Varie

Creative Commons License


Questi testi sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.

Donne nella scienza-La scienza a scuola


 A S. Lazzaro di Savena, dal 18 novembre al 1 dicembre 2006 sarà in corso una serie di iniziative nell'ambito del progetto "La scienza in Piazza". Il programma completo è leggibile e  scaricabile dai siti : www.lascienzainpiazza.it e www.comune.sanlazzaro.bo.it
In particolare, è previsto un  incontro con Rossella Palomba, Ambasciatrice per le pari opportunità nella scienza in Italia,
promosso dalla Fondazione Marino Golinelli con il patrocinio dell'Ufficio scolastico regionale per l'Emilia-romagna , della Provincia e della Direzione Ricerca della Commissione europea.
22 novembre 2006 - Repliche ore 9.00; ore 11.00
 Centro Culturale, Via Caselle, San Lazzaro di Savena
Sarà un'occasione , rivolta agli studenti e, in particolare,  alle studentesse delle scuole secondarie di II grado , per riflettere su esperienze e attitudini nei confronti della scienza ed iniziare ad immaginare il proprio futuro universitario e lavorativo.
Prenotazione obbligatoria
 (gruppi di max 40 pers.) 

 Alla Scienza in Piazza farà tappa il tour italiano organizzato  dall’Ambasciatrice delle pari opportunità nella scienza, Rossella  Palomba, per incontrare le studentesse e gli studenti delle  scuole superiori e stimolare il loro interesse e la loro  propensione ad intraprendere carriere scientifiche. Nel corso  dell’incontro viene presentato il film originale "L’altra voce della  scienza", in cui quattro affermate scienziate italiane raccontano la loro  vita, il loro lavoro e i successi e problemi incontrati nel corso della loro  carriera scientifica (durata 20 minuti). Il video mette in evidenza la  grande passione che anima il lavoro di queste scienziate,  impegnate in diversi campi della ricerca scientifica: dalla vulcanologia, all’informatica, alla primatologia fino  all’astronomia, e offre lo spunto per un dibattito con le studentesse e gli studenti sul mondo della ricerca e  della scienza, le caratteristiche del lavoro scientifico, le doti che devono possedere gli scienziati, le possibilità  di carriera ed impiego, ecc. Tutti sono chiamati ad intervenire in prima persona, a commentare le immagini e  ad esprimere le loro opinioni sui temi trattati. Per le studentesse e gli studenti l’incontro è  un’importante occasione per fare domande ad una ricercatrice, per chiarire i loro dubbi e  immaginarsi un futuro universitario e lavorativo. I commenti e una foto di gruppo delle  studentesse/nti verranno pubblicati sul sito del progetto DIVA: http://www.irpps.cnr.it/diva/.

La figura dell’Ambasciatrice per le Pari Opportunità nella Scienza è promossa dalla Direzione  Ricerca della Commissione Europea, nell’ambito del progetto DIVA (Science in a different voice)  con l’obiettivo di aumentare la visibilità del tema “donne e scienza”, di offrire modelli di riferimento alle  ragazze che devono scegliere un corso di studi per incoraggiarle a prendere una facoltà scientifica, di  rendere le donne ricercatrici consapevoli dell’esistenza delle discriminazioni di genere nel  mondo scientifico, di sensibilizzare i manager accademici e i politici della necessità di valorizzare le intelligenze femminili, affinché non vadano sprecate. Rossella Palomba, Dirigente dell’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali  (Irpps) del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR) è l’Ambasciatrice per le pari opportunità nella scienza in Italia. L’anno scorso è stata invitata all’incontro ufficiale per  la firma della Carta Europea dei Ricercatori.

L'’incontro con l’Ambasciatrice è promosso dal progetto GRID, Growing Interest in the Development of teaching Science, finanziato nell’ambito del programma Socrates e coordinato dal Pôle Universitaire Européen de Lorraine con partner in Belgio, UK, Finlandia, Italia, Irlanda e Ungheria.
L’intento del progetto GRID è di creare una rete europea per lo scambio di buone pratiche nell’ambito dell’educazione scientifica, coinvolgendo sia i decisori politici che le scuole direttamente impegnate in sperimentazioni innovative. Nel corso del progetto sono state analizzate e identificate le politiche e le buone pratiche realizzate in quest’ambito in tutta Europa e sono stati creati due appositi cataloghi fruibili on line a partire da fine novembre sul sito web del progetto www.amitie.it/grid.
Questo seminario è uno dei 7 workshop organizzati nei paesi partner per disseminare il progetto GRID e sensibilizzare studenti, insegnanti e decisori politici. I principali risultati del progetto, il sito e i materiali creati per studenti ed insegnanti saranno brevemente illustrati all’inizio dell’incontro da Sibylle Moebius e Francesca
Magrefi di Amitié, partner italiano del progetto.


Scritto in S. Lazzaro di Savena | Società oggiinvia ad un amico | letto 2131 volte

Inserito da redazione il Ven, 2006-11-17 15:33