Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Bologna


Notte dei Musei aperti a Bologna

Sabato 18 maggio 2013 è “La Notte dei Musei”, l’evento di respiro europeo organizzato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali - MiBAC. Un'iniziativa che permette di fruire in modo emozionante e insolito del patrimonio artistico italiano per tutti coloro che non riescono a farlo nei consueti orari di visita. Dalle 20.00 circa e fino a mezzanotte, infatti, tutti i musei che partecipano alla Giornata Internazionale dei Musei e alla Notte Europea dei Musei aprono gratuitamente le porte per una notte di cultura, arricchita spesso da eventi e percorsi guidati.
Questi Musei aperti e le iniziative a Bologna

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 772 volte

Inserito da redazione il Ven, 17/05/2013 - 10:41


Visite in villa e alla Chiusa

L'Associazione Amici delle acque e sotterranei di Bologna propone alcune visite guidate per il mese di maggio
- Sabato 25 a Casalecchio, due visite guidate: ore 10.00 la Chiusa e alle ore 15.00 il sistema dei paraporti e della Casa dei ghiacci.
Per maggiori informazioni e le prenotazioni usare la mail segreteria@amicidelleacque.org oppure il tel. 347/5140369
Ci sarà anche, sempre in Maggio, un'apertura straordinaria, una prima assoluta, di un luogo mai visto. Gli iscritti all'Associazione saranno i primi, in via esclusiva, a toccare con mano questo sito recuperato dopo anni di abbandono
Si tratta del rifugio antiaereo del Guasto in collaborazione con l'Associazione l'Altra Babele che si è prodigata per mettere a disposizione i locali da loro gestiti. La prima visita si terrà
- domenica 26 maggio a partire dalle ore 14,30. Per prenotazione e maggiori informazioni, vedi
Info: Associazione Amici delle Vie d’Acqua e dei Sotterranei di Bologna
www.amicidelleacque.org

Scritto in Bologna | Casalecchio di Renoleggi tutto | letto 821 volte

Inserito da redazione il Gio, 09/05/2013 - 08:20


Le sculture al tempo degli Etruschi in Etruria Padana

Venerdi 10 maggio 2013 ore 17.00
al Museo Civico Archeologico,
Sala del Risorgimento, via dell’Archiginnasio 2  Bologna
presentazione del volume
Le sculture di età orientalizzante in Etruria Padana
di Marinella Marchesi
, Etruscologa del Museo
Ne parleranno con l'autrice: Luca Cerchiai, professore di Etruscologia e Archeologia dell’Italia Antica all’Università degli Studi di Salerno, Giuseppe Sassatelli, professore di Etruscologia e Antichità Italiche all’Università degli Studi di Bologna
Ingresso libero
*** Per conoscere il programma di iniziative e visite guidate per tutto l'anno 2013 vedi i siti : http://informa.comune.bologna.it/areadownload/museoarcheologico /
http://informa.comune.bologna.it/iperbole/museoarcheologico/documenti/47897

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 715 volte

Inserito da redazione il Mer, 08/05/2013 - 08:01


Teresa Noce riposerà nel Monumento ossario della Certosa

Sabato 11 maggio alle ore 10, presso il Cimitero della Certosa, le spoglie di Teresa Noce (Estella) saranno traslate nel Monumento Ossario dedicato ai partigiani caduti per la libertà, l’opera in cemento e metallo, realizzata dall'architetto Piero Bottoni e inaugurata dal sindaco Giuseppe Dozza nel 1959.
L'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia ha attribuito a Teresa il pieno diritto ad essere ricordata all'interno del Monumento per il suo passato di antifascista e resistente in Italia, Spagna, Francia e Germania. Alla cerimonia saranno presenti rappresentati delle Istituzioni pubbliche, dell'ANPI e della società civile.
Teresa Noce nasce a Torino il 31 luglio 1900. Antifascista della prima ora, è tra le fondatrici del Partito comunista italiano nel 1921. Dopo aver sposato Luigi Longo espatria con lui a Parigi nel 1926 dove svolge attività di propaganda contro la dittatura fascista, fondando il giornale “Noi Donne”. Si reca più volte clandestinamente in Italia per dirigervi l’attività antifascista e nel 1934 organizza in Emilia gli scioperi delle mondine.
Nel 1936 si reca in Spagna tra i garibaldini volontari a difesa della Repubblica ed assume il nome di battaglia “Estella”. Negli anni della guerra mondiale partecipa alla Resistenza francese e dirige l'organizzazione della “Mano d’Opera Immigrata”(MOI), parte integrante della Resistenza. Arrestata nel 1943 viene deportata prima a Ravensbrück e poi a Holleischen.
Liberata alla fine della guerra, è una delle cinque donne della Commissione dei 75 dell'Assemblea Costituente che scrive la Costituzione Italiana e conduce in Parlamento le battaglie per la tutela e difesa delle lavoratrici. Dal 1947 al 1955 è Segretaria della Federazione Impiegati e Operai Tessili e presidente e poi segretaria (1949-1958) dell'Unione internazionale sindacale dei lavoratori tessili e dell'abbigliamento. Muore a Bologna il 22 gennaio 1980.

