Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Bologna


Giornate del FAI d'autunno intorno all'acqua

13 e 14 ottobre   Giornate FAI di Autunno in Italia
Si segnala in particolare: a Pieve di Cento

Il 13 e 14 ottobre tornano le Giornate FAI di Autunno: torna l’ appuntamento con l’
Arte, la Cultura, la Bellezza di una Italia tutta da scoprire!
Terra d’ acque e di pianure, a questo ambiente appartiene Pieve di Cento, che per le Giornate FAI di Autunno approfondisce le relazioni tra storia, ambiente e cultura attraverso le opere pittoriche della Pinacoteca Civica.
Tre sono, dunque, le tappe proposte per le Giornate FAI d'Autunno 2018 a Pieve.
-
La prima sarà in Pinacoteca Civica, In particolare si potranno ammirare, accompagnati da Guide del FAI, le tele di alcuni artisti come il ferrarese Giuseppe Zola (Il Ritrovamento di Mosè 1700) e alcune tra le opere contemporanee di Norma Mascellani ambientate nella Marina ferrarese e romagnola, che la artista ha donato al Comune di Pieve di Cento e di Gianni Cestari (Vento dal Fiume).
-
La seconda sarà presso Sala della Partecipanza, dove saranno esposte antichissime Mappe Storiche, quadri del Centese Nicola Nannini e fotografie del Gruppo Fotografico Bentivoglio e d’Intorni per raccontare le Vie d’ Acqua del nostro territorio, la sua avifauna di passaggio o stanziale nei d’ acqua che la caratterizzano. I Volontari del FAI racconteranno e commenteranno le immagini esposte.
- E infine, in occasione delle Giornate FAI d'Autunno sarà possibile visitare la
Cappella di Santa Chiara. Il Convento delle Clarisse, a cui la Cappella appartiene, incominciò ad operare nell' educazione delle fanciulle nel 1516 e crebbe nei secoli successivi fino al 1818 quando, a seguito della soppressione degli ordini religiosi in epoca napoleonica, venne trasformato in ospedale: Nel 1980, anno della disattivazione, è divenuto sede di poliambulatori e dei Corsi di Scienze Infermieristiche della Facoltà di Medicina della Università di Ferrara.
Domenica 14, alle ore 17 nella Cappella di Santa Chiara si terrà un concerto degli Allievi della Classe di Violino della Scuola Media ad indirizzo Musicale di Pieve di Cento che eseguiranno musiche barocche ispirate alla natura e all’ acqua diretti da Cristina Alberti.
Pieve di Cento #luoghidelcuore.it
** Altri eventi a Bologna e nel bolognese saranno a :
Canale delle Moline, chiusa di Casalecchio, chiusa di San Ruffillo e Canale di Savena, La Salara antico porto fluviale, Palazzo Zani sede Bonifica renana, Tana del Drago e Muro dipinto a Dozza.
Ulteriori informazioni su questi e altri eventi in altri luoghi d’Italia, sono rintracciabili ai link
- https://fai-platform.s3.amazonaws.com/sync/pdf/gfa-bologna.pdf
- https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-autunno/i-luoghi-aperti/?search=pieve%20di%20cento

Scritto in Bologna | Pieve di Centoleggi tutto | letto 29 volte

Inserito da redazione il Mar, 09/10/2018 - 10:36


Il genio delle donne nell'arte. Ciclo di incontri

Il Genio della Donna. Donne e arte in Europa dal Medioevo al Novecento"
Seconda edizione del ciclo di incontri curati da Vera Fortunati e Irene Graziani
Riprende giovedì 25 ottobre con l'incontro dal titolo "Indicazioni per l’uomo che soffre. Ildegarda di Bingen (1098-1179) e l’arte medica" tenuto da Maria Giuseppina Muzzarelli, il ciclo di conferenze dedicato alle donne artiste in Europa, curato da Vera Fortunati e Irene Graziani. Questa seconda edizione allarga lo sguardo sulla produzione artistica femminile che va dal Medioevo al Novecento.
Il progetto, promosso e organizzato dalla Città metropolitana di Bologna in collaborazione con il Dipartimento delle Arti dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, intende divulgare gli esiti dei più recenti studi emersi in Italia e all’estero sul ruolo della donna nella storia dell’arte. Dal Medioevo al Novecento il ruolo della donna a Bologna è stato particolarmente significativo sia nel campo delle arti figurative, che in quelli della letteratura e delle scienze.
Se lo Studium ha precocemente favorito la presenza femminile nella docenza universitaria, anche l’ambiente artistico si è dimostrato aperto all’attività delle donne artiste. Partendo dalla ricostruzione di questa storia – che ha dato vita nel tempo alla pubblicazione di studi monografici e ad importanti mostre dedicate a protagoniste come Properzia de’ Rossi, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, Ginevra Cantofoli, divenute ormai note al grande pubblico – è sorto a Bologna il “Centro di documentazione per la storia delle donne artiste in Europa” sotto la direzione scientifica di Vera Fortunati.
Fondato nel 2007 per volere dell’allora Amministrazione Provinciale di Bologna, contiene più di seimila voci di artiste che hanno operato in Europa dal Medioevo al Novecento.
Il programma
ore 17.30 a Palazzo Malvezzi, via Zamboni 13, Bologna.
- 25 ottobre Maria Giuseppina Muzzarelli
Indicazioni per l’uomo che soffre. Ildegarda di Bingen (1098-1179) e l’arte medica
- 8 novembre Angela Ghirardi Suor Orsola Caccia (1596 – 1676), pittrice nel convento delle Orsoline di Moncalvo nel Monferrato gonzaghesco
- 15 novembre Dede Auregli Il corpo delle contemporanee
- 29 novembre Rachele Ferrario Novecento: l’arte alle donne!
Da Margherita Sarfatti a Palma Bucarelli. Da Carol Rama a Carla Accardi
- 6 dicembre Vera Fortunati Eroine del mito e della Bibbia nell’immaginario delle donne artiste nell’Età moderna
**
Il ciclo si tiene nell'ambito delle attività del Centro di documentazione per la storia delle donne artiste in Europa”, che ha sede in via della Rondine 3 a Bologna.
***A cura di Ufficio stampa
https://www.cittametropolitana.bo.it/portale/Engine/RAServePG.php/P/2641610010100/T/Il-Genio-della-Donna-Donne-e-arte-in-Europa-dal-Medioevo-al-Novecento

