Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Archeologite bolognesi dedicate all'acqua.


Torna anche quest'anno la rassegna delle Archeologite  bolognesi
** Tema della rassegna  è
“L’acqua degli uomini, l’acqua degli dei”

In tutta l’Emilia il lavoro di bonifica dell’uomo ha per secoli strappato terra per l’agricoltura e utilizzato l’incanalamento dell’energia idrica per trasportare materiali pesanti su chiatte e macinare i cereali. Sin dall'antichità la venerazione e la cura delle acque sorgive ha mostrato la gratitudine e la meraviglia atavica degli uomini per un dono ritenuto divino.
Da giovedì 11 aprile a domenica 23 giugno 12 musei archeologici e 4 siti del territorio, insieme a tanti altri musei e luoghi della cultura daranno vita a visite guidate, laboratori, conferenze, percorsi lungo le vie d’acqua e appuntamenti gastronomici che condurranno grandi e bambini in un’affascinante avventura alla scoperta del ruolo vitale dell’acqua.
** Il programma completo è leggibile sul sito

http://www.provincia.bologna.it/cultura/Engine/RAServePG.php/P/288411390907
I prossimi appuntamenti:
- DOMENICA 16 GIUGNO ore 9
OZZANO DELL’EMILIA Museo della città romana di Claterna

Aquae : uso e gestione dell’acqua in una città romana

Partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria tel. 347 7597112
info@civitasclaterna.org ; www.civitasclaterna.org -
- GIOVEDI’ 20 GIUGNO Ore 19:
QUANDO BOLOGNA VIVEVA SULL’ACQUA

Visita guidata alla Chiusa di Casalecchio, sul fi ume Reno, e alla sezione dedicata a “Bologna dell’acqua e della seta” del Museo del Patrimonio Industriale,
- SABATO 22 GIUGNO ore 16
BOLOGNA Museo Civico Archeologico

L’acqua degli uomini, l’acqua degli dei reperti e immagini nelle collezioni del Museo
- DOMENICA 23 GIUGNO
MARZABOTTO Museo Nazionale Etrusco “P. Aria”
L’acqua degli dei, l’acqua degli uomini per gli Etruschi di Marzabotto

L’itinerario prende avvio alle Grotte di Labante (Castel d’Aiano)
Partecipazione gratuita. E' gradita la prenotazione.
In occasione del Festival di Kainua – Gli Etruschi rivivono a Marzabotto (22 e 23 giugno) il Museo attuerà apertura continuata con ingresso gratuito per tutti.
Via Porrettana Sud, 13; tel. 051 932353;

paola.desantis@beniculturali.it ;sba-ero.museonazionaletrusco@beniculturali.it
; www.archeobologna.beniculturali.it/Marzabotto ;
www.storia-culture-civilta.unibo.it/it/ricerca/archeologia



Secondo una formula ormai consolidata le ArcheoloGITE 2013 propongono:
- la conferenza inaugurale del Soprintendente archeologo Filippo Maria Gambari, dedicata a “Celti cisalpini lungo le vie d’acqua” (11 aprile ore 16 presso l’Aula Gnudi della Pinacoteca Nazionale di Bologna)
- una ricca rassegna di iniziative nei musei e nei siti: a partire dal punto di vista offerto dalle grotte (del Parco dei Gessi, del Re Tiberio nella Vena del Gesso romagnola, di Labante), ideale punto di unione fra mondo divino e mondo umano, uso sacro e profano dell’acqua, verranno indagate le diverse forme di regimentazione della naturale ricchezza idrica del territorio dall’epoca villanoviana (Castenaso) a quella romana (Claterna-Ozzano dell’Emilia, Mercatello-Castello di Serravalle, Maccaretolo-San Pietro in Casale) per introdurre poi il racconto dell’archeologia del paesaggio dal medioevo ai nostri giorni (a Medicina, Budrio, San Giovanni in Persiceto) e la storia dell’igiene in epoca medievale (a Bazzano)
- novità di quest’anno, le tante iniziative "off", che partendo da Bologna - con il pozzo romano del Liceo Sabin, il documentario sulla “città d’acqua” e la visita lungo l’Aposa - ci inviteranno ad uscire dal centro verso il territorio extraurbano, a San Marino di Bentivoglio e alla Chiusa di Casalecchio, per concludere l’itinerario nuovamente in città al Museo del Patrimonio Industriale alla scoperta del complesso sistema idraulico artificiale che dal XII al XIX secolo fece di una città priva di significativi corsi d’acqua e di sbocchi sul mare una protagonista nello scenario della proto-industria europea e del grande commercio internazionale.
* La rassegna è promossa da Provincia di Bologna e Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna, con il sostegno di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e Unipol.


Le Archeologite a Budrio, Museo Archeologico e Paleoambientale “Elsa Silvestri” , Palazzo della Partecipanza, Via Mentana, 32
Domenicaa 5 maggio ore 16
La voce dell’acqua: un viaggio dall’età antica al primo acquedotto pubblico
Dai reperti del Museo Archeologico utilizzati per attingere acqua,
alla visita delle Torri dell’Acqua, il primo acquedotto pubblico di Budrio. Dai serbatoi dell’acqua, infine, in viaggio verso i fontanazzi di Colunga. Partecipazione gratuita
Per lo spostamento ai fontanazzi di Colunga è necessario un mezzo proprio!
musei@comune.budrio.bo.it; www.comune.budrio.bo.it
Torri dell'Acqua,Via Benni, 1 info@letorridellacqua.it
letorridellacqua.comunicazione@gmail.com
www.letorridellacqua.it


Scritto in Archeologia | Area Metropolitana - ex Provincia | Budrioinvia ad un amico | letto 1559 volte

Inserito da redazione il Lun, 2013-06-03 16:28