Scritto in Bologna | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 804 volte

Inserito da redazione il Mer, 08/05/2013 - 07:42


Il Calvario degli emiliani nella Grande Guerra del 1915

Sabato 11 maggio ore 17.00 a Bologna presso la Libreria Zanichelli – Piazza Galvani Incontro con Giacomo Bollini per la presentazione del suo libro
IL CALVARIO DEGLI EMILIANI. L’attacco del 1915 sul Podgora (Gaspari).
Interviene, con l'autore, l'editore Paolo Gaspari.
All’alba della dichiarazione di guerra, i soldati italiani varcarono entusiasti il confine all’oscuro di cosa li stesse aspettando: Gorizia era lì, aldilà del fiume, nascosta solo da una bassa collina. Quella collina si chiamava Podgora, chiamata anche Monte Calvario, e sarà la prima tomba della Grande Guerra per i fanti bolognesi, che fra l’8 e il 10 giugno 1915 furono mandati all’assalto.
Questa è la loro storia, ricostruita tra testimonianze dirette e documenti d’epoca.
In collaborazione con il Museo Civico del Risorgimento di Bologna, sul cui sito si possono consultare migliaia di fotografie e materiali dedicati alla Grande Guerra:
http://www.comune.bologna.it/museorisorgimento/
Info: 051.225583 museorisorgimento@comune.bologna.it

Scritto in Bologna | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 774 volte

Inserito da redazione il Mer, 08/05/2013 - 07:35


Incisioni all'asta per restaurare archivi terremotati

Si inaugura venerdì 10 maggio, alle ore 16.30, presso lo spazio espositivo del Museo della Sanità, Via Clavature 8-10 Bologna gentilmente concesso dalla Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna – l’iniziativa
Terra Tremuit. Incisori per gli archivi, mostra di opere donate dall’Associazione Liberi Incisori (ALI) di Bologna, dall’Associazione Italiana Ex Libris, dalle gallerie Stamparte di Arrigo Quattrini e G7 di Ginevra Grigolo, entrambe di Bologna, all’Associazione Nazionale Archivistica Italiana (A.N.A.I.) – Sezione Emilia Romagna.
L’A.N.A.I. Sezione Emilia Romagna ha promosso la mostra in collaborazione con l’ALI e la Soprintendenza Archivistica per l’Emilia Romagna. L’iniziativa vede inoltre la collaborazione della Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici, dell’Associazione SOS Archivi e Biblioteche e della Fondazione Mondadori. Si svolge con il patrocinio dell’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna.

L’associazione gestirà inoltre la raccolta di offerte a scopo benefico.
L’iniziativa ha infatti lo scopo di raccogliere somme da destinare al recupero degli archivi danneggiati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012. Beni culturali solitamente poco percepibili agli occhi del pubblico, gli archivi di questa parte del nostro territorio, così dolorosamente colpito, meritano infatti di essere restituiti alle comunità di appartenenza, al pari di chiese, campanili e sedi municipali, perché di quelle comunità essi costituiscono la memoria storica, fondante e identitaria, che deve essere salvaguardata.
Sarà possibile, durante la mostra e, già prima, dal sito dell’A.N.A.I., visionare le incisioni e formulare offerte collegate alle opere esposte, secondo diverse modalità consultabili sul sito dell’associazione.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 572 volte

Inserito da redazione il Lun, 06/05/2013 - 08:24


Appuntamento con ... Napoleone

Domenica 5 maggio, a Bologna presso il Museo del Risorgimento
si terrà il quarto incontro della rassegna
"Appuntamento in piazza. Briciole di storia dentro e fuori dal Museo", realizzata in collaborazione con Quartiere Santo Stefano, Associazione 8cento per la cultura e la danza e Mercato dei Produttori Agricoli Emiliani.
Una domenica al mese, un incontro in Museo preceduto da un breve momento di spettacolo: canti, passi di danza, scene in costume per introdurci nella Storia.
- Alle ore 10.45, appuntamento in piazza Carducci, dove verrà rievocata la figura di Napoleone.
- Alle ore 11 in Museo visita guidata condotta da Mirtide Gavelli dal titolo “Dall'Alpi alle Piramidi... Gli Italiani nelle armate napoleoniche”
Ingresso: biglietto museo (€ 5,00 intero - € 3,00 ridotto)
www.museibologna.it/risorgimento
Info: 051.347592 - 225583 museorisorgimento@comune.bologna.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 589 volte

