con contributo di € 1
A seguire presentazione della gara di domenica TNCS nel centro storico di Bologna allietato da rinfresco gratuito offerto a tutti i curiosi.
All’interno del centro gara è possibile visitare:
mostra fotografica “Gli amici alati dei Giardini Margherita”
mostra “La storia dei Giardini Margherita attraverso la cartolina illustrata” organizzate dal prof. Dino Vaccari per la sez. WWF di Bologna
- 18 Novembre 2012
- 5^ e ultima prova Trofeo Nazionale Centri Storici a Bologna
Tutte le iniziative hanno sede presso il bar "Chalet dei Giardini" all'interno dei Giardini Margherita a Bologna
Manifestazione promossa da ACACIS Circolo Dozza Sud con il patrocinio e la collaborazione di vari enti e associazioni.
* Si allega volantino con tutti i particolari

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 790 volte

Inserito da redazione il Gio, 2012-11-15 17:36


Festival La violenza illustrata

Mercoledì 14 novembre a Bologna Cinema Lumiere, per il Festival la violenza illustrata 2012
ore 16,30 Polizia: Femminile singolare. In difesa delle donne,

evento speciale del Festival nell'ambito delle iniziative culturali della Casa delle donne di Bologna per celebrare il 25 Novembre – Giornata mondiale contro la violenza alle donne
Per il settimo anno consecutivo la Casa delle donne per non subire violenza celebra con un ampio ventaglio di iniziative
Il festival La violenza illustrata giunge alla sua settima edizione, restando l'unico appuntamento culturale in Italia interamente dedicato alla violenza di genere. Le immagini scelte l'edizione 2012 rimandano al falso stereotipo dell'ambiente domestico come adatto e naturale destinazione per le donne, quando invece le statistiche ci dicono quanto sia pericoloso proprio per loro e i bambini/e che lo abitano, quanto siano frequenti le violenze nelle case apparentemente “normali” e rassicuranti nel loro aspetto ordinato. E' grave il bilancio che anche quest‟anno dobbiamo registrare: 129 donne uccise per motivi di genere nel corso del 2011, 105 solo nei primi 9 mesi di quest' anno, 515 le donne seguite dalla Casa delle donne dal 1° gennaio al 30 ottobre 2012.
Anche quest‟anno la partecipazione di numerosi enti, aziende e associazioni è fondamentale alla realizzazione della grande offerta culturale – più di 40 eventi in collaborazione con 60 soggetti – che coprirà il mese di novembre e i primi giorni di dicembre: moltissime realtà presenti sul territorio hanno voluto celebrare questa data facendola diventare un appuntamento di fondamentale sensibilizzazione. Finalmente il dibattito pubblico ha recepito in pieno la drammaticità del problema della violenza di genere e dei femminicidi e quest‟anno il festival è particolarmente ricco di iniziative con giornaliste e giornalisti che cercano “le parole per dirlo”.

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bologna | Società oggileggi tutto | letto 1358 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-11-14 16:42


Sotto il segno dei Bentivoglio

Sotto il segno dei Bentivoglio
Un nuovo prestigioso arricchimento delle raccolte dell’Archiginnasio di Bologna:
una pergamena bentivolesca del 1457 .
La pergamena, presentata nei giorni scorsi da Paola Foschi in un pubblico incontro, è stata donata alla Biblioteca dell’Archiginnasio dalla famiglia Palasciano in memoria di Modesto Palasciano, appassionato e cultore dell’arte e della storia in tutte le sue manifestazioni.
La felice occasione di accogliere un nuovo prestigioso documento nelle ricche raccolte di manoscritti della biblioteca permette e stimola una riflessione sui Bentivoglio, una grande famiglia bolognese fra Medioevo e Rinascimento, e illumina un segmento ricco e tormentato di storia bolognese. Attraverso questo atto sono meglio chiariti i rapporti conflittuali fra la famiglia dominante, i Bentivoglio, con i principali fra i loro seguaci, i Marescotti, e le famiglie che li contrastavano, i Ghisilieri insieme ai Canetoli.
I pericoli e le fatiche patite da Galeazzo Marescotti per liberare Annibale I Bentivoglio, prigioniero nella rocca di Varano di Francesco e Niccolò Piccinino, originarono una sostanziosa ricompensa ad un fedele seguace. Fu il cardinale legato Ludovico Milà a confermare la donazione al Marescotti, già deliberata dai Riformatori dello Stato di Libertà, di terreni e di una torre in una zona di alta pianura ricca e fertile, il Confortino, fra Anzola Emilia e Crespellano.
Dopo la morte violenta di Annibale Bentivoglio lo stesso Galeazzo narrò al suo erede nel governo di Bologna, Sante, sia la rischiosa e onorevole impresa della liberazione sia la disperata resistenza all’assalto che Canetoli e Ghisilieri portarono a tradimento ad Annibale, che causò la sua morte e il ferimento del Marescotti.
La Biblioteca dell’Archiginnasio possiede una copia molto elegante della Cronaca scritta dal Marescotti e la mostra in questa occasione insieme all’atto di donazione, sottolineandone la straordinaria importanza sia per la storia dell’arte e della letteratura che per la storia stessa della città di Bologna.
* Nell'occasione, è stato anche presentato il volume di Marco Viroli, I Bentivoglio signori di Bologna (Cesena, Il Ponte Vecchio, 2011). Relatore Rolando Dondarini

