Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Merende e spettacoli per donne "comuni"


Per l'occasione della Festa della donna le donne di CASTELLO D'ARGILE sono invitate ad una
"Merenda di danze"
- martedì 6 marzo alle ore 17.30 presso la Sala Polivalente in via del Mincio 1.
Sarà un momento di incontro tra cibo e danze, locali e lontane.
Si farà merenda insieme, si racconteranno i piatti preferiti, si scambieranno ricette e passi di danza! Iniziativa promossa dal Comune e da Punto Migranti
- giovedì 8 marzo ore 21,
al Cinema-teatro di Via Marconi, proiezione del film
The help che racconta la storia di emancipazione femminile e razziale ambientata negli anni '60 nello stato del Mississipi (USA)
- venerdì 9 marzo ore 21 al Teatro comunale, via Matteotti 150, per la rassegna InCanto/Atti sonori
Uscite di sicurezza

Spettacolo teatrale a cura di Tea(L)tro. Regia di Stefano Antonini
(* Leggi sotto la trama e il senso)
---- Per la Festa della donna, il Comune di BARICELLA
ha proposto uno spettacolo e una mostra
- Giovedì' 8 marzo 2012 – ore 18.00 presso l'Auditorium Comunale di Via Europa 3
RACCONTANDO VITE STRAORDINARIE DI DONNE COMUNI
Gioco aperitivo teatrale per la Festa della Donna di Maria Genovese, in collaborazione con l'Associazione Culturale Babylonbus.
Con: Marisa Bonetti, Patrizia Tossani, Lucia Bergonzini, Elisabetta Avanzini, Maria Genovese e Anna Lisa Mascolo.
Premio offerto da Nuovo Cinema Mandrioli. Al termine dello spettacolo l'Amministrazione Comunale sarà lieta di offrire l'aperitivo con buffet.
In tale occasione sarà inoltre allestita la mostra fotografica
"Noi Donne - Non voltare le spalle all'obiettivo" di Simona Hassan
, dedicata all'UDI.
Per informazioni: Ufficio Cultura - Tel. 051/6622438 - biblioteca@comune.baricella.bo.it
Associazione Babylonbus - Tel. 329/3017227 - info@babylonbus.org

(*)

Ma siamo poi sicuri che le donne abbiano bisogno di sicurezze? E' un fatto di genere, o si dice così "in genere"? Che genere di sicurezza sarebbe ambita dalle donne? E quale sarebbe la "sicurezza" degli uomini. Sempre di più ci accorgiamo che nella nostra società, nella sua progettazione, nell'ideazione di futuro, mancano le donne, o sono tollerate come semplici "consulenti". Eppure non pare che in questo momento le cose vadano così bene così come stanno. E molte insicurezze maschili si rovesciano, fra gli altri, sulle donne. Abbiamo bisogno invece di capire quale strada potremmo percorrere insieme, e uscire dalle solite formule, scappare dai rischi del quotidiano per intraprendere i rischi dello straordinario.

Con questo spettacolo esploriamo il mondo delle insicurezze (spesso maschili), viste al femminile, e si prova a indicare una possibile uscita attraverso e con le donne.
"Mi piace pensare che dentro ogni uomo riposi una donna.Una donna che parla, consiglia, ama e dorme quando l’uomo che la contiene riposa.
Mi piace pensare che dentro ogni donna riposi un uomo.C on le sue incertezze, la sua violenza e la sua voglia di essere e sentirsi primo a un traguardo dettato dal suo stesso orologio.
E mi piace pensare che Terra significhi madre di ogni cosa. Perché altrimenti è sasso. Buono a provocar dolore. Buono ad arginare il fiume.
Raccontiamo perché questo nostro continuo raccontare risvegli l’ uomo che ogni donna conserva dentro se’.
Raccontiamo perché c’è ancora una donna che trattiene un uomo nel suoi respiro, malgrado trattenere il fiato significhi morire.Non si aggiunge vuoto al niente, se il niente è già vuoto di per sé.
Se ascolti, ti raccontiamo una storia. Se ascolti, ti accorgi che chi hai accanto, prima di tutto, non sei tu. E non è semplice pensare.
Per questo nasci, cresci e muori... dentro il tuo stesso cuore". (Stefano Antonini)

-  Biglietteria: Ingresso 10 € con aperitivo finale ridotto 8 € (over 65, under 26, soci Ass. Perséphone)

 

Scritto in Baricella | Castello d'Argileinvia ad un amico | letto 1706 volte

Inserito da redazione il Mar, 2012-03-06 08:06