Inserito da redazione il Ven, 03/05/2013 - 08:35


A Bologna succede anche questo

C'è da qualche anno nel ricco mondo dei siti web, un sito creato da un’Associazione "apolitica e apartitica che vuole unire tutti coloro che amano Bologna" , il cui obiettivo è " riscoprire, mantenere e divulgare, attraverso eventi, iniziative e rubriche, le tradizioni Bolognesi intese a 360°; dunque il dialetto, la storia, gli usi e costumi, la tradizione culinaria e molto altro…
Tutto questo con un coinvolgimento attivo di coloro che sentono la voglia e la passione di fare qualcosa per la nostra bellissima città...."

Si intitola Succede solo a Bologna e il suo link è http://www.succedesoloabologna.it/susoabo/
Vi si possono trovare tante rubriche, sulla cucina bolognese, sul dialetto, foto recenti e storiche, e proposte per visite guidate.
In particolare, c'è un simpaticissimo vocabolarietto in dialetto bolognese, costituito da tanti cartelloni didattici illustrati da Pat Modini, che merita di essere riprodotto anche qui, in
allegato, da sfogliare fino in fondo

Scritto in Bologna | Linguistica e dialettileggi tutto | letto 1214 volte

Inserito da redazione il Sab, 27/04/2013 - 18:10


Bologna prima della classe tra le Province, per qualità della vita... e meno multe

Bologna al "top" della qualità della vita negli ultimi 15 anni: un sintetico confronto con le altre grandi province italiane
Sulla base dei piazzamenti riportati tra il 1998 e il 2012 nella classifica sulla qualità della vita stilata dal Sole 24 Ore, Bologna risulta essere la prima grande provincia italiana nella classifica generale. Negli ultimi 15 anni Bologna ha infatti totalizzato 10 primi posti, scendendo due volte al secondo e al terzo posto e una sola volta al quarto posto.
L’ormai consolidata classifica annuale del Sole 24 Ore sulla qualità della vita nelle province italiane utilizza numerosi indicatori che accomunano l’ambito di indagine del quotidiano economico a quello recentemente sviluppato dall’Istat e dal Cnel nell’ambito delle analisi sul benessere equo e sostenibile (BES) e a quello del progetto UrBES, la declinazione del BES in ambito urbano metropolitano.
Visto l’interesse del Comune di Bologna per queste tematiche, il Dipartimento Programmazione ha ritenuto opportuno approfondire in particolare i risultati ottenuti dalla provincia di Bologna nelle classifiche annuali sulla qualità della vita diffuse dal Sole 24 Ore nell’arco degli ultimi 15 anni. L’obiettivo è quello di fare emergere la performance di Bologna nel medio/lungo periodo, sintetizzando in un unico indicatore i risultati delle classifiche annuali, e ponendolo a confronto con le 21 grandi province con popolazione superiore a 800.000 abitanti. Questa scelta consente un più corretto confronto tra ambiti territoriali più simili tra loro per dimensione demografica e non solo. Nello studio vengono prese in considerazione e sintetizzate le classifiche generali di queste 21 province nell’arco degli ultimi 15 anni, nonché le classifiche per ciascuna delle sei seguenti aree tematiche: affari e lavoro, ordine pubblico, popolazione, servizi ambiente salute, tempo libero, tenore di vita. Sintetizzando in un unico indicatore i piazzamenti riportati nel periodo 1998-2012, Bologna risulta essere la prima grande provincia italiana nella classifica generale; lo è altresì per i periodi 1998-2002 e 2008-2012 ed è seconda nel quinquennio 2003-2007. Negli ultimi 15 anni Bologna ha infatti totalizzato 10 primi posti in classifica generale, scendendo due volte al secondo e al terzo posto e una sola volta al quarto posto.
Lo studio evidenzia inoltre il piazzamento di Bologna in ciascuna delle sei aree tematiche. Sono altresì consultabili le tavole relative alle classifiche degli ultimi cinque anni per ciascuno dei sei parametri che vanno a determinare la posizione in ogni singola area tematica, per un totale di 36 indicatori.
* La nota è consultabile all'indirizzo
http://www.iperbole.bologna.it/iperbole/piancont/Qualitavita/QUALITADELLAVITA_SOLE24ORE_ultimax.pdf
Le multe a Bologna nel 2012

