Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Un buon 2011 in dialetto ferrarese (e in italiano)


L’an nóv di Liana Medici Pagnanelli
-  Agh manca póch minut, l’an nóv l’è dré ’rivar,
dóds mis pin ad mistèri e càragh ad pruméss,
tuti as asptén da lu quèl ’d dólzz e gnént d’amàr,
tut’i ann a vlén ’st’regàl; tut’i ann al stéss.
-  Ass brinda tut’inssiém con al spumànt,
(anch ss’al n’è ’d marca bòna fa l’istéss),
ass cumpurtén cumè di brav cmèdiant
fasénd la nostra part co’n zzèrt sucèss.
-  Da dré da ’st’entusiàsam generàl,
agh’én ’na gran paura ’d quél ’ch gnirà,
mo tuti a la lughén, o bén o mal,
viéna quél’ch vién, sarà quél ch’a sarà!
-  Mustrénss a l’an nuvèl in bèl ritràt,
fénagh ’na bòna zzéta pòar putìn,
l’è tanta piculìn, l’è ’péna nat,
féngh un surìs zantìl e’n bèl inchìn:
-  chissà ch’an ss’incuràgia un pó anca lu,
a farssl’amìgh an cósta mìna gnént,
dill vòlt un bèl destìn aas’al fén nu,
mo én ’dbisógn ad tuti, tgnivl a mént!

L’ANNO NUOVO
Ci mancano pochi minuti, l’anno nuovo sta arrivando,
dodici mesi pieni di misteri e carichi di promesse,
tutti ci aspettiamo da lui qualcosa di dolce e niente d’amaro,
tutti gli anni vogliamo questo regalo, sempre lo stesso.

Si brinda tutti insieme con lo spumante
- anche se non è di marca buona fa lo stesso -
ci comportiamo come dei bravi commedianti,
facendo la nostra parte con un certo successo.

Dietro questo entusiasmo generale
c’è una gran paura per quel che verrà,
ma tutti la nascondiamo, o bene o male,
venga quel che deve venire, sarà quel che sarà!

Mostriamoci all’anno novello in bel ritratto,
facciamogli una buona accoglienza, povero bambino,
è tanto piccolino, è appena nato,
facciamogli un sorriso gentile e un bell’inchino:

chissà che non s’incoraggi un po’ anche lui,
a farcelo amico non costa mica niente,
delle volte un bel destino ce lo facciamo noi,
ma abbiamo bisogno di tutti, tenetelo a mente!

(*) Poesia segnalata da Maria Cristina Nascosi Sandri che ci scrive:

Un Buon Anno in poesia dialettale ferrarese ancora opera di Liana Medici Pagnanelli, la grande poetessa copparese che è un po’ la madrina spirituale di queste feste …traslate liricamente con matrice marcatamente femminile, un tocco delicato, ma come sempre accade, come solo le grandi autrici (ed i grandi autori) possono annunciare, spiccatamente antesignano- più di vent’anni prima - di un destino che parrebbe ripetersi… Auguri a tutti!

 

 


Scritto in Ferrara | Linguistica e dialettiinvia ad un amico | letto 2533 volte

Inserito da redazione il Ven, 2010-12-31 06:01