Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

70° Anniversario Liberazione. Le iniziative a Bologna e dintorni.


I 70 anni dalla Liberazione sono un momento di celebrazione, di riflessione e anche di festa per far conoscere e riportare alla memoria i momenti che segnarono – dopo anni di dolore e distruzione – la fine della guerra e del fascismo e l’avvio della rinascita di Bologna, del Paese e dell’Europa. Ampio il programma delle iniziative a Bologna, nell'area metropolitana e nell'Unione dei comuni Reno Gallieraleggibile ai siti seguenti:
- http://www.comune.bologna.it/news/le-iniziative-celebrare-il-70-anniversario-della-liberazione
- http://www.cittametropolitana.bo.it/portale/Engine/RAServePG.php/P/2105910010400/T/25-Aprile-2015-70-Anniversario-della-Liberazione
- http://www.renogalliera.it/news-unione/in-primo-piano/25-aprile-e-1-maggio-nei-comuni-della-reno-galliera

* Si segnala in particolare a Bologna:
da lunedì 20 nel Cortile d'Onore, anche uno dei mezzi simbolo dell'esercito alleato, costruito per la campagna in Europa: una delle jeep Bantam BRC custodita dal Museo Memoriale della libertà; dal 27 aprile al 4 maggio, la stessa sala ospita la mostra fotografica sulla Brigata Friuli.
Dal 17 aprile al 4 maggio, sempre a Palazzo d’Accursio e all'Istituto Parri, la mostra Framing Edward Reep. Un artista di guerra sulla via di Bologna 1943-45, del pittore e fotografo americano Edward Reep che documentò l'avanzata delle armate americane verso Bologna, e anche il muro di Palazzo d'Accursio che poi divenne il Sacrario dei Caduti partigiani.
***  Il Museo del Risorgimento rende disponibile dal 21 aprile il database online con le biografie di quasi 20.000 partigiani attivi nell'area metropolitana bolognese.
Oltre alle 2.200 biografie dei partigiani di Bologna e Provincia morti in combattimento, anche quelle degli oltre 15.000 partigiani che a vario titolo parteciparono alla lotta, e dei 1.900 che, provenienti da altre parti d'Italia (e non solo) operarono nel nostro territorio. Viene così a completarsi il quadro della Resistenza bolognese e dell'area metropolitana

 

Le iniziative in città sono state aperte, giovedì 16 aprile, da La Resistenza delle donne, un corteo in ricordo della manifestazione per la pace dei Gruppi di Difesa della Donna del 16 aprile del 1945, momento importante della mobilitazione popolare che portò, pochi giorni dopo, alla Liberazione di Bologna. Il corteo da piazza dei Martiri a via Indipendenza si è concluso con l'intervento della presidente del Consiglio comunale Simona Lembi. ….
- Come di consueto il 21 aprile, alle 10,30 in Piazza Nettuno, si celebra la Liberazione di Bologna. Interventi del presidente dell'ANPI Renato Romagnoli, del presidente dell'Associazione ex militari dei Gruppi di Combattimento dell'Esercito italiano di Liberazione Franco Finzi, di un rappresentante della Brigata Maiella e del Sindaco Virginio Merola. Piazza Maggiore ospita anche una mostra statica di mezzi della seconda Guerra Mondiale dell'Esercito Italiano.
Alle 11,45, la deposizione di corone alle lapidi che ricordano l'ingresso dei polacchi a Porta Maggiore e dei militari italiani a Porta Santo Stefano.
Alle 16, sulla scalinata del Sacrario ai caduti partigiani e partigiane, la Rete degli studenti delle scuole medie superiori terrà una lettura a catena del libro di Lidia Menapace, Io partigiana (editore Manni, 2014).
- Sabato 25 aprile, a partire dalle 9 in piazza Maggiore, torna La colonna della Libertà, manifestazione storica rievocativa con mezzi militari d'epoca che parteciparono alla Guerra di Liberazione in collaborazione con il Museo Memoriale della Libertà di Bologna.
Alle 10 in Piazza Nettuno,
la celebrazione solenne con gli interventi del Sindaco Virginio Merola, di Renato Romagnoli presidente dell’ANPI Provinciale di Bologna e del Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini. Alle 12, nel giardino di Villa Cassarini, la deposizione di una corona alla lapide delle vittime omosessuali nei campi di sterminio nazisti. Alle 16, i balli popolari in piazza Maggiore.
Tra le numerose iniziative culturali, il ciclo di proiezioni in Cineteca, il 22 alle 18 e alle 20,15 e il 24 aprile e le mostre a Palazzo d'Accursio: Bologna è libera, in Manica Lunga dal 13 al 25 aprile, espone gli scatti fotografici di Edo Ansaloni che documentò la Liberazione di Bologna e, da lunedì 20 nel Cortile d'Onore, anche uno dei mezzi simbolo dell'esercito alleato, costruito per la campagna in Europa: una delle jeep Bantam BRC custodita dal Museo Memoriale della libertà; dal 27 aprile al 4 maggio, la stessa sala ospita la mostra fotografica sulla Brigata Friuli.





Scritto in Area Metropolitana - ex Provincia | Bolognainvia ad un amico | letto 900 volte

Inserito da redazione il Mar, 2015-04-21 07:34