Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Per irrigare la pianura bolognese ora c'è il "Tubone"


Venerdì 21 settembre 2007 alle ore 16,30 a Bentivoglio, in via Saliceto 2,  è stato  inaugurato il "Tubone",   nuovo condotto di adduzione primaria dal Canale Emiliano Romagnolo per l'irrigazione della pianura bolognese. La nuova struttura idraulica è stata  realizzata a cura del Consorzio della Bonifica Renana (**).
Il Canale Emiliano Romagnolo è una delle più importanti opere idrauliche italiane. Esso assicura, mediante derivazione dal fiume Po, l’approvvigionamento idrico di un area estesa su oltre 3000 km2, caratterizzata da un intensa attività agricola e da diffusi insediamenti urbani e industriali e, per contro, povera di acque superficiali.
L’idea di costruire un canale in grado di rendere disponibili le acque del Po per l’irrigazione della pianura emiliano-romagnola ha quasi 400 anni. Iniziato nel 1955, il Canale Emiliano Romagnolo è oggi finalmente in grado di dispiegare tutte le sue potenzialità a servizio di una delle aree più produttive dell’Europa, attraverso un percorso di 150 km complessivi caratterizzato da 7 stazioni di pompaggio disseminate nel territorio per vincere l’altimetria sfavorevole.
La realizzazione di un’idea così ambiziosa è affidata a un ente, il Consorzio di bonifica di secondo grado per il Canale Emiliano Romagnolo, a cui compete la progettazione, la costruzione e la gestione del sistema; è affidata invece ai Consorzi associati la distribuzione irrigua della risorsa nel territorio, secondo le dotazioni idriche ad esse assegnate.

 

Rientrano ancora tra i compiti istituzionali del Consorzio le attività di studio, di ricerca e di assistenza tecnica per l’impiego ottimale della risorsa idrica in un quadro di sviluppo sostenibile.

L’alimentazione principale del sistema del Canale Emiliano Romagnolo è assicurata mediante derivazione dalla sponda destra del Po, in località Salvatonica di Bondeno (Ferrara), in prossimità dell’opera di scarico nel fiume dell’Attenuatore delle piene del fiume Reno.

Quest’ultimo, erede storico del “Cavo Napoleonico” di ottocentesca memoria, assolve oggi alla duplice funzione di scolmatore di piena del Reno e di primo vettore del sistema del Canale Emiliano Romagnolo.

L’immissione nell’Attenuatore delle acque derivate dal Po avviene mediante l’imponente stazione di pompaggio del Palantone, progettata per la portata di 68 m3/s, che solleva a 10 m s.l.m. le acque del grande fiume (disponibili, nel regime di magra estiva del fiume, a circa 4 m s.l.m.).

A Dosso di S. Agostino, sulla sponda ovest dell’Attenuatore, un altro impianto di sollevamento (“S. Agostino ovest”) alimenta, con una portata di 7 m3/s, il ramo minore del CER (“canalino”) a servizio dei comprensori dei Consorzi Valli di Vecchio Reno e Reno Palata, lungo 16,5 km. Il canale attraversa l’alta pianura ferrarese e, nelle vicinanze di Cento, conosce un altro sollevamento (impianto “Cento”) per una portata di 4,5 m3/s destinata ai territori bolognesi in sinistra del Reno.

Sempre a Sant’Agostino, sulla sponda est dell’Attenuatore, ha inizio l’asta principale (CER), lunga 133 km e destinata all’approvvigionamento idrico dei territori ubicati in destra del fiume Reno. (*)

(*) Nota informativa dal sito web del Canale Emiliano Romagnolo

(**)  Alla cerimonia di inaugurazione del nuovo  tubone sono intervenute tutte le massime autorità che si occupano del settore, introdotte dalla presentazione del Presidente del Consorzio della Bonifica Renana, Giovanni Tamburini :
- Paolo De Castro, Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali

- Tiberio Rabboni, Assessore all'Agricoltura  della Regione E. R.
- Gabriella Montera, Assessore all'Agricoltura della Provincia di Bologna

- Vincenzo Breviglieri, Presidente del Consorzio di Bonifica Reno-Palata
- Massimiliano Pederzoli, Presidente Canale Emiliano Romagnolo
- Massimo Gargano, Presidente Associazione Nazionale Bonifiche, Irrigazioni e Miglioramenti fondiari.
Benedizione dell'opera idraulica di S. E. Mons. Ernesto Vecchi, Vescovo Ausiliario.
Visita agli impianti
 

Scritto in Acqua, un bene da salvare | Area Metropolitana - ex Provincia | Bentivoglioinvia ad un amico | letto 2462 volte

Inserito da redazione il Gio, 2007-09-06 05:13