Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Dossier statistico Immigrazione a Bologna 2015


Dossier Statistico Immigrazione 2015
I dati nazionali e metropolitani (anche su Video sul sito sottoindicato)
Il 29 ottobre 2015 è stato presentato in contemporanea a livello nazionale il Dossier Statistico Immigrazione 2015, curato dal Centro Studi e Ricerche IDOS in parternariato con la rivista CONFRONTI, in collaborazione con UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.
A Bologna la presentazione è avvenuta a palazzo Malvezzi, sede della Città metropolitana, dove contestualmente sono stati presentati i primi dati del Rapporto “Cittadini stranieri nell’area metropolitana di Bologna: caratteristiche e tendenze 2015”, riferiti al profilo socio-demografico dei cittadini stranieri ed al loro inserimento nel mercato del lavoro.
Il Rapporto, realizzato dalla Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo per l'Osservatorio delle Immigrazioni della Città metropolitana di Bologna, sarà completato entro dicembre 2015 con la sezione dedicata a scuola, formazione e università, casa, sanità, servizi socio-sanitari e giustizia.
Dossier statistico immigrazione 2015, a cura di Rainews24
Stranieri residenti nell’area metropolitana di Bologna

Secondo la ricerca, al 1° gennaio 2015 gli stranieri residenti nell’area metropolitana di Bologna risultano 116.034, pari all’11,5% della popolazione residente complessiva, dato in controtendenza rispetto alla flessione seppur minima registrata fra il 2013 e il 2014.
La metà (57.979, pari al 50%) risiede a Bologna dove costituisce il 15% del totale della popolazione residente. Nel territorio metropolitano il primato spetta a Crevalcore (15,4%). Al terzo posto è Vergato (14,6%).
Nel corso degli anni Duemila, la popolazione residente complessiva è aumentata di circa di 91mila persone, quella italiana di circa 7.700 (+0,9%) mentre quella straniera di oltre 83mila (+255,6%). Il saldo naturale (la differenza tra le nascite e le morti) continua a rimanere di segno negativo per la componente italiana, mentre è altamente positivo – e per di più con un peso crescente – per quella straniera, per la quale si aggiunge anche un marcato contributo del saldo migratorio.
Acquisizioni di cittadinanza
Fra il 2012 e il 2014 sono aumentate del 67%. Erano 300 casi nel 2002, diventati circa 1.000 nel 2005 e 2006 e oltre 3.100 nel 2014. Quindi i neo-italiani residenti si sono più che decuplicati in poco più di dieci anni, riducendo di conseguenza il numero dei residenti stranieri.
Gruppi nazionali
Al 1° gennaio 2015, i rumeni si riconfermano i più numerosi con quasi 23mila residenti, pari al 19,8% del totale delle presenze straniere. Al secondo posto sono i cittadini del Marocco (12,5%) e al terzo gli albanesi (7,1%), seguiti da moldavi e pakistani.
Si conferma la prevalenza di donne straniere. Nel 1993 costituivano poco più di un terzo degli stranieri residenti, dal 2007 erano diventate più della metà, nel 2015 sono il 54,4%.
Minori
I minori stranieri residenti nei comuni dell’area metropolitana di Bologna al 1° gennaio 2015 sono oltre 25mila, pari al 16,3% del totale dei minori residenti. Il dato evidenzia il notevole peso assunto dagli stranieri sul totale della popolazione giovanile residente nel territorio.
Parte di loro sono bambini stranieri nati nell’area; nel 2014 sono stati 1.869, il 22,6% del totale dei nati nell’anno. Nel comune di Bologna l’incidenza di nati con cittadinanza non italiana è anche maggiore: 27,9% nel 2014.
Permessi di soggiorno
Al 1° gennaio 2014 (ultimo dato disponibile) gli stranieri extracomunitari in possesso di regolare permesso di soggiorno rilasciato dalla Prefettura di Bologna risultavano 87.600, ovvero +4,7% rispetto alla stessa data del 2013.
L’incremento del ricorso al permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo conferma la progressiva stabilità del fenomeno migratorio: per il territorio bolognese riguarda oltre 49mila cittadini extracomunitari (+8,8% rispetto all’anno precedente e +33,9% in quattro anni).
Questo tipo di permesso è progressivamente aumentato rispetto al numero di cittadini non comunitari residenti. A livello provinciale, nel 2011 si registravano meno di 46 soggiornanti di lungo periodo ogni 100 cittadini extracomunitari regolarmente presenti sul territorio; la percentuale è salita nel 2012 al 49,4%, al 54,1% al 1° gennaio 2013 e infine si è attestata al 57,0% nel 2014.
* Le versioni integrali dei dati del Rapporto “Cittadini stranieri nell’area metropolitana di Bologna: caratteristiche e tendenze 2015” riferiti al profilo socio-demografico dei cittadini stranieri ed al loro inserimento nel mercato del lavoro sono disponibili su:
- http://www.cittametropolitana.bo.it/portale/Engine/RAServePG.php/P/2205410010400/T/Cittadini-stranieri-in-provincia-di-Bologna-caratteristiche-e-tendenze-edizione-2015  
- www.cittametropolitana.bo.it/sanitasociale/Engine/RAServePG.php/P/257211180406/T/Dossier-e-documenti
**Maggiori informazioni sulle attività della Città Metropolitana di Bologna sui temi dell'immigrazione sono disponibili su: www.cittametropolitana.bo.it/immigrazione
- Info A cura di Ufficio stampa. Data ultimo aggiornamento: 29-10-2015


Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bologna | Società oggiinvia ad un amico | letto 1014 volte

Inserito da redazione il Sab, 2015-10-31 07:58