Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Bologna estate 2012: più caldo e meno pioggia


Andamento meteorologico dell'estate a Bologna
Il Settore Statistica - Dipartimento Programmazione ha diffuso note e tabulati grafici (in allegato) sull'andamento meteorologico dell'estate appena trascorsa che, convenzionalmente, viene identificata nei mesi di giugno, luglio e agosto. L'analisi è stata effettuata sulla base dei dati meteo registrati nella stazione di Bologna-Borgo Panigale e comunicati dal Servizio IdroMeteoClima dell'Arpa della Regione Emilia-Romagna.
Estate da record quella del 2012
non soltanto per le temperature, decisamente elevate sia per le massime che per le minime, quanto soprattutto per la quasi totale assenza di precipitazioni.
Rispetto alle temperature medie massime l'estate appena trascorsa è risultata infatti di ben 4,4 gradi al di sopra della media stagionale di lungo periodo; si tratta dell'anomalia più elevata registrata per la stazione di Borgo Panigale negli ultimi 22 anni dopo quella dell’estate del  2003. Le temperature massime sono state relativamente elevate in tutti e 3 i mesi estivi, ma in particolare in agosto che ha superato la media climatica di ben 5,1 gradi. Anche per quanto riguarda le temperature medie minime l'anomalia stagionale, pari a +2,6 gradi, è risultata la più elevata dopo quella del 2003. Ma è soprattutto riguardo alle precipitazioni che l'estate 2012 segna un record negativo: con appena 15 mm. di pioggia in 3 mesi da confrontare con i 153 attesi dal clima, l'estate 2012 registra l'anomalia negativa più accentuata dal 1991 con un risultato peggiore persino di quello della particolarissima estate 2003. Si tratta, in pratica, dell'ottava stagione consecutiva con un'anomalia di precipitazione da pressoché nulla a fortemente negativa.
I giorni piovosi nel trimestre estivo sono stati nel complesso appena 5; 12 in meno rispetto alla media climatica e 2 in meno persino dell’estate 2003. Anche in questo caso siamo in presenza di un dato estremo, il peggiore dal 1991, anno di partenza per i confronti con le medie climatiche calcolate per il trentennio 1961-1990.
** Per approfondire ulteriormente l'argomento in allegato la consueta nota periodica redatta dal Dipartimento Programmazione - Settore Statistica del Comune di Bologna. I dati della stazione di Bologna-Borgo Panigale e della stazione Bologna-Area Urbana, collocata nel centro della città sul tetto della sede di ARPA SIMC in Viale Silvani 6, sono inoltre consultabili nella sezione Dati statistici de "I numeri di Bologna", le pagine internet a cura del Dipartimento Programmazione del Comune di Bologna.
- Alcune caratteristiche della mortalità a Bologna nel periodo estivo

In una breve nota il Settore Statistica sintetizza gli andamenti della mortalità nel trimestre estivo 2012 anche alla luce delle particolari condizioni meteo, che hanno rappresentato l’anomalia climatica più elevata dopo il 2003.
Malgrado le numerose ondate di calore verificatesi tra giugno e agosto, i livelli di mortalità stagionali non hanno subito innalzamenti: nel trimestre estivo si sono verificati 1.128 decessi, un valore un po’ inferiore alla media decennale (pari a 1.148 morti) e ben al di sotto rispetto a quello raggiunto nella caldissima estate del 2003 (1.352
decessi). Il tasso di mortalità estivo, pari a 2,9 deceduti ogni 1.000 residenti, è inferiore alla media dell’ultimo ventennio (3,1 per mille) e assai più basso rispetto a quello eccezionale registrato nel trimestre estivo del 2003 (3,6 per mille).
Evidentemente le misure per la prevenzione degli effetti delle ondate di calore, accompagnate anche da adeguati comportamenti individuali, hanno influito positivamente sui livelli di mortalità nella scorsa estate (v. altro allegato).


Scritto in Ambiente, ecologia, natura | Bolognainvia ad un amico | letto 1532 volte

Inserito da redazione il Lun, 2012-10-01 05:24