Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Maurizio Garuti "La terra e l'acqua". 2007


"La terra e l'acqua. Storie di pianura e di montagna fra il Reno e il Panaro" .  Maurizio Garuti. pag. 240. Minerva Edizioni. 2007.
E' il più recente dei libri scritti da Maurizio Garuti, e nasce da un progetto  voluto e sostenuto dal Consorzio della Bonifica Reno Palata.
"La terra e l'acqua segnano da sempre la nuova frontiera della nostra vita, dalla bassa pianura al crinale dell'Appennino. In questo libro sono raccolte storie di lavoro, di fatica, di ingegno , di alluvioni, di esodi, di ritorni, di lotte, d'amore". E' scritto  in copertina come  nota di sintesi del contenuto. Un contenuto che si apre con la presentazione del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Paolo de Castro,  e del Presidente del Consorzio, Vincenzo Breveglieri, e che poggia tutto sui 26 racconti di vita vissuta che emergono dalle interviste che l'autore ha raccolto con decine di protagonisti  di questa storia di terra e di acqua  intorno  ai fiumi compresi nel comprensorio della Bonifica.
Le interviste sono raggruppate in  vari capitoli  distinti in:
"Storie di pianura", "Le  passioni della terra", "La grande alluvione del '66", "La Cassa d'espansione del Dosolo", "Storie di montagna", "Il ruolo dei Consorzi di Bonifica".
Ogni capitolo  è corredato da foto di persone ed eventi che costituiscono una preziosa testimonianza storica, e che, attraverso questo libro,  escono dall'ambito del   ricordo personale  per diventare patrimonio culturale  collettivo.
Particolarmente intense e significative le storie e le foto dedicate  alla grande alluvione per rottura dell'argine del Reno a Castel Campeggi il 4 novembre del 1966. Alluvione che sommerse  gran parte del territorio comunale di Sala bolognese, soprattuto le frazioni Bagno e Padulle. Ricordi personali di semplici cittadini e addetti ai lavori  di un evento drammatico che deve far riflettere sulla necessità di mettere in pratica tutti gli accorgimenti necessari per il buon governo delle acque.

Immagini e racconti  scorrono quindi sotto gli occhi del lettore, come si trattasse di un film neorealista, con gli attori presi dalla strada e dalla vita di tutti i giorni. L'orecchio attento e la penna efficace di Maurizio Garuti  ci rievocano quindi "Mezzo secolo di lotta con l'acqua" raccontato da Luigi Bazzoli, "La vita da scariolante" ,  raccontata da Alfio Gualtieri, "Il primo giorno diluviava" di un ex Direttore del Consorzio, Giorgio Nocentini, "Le storie di vita" di una coppia di braccianti di Sala Bolognese, Maria Cavalieri e Mario Bersanetti, che parteciparono alle lotte per il lavoro nelle terre incolte della "Barabana" nel 1958, "E l'argine mi franò sotto i piedi" , ricordo vivo nella memoria dell'ex sindaco Giordano Riguzzi, "La contesa fra "bianchi" e "rossi", vista  da Bruno Drusilli, "Sui monti a piantare alberi", esperienza dell'operaio Pietro Bruni. E poi via via tanti altri racconti di esperienze, lavoro  di braccia e  impegno di  programmazione e scelte di responsabili politici e tecnici intervenuti negli ultimi decenni per affrontare i problemi e le difficoltà del  dissesto idrogeologico che gravano ancora su queste terre , nonostante gli interventi attuati finora.

Il libro è stato presentato recentemente all'EcoMuseo dell'Acqua allestito presso il Dosolo  a Sala bolognese, a cura del Consorzio di Bonifica Reno Palata con lo scopo di farne un centro di informazione e divulgazione di tutti gli aspetti del rapporto  uomo-ambiente nell'ambito di un territorio di competenza che va  dal crinale appenninico alla Bassa bolognese, in sinistra Reno e lungo il Panaro.

Scritto in Recensioni e segnalazioni | Sala Bologneseinvia ad un amico | letto 3630 volte

Inserito da redazione il Dom, 2007-07-08 06:53