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 25 volte

Inserito da redazione il Mar, 09/10/2018 - 10:22


Teatri per tutti. Nuovi cartelloni 2018-2019

Sono già stati presentati in vari teatri di Bologna e provincia i programmi della stagione teatrale 2017-2018. Tutti molto ricchi di spettacoli interessanti e di vario genere, dalla prosa classica al dialettale, a cabaret, musical, concerti e recital. Nell'impossibilità di dare notizia di tutti, mettiamo in evidenza qui i link dei vari teatri o associazioni musicali a noi noti, in modo che ognuno possa agevolmente consultarne  i rispettivi cartelloni aggiornati e tutte le informazioni utili per prenotazioni e acquisti di biglietti:
ww.teatrodusebologna.it
www.comunalebologna.it
www.arenadelsole.it
www.teatroeuropa.it
www.testoniragazzi.it
http://www.fondazioneteatroborgatti.it    
www.circolodellamusicaimola.eu
www.cineteatrofanin.it
www.teatrodelleariette.it
www.organiantichi.org
www.teatrodelletemperie.com
www.teatrocelebrazioni.it
www.agimus.it
www.teatrodehon.it
www.itcteatro.it
www.teatrocasalecchio.it
www.habanera.it/?page_id=141
www.auditoriumanzoni.it
www.teatroalemanni.it
www.invito.provincia.bologna.it/Engine/RAServePG.php

www.teatrinodelles.com
www.teatrodibudrio.com 
http://ataldeg.blogspot.com
http://www.teatrocomunaleferrara.it/navigations/view/53/0/561
http://www.teatrocarcere-emiliaromagna.it/
www.comune.minerbio.bo.it
http://www.teatrodelpratello.it/
www.teatrosansalvatore.it
***Aggiornamento del settembre 2018

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 5097 volte

Inserito da redazione il Ven, 21/09/2018 - 18:06


Il modello industriale bolognese, da conoscere sul Portale di "Storia e memoria"

Nel portale Storia e Memoria di Bologna è ora disponibile l'approfondimento
1796 | 1953 - Il modello industriale bolognese: una metamorfosi dalla tradizione agricola all’industria meccanica
*** Per proseguire attraverso testi, video, immagini e documenti rari , vedi
https://www.storiaememoriadibologna.it/il-modello-industriale-bolognese-una-metamorfosi-d-1312-evento
In particolare si segnalano i video dedicati ai seguenti temi:
-
Bologna nei primi anni di governo Napoleonico
- Ragioni delle insorgenze antinapoleoniche
- Bologna nella Restaurazione
- La stampa bolognese nell'età della Restaurazione
- Circoli e salotti femminili
- Bologna post unitaria
- Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900.
- L'economia bolognese dall'unità alla grande crisi agraria - 1859 | 1880
- Il Piano regolatore
- Il panorama amministrativo bolognese
- La Città Rossa nella Grande Guerra
- Celebrazione del centenario della Cassa di Risparmio di Bologna
- I grandi affittuari terrieri e arretratezza dell'industria bolognese
- La società Operaia e il Mutualismo
- 1914 - 1918 | I negozi di Zanardi
- L'entrata in Guerra e il forno del pane
La Scheda storica è articolata nei capitoli
1.
Una base agricola e artigianale
2.
Alle origini dell’industria meccanica
3. Un’unificazione politica
4. Una prima dinamica industriale
5. La motocicletta: nuovo cuore dell’industria bolognese
6. Alle origini del “miracolo economico” bolognese
Pubblichiamo qui alcuni stralci del testo storico
1. Una base agricola e artigianale

Scritto in Bologna | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 55 volte

