Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Andamento economico, demografico e pendolarismo nel bolognese nel 2014


Nuovi aggiornamenti sull'andamento demografico ed economico di Bologna e provincia, forniti dal Capo Dipartimento Programmazione del Comune di Bologna Dott. Gianluigi Bovini , che qui riportiamo insieme agli allegati più dettagliati e approfonditi
- Le lancette dell'economia bolognese - aggiornamento gennaio 2015
I primi dati di fine anno, disponibili per molti dei fenomeni esaminati, forniscono un quadro aggiornato e vengono anche analizzati in un arco temporale di medio periodo (dal 2008 a oggi) caratterizzato dall’affermarsi di una crisi economica senza precedenti dal secondo dopoguerra.
Anche nel 2014 la crisi economica ha fatto sentire i propri effetti a livello locale; gli indicatori statistici ne testimoniano gli evidenti impatti, mostrando tuttavia andamenti differenziati e in diversi casi anche segnali positivi.
Il quadro che emerge è ancora costellato di criticità in particolare per quanto concerne il mercato del lavoro, dove gli occupati in regione sono in lieve calo e la disoccupazione, pur in leggera discesa, si mantiene al di sopra del 7%; si confermano inoltre le difficoltà delle imprese verso il sistema bancario, che vede crescere le sofferenze.
Continua la fase critica per il commercio e per le costruzioni, il cui numero di imprese attive in città è in diminuzione; sembra tenere invece il manifatturiero, il cui tessuto produttivo è stabile come sostanzialmente stabile su base annua è il complesso delle imprese attive a Bologna, caratterizzate da una sempre maggiore presenza di imprenditori extracomunitari.
La crisi del comparto delle costruzioni è confermata anche dalla stasi della produzione edilizia in città, mentre a fronte di un risveglio delle compravendite i prezzi delle abitazioni sono ancora in calo. Buone notizie invece dall'export che, recuperati integralmente gli effetti negativi della crisi, continua a crescere sostenendo in modo significativo l'economia provinciale. Ulteriori segnali positivi vengono dal forte calo della cassa integrazione e anche dalla diminuzione degli importi dei protesti e del numero di fallimenti tra le ditte bolognesi.
Un comparto importante per l'economia cittadina è quello turistico, che continua a mostrare segni positivi sia per gli arrivi che per le presenze, con un apporto significativo da parte della clientela straniera che contribuisce ad alimentare anche un movimento aeroportuale costantemente in crescita. Infine l'inflazione nel 2014 è risultata molto contenuta, elemento sicuramente positivo per i consumatori ma indice di una perdurante crisi dei consumi.
A fronte di questo quadro che illustra in estrema sintesi la congiuntura locale nel 2014, le prospettive future, che fino a qualche settimana fa viravano al ribasso, sono negli ultimi giorni tornate ad essere più ottimistiche.
Secondo le recenti stime di Confindustria confermate in parte anche dalla Banca d'Italia, per l’economia italiana il 2015 si annuncia come un anno di svolta: dovrebbe terminare la lunga e profonda recessione iniziata nel 2008 con un ritorno a variazioni positive per PIL e occupazione.
Le tendenze demografiche a Bologna nel 2014
La popolazione residente a Bologna alla data del 31 dicembre 2014 ammontava
a 386.181 unità, in aumento di quasi 2.000 abitanti rispetto alla fine del 2013 (+0,5%). Nel 2014 nuovo record delle nascite: 3.296 bambini, un numero di nati che non si era più raggiunto dal 1977 e che supera il recente primato di 3.177 nati registrato nel 2009; in lievissima flessione i decessi, complessivamente 4.555 (28 in meno rispetto all'anno precedente). Il saldo migratorio si mantiene ampiamente positivo ed è pari a +3.200 unità. Riprende ancora la crescita degli stranieri residenti, in complesso quasi 58.000 (circa 1.700 in più in un anno).


In lieve aumento le famiglie: al 31 dicembre 2014 erano 205.520 (+0,4%), ma sono quasi 22.300 quelle che condividono l'abitazione con un altro nucleo. Queste sono solo alcune delle informazioni contenute nella nota con cui periodicamente il Settore Statistica del Comune di Bologna analizza itrends demografici della nostra città.

- Pendolarismo: gli spostamenti quotidiani per studio e lavoro

L'Istat ha recentemente messo a disposizione la matrice origine-destinazione comunale dei movimenti pendolari per studio o lavoro rilevati al Censimento generale della popolazione del 2011. Questi dati consentono di completare anche dal punto di vista dei flussi in arrivo in città l'analisi locale sul fenomeno degli spostamenti sistematici già iniziato con la pubblicazione della nota " Gli spostamenti quotidiani per studio e lavoro".
Sono 188.610 i bolognesi che ogni giorno escono dalla loro abitazione per raggiungere un luogo di studio (50.875) o di lavoro (137.735). Il 97% di questi rimane comunque all'interno dell'area metropolitana (l'81% in città). Alcuni invece si spingono più lontano come nella provincia di Modena (1.726 bolognesi) o di Ferrara (571). Vi sono però anche 95.118 persone che vengono a Bologna quotidianamente da un altro comune (22.468 studenti e 72.650 lavoratori); i flussi più consistenti arrivano dalla provincia di Ferrara (6.084), Modena (5.541) e Ravenna (3.194).
I dati e le mappe presentati consultabili all'indirizzo
http://www.comune.bologna.it/iperbole/piancont/Menu/mencensi_2011.htm
consentono un'analisi per motivo dello spostamento, sesso, mezzo utilizzato, orario di uscita e tempo impiegato.
- Si segnala inoltre il nuovo sito http://statistica.comune.bologna.it/100grafici/
Si tratta di un prodotto curato dal Settore Statistica - Dipartimento di Programmazione del nostro Comune che si inserisce in una nuova linea editoriale volta ad offrire opportunità di analisi facilmente fruibili dal lettore,.

* Info: Il Capo Dipartimento Dott. Gianluigi Bovini Comune di Bologna Dipartimento Programmazione piazza Liber Paradisus n.10 - Torre B 40129 Bologna



Scritto in Bologna | Economia e Societàinvia ad un amico | letto 1127 volte

Inserito da redazione il Mer, 2015-03-04 06:28