Scritto in Bologna | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 965 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-11-14 16:18


Fuoco e neve

Continua il giro di presentazioni del nuovo libro di Maurizio Garuti
Fuoco e neve (ed. Pendragon)
Dopo Bentivoglio , Calderara di  Reno e Bologna, sarà
-
Domenica 25 novembre, S. Giovanni in Persiceto al Teatro Comunale, ore 17
Tre esistenze intrecciate in una storia d’amore e di libertà
EDA BUSSOLARI, ANTONIO e ARMANDO MARZOCCHI

Insieme all’autore, intervengono
Renato Mazzuca, sindaco di San Giovanni in Persiceto
Matteo Marchesini, critico e scrittore
Giorgia Fava legge brani del libro
Proiezione di fotografie d’epoca sui personaggi della narrazione
Sarà presente Eda Bussolari la narratrice/protagonista del romanzo

Scritto in Bologna | Calderara di Reno | S. Giovanni in Persicetoleggi tutto | letto 1173 volte

Inserito da redazione il Dom, 2012-11-11 06:28


Al Museo del Risorgimento, incontri con la storia

- Domenica 4 novembre alle ore 11 – a Bologna, al Museo del Risorgimento la dott.ssa Mirtide Gavelli svolgerà una visita guidata sul tema La Grande Guerra dei bolognesi. Alla vigilia di un ingombrante centenario
- Giovedì 8 novembre alle ore 17,
sempre presso il Museo, verrà presentato il volume Charles Dickens a Bologna e una memorabile visita alla Certosa, di Roberto Martorelli e Valeria Roncuzzi (Bologna, Minerva, 2012).
Saranno presenti gli autori.
Il celebre scrittore inglese, di cui ricorre il bicentenario della nascita, ci offre nelle Impressioni d'Italia (1846) una pittoresca descrizione di Bologna, da lui definita città antica ed austera, con “un non so che di grave e di dotto”.
Ma il cuore delle pagine dickensiane è costituito dal vivido racconto della visita al cimitero monumentale della Certosa, meta privilegiata del viaggiatore colto dell'Ottocento, visita che, grazie al ritrovamento delle lettere del Custode-cicerone che lo accompagnò, è stato possibile ricostruire, individuando le opere ammirate.
E' inoltre possibile visitare la mostra in corso " Garibaldi fu ferito...A 150 ANNI DA ASPROMONTE”
La mostra, promossa dal Museo del Risorgimento, dall’Archivio di Stato di Bologna e dal Comitato di Bologna dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, resterà aperta fino al 9 dicembre 2012 con gli stessi orari del Museo.
Sono previste visite guidate nelle domeniche 18 novembre e 9 dicembre, alle ore 11.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 752 volte

Inserito da redazione il Sab, 2012-11-03 15:25


Giocattoli Giordani di una volta... in mostra

Al Museo del Patrimonio industriale di Bologna, Fornace Galotti Via della Beverara 123,
venerdì 9 novembre alle ore 17,30 inaugurazione della mostra
Giordani: costruire giocattoli
Auto, carrozzine, biciclette per bambini, 1915-1961

aperta dal 10 novembre 2012 al 30 giugno 2013
Per cinque generazioni, dal 1875 al 1984, la famiglia Giordani (*) ha dato vita, con impegno e passione, ad una ditta che, dall’originaria lavorazione del ferro, si è specializzata nella produzione di giocattoli sportivi e carrozzine. Questa “fabbrica della felicità” al servizio delle famiglie e dei bambini ha lasciato un segno indelebile nel loro immaginario ed una fama che ancora sopravvive, tanto da rendere oggi quegli oggetti particolarmente ambiti nel mercato del modernariato e del collezionismo.
Gli anni compresi tra la stampa del primo catalogo, nel 1915, ed il trasferimento dell’Azienda nello stabilimento di Casalecchio di Reno, nel 1961, dove regnerà la produzione in plastica, hanno rappresentato l’epoca pionieristica del giocattolo, costruito all’inizio in ferro e legno e poi in lamiera stampata, durante la quale il marchio Giordani si è accreditato dapprima in Italia, quindi in ambito internazionale
L’apporto dei collezionisti del settore ha reso disponibili 37 giocattoli tra i più rappresentativi della produzione Giordani, alcuni dei quali rari o particolari, costruiti in ferro, legno e lamiera stampata: tricicli, biciclette con e senza ruotine, ciclo side-car, automobili a pedali, automobile elettrica, reattore, autoareoplano, ciclopattino, carrettino, carrozzine per bambino e per bambola.