Inserito da redazione il Mar, 07/08/2018 - 18:23


Bologna estate, tante iniziative in città e Area Metropolitana

Trekking ed escursioni in Appennino, laboratori artistici, festival di teatro, musica e danza, un fitto programma di oltre 50 titoli, tra singoli eventi e rassegne, e centinaia di appuntamenti che si sviluppa ben oltre il periodo estivo giungendo sino al prossimo 15 ottobre.
E' il programma di eventi del territorio metropolitano che fa parte, per il primo anno, di
"Bologna Estate", il cartellone estivo promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con la Città metropolitana.
Sono due i filoni di eventi raccolti nel cartellone: 14 iniziative inedite promosse dalla Destinazione Turistica e 38 eventi e rassegne culturali promosse dai Comuni della città metropolitana.
Tra i 14 progetti selezionati dalla Destinazione turistica attraverso il bando per Bologna Estate, che oltre a proposte culturali di alto livello qualitativo, sollecitava anche la proposta di itinerari tematici in tutta l'area metropolitana con elementi di originalità rispetto al passato, ci sono: Parco delle stelle a Loiano fino al 15 settembre, Pedalando fra città e campagna, escursione in treno+bici a San Giorgio di Piano e 2 tour a Faenza e Ferrara nel mese di giugno, Scopri Bologna 2018, visita a dimore d’epoca da giugno a metà settembre, Passeggiate “ritorno alla natura” attraverso sapori, profumi e emozioni nell'area collinare bolognese sud-orientale da San Lazzaro a Ozzano il 15 agosto e il 23 settembre, I tesori della Val di Zena, rassegna di escursionismo, animazione, esplorazione e geocaching in Val di Zena (Gorgognano, Zena, Tazzola, Monte delle Formiche) il 10 giugno con possibilità di repliche a giugno, luglio e settembre.
Gli eventi culturali promossi dai Comuni della città metropolitana sono invece 38. In questo caso sono stati selezionati gli eventi consolidati che le diverse realtà istituzionali dell'area metropolitana organizzano ogni anno sul proprio territorio nella stagione estiva, tra questi: Medicina Jazz Festival (6 e 20 giugno), Zola Jazz&Wine dal 16 giugno al 7 luglio, Borghi e Frazioni in Musica (Unione Reno Galliera e Distretto Culturale Pianura Est) dal 18 giugno al 19 luglio, La Notte Celeste a Porretta Terme il 23 giugno, Imola in Musica 2018 dal 25 giugno al 1 luglio, Selva in Jazz a Molinella (4, 11, 18 e 25 luglio), Le notti delle Sementerie a Crevalcore (dal 6 luglio al 5 agosto), Infrasuoni a Vergato, Marzabotto, Suzzano, Liserna e Riola dal 9 luglio all'8 agosto, I concerti della Cisterna a Monghidoro dal 13 luglio al 22 agosto, Porretta Soul Festival dal 19 al 22 luglio, Eco della Musica (Unione Appennino Bolognese) dal 3 al 9 agosto e "Persiceteidi": all’Osservatorio a caccia di stelle cadenti a San Giovanni in Persiceto dal 10 al 12 agosto.
"E' la prima volta che il cartellone dell'estate bolognese si allarga anche all'area metropolitana - ha sottolineato Massimo Gnudi, consigliere delegato al Turismo di Palazzo Malvezzi durante la presentazione del cartellone - con una grande attenzione ai territori e una valorizzazione degli itinerari".
"Dobbiamo abituare sia i bolognesi sia i turisti a percepire il centro storico e l'area metropolitana come un'unica città da un milione di abitanti
" - ha detto Matteo Lepore, presidente della Destinazione turistica Bologna metropolitana - e per fare questo dobbiamo migliorare sui servizi e sui trasporti".
» Schede degli eventi in programma
A cura di Ufficio Stampa Città Metropolitana

http://www.bolognaestate.it/calendar

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 87 volte

Inserito da redazione il Lun, 02/07/2018 - 08:33


Notte blu tra i canali di Bologna, città d'acque

Bologna si colora di blu…prenota il tuo evento!
Mercoledì 06 giugno 2018, i Consorzi dei Canali di Reno e Savena in Bologna, presentano la sesta edizione di NOTTE BLU, la manifestazione dedicata alla valorizzazione dello storico patrimonio tecnico-idraulico, architettonico e storico di Bologna Città d’Acque.
Il programma include più di 20 eventi, che si svolgeranno
dalle ore 19.00 alle ore 23.30, tra cui: percorsi tematici guidati, laboratori didattici per bambini, musica dal vivo, mostre fotografiche, esperienze in 3d e visite guidate a siti solitamente non accessibili al pubblico! In particolare l’edizione 2018 di NOTTE BLU prevede il lancio di queste speciali iniziative:
ACQUA IN BOCCA - Passeggiata con cena a sorpresa alla scoperta delle acque di Bologna”, “SCATTA UN SELFIE AL GUAZZATOIO: PER UNA SERA VIVI L’ATMOSFERA DELLA PICCOLA VENEZIA”, “CANALE A LUME DI CANDELA”….
Per scoprire il programma completo della serata visita il nuovo sito www.notteblubologna.it : le varie iniziative saranno aggiornate in tempo reale… SONO APERTE LE PRENOTAZIONI!

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 70 volte

Inserito da redazione il Lun, 04/06/2018 - 09:15


I tesori d'arte della Certosa di Bologna. Visite guidate e spettacoli per conoscerli

CERTOSA DI BOLOGNA CALENDARIO ESTIVO 24 maggio - 26 settembre 2018
Al via la rassegna con oltre quaranta appuntamenti fra spettacoli itineranti, rappresentazioni teatrali e visite guidate tematiche, curata dal Museo civico del Risorgimento - Istituzione Bologna Musei, e giunta alla decima edizione: le forme del passato, la scoperta del presente. Agli appuntamenti notturni si aggiungono una mostra al Museo del Risorgimento con inaugurazione venerdì 1 giugno ore 17.30, visite guidate diurne e conferenze.
Il Calendario prende il via in occasione dell'annuale "
Settimana alla scoperta dei cimiteri europei" promossa dall'ASCE – Association of Significant Cemeteries in Europe. Un programma realizzato con: Associazione Culturale Youkali, Associazione culturale Rimachèride, Associazione culturale Didasco, Associazione Percorso della memoria rossoblù - Centro Bologna Clubs, City Red Bus, Fondazione Collegio Artistico Venturoli, G.A.I.A eventi, La Baracca – Testoni Ragazzi. Con la collaborazione di: ASCE - Association of Significant Cemeteries in Europe, Associazione 8cento, Associazione Amici della Certosa, BSC - Bologna Servizi Cimiteriali, AICS Bologna, Liceo Ginnasio L. Galvani, Liceo Linguistico Internazionale C. Boldrini.
* Info: Uffici: via de' Musei 8 | 40124 Bologna | tel. +39051225583
museorisorgimento@comune.bologna.it  www.museibologna.it/risorgimento

