Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

"La bàse ed Ràgn". "Zirudela " di "Narciso". Luciano Manini


Dedicata alla costituzione della nostra Associazione
  LA  BÂSE ED RÀGN  (La "Bassa" del Reno)     Zirudæle
Zirudæle a j ho savó
che î d la bâse qué da nó
a j è næd ‘n’associaziòn
che l’ha vóje ed fær da bon
un quæl d’ótel par sta bâse
dóv la storie l’è ‘na câse
che a zarcær an s’ tröve al fond
‘ché l’é zêrt ch’l’é tótt un mond.
Mo se a vlî la vàire storie,
tgnîval ban in t la memorie,
zarchê ban stra quĵ da bâs
(a vój dĵr stra ‘gli ûltmi clâs)…
propi quĵ ch’j en stæ arlivê
sanze al lóm ed chi ha studiê,
cundanæ a un’ignurànze
cultivê con tanta sciànze!
e se a vlî savàir cuss’ l’è
adæs propi a v’ al degh me:
l’è la vétte ed qj afamæ
che da sànmpar j han sgubæ
e inciòn mai par lòur l’ha screttê
una cöse ch’sie pr al drett,
l’an ó scrette stra la glorie,
ch’ha l’unòur d’æssr evocæ
stra qj tæst ch’j vînan dæ
ai student ch’ pôssn inmparær
cssa ‘l völ dîr al lavurær
con sòul dvîr e incion dirétt…
e quast quéin pûch l’han scrett.


Só la storie ch’ vîn dal bâs
nuætr avàn soltànt un pâs:
andærle a læzar la duv l’è
in d la vétte ed tótt i dé
ed qla zant ch’ sta qué in d la bâse
(ch’a j n’è sànmpar stæ una mâse),
ch’j l’han scrétte só in d la pæl
cóm se al fóss un quæl normæl…
qué, purtrôp, inción la læz
e sta storie la j va ‘d mæz!
quòlle propi stæ vissó
in t la bâse qué da nó,
però me, ch’a son Narzîs,
ignurànt mo a so ‘d prezîs,
a m’ divêrt a tör in gîr
chi ‘n ha brîse avó un pinsîr
par tótt quant ste patrimonî
ch’al sta andànd tótt al demôni…
e sperànd che st ‘ssociaziòn
l’æve vóje ‘d fær quæl’d bon
par stavölte a ‘m vój fidêr
e a stâgh prónti par mirêr
css’ la farà po’ par l’avgnîr,
cuss l’arà in d la sö cantîr...
e s’la srà un’ætr’ufæle
a j farò una zirudæle.
                   Narzîs da Mal Albêrgh
                        (NarzÎs )
Mærz 2003


Traduzione per chi non sa parlare…  la lingua madre della   Bassa Pianura del Reno    Zirudèlla


Zirudèlla ho saputo
che qui da noi
è nata un’associazione
che voglia fare sul serio
qualcosa di utile per questa bassa
dove la storia è una cassa
che a cercare non si trova il fondo
perché è certo, è tutto un mondo.


Ma se volete la storia vera,
tenetevelo bene in mente,
cercate fra coloro da basso
(voglio dire le classi inferiori)
proprio quelli allevati
senza il lume di chi ha studiato,
condannati a un’ignoranza
coltivata con tanta scienza!
se volete sapere cos’è
ve lo dico io:
è la vita  di quegli affamati
che sempre hanno sgobbato
e nessuno mai per loro ha scritto
una cosa appropriata,
quindi costoro, la loro storia,
non è scritta nella gloria
che ha l’onore di essere evocata
tra i testi vengono dati
agli studenti per imparare
cosa  vuol dire lavorare
con solo doveri e nessun diritto…
questo in pochi l’hanno scritto.


Sulla storia che viene dal basso
noi abbiamo una sola via:
andarla leggere là dov’è
nella vita di tutti i giorni
della gente che abita qui, nella bassa,
(e ce n’è sempre stata tanta)
che l’ha scritta sulla sua pelle
come cosa normale;
ma qui, purtroppo, nessuno la legge
e questa storia ci va di mezzo!
quella proprio vissuta
nella bassa qui da noi…
però io, che sono Narciso, (da Malalbergo)
ignorante ma so di preciso,
mi diverto a prendere in giro
chi non ha avuto un pensiero
per questo patrimonio
che sta andando al diavolo…
sperando che quest’associazione
voglia fare qualcosa,
per questa volta mi voglio fidare
e sto pronto a mirare
cosa farà per l’avvenire,
che cosa avrà in cantiere
e se sarà un’altra presa in giro
ci farò una zirudèlla.
                  Narciso da Mal Albergo
                            (Luciano Manini)
Marzo 2003

Scritto in Linguistica e dialettiinvia ad un amico | letto 2525 volte

Inserito da redazione il Ven, 2003-07-04 08:53