Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Un sito web per la storia delle lotte sindacali


Senti le rane che cantano è l'incipit di una delle più conosciute canzoni delle mondariso della pianura Padana ed è anche il link di un nuovo sito. http://sites.google.com/site/sentileranechecantano/home
che si propone di " essere una testimonianza del ruolo che i lavoratori - e il lavoro - hanno svolto nella storia d'Italia. Lo facciamo – è scritto nella pagina di presentazione - con un lungo viaggio, giorno dopo giorno, che inizia nella prima metà dell'800 (con un excursus significativo dal 1300) e arriva fino ai giorni nostri, attraverso i tanti episodi, le tante storie, le testimonianza dirette di chi, con le proprie lotte, ha segnato il duro percorso che ha portato all'Italia democratica e repubblicana.
Un cammino lungo e faticoso, che - a partire dal Risorgimento e dalla raggiunta Unità d'Italia - ha attraversato due guerre mondiali, il fascismo, la lotta di Liberazione, l'avvento della Repubblica, la lotta al terrorismo e, soprattutto oggi, alla criminalità organizzata e ad ogni possibile deriva autoritaria auspicata da chi, quotidianamente, mette in discussione la Carta Costituzionale. Un cammino fatto di lotte e sacrifici: dall'affermazione del diritto di organizzazione e di sciopero alla conquista di condizioni di lavoro più umane; dalla battaglia - che ancora oggi purtroppo è di stretta attualità - per la piena occupazione, per un salario equo, contro le condizioni di lavoro a volte disumano e che continua ancora oggi per la sicurezza e contro le morti sul lavoro, fino all'affermazione dei propri diritti. L'Italia è una repubblica fondata sul lavoro, sancisce solennemente la nostra Costituzione, ma troppo spesso l'articolo 1 della Carta Costituente è stato ed è disatteso. Ecco perchè è indispensabile, oggi, riportare il mondo del lavoro - anzi, il lavoro - al centro dell'attenzione, salvaguardando e rafforzando i diritti e le tutele conquistati in questo lungo e faticoso cammino e per garantire alle generazioni future un mondo migliore. Un mondo in cui il diritto di cittadinanza, al lavoro, allo studio e alla salute diventino elementi veramente fondanti dell'Italia democratica”.

Il sito presenta già un nutrito numero di articoli di carattere storico, con particolare attenzione per le lotte sindacali di operai e contadini nella pianura bolognese- ferrarese e in Emilia-Romagna. Non a caso è stato scelto per la prima pagina la riproduzione del famoso quadro di Pellizza Da Volpedo “Il Quarto Stato”, simbolo di una classe operaia dei primi anni del '900 in marcia verso la conquista dei propri diritti e di un ruolo di protagonista nella società.


Il primo degli articoli è uno scritto di
Franco Cazzola intitolato “Aspetti della questione agraria nel ferrarese dalla grande crisi alla legge stralcio (1930-1950)” , tratto da: “Lotte di classe nelle campagne ferraresi nel secondo dopoguerra”  Atti del convegno – Ferrara, 1/2 dicembre 1979, a cura dell’Istituto di storia contemporanea del movimento operaio e contadino di Ferrara. Editrice Clueb Bologna, 1981.
Seguono poi una quarantina di testi che raccontano tante storie di lotte sindacali e politiche, certo viste dalla parte degli operai e dei sindacati, con un'ottica che si potrebbe definire per certi aspetti “di sinistra”. Ma sono comunque storie vere, che riportano alla luce una realtà dimenticata e per molti, soprattutto i giovani, sconosciuta, e che invece sarebbe giusto conoscessero per capire quanto la situazione di oggi sia anche il frutto delle lotte di ieri, delle vittorie e delle sconfitte di quegli anni duri del secolo appena trascorso.
Nel sito si possono trovare una serie di link di altri siti di riferimento per approfondimenti e indicazioni bibliografiche a corredo degli articoli

http://sites.google.com/site/sentileranechecantano/home

per contatti: carloamabile@tin.it  

 






Scritto in Storia. Locale e generaleinvia ad un amico | letto 2242 volte

Inserito da redazione il Lun, 2010-02-22 07:31