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 109 volte

Inserito da redazione il Lun, 04/06/2018 - 09:10


Ritratti di famiglia. Incontri al Museo Civico Archeologico

Museo Civico Archeologico di Bologna , Via dell’Archiginnasio 2
Continuano le conversazioni a due voci e gli eventi legati alla mostra RITRATTI DI FAMIGLIA, a cura di Paola Giovetti e Anna Dore. Ecco i prossimi appuntamenti:
- 23 maggio h 18, Cristiana Morigi Govi, già direttrice del Museo Civico Archeologico, “Il Museo civico (1881): dal progetto alla vita di un’istituzione”. Dialogano con lei Paola Giovetti e Anna Dore.
-
26 Maggio h 18, Concerto del Coro Athena. All’interno della mostra trova spazio anche la musica, per sottolineare col canto corale le diverse epoche e i diversi contesti protagonisti dell’esposizione.
- 30 maggio h 18, Roberto Balzani, presidente SMA - Sistema Museale di Ateneo Università di Bologna, “Oggetti mobili e società immobile nel Settecento inquieto del conte Marsili”. Dialogano con lui Paola Giovetti e Anna Dore.
- 6 giugno h 18, Giovan Battista Vai,
già direttore del Museo Geologico “Giovanni Capellini”, “Ulisse Aldrovandi: classificare il mondo”. Dialogano con lui Paola Giovetti e Anna Dore.
**
4€ per l’incontro + biglietto ridotto Museo (3€)
*** Per i possessori della Card Musei Metropolitani Bologna: € 3,00 per l’incontro + ingresso gratuito al Museo
http://www.comune.bologna.it/archeologico/eventi/47655/id/94702

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 71 volte

Inserito da redazione il Mar, 22/05/2018 - 08:01


Card Musei Metropolitani di Bologna. Una opportunità conveniente

La Card Musei Metropolitani Bologna è l’abbonamento che ti offre per 12 mesi ingressi gratuiti e riduzioni speciali per musei, mostre, teatri, cinema e festival, oltre a un programma di attività esclusive.
Un’opportunità unica per conoscere e vivere con massima libertà i tanti luoghi d’arte e cultura presenti a Bologna e nell’area metropolitana.

Ecco tutti i vantaggi che include la Card:
- 32 musei a ingresso gratuito
- 20 musei a ingresso ridotto
- riduzioni fino al 50% per le mostre più importanti a Bologna e nell’area metropolitana
- biglietti ridotti per alcuni musei dell’Emilia-Romagna
- riduzioni per spettacoli e abbonamenti di 19 teatri
- biglietti ridotti per 9 cinema
- biglietti ridotti per le principali stagioni musicali bolognesi e per gli eventi di alcuni festival
- attività speciali riservate agli abbonati, proposte dai tanti musei che partecipano alla rete.
- Attenzione: non è possibile acquistare on line biglietti per le mostre con riduzione Card: i biglietti sono acquistabili esclusivamente in biglietteria al momento dell’ingresso. Non è possibile emettere biglietti in data diversa dal giorno in cui si visita la mostra.

* La Card Musei è in vendita al prezzo di € 25,00 e vale 12 mesi dalla data di attivazione.
** SCOPRI TUTTI I MUSEI ADERENTI e altre informazioni su modalità abbonamento, su https://www.cardmuseibologna.it/

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 121 volte

Inserito da redazione il Gio, 17/05/2018 - 09:16


Settimana della Bonifica: tante iniziativa per conoscere strutture e attività

19-27 maggio - Settimana della bonifica 2018: tutte le iniziative
Una settimana dedicata a far conoscere attività e ruolo della
Bonifica Renana: questo il significato delle numerose iniziative organizzate dal Consorzio che, come ogni anno, a maggio apre le proprie porte a tutti i consorziati e cittadini.
Ricordiamo che oltre agli eventi specifici proposti dal seguente programma,
nei giorni 19, 20, 26 e 27 maggio 2018 il Museo della Bonifica (a Saiarino di Argenta, Ferrara) sarà aperto gratuitamente al pubblico: per prenotare le visite guidate telefonare al n. 0532 808058.
* Programma completo delle iniziative
-
giovedì 17 maggio 2018, ore 17.00Regole per la gestione della rete consortile irrigua e di scolo, videopresentazione per gli agricoltori dell’Unione Terre di Pianura, Auditorium via Minghetti 9, Altedo, Malalbergo.
-
17, 18 e 19 maggio 2018 – Bonifica Renana illustra l’evoluzione del territorio bolognese con video e documentari presso la manifestazione Peonia in Bloom, nella sede della Fondazione Pio Istituto Sordomute Povere, via della Braina 11, Bologna.
-
18, 19 e 20 maggio 2018 Il giardino della sede centrale della Bonifica Renana, via S. Stefano 56, Bologna aderisce con la propria ghiacciaia al percorso DIVERDEINVERDE. In Sala Consiliare area video e documentari su ruolo e funzioni del sistema terra-acqua nel bacino del Reno.
- martedì 22 maggio 2018, ore 9.00
– Visita guidata al Museo della Bonifica e all’Oasi di Campotto per gli alunni della scuola primaria De Amicis di San Pietro in Casale.
- giovedì 24 maggio 2018, ore 9.30
Spettacolo PER OGNI ACQUA CHE SCENDE E CHE SALE C’E’ SEMPRE UN CANALE di Lorenzo Bonazzi, con visita guidata dell’impianto storico di Bagnetto (Castello d’Argile) per le scuole primarie di San Benedetto Val di Sambro e Pian del Voglio.
- giovedì 24 maggio 2018, ore 17.30
Convegno INVESTIMENTI IDRAULICI E RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI: una relazione positiva, Sala del Consiglio, Palazzo Zani, via Santo Stefano 56, Bologna. **( vedi programma nel seguito  dell'articolo)
- venerdì 25 maggio 2018, ore 10.0
010° Workshop sulla risorsa idrica sul tema LA CURA DEL TERRITORIO È UNA RESPONSABILITÀ COMUNE, dedicato a professionisti, tecnici e amministratori degli enti locali, Saiarino di Argenta, Ferrara.
***
Per conoscere il programma delle iniziative del Consorzio di Burana in altre località del ferrarese, vedi : http://www.consorzioburana.it/servizi/notizie/notizie_fase02.aspx?ID=5810