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bologna | Economia e Societàleggi tutto | letto 1101 volte

Inserito da redazione il Ven, 26/04/2013 - 16:31


Immagina il Novecento, in mostra in Sala Borsa

In occasione del cinquantesimo anniversario dalla sua fondazione, l'Istituto Storico Parri Emilia-Romagna allestisce,
- dal 17 aprile al 4 maggio a Bologna i
n Piazza coperta di Salaborsa,
Immagina il Novecento
una mostra fotografica
con i materiali che provengono dagli archivi e dalla biblioteca: libri, carte d'archivio, manifesti, fotografie, riproduzioni di documenti, video, tutti materiali preziosi per approfondire la storia del Novecento nelle declinazioni più generali come nelle microstorie locali.
I documenti scelti hanno lo scopo di ripercorrere la storia delle raccolte dell'Istituto sia in termini cronologici (l'intero arco del XX secolo e l'inizio del XXI), sia per ambiti tematici: le guerre mondiali, il fascismo, il colonialismo italiano, la Resistenza, la Costituzione, la ricostruzione, la guerra fredda, i movimenti operai e studenteschi, la violenza politica, le stragi, il terrorismo, la globalizzazione.
Non mancano gli ambiti metodologici dello studio storico, come la storia orale, la didattica della storia, il rapporto tra cinema e televisione e storia.
Per chi volesse uno spaccato tutto bolognese del "secolo breve", i bibliotecari mettono a disposizione la Cronologia di Bologna, l'archivio navigabile online con oltre 2500 notizie sulla storia della città arricchite di riferimenti bibliografici, immagini, fotografie e file multimediali.
* Cronologia di Bologna sito web http://www.bibliotecasalaborsa.it/content/timeline900/timeline.php

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 583 volte

Inserito da redazione il Lun, 22/04/2013 - 08:50


Turisti a Bologna in crescita

Il turismo a Bologna nel 2012
Il Settore Statistica del Dipartimento Programmazione ha diffuso recentemente la nota annuale sul turismo a Bologna nel 2012.
Nel documento si evidenzia come, malgrado la difficile situazione economica, anche il 2012 sia stato un anno positivo per il turismo bolognese, con un incremento degli arrivi superiore rispetto a quello registrato nel 2011.
Lo scorso anno hanno soggiornato nella nostra città 971.354 turisti (+2,8% rispetto al 2011), di cui 569.278 italiani (+3,5%) e 402.076 stranieri (+1,7%). Le presenze complessive passano invece da 1.985.358 nel 2011 a 2.036.594 nel 2012 con un aumento pari al +2,6%.
Con riferimento all'andamento del turismo nel corso del 2012 a Bologna e negli altri comuni della provincia viene analizzata, per entrambi gli ambiti territoriali, l'evoluzione degli arrivi e delle presenze per le varie tipologie di esercizio e secondo la provenienza dei flussi turistici interni ed esteri.
Nell'allegato tutti i dati
Info: Comune di Bologna Dipartimento Programmazione piazza Liber Paradisus n.10 - Torre B  40129 Bologna o via fax a: 0512195700

Scritto in Bologna | Economia e Societàleggi tutto | letto 985 volte

Inserito da redazione il Mer, 17/04/2013 - 09:09


Manoscritti e libri antichi e nuovi all'Archiginnasio

- Mercoledì 17 aprile 2013, ore 17.30  a Bologna Archiginnasio Sala dello Stabat Mater
In occasione della pubblicazione del volume CXVI della collana
«Inventari dei Manoscritti delle Biblioteche d’Italia»: Bologna, Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio. Serie B,
curato da Mario Fanti*  (Leo S. Olschki Editore, Firenze, 2013, 204 p., € 78,00) Pierangelo Bellettini, Carlo Ginzburg, Anna Manfron, Adriano Prosperi parleranno della catalogazione dei manoscritti bolognesi all’Archiginnasio
Il volume continua e termina la descrizione dei manoscritti conservati nella serie B (argomento bolognese) della Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio di Bologna, descrizione iniziata nel 1907. I 394 manoscritti italiani e latini censiti hanno provenienze assai diverse: dal cosiddetto “fondo antico”, da particolari collezioni, da doni ed acquisti. Il materiale è di diversa natura: vi si trovano pezzi di provenienza archivistica, fra cui alcune matrici notarili del secolo XIV, e molti rogiti e documenti di vario genere relativi ad amministrazioni private dei secoli XVI-XVIII, nonché inventari e regesti di archivi privati e diversi esemplari che arricchiscono ulteriormente il filone cronachistico-diaristico conservato dalla biblioteca. Vi si annovera materiale di argomento scientifico, fra cui il celebre taccuino di Luigi Galvani; di argomento poetico e letterario, con due opere del secolo XV di Giovanni Sabadino degli Arienti; di argomento artistico, fra cui si segnala l'esemplare a stampa delle Vite del Vasari, con le postille autografe di Annibale Carracci. Molti manoscritti sono arricchiti di miniature o disegni, o sono costituiti da piante e mappe di beni urbani e rurali.
I(http://www.olschki.it/cgi-bin/olscq2.pl?num=2138&lang=it)
- Giovedì 18 aprile 2013, ore 17.30  Sala dello Stabat Mater

