Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Teresa Noce riposerà nel Monumento ossario della Certosa


Sabato 11 maggio alle ore 10, presso il Cimitero della Certosa, le spoglie di Teresa Noce (Estella) saranno traslate nel Monumento Ossario dedicato ai partigiani caduti per la libertà, l’opera in cemento e metallo, realizzata dall'architetto Piero Bottoni e inaugurata dal sindaco Giuseppe Dozza nel 1959.
L'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia ha attribuito a Teresa il pieno diritto ad essere ricordata all'interno del Monumento per il suo passato di antifascista e resistente in Italia, Spagna, Francia e Germania. Alla cerimonia saranno presenti rappresentati delle Istituzioni pubbliche, dell'ANPI e della società civile.
Teresa Noce nasce a Torino il 31 luglio 1900. Antifascista della prima ora, è tra le fondatrici del Partito comunista italiano nel 1921. Dopo aver sposato Luigi Longo espatria con lui a Parigi nel 1926 dove svolge attività di propaganda contro la dittatura fascista, fondando il giornale “Noi Donne”. Si reca più volte clandestinamente in Italia per dirigervi l’attività antifascista e nel 1934 organizza in Emilia gli scioperi delle mondine.
Nel 1936 si reca in Spagna tra i garibaldini volontari a difesa della Repubblica ed assume il nome di battaglia “Estella”. Negli anni della guerra mondiale partecipa alla Resistenza francese e dirige l'organizzazione della “Mano d’Opera Immigrata”(MOI), parte integrante della Resistenza. Arrestata nel 1943 viene deportata prima a Ravensbrück e poi a Holleischen.
Liberata alla fine della guerra, è una delle cinque donne della Commissione dei 75 dell'Assemblea Costituente che scrive la Costituzione Italiana e conduce in Parlamento le battaglie per la tutela e difesa delle lavoratrici. Dal 1947 al 1955 è Segretaria della Federazione Impiegati e Operai Tessili e presidente e poi segretaria (1949-1958) dell'Unione internazionale sindacale dei lavoratori tessili e dell'abbigliamento. Muore a Bologna il 22 gennaio 1980.

Scritto in Bologna | Storia. Locale e generaleinvia ad un amico | letto 922 volte

Inserito da redazione il Mer, 2013-05-08 05:42