Scritto in Ambiente, ecologia, natura | Bolognaleggi tutto | letto 88 volte

Inserito da redazione il Gio, 17/05/2018 - 08:22


Il Canale emiliano romagnolo. Mostra di foto di Enrico Pasquali

IL CANALE EMILIANO ROMAGNOLO NELLO SGUARDO DI ENRICO PASQUALI
Mercoledì 23 maggio ore 17.30
Museo del Patrimonio industriale
, via della Beverara 123 Bologna
Una mostra fotografica per far conoscere un’opera di fondamentale importanza per l’economia del territorio attraverso le immagini di Enrico Pasquali, chiamato a documentare i lavori di costruzione del canale e degli impianti dalla fine degli anni Cinquanta.
Un grande fotografo neorealista alle prese con un incarico tecnico, che ha saputo arricchire di immagini indimenticabili di uomini al lavoro.
Saranno presenti:
Roberto Grandi, presidente dell’Istituzione Bologna Musei
Paolo Mannini, direttore del CER
* La mostra rimarrà aperta fino al 25 novembre 2018
Orari: Martedì-venerdì ore 9:00-13:00/ Sabato e domenica ore 10:00-18:30
** Dal 16 luglio al 15 settembre Apertura solo su prenotazione per gruppi. A cura di Sonia Lenzi www.consorziocer.it
*** Info: Museo del Patrimonio Industriale - Fornace Galotti tel. 051 6356611
museopat@comune.bologna.it www.museibologna.it/patrimonioindustriale

Scritto in Bologna | Economia e societàleggi tutto | letto 126 volte

Inserito da redazione il Gio, 17/05/2018 - 07:56


Il Genio delle donne artiste, in Europa e a Bologna

"Il Genio della Donna. Artiste in Europa dal Rinascimento all’Età dei Lumi" è il titolo del ciclo di conferenze dedicato alle donne artiste, curato da Vera Fortunati e Irene Graziani, e ospitato a palazzo Malvezzi (Bologna via Zamboni 13).
L'ultimo appuntamento, prima della pausa estiva, è
giovedì 10 maggio (ore 17.30), ed è dedicato alla presentazione del libro di Consuelo Lollobrigida “Plautilla Bricci, l’architettrice del barocco romano”.
Vera Fortunati, Irene Graziani e Valeria Rubbi
ne parleranno con l’autrice.
Il ciclo di conferenze, promosso e organizzato dalla
Città metropolitana di Bologna in collaborazione con il Dipartimento delle Arti dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, intende divulgare gli esiti dei più recenti studi emersi in Italia e all’estero sul ruolo della donna nella storia dell’arte.
Dal Medioevo al Novecento il ruolo della donna a Bologna è stato particolarmente significativo sia nel campo delle arti figurative, che in quelli della letteratura e delle scienze.
Se lo Studium ha precocemente favorito la presenza femminile nella docenza universitaria, anche l’ambiente artistico si è dimostrato aperto all’attività delle donne artiste. Partendo dalla ricostruzione di questa storia – che ha dato vita nel tempo alla pubblicazione di studi monografici e a importanti mostre dedicate a protagoniste come Properzia de’ Rossi, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, Ginevra Cantofoli, divenute ormai note al grande pubblico – è sorto a Bologna il “Centro di documentazione per la storia delle donne artiste in Europa” sotto la direzione scientifica di Vera Fortunati. Fondato nel 2007 per volere dell’Amministrazione provinciale di Bologna, contiene più di seimila voci di artiste che hanno operato in Europa dal Medioevo al Novecento.
Il ciclo si tiene nell'ambito delle attività del “Centro di documentazione per la storia delle donne artiste in Europa”, che ha sede in via della Rondine 3 a Bologna, presso l'Archivio storico della Città metropolitana.

http://www.cittametropolitana.bo.it/portale/Engine/RAServePG.php/P/2553810010100/T/Il-Genio-della-Donna-Artiste-in-Europa-dal-Rinascimento-all8217Eta-dei-Lumi

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 138 volte

Inserito da redazione il Sab, 05/05/2018 - 09:36


Bologna nel lungo Ottocento, nel sito Storiae Memoria di Bologna

BOLOGNA NEL LUNGO OTTOCENTO - 1796 | 1915
E’ online il nuovo scenario del sito Storia e Memoria di Bologna dedicato alla città dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra. I protagonisti, i luoghi, gli eventi e le opere che hanno dato il volto che oggi conosciamo di Bologna. I numeri dello scenario: 153 approfondimenti sugli eventi della città, 19 schede dedicate ad aziende e società, 101 pagine di chiese, palazzi, giardini e teatri, 800 opere d'arte, 1200 biografie, 130 video, 330 documenti liberamente scaricabili, 8100 immagini.
Il portale, che sarà continuamente arricchito, è stato realizzato dal Museo civico del Risorgimento in collaborazione con numerose istituzioni quali la Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, la Biblioteca comunale dell'Archiginnasio, il Collegio Artistico Venturoli. Lo scenario costituisce un ulteriore capitolo che va ad arricchire il sito, che si propone di creare e rendere accessibile a tutti gli utenti web una memoria collettiva, cittadina e nazionale, sugli avvenimenti storici di Bologna e della sua area metropolitana, nel periodo compreso tra l'età napoleonica e la Liberazione del 1945.
Nel periodo compreso tra la Rivoluzione Francese e lo scoppio della prima Guerra Mondiale - il “lungo Ottocento” nella definizione di Eric Hobsbawm - Bologna viene assumendo i tratti che l'hanno connotata fino ai giorni nostri, da un punto di vista urbanistico, sociale, culturale e di autorappresentazione. All'interno di un'Italia che proprio in quegli anni, attraverso le vicende del Risorgimento, conquistava la propria unità politica, l'immagine – ma anche la realtà – di Bologna si viene via via caratterizzando come quella di una città aperta alle istanze del progresso e della cultura, con una robusta identità popolare, nella quale si susseguono governi cittadini fortemente presenti e capaci di progettualità e di intervento, capaci di interagire con una società civile ed economica a sua volta estremamente dinamica.
E' questo il volto della città che ci è stato consegnato e che ci appartiene, ed è quello che emerge seguendo le biografie dei protagonisti e lo snodarsi degli eventi, attraversando le descrizioni dei luoghi nei quali tutto ciò si svolse; scoprendo gli eventi che li ha coinvolti, leggendo i documenti e osservando le opere di quel formidabile secolo.
Tutto attraverso le pagine di questo scenario.
Sezione realizzata grazie anche al contributo della Regione Emilia Romagna
http://www.storiaememoriadibologna.it/ottocento