Presentazione del volume di Antonio Faeti **
LA STORIA DEI MIEI FUMETTI. L'immaginario visivo italiano fra Tarzan, Pecos Bill e Valentina
(Donzelli editore, collana «Saggi. Arti e lettere», 2013, XXII-426 p., con tavole in b/n e a colori nel testo, € 32,00)
Intervengono, con l'Autore,
Giulio Cesare Cuccolini, Fabio Roversi Monaco
(http://www.donzelli.it/libro/2457/la-storia-dei-miei-fumetti)
Evento organizzato nell'ambito della manifestazione "Fieri di leggere" 2013.
*** Proseguono nel Quadriloggiato superiore dell'Archiginnasio le MOSTRE
Orari di apertura delle mostre e della Biblioteca: lun. - ven. 9-19; sab. 9-14
Chiuso domenica e festivi Ingresso libero.   www.archiginnasio.it
Info: Biblioteca dell’Archiginnasio, piazza Galvani 1 - Bologna
Redazione di "Archinews" - Promozione delle attività culturali dell'Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna tel. 051 276.813; fax 051 261.160; email: archinews@comune.bologna.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 715 volte

Inserito da redazione il Mer, 17/04/2013 - 08:46


Un giornale per le Associazioni al servizio del sociale

Un invito alle Associazioni e Organizzazioni, da parte dell' Ufficio Terzo Settore Servizio Politiche Sociali e per la Salute Provincia di Bologna: è in preparazione
il 9° numero di “Carta Bianca free press dell’associazionismo -
che uscirà nel mese di aprile. La redazione di Carta Bianca è una redazione aperta con l'obiettivo di valorizzare le idee e gli interventi delle associazioni che condividono la linea editoriale del free press. Gli articoli sono quindi proposti dalle associazioni che operano sul territorio bolognese.
Ogni numero di Carta Bianca prevede l’approfondimento di un tema specifico e il calendario delle iniziative promosse dalle associazioni.
Per chi non conoscesse il free press dell'associazionismo, vi invitiamo a leggere i precedenti numeri consultabili dalla home page del sito del non profit della Provincia di Bologna www.provincia.bologna.it/nonprofit e http://www.provincia.bologna.it/sanitasociale/Engine/RAServePG.php/P/550611181000/M/252611181009/T/Lultimo-numero-di-Carta-Bianca-il-free-press-dellassociazionismo- .
** Nel numero 8 del mese di marzo c'è anche  un articolo dedicato al Gruppo di studi pianura del Reno (vedi allegato)
Il tema di approfondimento del n° 9 è:
L'ARTE AL SERVIZIO DEL SOCIALE
- dinamiche creative dedicate a questioni sociali"
Come collaborare? Entro il 5 aprile 2013:
1) Inviate i vostri articoli sul tema “L'ARTE AL SERVIZIO DEL SOCIALE - dinamiche creative dedicate a questioni sociali" all’indirizzo e-mail della redazione: cartabianca@angeliallefermate.it oppure cartabianca.freepress@gmail.com seguendo i semplici criteri ;
2) Segnalate le vostre iniziative (periodo da aprile a giugno) all’indirizzo e-mail della redazione cartabianca@angeliallefermate.it oppure cartabianca.freepress@gmail.com seguendo lo schema esemplificativo che troverete di seguito, specificando nell’oggetto “Segnalazione eventi carta Bianca”
Si allega alla presente:
- criteri minimi da seguire per la redazione degli articoli
- schema esemplificativo per la segnalazione delle iniziative
Ufficio Terzo Settore Servizio Politiche Sociali e per la Salute Provincia di Bologna
Via San Felice 25 - 40122 Bologna Tel. 051/659.8609-8276 Fax 051/6598620
www.provincia.bologna.it/nonprofit
Criteri per l'inoltro di materiale alla redazione di Carta Bianca, entro il 5 aprile 2013
È richiesto che:

Scritto in Bologna | Calderara di Reno | S. Giovanni in Persicetoleggi tutto | letto 1001 volte