Oltre 400 immagini di Cataloghi e foto d’epoca sono visibili in 5 visori ed una videoproiezione.
Orari di aperura :da martedì a sabato ore 9-13 - sabato e domenica ore 15-18  Info:
museopat@comune.bologna.it
www.comune.bologna/
tel 0516356611 - fax 0516346053

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 3484 volte

Inserito da redazione il Ven, 2012-11-02 06:06


La scuola elementare a Bologna, in mostra

All'Archivio Storico del Comune di Bologna, in via Giuseppe Tartini 1, è aperta la mostra di documenti originali sul tema:
L'istruzione elementare a Bologna, patrimonio della nostra scuola pubblica,  a cura di Mirella D'Ascenzo e Archivio storico
nell'ambito della IX edizione della Festa internazionale della Storia 2012 che ha come soggetto: I patrimoni della Storia
Hanno presentato la mostra:
Marilena Pillati, assessora alla Scuola e Formazione del Comune di Bologna
Mirella D’Ascenzo
, Università degli studi di Bologna
Paola Furlan,
Archivio storico
La mostra rimarrà aperta dal 20 ottobre al 20 novembre 2012. Ma è stata prorogata fino al 7 gennaio 2013

* Visita libera, visita guidata su prenotazione
La Mostra inizia dalle origini dell'istruzione elementare bolognese con i documenti delle Scuole Pie degli inizi dell'Ottocento, per svilupparsi attraverso le prime fasi dopo l'Unità d'Italia; la riforma del 1869-1870; l’introduzione della ginnastica nella scuola elementare, con la nascita della Virtus e il maestro Baumann; il ruolo delle maestre e dei maestri nel corso del tempo; la didattica e vita quotidiana della scuola, tra tradizione e innovazione; le grandi questioni tra fine Ottocento e primi del Novecento; l'innovazione comunale del primo sindaco socialista Francesco Zanardi; il ventennio fascista e le persecuzioni agli insegnanti, fino ad arrivare al secondo dopoguerra.
** Info: Archivio Storico Comune di Bologna   tel. 051 500401- 503382 asc@comune.bologna.it http://www.comune.bologna.it/storiaamministrativa

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 1302 volte

Inserito da redazione il Ven, 2012-10-26 05:35


Quando Garibaldi fu ferito

Sabato 20 ottobre 2012 alle ore 11.30 verrà inaugurata al Museo del Risorgimento, piazza Carducci 5 a  Bologna la mostra
Garibaldi fu ferito..
realizzata a 150 anni dallo scontro in Aspromonte.
Nel 1862 Garibaldi, alla testa di una nuova spedizione, tentò di guidare i suoi volontari verso Roma al grido di “Roma o morte!”. Venne invece fermato in Aspromonte da una pallottola in un piede (non proprio in una gamba), sparata da un soldato italiano (anche se recenti mormorii tirano in ballo anche i briganti calabresi). E dunque “Garibaldi fu ferito, fu ferito ad una gamba...”.
Da quel momento la vicenda fu sotto gli occhi del mondo intero, per la maggior parte indignato per il trattamento riservato all’Eroe dei Due Mondi. Per mesi non si riuscì ad estrarre la pallottola, Garibaldi rischiò di morire di setticemia e medici italiani e stranieri si alternarono al capezzale dell’infermo tentando di salvargli l’arto ferito. Tra questi, anche il bolognese Francesco Rizzoli.
Ma non fu l’unica ferita che Garibaldi ebbe nel corso della sua vita.
La mostra ripercorre le vicende “chirurgiche” che videro coinvolto il Generale e, in parallelo, la storia dell’evolversi della chirurgia, specie militare, nel corso del XIX secolo.
Verranno anche esposti diversi “cimeli” originali: i ferri chirurgici appartenuti a Ferdinando Zannetti, il medico che estrasse il proiettile dal piede di Garibaldi, prestati dalla Fondazione Giovanni Spadolini” di Firenze; uno stivale che fu portato da Garibaldi durante il lungo periodo della convalescenza e i ferri che vennero utilizzati invece dopo la ferita di Monte Suello nel 1866, di proprietà del nostro Museo, oltre che diversi strumenti chirurgici d’epoca prestati dal Museo della Clinica Chirurgica della Facoltà di Medicina di Bologna.
Arricchiscono il percorso le edizioni originali delle memorie pubblicate dai tre medici garibaldini che curarono la ferita di Aspromonte e ne resero possibile la guarigione e una serie di antiche fotografie all’albumina – ritraenti Garibaldi infermo, il suo stivale, la palla di piombo che gli venne estratta... – che divennero all’epoca veri e propri oggetti di collezione, se non di culto.
La mostra, promossa dal Museo del Risorgimento, dall’Archivio di Stato di Bologna e dal Comitato di Bologna dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, resterà aperta fino al 9 dicembre 2012 con gli stessi orari del Museo.
Sono previste visite guidate nelle domeniche 28 ottobre, 18 novembre e 9 dicembre, alle ore 11.