Scritto in Bologna | Storia. Locale e generaleleggi tutto | letto 404 volte

Inserito da redazione il Mar, 20/03/2018 - 09:37


I redditi 2015 dichiarati dai cittadini di Bologna. Osservazioni e dati

I redditi 2015 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna
L’Ufficio Comunale di Statistica ha diffuso l’aggiornamento del consueto studio sui redditi dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. I contribuenti nel 2015 erano 293.587 con un reddito imponibile complessivo di oltre 7,3 miliardi di euro; il reddito imponibile medio è stato quindi pari a 24.955 euro, mentre il reddito mediano si è attestato a 19.557 euro. Con questi valori Bologna si conferma sul podio della classifica dei redditi delle maggiori città italiane. Due i principali aspetti positivi che emergono dall’analisi: la tendenziale riduzione delle differenze di genere, seppur ancora marcate, e il continuo miglioramento nel tempo dei redditi degli anziani. Tra gli aspetti negativi emergono invece le difficoltà della popolazione giovanile e l’aumento, nel medio periodo, della distanza tra i contribuenti più abbienti e quelli più disagiati, mostrando così un lieve aumento delle disuguaglianze.
* Il documento completo, con dati, tabelle e grafici, è leggibile nellallegato a questo articolo.
Ne anticipiamo alcuni stralci:
...Nel 2015 il 10,2% dei contribuenti residenti risulta costituito da stranieri e la percentuale sale al 16,3% tra chi ha meno di 60 anni di età….
...Il reddito mediano sancisce il divario esistente a sfavore degli stranieri: gli italiani dichiarano mediamente circa 21.000 euro, mentre gli stranieri poco più di 10.000. Solo nel caso dei giovanissimi, la cui numerosità è peraltro molto ridotta, gli italiani guadagnano meno degli stranieri…..

.Dall’analisi delle principali tipologie familiari, sempre con i limiti insiti nei dati di natura anagrafica, si rileva che quasi 51.000 contribuenti sono donne sole e oltre 37.600 uomini soli; il reddito mediano dichiarato dai single è decisamente più alto per gli uomini (21.900 euro) rispetto alle donne (19.100 euro circa) che vivono in questa condizione. Lo stesso divario si nota considerando la tipologia dei padri soli con uno o due figli e delle madri sole con uno o due figli: mentre infatti nel primo caso il reddito mediano pro capite dichiarato è pari rispettivamente a 18.700 euro e a 13.000 circa, nel secondo si scende a quasi 13.300 euro e a 8.300…..
..Considerando ora il reddito mediano pro capite equivalente (di nuovo secondo la scala OCSE modificata), la migliore performance tra le diverse tipologie di famiglia è quella ottenuta dai coniugi senza figli, seguiti dai padri soli con un figlio e dai coniugi con un figlio.
Di nuovo invece si nota la difficile situazione delle coppie in cui sono presenti 3 figli, che occupano la posizione più svantaggiata dopo quella delle donne sole con due figli.
**
Info: http://statistica.comune.bologna.it
Il Dirigente dell'Ufficio Comunale di Statistica Area Programmazione Controlli e Statistica
Dott. Franco Chiarini

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bologna | Economia e Societàleggi tutto | letto 303 volte

Inserito da redazione il Gio, 04/01/2018 - 11:14


Il pane tra città e contado, in tre percorsi guidati

Il Museo del Patrimonio Industriale di Bologna, in collaborazione col Museo della Civiltà Contadina di S. Marino di Bentivoglio, promuove tre appuntamenti gratuiti, dedicati al ciclo del pane tra Bologna e Bentivoglio.
Il pane tra città e contado
percorsi tra Bologna e Bentivoglio
Le attività di visita, che prevedono degli spostamenti con bus dedicato, sono totalmente gratuite con prenotazione obbligatoria allo: 051 6356611 (segreteria del Museo del Patrimonio Industriale).
I posti sono limitati!
- Domenica 3 Dicembre ore 14:30
Dal canale delle Moline alla Fornace Galotti passando per il Forno del Pane
Si comincia nei pressi di via Capo di Lucca sul canale delle Moline che prende il nome dalle presenza già attestata nel XV secolo dei 15 mulini da grano cui è affidata sino al XIX secolo l'intera attività molitoria della città. Si prosegue con bus privato sino al MAMbo per visitare gli spazi del Forno Comunale voluto nel 1917 da Francesco Zanardi. I dieci forni che lo componevano, a pieno regime, erano in grado di sfornare ogni giorno la metà del pane necessario alla città. Si termina, seguendo virtualmente il canale Navile, con una visita al Museo del Patrimonio Industriale dedicata al sistema idraulico artificiale e all'antica industria molitoria di Bologna.
* Punto di ritrovo in via Indipendenza, 44 (Arena del Sole) con inizio alle ore 14:30 e termine alle 17:30
Incontro gratuito con prenotazione allo 051.6356611 entro mercoledì precedente
- venerdì 8 dicembre ore 11:00
Dal sostegno del Battiferro al castello di Bentivoglio passando per villa Smeraldi
Con un bus privato, seguendo idealmente il canale Navile, si raggiunge l’ottocentesca Villa Smeraldi, sede del Museo della Civiltà Contadina di S. Marino di Bentivoglio dove si visiterà la sezione dedicata al frumento: la più importante delle colture praticate nei poderi della pianura bolognese, da cui dipendeva l’approvvigionamento dei ceti popolari della campagna e della città. Per il pranzo libero ci si sposta a Bentivoglio tra i banchetti del Mercatino di Natale per poi visitare il Castello di Giovanni II Bentivoglio, dimora rinascimentale di villeggiatura che conserva una perla dell’arte del Quattrocento: la Sala del Pane, uno straordinario e insolito ciclo di affreschi che ripercorre le varie fasi della panificazione, dalla semina fino al banchetto di corte.
* Punto di ritrovo in via della Beverara 123 (Parcheggio Museo del Patrimonio Industriale) con inizio alle ore 11:00 e termine alle 16:00
Incontro gratuito con prenotazione allo 051.6356611 entro mercoledì 6 Dicembre

