Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Archivio dei Monumenti ai Caduti della Grande Guerra


Monumenti italiani ai Caduti della Grande Guerra - Nasce l'Archivio online, nel sito www.monumentigrandeguerra.it.
E' stato presentato pubblicamente  mercoledì  12 novembre presso il Museo civico del Risorgimento di Bologna, piazza Carducci 5, anche come evento di  celebrazione del 90° anniversario della fine della Prima guerra mondiale (1918-2008). La Prima guerra mondiale lasciò in tutta Europa un'eredità di milioni di morti. In loro ricordo ogni città e ogni villaggio eresse segni memoriali, dando forma alla più capillare e diffusa campagna monumentale pubblica mai realizzata. L'Archivio on line "Monumenti italiani ai caduti della Grande Guerra" presenta la documentazione iconografica raccolta dal Museo Civico del Risorgimento di Bologna e dal Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto. Le finalità dell'iniziativa sono motivate dalla volontà di documentare il patrimonio storico-artistico che caratterizza il nostro paesaggio urbano a ricordo del grande lutto che seguì il primo conflitto mondiale e sottolinearne l'importanza civile e il valore di testimonianza culturale. La tecnologia utilizzata consente il continuo incremento e aggiornamento dell'Archivio, che auspichiamo possa avvalersi della collaborazione e del contributo di istituti culturali, associazioni e singoli cittadini.
Il nuovo sito raccoglie circa 4.000 immagini, scattate tra la fine della prima guerra mondiale e il 1940 , e sono di proprietà dei due Musei promotori dell'iniziativa
. Un motore di ricerca consente l'accesso alle schede e alle immagini.
(*) La foto in alto è del Monumento Nazionale di Roma, costruito tra il 1885 e il 1911 in memoria del re Vittorio Emanuele II e quindi noto come "Vittoriano". Nel grandioso complesso architettonico è compreso anche l'Altare della Patria , che dal 1921 conserva la salma di un soldato italiano sconosciuto , o "milite ignoto", scelto in rappresentanza dei tanti soldati  morti e dispersi su impervi campi di battaglia, che non poterono avere una sepoltura col proprio nome.


Per maggiori informazioni:
Roberto Lanzarini

Biblioteca del civico Museo del Risorgimento di Bologna- Via de' Musei 8  
tel-fax 051225583

roberto.lanzarini@comune.bologna.it museorisorgimento@comune.bologna.it
www.comune.bologna.it


Scritto in Bologna | Storia. Locale e generaleinvia ad un amico | letto 3136 volte

Inserito da redazione il Mer, 2008-11-12 16:53