Info:
- www.museibologna.it/risorgimento 

Scritto in Bologna | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 943 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-10-16 07:10


Percorsi d'arte

PERCORSI D’ARTE - 5 lezioni-conferenze con lo storico dell'arte Massimo Martelli  che tratteranno storia, temi e opere scelte a partire dalla Grecia Classica fino al Quattrocento Italiano. Le lezioni si svolgeranno presso la Sala della Meridiana della prestigiosa Villa Spada di Bologna (Via di Casaglia 3), il martedì sera, dalle ore 20.00 alle 21.30, dal 9 ottobre al 6 novembre.
Le opere d’arte prescelte verranno proiettate su grande schermo al fine di essere dettagliatamente analizzate per favorire un percorso che guidi alla lettura delle immagini e fornisca strumenti utili alla comprensione delle opere sia dal punto di vista artistico che sotto il profilo storico e iconografico. Verrà inoltre fornito gratuitamente materiale didattico con tavole illustrative e bibliografiche utili per chi voglia approfondire.
Il costo a persona complessivo per tutte e 5 le serate è di € 49,00. Il corso si svolgerà soltanto raggiunta la quota minima di 30 partecipanti.
Per informazioni ed iscrizioni:
Dott. Massimo Martelli, 3392081407, max@maxmartelli.it,
www.maxmartelli.it
Il PROGRAMMA è leggibile nel seguito di questo articolo

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 989 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-10-09 07:48


Festa della storia a Bologna e dintorni

La IX edizione della Festa Internazionale della Storia si svolgerà a Bologna e in numerosi centri della regione tra il 20 e il 28 ottobre e avrà come tema portante “i patrimoni della storia nell’intento di richiamare l’attenzione sugli innumerevoli retaggi che ci ha lasciato il succedersi delle generazioni che ci hanno preceduto.
-Sabato mattina 20 ottobre lungo il portico di San Luca dall’arco del Meloncello alla Basilica di San Luca, scolari di ogni ordine e grado, enti, associazioni, istituzioni pubbliche e singoli cittadini sono invitati al Passamano per San Luca con le bandiere del mondo.
Una catena umana rievocherà quella che il 17 ottobre 1677 portò di mano in mano i materiali per la costruzione del portico di San Luca fino al Colle della Guardia. La grande impresa, è noto, fu finanziata dall’intera comunità cittadina, che risolse con la solidarietà e la sfida allo spirito civico anche il problema della mancanza di adeguate strade carrabili per il trasporto dei diversi materiali occorrenti. Dapprima i garzoni dei filatori da seta, poi centinaia e centinaia di cittadini formarono una lunga catena umana e si passarono di mano in mano pietre, legni, calce, mattoni, facendoli giungere sui luoghi in cui si sarebbe iniziata la costruzione.
Presso Chiesa Santa Sofia al Meloncello avrà luogo l’emissione di cartolina con annullo postale filatelico a cura del Circolo Filatelico Emiliano.
Il programma dei vari eventi è consultabile sul sito
http://www.festadellastoria.unibo.it/FestaDellaStoria/downlad/2012/Programma_2012.htm
Il professor Rolando Dondarini, dell'Università di Bologna, ideatore e animatore dell'iniziativa ha scritto nella presentazione:
Come di consueto la storia sarà presentata in maniera coinvolgente, ma senza alterarla e ricorrendo ai campi espressivi in cui si manifesta l'attività umana: la musica, l'arte, la letteratura, il teatro, il lavoro, la moda, l'alimentazione, lo sport. A tal fine si svolgeranno conferenze, tavole rotonde, spettacoli, mostre in cui si attiveranno enti pubblici, scuole, associazioni, archivi, musei e biblioteche e che vedranno tra i protagonisti anche grandi personaggi della storia, dell’arte, della letteratura, della musica, dello sport, dell’eno-gastronomia, del mondo del lavoro e dell’imprenditoria: storici, come Alessandro Barbero (al quale verrà conferito il premio Jacques Le Goff “Il portico d’oro”), Franco Cardini, Guy Geltner, Louis Godart, Knut Görich; noti storici dell’arte come Andrea Emiliani ed Eugenio Riccomini; figure di riferimento nel mondo del lavoro come Susanna Camusso e giovani imprenditori affermatisi di recente; campioni di ieri e di oggi, come Manuela Di Centa, e gli olimpionici di Londra Martina Grimaldi, Marco Orsi e Jessica Rossi; personaggi di primo piano della musica come il grande compositore Mogol e la soprano Yanagibashi Satomi.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 864 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-10-09 06:52