Scritto in Bentivoglio | Bolognaleggi tutto | letto 183 volte

Inserito da redazione il Lun, 27/11/2017 - 12:15


XIV Festa internazionale della Storia, dedicata a clima e ambiente

Festa internazionale della storia" 2017
XIV edizione 21-29 ottobre 2017,
dedicato ai CONTESTI:
CLIMA, AMBIENTE E RISORSE TRA STORIA E FUTURO
Tutte le vicende storiche sono influenzate da condizioni e da evoluzioni ambientali connesse a
situazioni, fenomeni ed eventi naturali sui quali incidono in modo sempre più sensibile i comportamenti umani.
Dato che pervadono ogni aspetto vitale, culturale, economico e sociale e riguardano tutti, tali dinamiche esigono risposte consapevoli, responsabili e coerenti per le quali non basta l’osservazione tecnico-scientifica. Ripercorrere la storia umana alla luce di questi legami permette di promuovere una maggiore consapevolezza sui rischi naturali e antropici, sulle azioni e i comportamenti che si rendono opportuni per prevenire o limitare gli effetti delle calamità. Nello specifico si affronteranno i temi e i dibattiti legati ai cambiamenti climatici, ai disastri sismici e idrogeologici, alla vulnerabilità del territorio e dell'edificato, alle guerre e alle migrazioni, ai beni culturali a rischio, alla prevenzione, difesa e ricostruzione del patrimonio, alla disponibilità ed efficacia delle risorse umane e tecnologiche.
Tra le iniziative, ritorna il tradizionale appuntamento con
XV EDIZIONE DEL PASSAMANO PER SAN LUCA
 Lungo il portico di San Luca dall’arco del Meloncello alla Basilica di San Luca.
Passamano con le tegole della solidarietà e le bandiere del mondo, con la partecipazione dei tamburini dell’Istituto di Rastignano e della Scuola primaria Sanzio di Bologna. Saranno premiate le scuole vincitrici del Concorso Filatelico Emiliano. “Il patrimonio alimentare tra storia, attualità e futuro”, promosso dal Centro DiPaSt in collaborazione con la Mutua Salsamentari 1876 in occasione del 140°anniversario della sua nascita.
** Il programma dei numerosissimi e interessanti eventi , in
Bologna e territorio bolognese, è leggibile sul sito
- http://www.festadellastoria.unibo.it/
- http://www.festadellastoria.unibo.it/avvisi/programma-festa-internazionale-della-storia-2017

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognaleggi tutto | letto 176 volte

Inserito da redazione il Lun, 16/10/2017 - 09:31


Al Museo Civico Archeologico, lavori in corso, e nuova mostra

Museo Civico Archeologico di Bologna Via dell’Archiginnasio 2
Per una di quelle coincidenze che solo il destino sa trovare, a 136 anni esatti dal giorno della sua apertura il 25 settembre 1881,
il 25 settembre 2017 il PRIMO PIANO DEL MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO CHIUDE PER IMPONENTI LAVORI STRUTTURALI.
Il rifacimento non procrastinabile di una buona parte del coperto implica, infatti, la necessaria chiusura di tutto il primo piano dell’edificio: resteranno inaccessibili fino alla primavera del 2019 tutte le sale relative alla storia di Bologna (sezioni: preistorica, Bologna etrusca, bologna gallica, bologna romana), la Sala di Verucchio, la Gipsoteca e le collezioni greca, etrusco italica e romana.
Cosa resta quindi del Museo Civico Archeologico?
- La collezione egiziana, la terza in Italia per importanza, resterà visitabile senza limitazioni (e
addirittura con alcune novità) e così il lapidario, tra atrio e cortile del Museo.
- Anche la sala mostre, resterà agibile, pronta ad ospitare eventi culturali.
Resta poi, come di consueto, la programmazione di incontri per il pubblico più giovane ed adulto
nei fine settimana.
Non vi lasciamo soli, stiamo solo lavorando per tornare più solidi e duraturi di prima.
** In occasione dei lavori è prevista la tariffa unica ridotta di € 3 per l'accesso al Museo
Inoltre:
- 30 settembre 2017 - ore 18
Presentazione e apertura al pubblico della Collezione Ancarani

Ciclo di Conferenze
- 7 ottobre 2017 - ore 16
Essi scrivevano sull'argilla
La scrittura cuneiforme dell'antica Mesopotamia
- Gian Pietro Basello Università "L'Orientale" di Napoli
- 21 ottobre 2017 - ore 16
Sumeri, Assiri e Babilonesi a Bologna -I reperti mesopotamici della Collezione Ancarani
Gianni Marchesi Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
- 4 novembre 2017 - ore 16
La formazione dello stato nella Mesopotamia del III millennio a.C. Ur e Kish, due casi di studio
Giacomo Benati e Federico Zaina Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
- 18 novembre 2017 - ore 16
Distruzione e rinascita di Ninive Passato e futuro della più grande capitale assira- Nicolò Marchetti Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 192 volte

