Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Pianura poetica. Mauro Franzoni


E quindi uscimmo

a riveder le stelle

e ognuno di noi

cercava d’esser solo

puro e disposto

a salire alle stelle

perciò cercammo

(ma non così bene!)

l’amor che muove

il sole e l’altre stelle.


(2002) 

Con questo affettuoso ed ironico “plagio” (avrete riconosciuto il finale dell’Inferno, del Purgatorio e del Paradiso del nostro sommo poeta, Dante!), apriamo un ulteriore spazio in questo già ricco sito dedicato alla Pianura del Reno, dando la parola ad una delle più pure espressioni che l’intelletto umano abbia elaborato cioè la poesia.
Invitiamo tutti coloro che hanno versi chiusi nel cassetto di tirarli fuori e di portarli a conoscenza di tutti i visitatori di questo sito, perché la storia e la valorizzazione del nostro territorio siano illuminate anche dalle parole che scaturiscono dal più profondo della nostra anima….

Il primo poeta ospitato è Mauro Franzoni (autore anche del “plagio” iniziale) con un suo acrostico (leggendo in verticale le iniziali di ogni verso risulterà una parola, a dare una “chiave di lettura” a tutta la composizione).
Nato nel 1956, laureato in Storia Antica e socio fondatore di questa Associazione, ha iniziato la sua attività poetica alla fine degli anni ’70.
Ha pubblicato le seguenti raccolte poetiche:
-         L’intonaco del cielo (1986)
-         Pallida eco (1991)
-         Elogio del niente (1995)
-         Notizie dal mio scrittoio (1997)
Una quinta raccolta è in corso di pubblicazione, entro il 2004 (top secret riguardo al titolo!)
Chiunque fosse interessato ad approfondire la conoscenza di questo autore può reperire i suoi libri presso la Biblioteca Comunale di San Giorgio di Piano, oppure presso la libreria Minerva via Castiglione 13- Bologna, oppure contattando l’autore (tel 051-860884 cellulare 328-4066638) 

Di Mauro Franzoni: 

Di ritornare sui passi sbagliati

J’ai déjà payé cette dette!

Anche se a dimostrarlo non c’è ricevuta 

Vorrei soltanto che fosse più agevole

Uscire dall’acrostico in cui leggo VITA

                                               
  (2003)

Scritto in Poesiainvia ad un amico | letto 3414 volte

Inserito da redazione il Mer, 2003-12-31 07:50