Per distinguere il vero dal falso, mostra e conferenze

- Dal 6 Ottobre al 2 Dicembre 2012
Museo Civico Archeologico di B
ologna
Mostra| IL VERO E IL FALSO
Una mostra a cura di: Guardia di Finanza- Museo Storico della Guardia di Finanza
Orario:
martedi-venerdì: 9.30 – 14.30 sabato, domenica e festivi: 10.00 – 18.30. lunedì chiuso.
- 28 Ottobre 2012 ore 16
Falso nummario e contraffazione

Conferenza con il Tenente Colonnello Antonio Gorgoglione,in servizio presso il Nucleo di Polizia Tributaria - Guardia di Finanza di Bologna
- 3 Novembre 2012 ore 16

Conferenza con l'orafo Marco Casagrande
Falsando si impara: la riproduzione della moneta per la didattica

Maggiori informazioni su :
http://informa.comune.bologna.it/iperbole/cultura/eventi/52271/luogo/36168/date/2012-10-08

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 847 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-10-09 06:40


Bologna estate 2012: più caldo e meno pioggia

Andamento meteorologico dell'estate a Bologna
Il Settore Statistica - Dipartimento Programmazione ha diffuso note e tabulati grafici (in allegato) sull'andamento meteorologico dell'estate appena trascorsa che, convenzionalmente, viene identificata nei mesi di giugno, luglio e agosto. L'analisi è stata effettuata sulla base dei dati meteo registrati nella stazione di Bologna-Borgo Panigale e comunicati dal Servizio IdroMeteoClima dell'Arpa della Regione Emilia-Romagna.
Estate da record quella del 2012
non soltanto per le temperature, decisamente elevate sia per le massime che per le minime, quanto soprattutto per la quasi totale assenza di precipitazioni.
Rispetto alle temperature medie massime l'estate appena trascorsa è risultata infatti di ben 4,4 gradi al di sopra della media stagionale di lungo periodo; si tratta dell'anomalia più elevata registrata per la stazione di Borgo Panigale negli ultimi 22 anni dopo quella dell’estate del  2003. Le temperature massime sono state relativamente elevate in tutti e 3 i mesi estivi, ma in particolare in agosto che ha superato la media climatica di ben 5,1 gradi. Anche per quanto riguarda le temperature medie minime l'anomalia stagionale, pari a +2,6 gradi, è risultata la più elevata dopo quella del 2003. Ma è soprattutto riguardo alle precipitazioni che l'estate 2012 segna un record negativo: con appena 15 mm. di pioggia in 3 mesi da confrontare con i 153 attesi dal clima, l'estate 2012 registra l'anomalia negativa più accentuata dal 1991 con un risultato peggiore persino di quello della particolarissima estate 2003. Si tratta, in pratica, dell'ottava stagione consecutiva con un'anomalia di precipitazione da pressoché nulla a fortemente negativa.
I giorni piovosi nel trimestre estivo sono stati nel complesso appena 5; 12 in meno rispetto alla media climatica e 2 in meno persino dell’estate 2003. Anche in questo caso siamo in presenza di un dato estremo, il peggiore dal 1991, anno di partenza per i confronti con le medie climatiche calcolate per il trentennio 1961-1990.
** Per approfondire ulteriormente l'argomento in allegato la consueta nota periodica redatta dal Dipartimento Programmazione - Settore Statistica del Comune di Bologna. I dati della stazione di Bologna-Borgo Panigale e della stazione Bologna-Area Urbana, collocata nel centro della città sul tetto della sede di ARPA SIMC in Viale Silvani 6, sono inoltre consultabili nella sezione Dati statistici de "I numeri di Bologna", le pagine internet a cura del Dipartimento Programmazione del Comune di Bologna.
- Alcune caratteristiche della mortalità a Bologna nel periodo estivo

In una breve nota il Settore Statistica sintetizza gli andamenti della mortalità nel trimestre estivo 2012 anche alla luce delle particolari condizioni meteo, che hanno rappresentato l’anomalia climatica più elevata dopo il 2003.
Malgrado le numerose ondate di calore verificatesi tra giugno e agosto, i livelli di mortalità stagionali non hanno subito innalzamenti: nel trimestre estivo si sono verificati 1.128 decessi, un valore un po’ inferiore alla media decennale (pari a 1.148 morti) e ben al di sotto rispetto a quello raggiunto nella caldissima estate del 2003 (1.352
decessi). Il tasso di mortalità estivo, pari a 2,9 deceduti ogni 1.000 residenti, è inferiore alla media dell’ultimo ventennio (3,1 per mille) e assai più basso rispetto a quello eccezionale registrato nel trimestre estivo del 2003 (3,6 per mille).
Evidentemente le misure per la prevenzione degli effetti delle ondate di calore, accompagnate anche da adeguati comportamenti individuali, hanno influito positivamente sui livelli di mortalità nella scorsa estate (v. altro allegato).