Inserito da redazione il Gio, 28/09/2017 - 16:15


2 mostre tra Storia e memoria

2 Mostre al Museo civico del Risorgimento e oltre
- Dal 16 Settembre al 7 Novembre

Gianni Turin. Diffusa 17. Sacrificio e Memoria

L'esposizione, diffusa su diverse sedi cittadine, si presenta come commemorazione degli eventi storici che caratterizzano il Novecento e la storia di Bologna; per tale ragione Turin ha pensato di legare le diverse sedi nel filo conduttore del suo linguaggio artistico, per creare un percorso di riflessione che consenta al visitatore di ritrovare ragioni, cause e conseguenze di gesti e avvenimenti che in alcuni casi oggi appaiono ancora incomprensibili. Al Museo del Risorgimento è visibile l'opera Nero assoluto (2008), polimaterico su tela.
- Dal 23 Settembre al 5 Novembre 2017 - Mostra
Follie. Scappare dalla guerra, rincorrere la guerra

Spesso la guerra è stata definita "follia", e la Grande Guerra non fece eccezione: milioni di morti, invalidi, vedove, orfani, portarono al crollo dell’Europa della Belle Époque e fecero traballare il mito del progresso senza fine che le conquiste scientifiche e culturali avevano eretto a mito, dall'età dei lumi in poi. Ingresso libero il giorno dell'inaugurazione. La mostra è realizzata dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis di Duino Aurisina nell'ambito del progetto pluriennale "Voci di guerra in tempo di pace".
***Museo del Risorgimento, Piazza Carducci, 5. Dal lunedì alla domenica 9/13, chiuso lunedì. Ingresso 5 euro, ridotto 3 euro.
Info 051225583 musoerisorgimento@comune.bologna.it

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 199 volte

Inserito da redazione il Mer, 20/09/2017 - 09:53


Cinema in piazza, Musei e cultura a Bologna in estate

- Sotto le Stelle del Cinema
La Cineteca di Bologna presenta , nell’ambito Best – La cultura si fa spazio, il programma di Sotto le stelle del Cinema, 55 serate gratuite dedicate alle migliaia di persone che dalla metà di giugno tradizionalmente affollano le proiezioni in Piazza Maggiore. Anche quest'anno, tutte le sere alle 21.45, si illuminerà lo schermo di Piazza Maggiore, uno dei più grandi e più amati d’Europa, per risplendere dei migliori restauri e delle migliori copie dei classici che hanno fatto la storia del cinema.
Maggiori informazioni e programma:
http://www.comune.bologna.it/news/sotto-le-stelle-del-cinema-3
- Best - La cultura si fa spazio
Il cartellone delle attività estive promosso e coordinato dal Comune di Bologna: cinema, musica, spettacoli, danza e incontri per vivere l’estate in oltre 70 luoghi della città, dal centro alle periferie.
http://agenda.comune.bologna.it/cultura/bolognaestate
** Inoltre
Perché non godersi il fresco di un museo per affrontare l'afa del fine settimana?
Con la Card Musei Metropolitani hai accesso gratuito e illimitato alle collezioni permanenti e ingresso ridotto alle mostre temporanee di oltre 30 musei di Bologna e dell'area metropolitana.
Tra le iniziative di questo week end segnaliamo l'Open Day del gusto al Museo della Civiltà Contadina Bentivoglio.
Se non hai ancora #cardmuseibo, acquistala qui: http://bit.ly/puntivenditacard
Dove acquistarla - Bologna Cultura
Acquistala prima della tua visita al museo o alle mostre per usufruire subito di vantaggi e opportunità speciali.
*** Altri link utili per saperne di più
- https://www.facebook.com/bocultura/?hc_ref=PAGES_TIMELINE
- https://www.youtube.com/watch?v=GkJOQVDCsLE

Scritto in Bolognaleggi tutto | letto 348 volte

Inserito da redazione il Dom, 25/06/2017 - 08:17


Imprese e mercato del lavoro nel 2016 a Bologna e Città metropolitana

- Le imprese a Bologna nel 2016
Il numero di imprese attive a fine 2016 nel comune di Bologna (32.459) si è mantenuto sostanzialmente stabile (appena 36 unità in più nell’ultimo anno).
In ulteriore crescita le attività operanti nel comparto ricettivo e di ristorazione, nei servizi alle imprese, nell’istruzione e nella sanità; ancora in calo invece il commercio, il settore immobiliare e quello manifatturiero.
Tra il 2008 e il 2016, nel pieno della crisi economica globale, in città si sono perse 220 imprese (con un calo dello 0,7%).
Nel 2016 si conferma la crescita in città del numero di stranieri titolari di imprese individuali (oltre 3.700, 132 in più rispetto a fine 2015). Invariate nel 2016 le cooperative con sede nel comune di Bologna, mentre calano lievemente le imprese artigiane (-15 imprese nel 2016). Si segnala la crescita delle imprese a guida femminile, aumentate nel 2016 di oltre 70 unità (+1,1%); contemporaneamente si registra un calo delle imprese giovanili, scese in un anno dell’1,6% (-46 unità attive).
** Il report completo è leggibile nel documento allegato sottostante
- Il mercato del lavoro nell'area metropolitana bolognese nel 2016

La Città metropolitana di Bologna nel 2016 ha segnato una crescita di circa 22.000 occupati e al contempo ha visto il tasso di disoccupazione passare dal 7,2% del 2015 all’attuale 5,4% (quasi 8.000 disoccupati in meno), mostrando un livello e una dinamica decisamente più favorevoli rispetto a quelli registrati in ambito regionale.
Nel 2016 gli occupati della Città metropolitana di Bologna sono complessivamente circa 465.000, in aumento del 5% rispetto al 2015 (+22.200 circa). Sono in crescita sia gli occupati maschi (circa 10.700 unità, pari al +4,5%) sia le donne lavoratrici (circa 11.500 unità, pari al +5,6%). Nel comune di Bologna risultano occupati circa 175.300 mila individui, pari a circa il 38% dei lavoratori su scala metropolitana.

Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bologna | Economia e Societàleggi tutto | letto 384 volte

Inserito da redazione il Mer, 14/06/2017 - 11:49

fonte XML