Inserito da redazione il Gio, 28/03/2013 - 12:03


Per conoscere Laura Bassi. Tavola rotonda e documenti in mostra

Giovedì 21 marzo, dalle ore 15 a Bologna, sala dello Stabat Mater dell'Archiginnasio, piazza Galvani 1
presentazione della digitalizzazione del fondo Bassi-Veratti.
"Laura Bassi e le carte di famiglia"
Seguirà spettacolo dedicato a Laura Bassi (1711-1778).
L’Emilia-Romagna è ricca di biblioteche storiche con raccolte di notevole interesse anche per la storia della scienza, non sempre adeguatamente descritte e valorizzate. Tra quelle che si stanno impegnando per far conoscere la cospicua documentazione, sedimentata anche a seguito di numerose donazioni, spicca l’Archiginnasio di Bologna che sul proprio sito ha pubblicato la guida generale dei fondi archivistici e documentari.
Tra i fondi speciali oggetto di attenzione da parte degli studiosi figura quello della celebre scienziata Laura Bassi pervenuto in dono nel 1922 e incrementato due anni dopo con documentazione relativa alla famiglia del marito, lo scienziato Giuseppe Veratti.
Grazie a questo progetto, l’inventario della raccolta, curato da Patrizia Busi e pubblicato nel 2001 su «L’Archiginnasio», sarà consultabile anche in lingua inglese insieme ai documenti digitalizzati a beneficio di tutta la comunità scientifica.
Si tratta di una tappa molto importante per la promozione del fondo: le carte vengono messe a disposizione di tutti ampliando le possibilità di nuovi percorsi di ricerca e di approfondimento nel contesto scientifico europeo del XVIII secolo.
Con l’occasione sarà inoltre possibile visitare la mostra documentaria incentrata sui documenti relativi alla scienziata bolognese, organizzata nei locali della Biblioteca.

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 613 volte

Inserito da redazione il Gio, 21/03/2013 - 10:51


Donne, lavoro, economia . Alcuni dati

Venerdì 15 Marzo 2013, nel corso della seduta solenne del Consiglio comunale  di Bologna per celebrare la "Giornata della donna", il presidente dell'Istituto Nazionale di Statistica, Enrico Giovannini, ha presentato una relazione dal titolo
"Donne, lavoro, economia".
I
l Settore Statistica, per l'occasione, ha elaborato una breve nota "Le donne e il mondo del lavoro" contenente alcune sintesi per genere sull'andamento del mercato del lavoro e sull'imprenditoria femminile a livello locale. Ecco il documento.
Più ampie imformazioni e grafici nell'allegato a questo articolo
Le donne e il mondo del lavoro
Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull’imprenditoria femminile a Bologna al 15 marzo 2013
Le forze di lavoro. La popolazione attiva
• In provincia di Bologna su 100 individui attivi 54 sono uomini e 46 donne. Questa proporzione appare stabile negli ultimi anni. Il tasso di attività nel 2012 (73,8%) è pari al 79,3% per i maschi e al 68,4% per le femmine.
• Nel 2012 il tasso di attività in provincia di Bologna supera quello italiano di quasi 10 punti percentuali e di 1 punto percentuale quello regionale.
Fra le principali province italiane Bologna mostra il più elevato tasso di attività femminile e totale, mentre per quello maschile si posiziona al secondo posto alle spalle della provincia di Firenze.
Gli occupati (1)
• Anche fra gli occupati le donne rappresentano a Bologna il 46% del totale.
• Il tasso di occupazione per la popolazione fra i 15 e i 64 anni a Bologna nel 2012 è pari al 68,6%, in calo di un punto percentuale rispetto all'anno precedente. Se si fa riferimento all'ultimo quinquennio, caratterizzato dall'affermarsi di una crisi economica senza precedenti recenti, il calo è di circa 4 punti percentuali. La riduzione del tasso di occupazione ha accomunato donne e uomini: per le prime il tasso di occupazione nel 2012 tocca il 63,7% contro il 73,6% dei maschi. La riduzione nell'arco degli ultimi 5 anni va dai circa 3 punti percentuali per le donne occupate ai quasi 5 punti per i loro colleghi maschi.
Gli occupati (2)
• In forte calo è anche il tasso di occupazione giovanile. Anche nella realtà bolognese questo si caratterizza forse come il problema più acuto: ad esempio l'occupazione dei giovani fra i 18 e i 29 anni è calata nella nostra provincia dal 68% del 2008 al 48,1% del 2012. In questo contesto il tasso di occupazione delle giovani lavoratrici (18-29 anni) è pari al 46,9%, in calo di quasi 17 punti percentuali rispetto al 2008; per i maschi la situazione occupazionale peggiora nell'ultimo quinquennio di quasi 23 punti percentuali, scendendo dal 72% del 2008 al 49,3% del 2012.
• In questa situazione di recessione che si prolunga ormai da alcuni anni, il confronto con gli altri territori vede per la provincia di Bologna una lieve riduzione del divario a proprio favore rispetto al dato nazionale sull'occupazione.
Dal confronto con le principali province italiane emerge l'arretramento di una posizione (dal 2° al 3° posto) per quanto concerne il tasso di occupazione maschile, rispetto al quale ci precedono Verona e Firenze; la provincia di Bologna, pur in presenza di un calo dell'occupazione già in precedenza evidenziato, conferma la sua leadership nell'occupazione femminile, che consente anche il mantenimento della prima posizione per quanto riguarda il tasso di occupazione totale, davanti a Firenze e Milano.
I disoccupati (1)
Su 100 disoccupati le donne rappresentano a Bologna nel 2012 il 46%, una quota in riduzione nell'ultimo quinquennio. Anche nella nostra provincia la disoccupazione ha subito recentemente un'impennata: nell'ultimo quinquennio il tasso di disoccupazione è più che triplicato, arrivando a toccare nel 2012 il 6,9% (7% per i maschi e 6,8% per le femmine). Estremamente critici i dati sulla disoccupazione giovanile. In fortissima crescita, soprattutto per gli uomini, appare il tasso di disoccupazione per i giovani fra i 18 e i 29 anni: in questa fascia di età nel 2012 erano disoccupati il 21,5% dei maschi e il 12,5% delle femmine, pari in complesso al 17,5%. Ma quel che più preoccupa è l'accelerazione del fenomeno negli ultimi 5 anni: basti ricordare che nel 2008 la percentuale di giovani fra i 18 e i 29 anni in cerca di lavoro nella nostra provincia era pari all'1,5% per i maschi e al 4,7% per le femmine.