Scritto in Ambiente, ecologia, natura | Bolognaleggi tutto | letto 1576 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-10-01 05:24


Giornate Europee del Patrimonio 2012

Come di consueto, l’Italia aderisce, insieme ad altri 49 Stati Europei, alle
Giornate Europee del Patrimonio 2012 che avranno luogo nel nostro Paese il 29 e il 30 settembre, con lo slogan, ormai consolidato: “L’Italia tesoro d’Europa”.
L’azione congiunta del Consiglio d’Europa e della Commissione europea ha come scopo primario quello di avvicinare i cittadini europei ad una migliore e reciproca comprensione malgrado le differenze di cultura e di lingua, attraverso l’organizzazione di manifestazioni culturali che mettano in luce il saper fare, le tradizioni locali, l’architettura e gli oggetti d’arte, ma anche la presentazione di beni culturali inediti e l’apertura straordinaria di edifici storici.
Il programma delle 231 iniziative in Emilia Romagna,
con aperture straordinarie di Musei e luoghi di cultura, mostre, visite guidate, incontri e conferenze, in primo luogo a Bologna e provincia, e poi a Ferrara, Modena e le altre città, è leggibile sul sito
http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/MenuServizio/EventiCorrelati/index.html_1405037635.html

Scritto in Bologna | Ferraraleggi tutto | letto 986 volte

Inserito da redazione il Mer, 2012-09-26 14:56


Volontariato ai Giardini Margherita e in comuni vari in settembre e ottobre

I Giardini Margherita di Bologna si colorano anche quest’anno con i banchetti e le iniziative della più grande
festa del Volontariato e dell’Associazionismo locale, giunta ormai alla sua 8^ edizione: Volontassociate 2012.
- Domenica 23 settembre, dalle 11 alle 18,30 o
ltre 150 Associazioni del territorio, in collaborazione con la Provincia di Bologna e VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato, propongono un ricchissimo programma di eventi per animare la giornata e trasformarla in un'occasione imperdibile per incontrare e conoscere il mondo del non profit.
Dalle 18,30 fino a tarda notte, all'interno dello Chalet, una festa dall'atmosfera latino-americana sarà l'occasione per raccogliere delle offerte a sostegno delle popolazioni terremotate.
Volontassociate
invita grandi e piccoli a una passeggiata per i Giardini Margherita ricca di sorprese: spettacoli, esibizioni, dimostrazioni, incontri, dialoghi, laboratori e giochi per tutti.
Da pubblico a protagonisti i cittadini saranno coinvolti in questo caleidoscopio di attività proposte dalle Associazioni, che renderanno la giornata un’esperienza unica.
Arte, cultura, spettacolo, sport e divertimento prenderanno per mano i partecipanti e li accompagneranno in un viaggio alla scoperta del non profit locale. I cittadini potranno così avvicinarsi e riflettere su argomenti importanti che riguardano la società e sensibilizzarsi a essere cittadini attivi in un’atmosfera di festa, allegria e spensieratezza.
* Sarà occasione di incontro anche con la Repubblica Ceca presente durante l’intera manifestazione con un punto informativo della Associazione Culturale Emilia Romagna Repubblica Ceca "Vicolo d'oro" .
** Altre iniziative in programma prossimamente a Bologna  e in provincia:
Imola - 23 settembre
Quartiere Borgo Panigale - 30 settembre
Bentivoglio - Dal 2 ottobre al 7 ottobre
Quartiere Saragozza
- 4 ottobre
Z
ola Predosa Dal 12 ottobre al 14 ottobre
San Giovanni in Persiceto
- 13 ottobre
Ozzano -
Dal 05 ottobre al 07 ottobre
Medicina -
28 ottobre
Budrio
- Dal 19 novembre al 25 novembre
http://www.volontassociate.it/programma.php

