Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Lasciapassare, salvacondotti e passaporti in mostra ... e registri da adottare.


In occasione della IV Conferenza Internazionale di Genealogia (Modena 15 - 16 novembre 2013), l'Archivio di Stato di Modena, in collaborazione con l'Associazione Nonsoloscuola e la Fondazione FamilySearch, presenta una mostra documentaria sull'evoluzione del passaporto a partire dal secolo XV fino ai giorni nostri, a cura di Margherita Lanzetta con la collaborazione di Daniela Calzavara e Maurizio Polelli.
L’esposizione attinge dai corposi fondi dell’ Archivio di Stato per riscoprire attraverso quattro periodi della storia modenese, una vasta gamma di documenti, dai lasciapassare ai salvacondotti, dalle lettere patenti alle carte di sicurezza e ai passaporti - sia individuali che collettivi - rilasciati dai vari governi che si sono via via succeduti.
Questa particolare tipologia documentaria risulta essere una fonte importante anche nelle ricerche genealogiche poichè consente di recuperare non soltanto informazioni anagrafiche per ricostruire la propria storia familiare nel tempo ma avere la possibilità di dare anche un volto ad un nome.
* La mostra sarà aperta dal 16 novembre 2013 al 28 febbraio 2014, visitabile dal lunedì al venerdì su prenotazione (tel. 059 230549) e ad ingresso libero, senza prenotazione, nelle giornate del giovedì, dalle 15 alle 17,30 e del sabato, dalle 10 alle 13.

** PS L'Archivio di Stato di Modena aderisce all'iniziativa promossa dla Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo volta a promuovere la conoscenza degli Archivi di Stato e delle loro preziose raccolte archivistiche.
Domenica 1 dicembre, con apertura continuata dalle ore 10,15 alle ore 17,45, sarà possibile visitare la mostra sull'evoluzione del passaporto come documento identitario "Chi sei, da dove vieni e dove vai? Lascia passare" L'ingresso è libero e non necessita alcuna prenotazione.

 


*** Inoltre in occasione della stessa IV Conferenza Internazionale di Genealogia, (Modena 15 - 16 novembre 2013) sarà presentato il progetto promosso dalla Fondazione FamilySearch e dall'Associazione Nonsoloscuola:
Adotta un registro di stato civile...terremotato: comuni di Cavezzo e Mirandola  Il progetto intende promuovere il finanziamento per la realizzazione di un progetto di restauro sulle intere serie dei registri di nascita, pubblicazioni di matrimonio, matrimonio e morte dello Stato civile post- unitario (1866- 1920) dei comuni di Cavezzo e Mirandola, per un totale di circa 200 registri.
I registri di Stato civile nascono in doppia copia originale, di cui una conservata presso i Comuni e l'altra inviata al Tribunale competente per territorio. L'Archivio di Stato possiede, versati dal Tribunale, i registri di tutti i comuni della provincia di Modena. Oggi, a seguito del sisma del 2012, i registri custoditi presso i Comuni di Cavezzo e Mirandola non sono accessibili al pubblico. Restano dunque consultabili solo le copie possedute dall'Archivio di Stato, le quali però versano in un pessimo stato di conservazione e pertanto già in parte sottratti alla consultazione.
La realizzazione del progetto consentirebbe dunque di poter riammettere tutti i registri interessati alla libera consultazione, permettendo la salvaguardia della memoria personale, familiare e collettiva di un'intera comunità.
**** Informazioni e prenotazioni: Archivio di Stato di Modena corso Cavour, 21 tel. 059. 230549   www.asmo.beniculturali.it




Scritto in Modena | Storia. Locale e generaleinvia ad un amico | letto 1181 volte

Inserito da redazione il Lun, 2013-11-11 11:10