Scritto in Bologna | Economia e Societàleggi tutto | letto 1410 volte

Inserito da redazione il Mar, 19/03/2013 - 20:14


Giornate FAI di Primavera. Aperture straordinarie

Giornate FAI di Primavera, sabato 23 - domenica 24 marzo 2013
BOLOGNA
1) PALAZZO BONASONI - SEDE IBC - ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Via Galliera, 21,
Bene fruibile a persone con disabilità fisica
Orario: Sabato 23 e Domenica 24, ore 10.00 – 17.00
Apprendisti Ciceroni®: studenti delle Scuole medie Superiori di Bologna
Esempio di palazzo signorile bolognese del Cinquecento. Cresciuto su preesistenti dimore trecentesche, il Palazzo conserva un portico rinascimentale con capitelli decorati da putti. All'interno possiede pregevoli sale con decorazioni, una loggia con fregi tardo cinquecenteschi e alcuni affreschi di metà Ottocento. Nel cortile una bella statua di Venere con colombe, riconosciuta come opera di Cincinnato Baruzzi.
2) PALAZZO LEONI – SEDE DELLA BIBLIOTECA GIUSEPPE GUGLIELMI DELL'IBC
Via Marsala, 31,  Bene fruibile a persone con disabilità fisica
Orario: Sabato 23 e Domenica 24, ore 10.00 – 17.00
Visite guidate a cura di G.A.I.A. Guide d'Arte; Dedalo; Didasco. Visite guidate anche in ucraino, filippino, rumeno, spagnolo, portoghese a cura delle Comunità straniere residenti a Bologna - progetto Arte. Un ponte tra culture
Apprendisti Ciceroni®: studenti delle Scuole medie Superiori di Bologna
Antica dimora della famiglia Leoni Nordoli, tra cinque e seicento ospitò le riunioni degli Accademici degli Ardenti e dei docenti dell'Università. Il palazzo cinquecentesco attribuito al Terribilia presenta al piano nobile ampi saloni di cui due affrescati da allievi della Scuola di Nicolò dell'Abate. Il ciclo rappresenta episodi tratti dall'Eneide.
3 ) PALAZZO SALINA AMORINI BOLOGNINI
Piazza Santo Stefano, 9 – 11,
Ingresso solo per gli iscritti FAI con possibilità di iscriversi in loco
Orario: Sabato 23, ore 12.00 - 17.00; Domenica 24, ore 10.00 – 13.00
Visite guidate a cura di G.A.I.A. Guide d'Arte; Dedalo; Didasco.
Il prospetto del Palazzo è scandito da un portico sorretto da colonne con capitelli decorati con aquile, draghi e altro. Particolari sono le 133 teste umane a guardia e protezione della casa che caratterizzano la facciata. All'interno del palazzo molto importante è lo scalone e il salone decorato con figurazioni storiche e mitologiche di scuola basoliana. Il palazzo è celebre anche per avere ospitato la scuola dell'artista fiammingo Denys Calvaert, maestro del celeberrimo Guido Reni.
**Altre informazioni su Imola, Cesena e altre città della Regione, su http://www.giornatafai.it/emilia-romagna.htm

