Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Un Premio Strega speciale per la Costituzione


Nel sessantesimo anniversario della Repubblica Italiana e a sessanta anni dall’inizio dei lavori dell’Assemblea Costituente, il Premio Strega, che festeggia la sua sessantesima edizione, rende onore alla nostra Carta costituzionale con un Premio Strega speciale che intende essere un omaggio e una testimonianza di adesione ai principi fondamentali enunciati dalla Costituzione, oltre che un riconoscimento alle qualità espressive di un testo capace, come una grande opera letteraria, di parlare “per tutte e a tutte le coscienze”.
Alla vigilia di una importante consultazione referendaria, il Premio Strega intende favorire la diffusione e la conoscenza della Costituzione Italiana celebrando la nitidezza e l’attualità dei principi che essa enuncia. Il Premio speciale viene consegnato in Piazza del Campidoglio, mercoledì 21 giugno, ad uno dei “padri costituenti”, il Presidente Emerito Oscar Luigi Scalfaro.
Alla cerimonia di premiazione si affianca una lettura da parte degli Amici della Domenica, il corpo elettorale del Premio Strega, di alcuni articoli della Costituzione tra i più rappresentativi, per evocare la forza al tempo stesso solenne e limpida di un linguaggio capace di commuovere gli animi.


Una festa, dunque, una celebrazione e un devoto omaggio, in memoria di un periodo drammatico ma “gravido” di futuro come il secondo dopoguerra da cui ormai ci separano sessant’anni. Un modo per ricordare e rinnovare l’impegno di quanti, in forme diverse, contribuirono “a tessere la trama civile e democratica dell’Italia rinata alla libertà”, come ha scritto Tullio De Mauro nell’introduzione all’edizione speciale della Costituzione Italiana pubblicata da Utet per l’occasione, che riporta anche una nota di Lucio Villari. “La nostra repubblica – così conclude lo storico –, nonostante instabilità, crisi, incertezze politiche e giuridiche, rimane solida nelle sue strutture e istituzioni grazie a una Costituzione che fu pensata per l’Italia del futuro e non soltanto per risolvere i problemi lasciati dal fascismo e per attrezzare uno Stato nascente su nuovi principi e in una proiezione europea”.

Motivazione del Premio Strega speciale

A sessant’anni dalla nascita della Repubblica e dall’avvio della preparazione della Costituzione anche gli Amici della Domenica – la larga unione di scrittrici e scrittori, intellettuali, donne e uomini di cultura promossa da Goffredo e Maria Bellonci, che assegna annualmente il premio Strega – festeggiano un loro particolare anniversario: l’assegnazione imminente del sessantesimo Premio Strega. Ci si è così proposti di celebrare questo sessantesimo unendosi all’omaggio che istituzioni e popolo stanno rendendo alla nostra carta costituzionale. È possibile far ciò nelle forme, pur eccezionali, proprie degli Amici della Domenica: e cioè assegnando alla Costituzione un premio speciale straordinario.

La nostra carta costituzionale, certo, non è un testo letterario. Quale “Bibbia laica”, secondo le recenti parole di Carlo Azeglio Ciampi, essa è una fonte profonda di ispirazione per l’intera vita della società. Grazie a essa intendiamo come la nostra società è o come dovrebbe essere, ha aggiunto ancor più di recente il presidente Giorgio Napolitano nel suo primo incontro pubblico, dedicato a ragazze e ragazzi delle nostre scuole. Dunque, è una sorgente viva e preziosa per rendere l’intero tessuto sociale e istituzionale conforme ai principi fondamentali che essa enunzia.

Ma la nitidezza senza equivoci di tali principi, rara in testi normativi, è, come sappiamo, frutto anche di un’alta tensione espressiva. Una tensione non fine a se stessa: essa ha consentito e consente alla carta di parlare per tutte e a tutte le coscienze, come sanno fare le opere più alte della nostra letteratura.
Sentiamo che il riconoscimento del premio speciale è poca cosa di fronte al travaglio secolare, culminato nella Resistenza e nella Liberazione, che portò a quella concordia di pensieri e intenti da cui nacque questo testo. Ma il premio speciale e le iniziative di promozione della conoscenza e diffusione della lettura della nostra legge fondamentale sono la forma che ci è data, in questo comune anniversario, per testimoniare la nostra adesione profonda ai principi della Costituzione della Repubblica.



Tullio De Mauro

Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Maria e Goffredo Bellonci

In rappresentanza degli Amici della Domenica, corpo elettorale del Premio Strega

Scritto in Storia. Locale e generaleinvia ad un amico | letto 1412 volte

Inserito da redazione il Ven, 2006-06-16 05:04