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 702 volte

Inserito da redazione il Ven, 2012-09-21 15:31


Corsi per imparare "al bulgnais doc" e divertirsi

Corso di Bolognese - Al Cåurs ed Bulgnais XIII edizione
al Museo della Storia di Bologna Palazzo Pepoli
, via Castiglione 8
Dopo il successo delle dodici edizioni precedenti Al Cåurs ed Bulgnai approda al Museo della Storia di Bologna
Nel 2001 fu la prima volta e oggi si presenta con smalto rinnovato pur sempre contando sulla collaborazione di appassionati cultori del nostro simpatico idioma che si identificano nella Bâla dal Bulgnais e che spesso si ritrovano per esprimere il loro rigoroso amore pr al Bulgnais innanzi a fumanti piatti di tagliatelle.
Sono: Fausto Carpani, Gianni Cavriani, Federico Galloni, Aldo Jani, Amos Lelli , Luigi Lepri, Claudio Mazzanti, Stefano Rovinetti Brazzi, Roberto Serra, Daniele Vitali. Molti di questi hanno già avuto modo di collaborare con il Museo della Storia di Bologna nella realizzazione di "Genus Bulgnais”, ciclo di conferenze su alcuni aspetti della tradizione locale, conclusosi a metà agosto e che dovrebbe proseguire nei prossimi mesi.
La prossima Festa di San Petronio darà il via alla XIII edizione del Corso che si articola come segue:
- Giovedì 4 ottobre 2012 - Corso Dialetto Bolognese. I Livello
sette incontri settimanali di due ore dalle 20:15 alle 22:00
Ad ogni incontro, Roberto Serra,"Al Profesåur", con il supporto di aneddoti e facezie "di amîg dla Bâla dal Bulgnais" tratterà la struttura grammaticale e il lessico di base "dal Bulgnais", per portare gli allievi, a fine corso, a capire, leggere e iniziare a parlarlo.
Ogni sera, poi, alcuni personaggi della cultura bolognese (musica, teatro, burattini, poesia...) intratterranno la classe con interviste e mini spettacoli.
Un modo divertente per imparare una delle più simpatiche lingue.
Corso di Bolognese, II livello
Corso avanzato di apprendimento del dialetto bolognese
Sei incontri settimanali di due ore dalle 20:15 alle 22:00, nelle date da stabilirsi durante lo svolgimento del I livello

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 831 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-09-17 05:26


Incidenti stradali a Bologna, dati su cui riflettere

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del Comune di Bologna su:
Gli incidenti stradali a Bologna nel 2011
Incidenti, morti e feriti

Nel 2011 a Bologna si sono verificati 2.262 incidenti stradali con infortunati, in media 189 ogni mese. Diminuisce di 8 unità il numero dei deceduti (20), che risulta il più basso degli ultimi 20 anni (unitamente a quello del 2008). Delle 20 persone decedute, 4 erano pedoni, 4 ciclisti e 6 in sella a un motociclo.
Rispetto al 2010 gli incidenti sono aumentati del +4,5%, interrompendo la tendenza in atto negli ultimi anni ad una mitigazione del fenomeno; la ripresa è comunque modesta e il numero di incidenti del 2011 rimane inferiore a quello del 2009. L'aumento è comune agli incidenti verbalizzati dalla Polizia Municipale (+4,5%) e dalla Polizia Stradale (+5,6%). In crescita anche il numero di feriti (2.980, +4,8%).
I veicoli coinvolti
In aumento anche il numero di veicoli coinvolti in incidenti (+5,2%). Cresce in particolare il numero di biciclette coinvolte in incidenti con infortunati: sono 252 nel 2011 (63 in più rispetto al 2010, pari al +33,3%) e parallelamente cresce il numero di ciclisti feriti (+35,1%). L'età media del ciclista coinvolto, che nel 66% dei casi è di sesso maschile, è di 45 anni. Dall'analisi delle circostanze si evidenzia che solo per il 35,3% dei ciclisti si deduce un comportamento completamente corretto del ciclista: negli altri casi ne viene evidenziata una guida distratta o un andamento indeciso.
In crescita anche il numero di motocicli (+12,2%), mentre prosegue la tendenza alla diminuzione (-12,8%) del numero dei ciclomotori; nel complesso si riscontra un aumento delle moto pari al +4,1%. Il 79,8% dei conducenti delle moto coinvolte in sinistri stradali è di sesso maschile e l'età media è di 37,2 anni. Dall'esame delle circostanze si deduce un comportamento completamente corretto del "centauro" nel 52,1% dei casi: molte le guide distratte o indecise (21%) e le velocità eccessive o sopra il limite (7,3%). Aumenta anche il numero di autobus (+8,5%) coinvolti in sinistri con infortunati, mentre è più allineata all'aumento generale dell'incidentalità la crescita del numero di autovetture coinvolte (+4,3%). Pressoché invariato invece il numero dei mezzi pesanti.
3 conducenti su 4 coinvolti in incidenti con infortunati sono uomini, la cui età va mediamente aumentando in analogia all'andamento generale della popolazione che insiste sul nostro territorio.

Scritto in Bologna | Società oggileggi tutto | letto 1306 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-09-11 07:32


