Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Una poesia in dialetto ferrarese per la salama da sugo


Per celebrare i 10 anni di attività, l'AR.PA.DIA , Archivio Padano dei Dialetti, ha diffuso una poesia  dedicata a "La salama da sugh frarésa", un testo lirico di Alberto  Goldoni quanto mai ad hoc in questo periodo di feste legato alle prelibatezze ferraresi che vanno gustate in famiglia. E’ un pezzo davvero da non dimenticare legato ad una tradizione alimentare che ormai è…patrimonio dell’umanità.
Alberto Goldoni fu un  pioniere nel suo genere nella  città di Ferrara, tra i migliori poeti e scrittori ferraresi in lingua italiana e dialettale, mancato al 'suo' pubblico nel settembre del 1990.
La poesia è tratta da "La poesia dialettale ferrarese", antologia di opere tra Città e Provincia, a cura di Maria Cristina Nascosi, Ferrara, Comune di Ferrara, 1998, primo volume, anzi Numero Zero di Cóm a dzcurévan / Come parlavamo, la collana, che giungerà a breve al dodicesimo volume, di AR.PA.DIA., l'Archivio Padano dei Dialetti, nato ormai 10 anni fa e curato dalla stessa Nascosi per il Centro Etnografico / Centro di Documentazione Storica dell'Assessorato alle Politiche ed Istituzioni Culturali del Comune di Ferrara.
Ecco dunque il testo poetico-gastronomico, delizia dei ferraresi (*):



LA SALAMA DA SUGH FRARÉSA
Prima ad védrat int al piat,
o bèla salamina,
at sént int l’aria!...
L’è al tò profùm che, a curóna,
al t’zzircónda come ’na regìna.
Regìna di salàm ti t’jé!...
Délizzia rara,
vant e argój
dla nostra Frara.
Adéss t’jé lì ch’at fum
davanti a mi,
rutundéta e grasstìna,
ligàda strich da tuti i vèrss;
da sóta ad sóra
e anch par travèrss.
T’jé lì ch’at difendi ancóra
cal tesór ch’at gh’a déntar:
al balsam dal tò corp
che, come ’na sgnóra,
t’al fa desideràr…
A n’in póss più!...
At vój magnàr!...
At cucc un puchìn
par guardàrat bén bén;
e pò, pian pianìn,
a t’infilzz còl curtèll
a at vérz a mità:
j òcc i’m ssa slàrga, am tìra al pinguèl, am sùda al palà…
Al sugh tò lusént,
ch’al ’t cóla pr’i fianch,
jè làgarm d’amór
verssàdi par mi.
At ringràzzi, salàma!...
At ringràzzi, col cuór:
al tò sacrifìzzi
t’l’à fat con unór!.

(*) testo tratto da un comunicato stampa a cura di AR.PA.DIA 

Scritto in Ferrara | Linguistica e dialettiinvia ad un amico | letto 6121 volte

Inserito da redazione il Dom, 2007-12-30 05:51