Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Un libro che riporta i 34 scheletri nella loro antica storia.


Venerdì 14 dicembre, alle ore 18
presso la Biblioteca Comunale “R. Pettazzoni” San Matteo della Decima, Centro Civico, via Cento 158/a
per la rassegna “Tra le pagine” presentazione del libro
I 34 SCHELETRI DEL POGGIO di Carlo D’Adamo e William Pedrini (Maglio Editore)
intervengono gli autori e Floriano Govoni Direttore di Marefosca.
A San Giovanni in Persiceto, un paese alla periferia di Bologna, negli anni ’60 furono ritrovate le ossa di un gruppo di uomini in un campo. Molti dissero che quelle ossa appartenevano alla “Corriera fantasma” una corriera che, partita da Brescia con a bordo militanti fascisti, subì un agguato da parte dei partigiani in cui tutti i passeggeri persero la vita. Oggi, a distanza di 50 anni, la scienza dimostra che la leggenda era solo tale e che quei corpi sono in realtà un’incredibile scoperta che va ad aggiugersi al già vastissimo elenco di reperti e testimonianze della antica civilità bolognese.
Fra gli abitanti del paese la leggenda era nota: le ossa ritrovate erano della corriera bresciana. Dopo essere state rinvenute in un campo nel 1962 le ossa erano state seppellite in 32 cassette nel cimitero di San Giovanni.
Nel 1965 a seguito di un’inchiesta si erano fatte eseguire delle analisi che non escludevano, con la tecnologia del tempo, che i corpi potessero risalire all’epoca della seconda guerra mondiale. Poco tempo dopo un sentenza del Tribunale di Bologna aveva decretato che i corpi non avevano segni di traumi e perciò era da escludersi che si trattasse di fascisti morti sotto un agguato dei partigiani.
Ma a nulla era servito: infatti le voci hanno continuato a circolare tanto che l’ANPI ha chiesto una nuova indagine. I campioni relativi a tre corpi sono stati analizzati degli esperti dell’Università di Bologna e del museo archeologico ambientale di Persiceto, prima di essere inviati al Centro di datazione e diagnostica (Cedad) dell’Università del Salento, a Lecce.
Dai risultati è emerso che due dei campioni esaminati risalgono rispettivamente a un’età compresa tra l’890 e il 1050 e tra il 990 e il 1160. Dunque sono corpi di umani vissuti in epoca medievale.
.......”
Info da :
http://maglioeditore.it/category/rassegna-stampa/i-34-scheletri-del-poggio-rassegna-stampa/

Scritto in S. Giovanni in Persicetoinvia ad un amico | letto 982 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-12-11 10:08