Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Perchè la storia non sia un mantello nero


Il 27 gennaio è il Giorno della Memoria, in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.Varie le iniziative nei comuni della provincia. Ne segnaliamo alcune
- Dal 20 gennaio al 5 febbraio a
Bologna, eventi, incontri, mostre, cerimonie e momenti comuni di riflessione per conservare la memoria di un tragico periodo della storia dell'Europa.
Venerdì 25 gennaio alle 10, nella Sala del Consiglio della Provincia di Bologna a Palazzo Malvezzi (via Zamboni 13), seduta solenne congiunta dei Consigli provinciale e comunale di Bologna.
Dopo i saluti iniziali di Stefano Caliandro, presidente del Consiglio provinciale e Paola Francesca Scarano, vicepresidente del Consiglio comunale, proiezione del video realizzato dagli studenti delle scuole superiori di Bologna e provincia che hanno partecipato al viaggio di istruzione ad Auschwitz-Birkenau dell'ottobre scorso.
A seguire interventi di: Luca Alessandrini, direttore Istituto Storico Parri Emilia Romagna; due studenti delle scuole medie superiori; Virginio Merola, sindaco di Bologna e Beatrice Draghetti, presidente della Provincia di Bologna.
- A Budrio per ricordare"Il Giorno della Memoria" l'Amministrazione Comunale, in collaborazione con l' ISI "Giordano Bruno"e lo "Studio del Movimento Danza", invitano
Domenica 27 gennaio al Teatro Consorziale, ore 18.00 allo spettacolo
PERCHE' LA STORIA NON SIA UN MANTELLO NERO"
ideato e interpretato dalla classe 4C del Liceo G. Bruno.
- A Galliera presso la biblioteca comunale domenica 27 alle ore 16 proiezione del film
Ogni cosa è illuminata”,
preceduta da un saluto del sindaco Teresa Vergnana
- A
Castello d'Argile, presso il Teatro Parrocchiale, via Marconi 5
Domenica 27 gennaio alle ore 18

i Ricostruttori presentano lo spettacolo:
TODO CAMBIA: IL CORAGGIO DI CAMBIARE NELL’ESPERIENZA DI UNA DONNA
Ispirato al diario di Etty Hillesum.

Spettacolo di prosa e musica dal vivo, il cui ricavato sarà devoluto al progetto di ricostruzione della sede della cooperativa sociale CAMPI D'ARTE persa col terremoto.
Con Benedetta Alessandrini voce recitante e  solista, violino e Vittorio Varesio, voce solista , chitarra, tastiere. Armonica a bocca
Biglietto euro 5.
- Lunedì 28 gennaio alle ore 20,30 a Molinella in Auditorium, per commemorare la Shoah, gli alunni della scuola primaria di San Pietro Capofiume e della scuola media di Molinella presentano “Quando un uomo ti incontra e non si riconosce”, una serata ad ingresso libero con l'esecuzione di brani musicali, letture e proiezioni di immagini.




Scritto in Bologna | Budrio | Castello d'Argile | Galliera | Molinellainvia ad un amico | letto 1349 volte

Inserito da redazione il Ven, 2013-01-25 06:25