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 771 volte

Inserito da redazione il Mar, 19/03/2013 - 19:30


Tre storie di vita in tre musei

R A C C O N T A M I  U N A  S T O R I A
A Bologna tre musei, tre opere, tre narratori d’eccezione che raccontano le loro probabili, plausibili storie segrete; vicende che intersecano la verità e il possibile, tra immagine e immaginazione.
14 marzo 2013 ore 18:00 Collezioni Comunali d’Arte Palazzo d’Accursio Piazza Maggiore, 6
Valeria Magli
11 aprile 2013
ore 18:00 Museo Civico Archeologico Via dell’Archiginnasio, 2
Michele Cogo con Bottega Finzioni
16 maggio 2013
ore 18:00 Pinacoteca Nazionale di Bologna Via delle Belle Arti, 56
Chiara Maci
Per partecipare agli incontri è obbligatoria la prenotazione, fino a esaurimento posti, chiamando il numero 051 27386 oppure scrivendo una mail a comunicazione@labidee.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 583 volte

Inserito da redazione il Mer, 13/03/2013 - 20:23


Risorgimento in musica tra danze e "notte tricolore"


- Sabato 16 marzo presso il Museo si svolgerà la manifestazione "Notte Tricolore" in occasione del 152° anniversario della proclamazione del Regno d'Italia.
Dalle ore 19 alle 23 verrà effettuata l'apertura straordinaria al pubblico, con visite guidate gratuite alle 19 e alle 20.
Alle ore 21 il gruppo "Risorgimento" si esibirà in uno spettacolo di canzoni e letture per rievocare insieme il cammino percorso dall'Italia dal 1861 alle soglie del Ventesimo secolo.
L'iniziativa si svolge in collaborazione con il Comitato di Bologna dell'Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano.
Info: 051.347592 - 225583 museorisorgimento@comune.bologna.it
Non è necessaria la prenotazione, ingresso libero
Uffici: via de' Musei 8 - 40124 Bologna / tel. 051 225583
museorisorgimento@comune.bologna.it - www.museibologna.it/risorgimento

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 615 volte

Inserito da redazione il Gio, 07/03/2013 - 10:00


Da Piacenza a Ferrara. Immagini dei contadini di un tempo in un libro

Giovedì 7 marzo 2013, ore 15,30 a Bologna
Dipartimento di Discipline Storiche, Antropologiche e Geografiche
Piazza San Giovanni in Monte, 2 Aula Gambi
presentazione del libro
Da Piacenza a Ferrara - I contadini di Paul Scheuermeier
a cura di Claudia Giacometti, Giorgio Pedrocco, Massimo Tozzi Fontana
Intervengono :
Franco Cazzola Università di Bologna, Silvio Fronzoni Museo della civiltà contadina di San Marino di Bentivoglio , Fiorenzo Landi Università di Bologna , Glauco Sanga Università di Venezia
Coordina Angelo Varni Presidente IBC

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 659 volte

Inserito da redazione il Lun, 04/03/2013 - 19:18


Sete fruscianti e sete dipinte, a Bologna

Domenica 3 marzo dalle ore 15 alle ore 18 il Museo del Patrimonio Industriale di Bologna effettua un'apertura gratuita.
Alle ore 16, si propone su prenotazione un incontro di approfondimento con Silvia Battistini del Museo Davia Bargellini dal titolo:
Sete fruscianti e sete dipinte.
La conversazione è l’occasione per ripercorrere l’importanza del ruolo della seta per la vita economica e sociale bolognese dal Medioevo all’età Moderna.
In particolare, attraverso immagini di manufatti e di rappresentazioni di vesti e arredi, si evidenzierà il vasto utilizzo di questo materiale, simbolo di prestigio e potere per chi lo sfoggiava e di ricchezza per chi lo commerciava.
L'incontro su prenotazione e l'ingresso al Museo sono gratuiti.
Per informazioni e prenotazione (obbligatoria e da effettuarsi entro venerdì 1 marzo alle ore 13): telefono 051.6356611

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 584 volte

Inserito da redazione il Mar, 26/02/2013 - 19:43

fonte XML