Lo Zecchino d'oro va al Museo, e viceversa

Il Museo del Risorgimento alla Città dello Zecchino
Si svolgerà a Bologna dal 7 al 9 settembre 2012 la settima edizione della Città dello Zecchino, la manifestazione interamente dedicata ai bambini, promossa da Antoniano e Comune di Bologna.
Tre giornate di giochi, feste, laboratori, mostre, spettacoli, visite guidate, musica, per far scoprire ai più piccoli i tanti tesori di Bologna e renderli protagonisti della città in cui vivono. Tutto ovviamente all'insegna del divertimento.
- Venerdì 7 settembre - la giornata dedicata alla scoperta di musei, biblioteche e tante altre realtà culturali - dalle ore 16.30 alle 18 ca. presso il Museo Civico del Risorgimento (p. Carducci 5) si svolgerà Il Gioco dell’Oca dell’Unità d’Italia.
I ragazzi, divisi in squadre, per procedere nel gioco dovranno rispondere a domande di carattere storico, cercare oggetti all’interno delle vetrine del Museo, realizzare quadri viventi e uniformi di carta basandosi su originali esposti, ecc. Il tabellone, realizzato in gigantografia per consentire a tutte le squadre di seguire l’andamento del gioco, è ispirato ad un modello dell’epoca e ripercorre gli anni del Risorgimento dall’epoca napoleonica fino al 1861.
Ai partecipanti verrà dato in omaggio una copia del gioco in versione da tavolo.
* Iscrizioni:
www.zecchino.org  Biblioteca Museo Civico del Risorgimento Bologna Via de' Musei 8- Bologna Tel. 051 225583  roberto.lanzarini@comune.bologna.it
www.comune.bologna.it/museorisorgimento
museorisorgimento@comune.bologna.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 668 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-09-03 06:54


Teatri di Lavoro al Quartiere Saragozza

Dal 31 agosto la rassegna TEATRI DI LAVORO si sposta nella Corte del Quartiere Saragozza a Bologna in via Pietralata 60.
In caso di pioggia spettacoli e concerti saranno ospitati nella sala Cenerini del Quartiere, sempre in via Pietralata 60
- venerdì 31 agosto - SOTTO DIVERSI CIELI: CANTI DI LAVORO
Concerto con Faisal Taher, Frida Forlani, Coro Arcanto, musiche Guido Sodo, Paolo Caruso, Carlo Loiodice Prologo di Andrea Ginzburg
- sabato 1 settembre - LAVORO D’ARTE

con Angela Malfitano, musiche di Guido Sodo, Prologo di Concetto Pozzati
- domenica 2 settembre - MIGRA E LAVORA

con Tita Ruggeri musiche di Felice del Gaudio Prologo di Giuseppe Scandurra
- lunedì 3 settembre
- IL LAVORO DELLA GUERRA
con Francesca Mazza musiche di Guido Sodo Prologo di Luca Alessandrini
- martedì 4 settembre
- ORA ET LABORA
con Bruno Stori musiche di Carlo Maver Prologo di Don Giovanni Nicolini
mercoledì 5 settembre - SINGING AND WORKING

Recital con Cristina Renzetti musiche Guido Sodo, Paolo Caruso, Andrea Taravelli, Maurizio Piancastelli, ospite Cristina Zavalloni Prologo di Susanna Camusso
** maggiori info su
www.bolognaestate.it, www.teatrodelpratello.it
FB: Teatro del Pratello tel.0510455830
ingresso € 6 - abbonamento rassegna € 18

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 649 volte

Inserito da redazione il Ven, 2012-08-31 06:10


Aspettative di vita a Bologna in crescita

In una breve nota curata dal Dipartimento Programmazione – Settore Statistica , vengono presentate le nuove tavole di mortalità relative al triennio 2009-2011 per il Comune di Bologna.
Esse permettono di calcolare la durata media della vita della popolazione residente che è pari a 80,4 anni per i maschi e a 85,1 anni per le femmine. Si pensi che nell’arco di un trentennio la vita media si è allungata di 8,5 anni per i maschi e di 7,3 anni per le femmine; in particolare, rispetto alle tavole di mortalità precedenti elaborate per il triennio 2006-2008 il guadagno è stato di 0,8 anni per entrambi i sessi, dunque oltre tre mesi in più all’anno. Inoltre, come lo studio dimostra, i valori raggiunti da questo indicatore nella nostra città sono del tutto paragonabili e in alcuni casi superiori rispetto a quelli dei paesi più sviluppati.
- Inoltre, lo stesso Dipartimento rende noto il Censimento on line a Bologna. Il profilo dei cittadini che hanno compilato il questionario 2011 sul WEB.
La pubblicazione dei dati relativi al Censimento della popolazione e delle abitazioni 2011 prosegue con la nota allegata che si propone di analizzare il profilo dei cittadini bolognesi che hanno compilato il questionario di censimento via internet, sfruttando questa possibilità offerta per la prima volta dall'Istat in occasione dell'ultima rilevazione censuaria. I quasi 60.500 intestatari di famiglia che hanno sfruttato questa nuova opportunità, consentendo un notevole snellimento dell'apparato di rilevazione, vengono analizzati sotto il profilo del sesso, dell'età e della cittadinanza, con riferimento anche alla loro distribuzione territoriale nelle varie zone cittadine. La propensione maggiore a censirsi on line si è registrata fra i trentenni maschi italiani (uno su due ha compilato il questionario sul web) e per i residenti nelle zone del centro storico.
** Si allegano relazioni e grafici con i dati

Scritto in Bologna | Economia e Societàleggi tutto | letto 1262 volte

Inserito da redazione il Ven, 2012-08-24 09:26

fonte XML